La strana storia di Liu Yongbao, scrittore di gialli arrestato per quadruplo omicidio

0

Scrittore omicida - Liu Yongbao, 刘永彪, uno scrittore cinese di romanzi gialli, è stato preso in custodia dalle autorità locali, per avere bastonato a morte quattro persone durante una rapina.

Nell'introduzione al suo romanzo "Il colpevole segreto" (o "indicibile", titolo originale: 难言之隐), lo scrittore, di 53 anni e proveniente dalla provincia dello Anhui, aveva rivelato che aveva già cominciato a lavorare su un seguito che sperava potesse diventare una sensazione letteraria: un romanzo di indagini, denso di suspense, incentrato su una scrittrice che riesce a sfuggire alla cattura nonostante avesse commesso una serie di delitti repellenti. Lo avrebbe intitolato "La splendida scrittrice che uccideva".

Liu Yongbao
Lo scrittore Liu Yongbao agli arresti

A quanto pare questa idea è andata oltre la finzione letteraria, prendendo anzi spunto da fatti realmente avvenuti, e l'uomo è stato collegato ad una catena di omicidi brutali avvenuti ventidue anni fa. "Vi ho aspettato per tutto questo tempo", avrebbe detto lo scrittore agli agenti giunti per arrestarlo nelle prime ore del giorno venerdì.

Gli omicidi sono avvenuti nella notte del 19 novembre 1995. La polizia crede che Liu fosse uno dei due rapinatori che si erano recati in una guesthouse di Hangzhou per derubarne i clienti. Quando un uomo, di nome Yu, cercò di difendersi, lo picchiarono a morte. Poi, i due, si accanirono su i gestori della guesthouse, e sul loro figlio tredicenne.

scrittore omicida
La guesthouse di Hangzhou dove sono stati commessi i delitti

Liu è nato in una zona rurale dello Anhui ed è diventato scrittore dopo non essere riuscito a superare gli esami per entrare all'Università. Nel 1985, i suoi primi scritti vennero pubblicati su una rivista controllata dalla federazione letteraria di Hefei. Nel 2005, Liu riuscì a pubblicare per la Writers Publishing House, il maggior editore cinese, il suo libro "Un Film".

Secondo il sito cinese Sixth Tone, Liu era stato ammesso alla ambita China's Writer Association nel 2013, diventando uno dei 13 scrittori dello Anhui ad essere ammessi, e un suo libro, era stato adattato al piccolo schermo in una serie televisiva di 50 episodi ad ambientazione storica. Nella prefazione del suo secondo libro, il "Colpevole Segreto", Liu aveva scritto di sperare anche in adattamento cinematografico per il suo nuovo libro, "la splendida scrittrice che uccideva".

All'epoca i due criminali sfuggirono alle indagini della polizia locale, perché non c'erano indizi che riconducessero gli assalitori alle vittime. Quando manca qualche tipo di legame tra vittima e carnefice, le indagini per gli inquirenti si fanno più complicate.

Secondo The Paper, la polizia all'inizio dell'estate era riuscita a risalire a due sospetti, ovvero Liu e un 64enne di nome Wang, probabilmente grazie ai miglioramenti delle tecniche di ricerca nelle indagini forensi che sfruttano il DNA. Secondo altre fonti, anche grazie alla comparazione di oltre 60.000 impronte digitali.

Liu Yongbao
Lo scrittore Liu Yongbao

Liu al momento non ha ancora pubblicato il suo romanzo "La splendida scrittrice che uccideva" e probabilmente cercherà di pubblicarlo dal carcere. L'uomo sembra anche che abbia scritto alla moglie, confessandole i delitti.

Secondo Che Hongyue, uno degli agenti che lo hanno arrestato, Liu avrebbe detto alla consorte che ha atteso per oltre due decadi l'arrivo della polizia. "Adesso, finalmente sono libero dal tormento psicologico a cui sono stato sottoposto per così a lungo".

Il caso, secondo il The Guardian, ricorda quello di uno scrittore di romanzi gialli olandese, Richard Klinkhamer, la cui moglie era scomparsa nel 1991. Seguendo le tracce della sua sparizione, Klinkhamer cercò di convincere il suo editore a pubblicare un suo romanzo morboso dove immaginava sette modi diversi in cui avrebbe potuto ucciderla e fatta sparire, compreso il triturarla e poi darla da mangiare ai piccioni.

Nove anni più tardi, lo scheletro della moglie Hannelore, fu trovato sotto la vecchia casa della coppia e Klinkhamer dovette confessare il suo omicidio. Il suo libro in seguito fu pubblicato con il nome di Woensdag Gehaktdag, ovvero tritare di mercoledì.

"Non siamo una colonia cinese", il Botswana reagisce alle minacce cinesi per la visita del Dalai Lama

0

Il Dalai Lama doveva visitare Gaborone, la capitale del Botswana, dal 17 al 19 agosto, all-interno di un viaggio privato organizzato dalla ONG Mind and Life Institute e la Botho University.

Ian Khama, presidente del Lama doveva anche incontrarsi con il leader spirituale, attirandosi le minacce di Beijing. Il Botswana è, lo ricordiamo, uno dei maggiori estrattori mondiali di diamanti e di materie prime.

"Mi hanno detto che avrebbero ritirato l'ambasciatore, che avrebbe danneggiato le relazioni tra i due paesi, e che avrebbe lavorato per isolare il Botswana insieme ad altri paesi africani", ha detto Khama nel quotidiano Botswanna Guardian il 17 agosto.

Il Dalai Lama alla fine ha rinunciato al viaggio per presunti motivi di salute.

Khama ha aggiunto che il Dalai Lama, non appena si sarà ripreso, sarà il benvenuto nel paese. I diplomatici cinesi hanno chiesto al paese africano di "rispettare gli interessi principali della Cina ed attuare corrette decisioni politiche".

Nonostante gli avvisi cinesi, il paese è andato avanti per le preparazioni per la visita del Dalai Lama. Una delle maggiori radio del paese, continua a mandare le pubblicità per la trasmissione del dialogo sulla "spiritualità, scienza e umanità". Nonostante l'assenza del suo ospite principale, la radio dunque manderà in onda ugualmente la conferenza. All'inizio del mese, il Botswana Guardian aveva pubblicato un'entusiastica recensione turistica del Tibet. I media locali sembrano essere incoraggiati dalla presa di posizione del presidente Khama, incluso il messaggio che il Botswana non ha bisogno della Cina.

La realtà però è che l'economia del paese è stagnante, il paese ha bisogno di investitori stranieri interessati nei suoi diamanti. In passato il paese aveva beneficiato dallo sviluppo delle infrastrutture cinesi, avvenuto con il riconoscimento del paese della politica di una sola Cina. Ospitare il Dalai Lama è un lusso che pochi paesi africani possono correre. Il mandato del presidente Khama scadrà l'anno prossimo, lasciando nelle mani del suo successore le conseguenze di questo strappo.

Fonte: QZ

La Fantascienza cinese: intervista con Robert G. Price

0
fantascienza-cinese

Robert G. Price, autore britannico di "Space to Create in Chinese Science Fiction", ci parla della fantascienza cinese, dei suoi autori più importanti, della sua percezione nel paese.

Robert G. PriceRobert. G. Price è nato a Grimsy, in Inghilterra. Affascinato dai racconti del nonno che ha prestato servizio militare nell'allora colonia britannica di Hong Kong negli anni '40, ha iniziato a studiare cantonese ancora in gioventù. Ha insegnato alcuni anni in Sud Corea, Taiwan e Cina. Vive in Germania dove ha conseguito il suo master in Studi Cinesi presso l'Università di Colonia.

Pagina Facebook | Compra il libro su Amazon

La fantascienza è seguita in Cina?

Questo dipende se stiamo parlando o meno della fantascienza occidentale hollywoodiana o se stiamo parlando della fantascienza cinese e in quale formato, cinematografico o letterario. I grandi blockbuster di Hollywood sono popolari in Cina come in qualunque parte del mondo, nonostante le limitazioni governative imposte sul numero e sui titoli delle pellicole straniere che possono essere proiettate nei cinema cinesi. Questa quota doveva essere aumentata all'inizio del 2017, ma in ogni caso, come chiunque ha visitato la Cina può testimoniare, i film hollywoodiani arrivano nel mercato dei dvd illegali.

ResetIl numero di film cinesi basati sulla fantascienza è piuttosto piccolo, ma sta aumentando nel tempo. "The Mermaid" di Stephen Chow è stato descritto come una "commedia romantica di fantascienza" ed è stato campione di incassi (superato solo recentemente dal film patriottico Wolf Warriors 2, ndr) lo scorso anno, e quest'anno è uscito "Reset", un film sui viaggi nel tempo di Zha Muchun, diretto dal regista coreano Chang e prodotto da Jackie Chan. Ma il film che tutti stiamo aspettando è l'adattamento cinematografico de 'Il problema dei tre corpi' di Liu Cixin, che dovrebbe uscire nel 2017.

La letteratura di fantascienza è aumentata di popolarità nelle ultime due decadi, soprattutto dopo l'uscita del libro di Liu, 'Il Problema dei Tre Corpi' (originariamente serializzato nel magazine di fantascienza Science Fiction World), ma ancora oggi è vista come qualcosa di destinato ai bambini, almeno questa è l'impressione che ho ricevuto dai miei amici cinesi.

Fino a poco tempo fa, la letteratura di fantascienza cinese era utilizzata come background per gli insegnamenti scientifici destinati ai più piccoli. Questa tradizione va rintracciata in uno dei più importanti supporter della fantascienza ancora all'inizio del secolo scorso, ovvero all'accademico e scrittore Lu Xun. Lu ha studiato presso l'Università Giapponese negli anni '80 del secolo diciannovesimo e fu uno dei primi a tradurre in cinese dal giapponese Giulio Verne, con cui era venuto in contatto durante gli anni della sua permanenza in Giappone. In quegli anni, la Cina era tecnologicamente carente, e Lu individuò in questo genere letterario un modo per veicolare l'insegnamento della scienza moderna. Naturalmente, era un'ottima intenzione, ma il genere in Cina si irrigidì in questo ruolo per più di 100 anni.

Robert G. PriceParte del problema della Cina dell'inizio del XX secolo era che utilizzavano uno stile linguistico per la scrittura, e una sintassi differente per il linguaggio parlato. E' complicato da spiegare, ma immaginate che fosse come scrivere in Latino ma parlando italiano moderno. Il tempo necessario per imparare a leggere e scrivere era impossibile da gestire per le masse.

Nel 1918, Lu pubblicò una storia scritta in stile colloquiale che riecheggiava lo stile parlato. Vi sono anche altri esempi del cosiddetto stile 'Baihua', ma il 'Diario di un pazzo' di Lu fu il primo ad utilizzarlo per raccontare un'intera storia. Lu in seguito venne riverito come il padre della moderna letteratura, e alcune sue idee in fatto di educazione vennero adottate dal partito comunista cinese, cristallizzando il ruolo della fantascienza come vettore educativo.

Un accademico, Wu Yan ha descritto questa circostanza come 'le catene dell'utilitarismo', ed è proprio questa visione della fantascienza, che ha portato il genere ad essere bandito, non una, ma due volte. La prima volta è stata verso la fine degli anni'60, con il sorgere della Rivoluzione Culturale, quando la scienza e l'arte vennero considerate borghesi. Questo durò fino alla morte di Mao nel 1976, quando fu reintrodotta prima di essere nuovamente vietata nel 1983, durante una campagna contro la 'corruzione spirituale'. Il secondo divieto fu dovuto all'uso dei 'temi non scientifici' come il sesso con i robot che cominciavano ad apparire (per ironia della sorte, i cinesi stanno oggi investendo anche nella creazione di robot destinato all'industria del sesso, ndr).

Con il passare degli anni, la situazione è migliorata nuovamente e grazie all'ostinazione di Yang Xiao, l'allora editor del magazine con base Chengdu 'Science Fiction World' (科幻世界), la Cina ospitò la World Science Fiction Convention del 1991. Da allora, la popolarità del genere è cresciuto stabilmente, ma tuttora rimane una nicchia in Cina, più popolare tra le giovani generazioni o nella cosiddetta cultura 'nerd' (alcune cose sono davvero universali!). E' stretta parente dei 'wuxia' o eroi marziali e fantasy che generano un grande seguito e compaiono in moltitudini di libri, fan-fiction e persino programmi televisivi e film.

Quali sono le influenze più importanti della fantascienza occidentale su quella cinese?

E' una domanda difficile a cui rispondere. Credo che Hollywood abbia giocato un ruolo importante nell'introduzione della fantascienza alle masse in Cina e all'estero. Vi sono molte persone che non prenderebbero mai in considerazione l'idea di comprare un libro di fantascienza, ma non ci pensano due volte a guardare un film del franchise Marvel che può essere considerato fantascienza.

Parlando di letteratura, la sopra menzionata Science Fiction World oggi produce due magazine letterari di fantascienza. Uno è destinato alla fantascienza cinese e l'altro pubblica traduzioni di autori stranieri. Questo significa che in Cina esiste un mercato destinato alla fantascienza realizzata da stranieri.

E' difficile stabilire quale influenza abbia giocato la fantascienza occidentale sulla controparte cinese. Ciò che ho osservato e che è descritto nella parte finale del mio libro, è che in un periodo lungo 40 anni, il numero dei temi affrontati dalla fantascienza cinese è aumentato e il numero dei temi che gli accademici avevano individuato come assenti in precedenza, è cominciato ad apparire. Le mie osservazioni sono basate su una selezione casuale di racconti scritti da tre autori nell'arco temporale tra i primi anni '60 fino ai racconti di Liu Cixin, che è oggi l'autore di fantascienza più famoso nel paese.

I risultati che ho ottenuto possono essere dovuti ad un'influenza della fantascienza occidentale su quella cinese, o potrebbero essere dovuti ad un rilassamento delle normative sulle pubblicazioni cinesi, o potrebbero essere dovuti alla necessità di essere più creativi rispetto al passato. Diventa sempre più difficile creare idee di fantascienza originali che effettivamente non sono state già scritte o apparse da qualche parte nel mondo reale. Sembra che siamo già entrati in questa singolarità, dove la tecnologia progredisce ad un livello tale che non poteva essere predetto qualche anno fa. Un articolo del 2011 del giornalista Kun Kun riferiva che solo il 20% delle sue storie sono state pubblicate.

Anche Liu Cixin ha riferito che prima di inviare le storie per la pubblicazione, si prende del tempo per valutare i temi e le storie che ha già pubblicato, evitando temi e generi fantascientifici che non erano riusciti ad essere pubblicati.

Naturalmente, certi eventi storici, specialmente quelli delle ultime nove decadi sono attentamente vagliate. L'autore sino-americano Ken Liu, che ha anche tradotto in inglese due dei libri che compongono la trilogia dei "Tre Corpi", ha spiegato come certe frasi del suo "The Paper Menagerie" sono state cambiate quando tradotte in cinese per evitare certi riferimenti alla Rivoluzione Culturale. In principio rimase sconfortato da questa circostanza, ma poi comprese che questi riferimenti avrebbero avuto ripercussioni politiche sui traduttori, editori e publisher.

Chi sono gli autori più popolari in Cina?

Come ho già accennato in precedenza, Liu Cixin, Han Song e Wang Jinkang sono i preferiti tra i lettori cinesi, sebbene vi siano anche nuovi autori sulla scena.

Due anni fa, Liu è stato il primo autore cinese a vincere l'ambito premio Hugo per la traduzione in inglese dei "Tre Corpi", e quest'anno la prima autrice cinese, Hao Jinfang ha vinto il premio per la traduzione in inglese di "Folding Beijing".

Casualmente, "Folding Beijing" è una delle tredici storie che appaiono in "Invisible Planets", insieme ad altri racconti di Hao Song, Liu Cixin, Chen Qifan (Stanley Chan), Xia Jia, Ma Boyong e Cheng Jingbo, tradotte ed editate da Ken Liu. Questo è un buon punto di partenza per cominciare a scoprire la fantascienza cinese.

Com'è percepita la fantascienza cinese all'estero?

Quando stavo scrivendo la mia tesi di Studi Cinesi, quando riferivo ai miei amici il soggetto della tesi era la fantascienza cinese, mi guardavano in maniera bizzarra e chiedevano "Ma esiste davvero?"

Ad ogni modo, negli ultimi anni, e soprattutto grazie ai riconoscimenti internazionali ai lavori di Liu, la fantascienza cinese è diventata maggiormente conosciuta. Persino Barack Obama ha incluso "Il Problema dei Tre Corpi" nella sua lista dei libri da leggere, in un'intervista al New York Times.

Alcuni aspetti risultavano strani per i lettori non abituati a leggere traduzioni dal cinese. Un amico tedesco che ha letto i "Tre Corpi", ha trovato anomalo che i personaggi nel gioco online dei Tre Corpi fossero presi da personaggi storici, come Qin Shi Huan e Copernico, etc. Questo è qualcosa che ho notato non solo nella fantascienza (ad esempio Poetry Cloud di Liu Cixin), ma anche in altra letteratura cinese, come nel racconto di Guo Moruo, quando Karl Marx incontra Confucio. Altri elementi che possono essere descritti come di tratto cinese, possono generare delle impressioni sui lettori non avvezzi con questa letteratura. Aggiungendo questi fattori all'idea che lo scopo della fantascienza sia didattico, può portare a combinazioni abbastanza bizzarre.

La fantascienza ha qualche influenza sulla società cinese?

E' un'altra domanda a cui è difficile rispondere. Direi di sì, ma indirettamente. Sebbene molta fantascienza sia irrealizzabile al momento per evidenti limiti tecnologici, vi sono innumerevoli esempi documentati che indicano come la fantascienza in passato abbia influenzato inventori, ingegneri, designer, etc. Questo chiaramente per quanto riguarda la fantascienza in occidente e di come questa abbia influenzato il mondo in cui viviamo oggi. Naturalmente, certi aspetti come internet non sono mai stati completamente predetti, a meno di non voler citare "A Logic Named Joe" di Murray Leinster, o le riflessioni dello scienziato belga Paul Otlet.

Altri idee come la missilistica e il volo spaziale sono invece state direttamente influenzate dalla prima fantascienza, come possiamo vedere dalle memorie del padre della moderna missilistica Robert Hutchings Goddard che prese ispirazione dagli scritti di H.G. Wells. Il cellulare è un altro tra i primi esempi di fantascienza divenuta realtà. La fantascienza ha stimolato inoltre a pensare a futuri alternativi come nella storia incentrata sull' esplosione demografica di "Make Rooom! Make Rooom!" (Largo! Largo! in italiano) di Harry Harrison che fu portata in pellicola nel film "Soylent Green" (2022: i Sopravvissuti).

Da questi ed altri numerosi esempi possiamo vedere come il mondo moderno in occidente è stato influenzato dalla fantascienza, che conseguentemente influenza anche altre nazioni, compresa ovviamente la Cina. Se invece stiamo parlando se la fantascienza cinese abbia già influenzato la società cinese, è secondo me ancora troppo presto per dirlo. Ma dobbiamo guardare al futuro.

Intervista di Matteo Damiani

In inglese: Chinese Science Fiction, Interview with Robert G. Price

Un video di propaganda cinese anti-India accusato di razzismo

0

Nel mezzo della crisi tra India e Cina, la Xinhua, l'agenzia di stampa nazionale cinese, ha pubblicato un video satirico in lingua inglese in cui ha denunciato i 7 peccati dell'India dal punto di vista cinese.

I 7 peccati dell'India secondo Xinhua

Il video è un tentativo davvero malriuscito di accattivarsi il punto di vista occidentale.

Peccato che il risultato sia imbarazzante per chi guarda, un video confuso dove l'unica cosa comprensibile è il tentativo rovinoso di fare umorismo ai danni dei vicini indiani.

Il video, intitolato "7 Sins of India" accusa il governo di Nuova Delhi di essere entrato illegalmente nel territorio cinese. Per rafforzare evidentemente le ragioni cinesi, la Xinhua ha pensato bene di far presentare le ragioni indiane ad un uomo mascherato dal forte accento indiano con barba posticcia e turbante che si lamenta di avere troppo sonno.

I soldati si fronteggiano a Doklam (Donglang in cinese, 洞朗), un'area di confine tra Cina, India e l'alleato Bhutan. Il governo indiano ha inviato i militari a giugno, per intimare lo stop alla costruzione di una strada da parte cinese.

Lo Hindustan Times ha accusato il video di essere razzista, prendendo in giro e parodiando gli indiani. Il video per ironia della sorte è stato pubblicato su Youtube e Twitter, piattaforme ambedue vietate nel paese.

Sette peccati dell'India

via China-underground

La Cina taglierà le importazioni dalla Nord Corea dal 5 settembre

0
Sanzioni alla Nord Corea
Il leader Nord Coreano Kim Jong Un al terzo meeting degli attivisti al congresso dell'Armata Popolare Coreana (KPA) (Foto: Reuters)

Sanzioni alla Nord Corea - La Cina ha annunciato lunedì che taglierà le importazioni di carbone, ferro, pesce ed altre materie prime dalla Nord Korea rispettando le sanzioni imposte dalle Nazioni Unite a causa dei programmi balistici e nucleari coreani.

La Cina, rimane l'ultimo importante partner commerciale dell'isolata nazione coreana. L'atteggiamento cinese negli ultimi anni è stato prudente e per certi versi riluttante nello spingere al collasso il regime coreano a causa delle molteplici criticità che verrebbero innescate dal crollo di Pyongyang.

Dal 5 settembre dunque, la dogana cinese non accetterà più merce proveniente dalla Nord Corea. L'annuncio segue la preoccupante escalation di minacce tra il presidente americano Trump e il governo di Kim. Trump ha affermato di essere 'pronto al fuoco', mentre Pyongyang dal canto suo ha minacciato i territori americani di Guam nel pacifico. Il bando giungerà pochi giorni prima delle commemorazioni per l'anniversario della fondazione del governo coreano nel 1948. Pechino invita alla prudenza.

Le ultime sanzioni diminuirebbero di almeno un terzo, 1 miliardo di dollari, il valore delle esportazioni coreane, valutate attorno a 3 miliardi di dollari l'anno.

La Cina teoricamente avrebbe già messo al bando le importazioni nord coreane di carbone già da febbraio, ma il valore commerciale totale delle transazioni è in realtà cresciuto.

Le principali esportazioni della Corea sono oltre a carbone, ferro, pesce, sono vestiti, maglieria e impermeabili di plastica. Queste produzioni non sono state colpite dalle sanzioni delle Nazioni Unite.

Beijing rimane il principale alleato di Kim, ma dal 26 marzo del 2017, Beijing ha approvato le sanzioni per punire il paese per le continue provocazioni balistiche. Il governo di Pechino rimane tuttora non fiducioso del buon esito delle sanzioni perché getterebbero il paese in una situazione preoccupante.

Fonte: Associated Press

Il video "Fanculo stranieri" del rapper cinese Fat Shady, traduzione

1

Recentemente un video musicale di un rapper di Chengdu, Fat Shady, ha destato scalpore nel paese e nella comunità degli stranieri in Cina.

La canzone, "Fuck Off Foreigners" (瓜老外), si scaglia contro quegli stranieri senza qualità e senza talento nel loro paese che giungono in Cina in cerca di fortuna sfruttando le risorse locali. Le rime del rapper insultano e minacciano questa tipologia di stranieri ironizzando pesantemente su alcuni stereotipi attorno agli stranieri ed alla loro visione della Cina (probabilmente anche dimenticando che il rap, le auto di lusso, la sua estetica di riferimento e persino il cane sono stati importati anche da questi stupidi stanieri). Il video è stato accusato di essere razzista.

Traduzione del testo

Stupidi stranieri
Stupidi stranieri
Così tanti stupidi stranieri [ripetuto varie volte]
Fanculo stupidi stranieri

Gli stranieri vengono in Cina
Loro sanno che abbiamo i soldi
Loro sanno che abbiamo le ragazze
Stranieri di tutti i tipi
Loro fanno tutto per i soldi
Gli alti diventano modelli
Fino a quando hanno le ragazze non si lamentano
Le ragazze si concedono liberamente

Ti senti così superiore? Sei solo un idiota
Ti senti così superiore? Sei solo un idiota
Ti senti così superiore? Sei solo un idiota

Rispetto i miei amici stranieri
Ma fanculo gli stranieri stupidi

Le cose importanti bisognerebbe dirle tre volte
(insulti vari verso le madri degli stranieri idioti, ndr)

Oggi sei un insegnante di inglese
Domani sarai un giovane imprenditore
Cosa sarai domani?
Vuoi qualcosa? Vai a lavare l'auto di paparino
Ti darò questi soldi rossi (le banconote da 100 rmb, ndr)
centinaia a centinaia

Hai finito la macchina? Niente altro da fare?
Vieni qui a pulire le Timerland di paparino

Stupidi stranieri
Stupidi stranieri
Così tanti stupidi stranieri [ripetuto varie volte]
Fanculo stupidi stranieri

Alcuni davvero amano il Kung Fu
Alcuni non potrebbero farlo nel loro paese
Dove vuoi andare?
Hai sentito che i cinesi sono ospitali

Eri un perdente nel tuo paese
Vieni in Cina per essere preso sul serio
Vieni qui fottuto idiota
Papi ti insegna qualcosa di cinese

Che cosa ti insegno?
Ti insegno "idiota"
Così poi lo puoi tenere

Che cosa ti insegno?
Ti insegno "idiota"
Così poi lo puoi tenere

Sei completamente senza valore
Non conterai mai niente
Stupido straniero, Paparino ti sta sfanculando
E tu nemmeno lo capisci

Il nome di paparino è Xie Di (Fat Shady)

Le persone hanno i geni
Così fai molta attenzione

Vai a chiedere a tua nonna a riguardo della tua genealogia
E chiedile qualcosa sull'Alleanza delle Otto Nazioni (l'alleanza straniera in funzione anti-mancese durante la rivolta dei Boxer)
Chiunque vada in giro con gli stranieri è uno stronzo
Le ragazze che vanno con costoro sono delle stupide puttane
Sono tutti fottuti idioti
Paparino ti vuole sparare

Stupidi stranieri
Stupidi stranieri
Fanculo
Stupidi stranieri
Stupidi stranieri

Stupidi stranieri
Stupidi stranieri
Così tanti stupidi stranieri [ripetuto varie volte]
Fanculo stupidi stranieri

Censura dei social in Cina: WeChat, Weibo e Baidu sotto indagine in Cina

0
censura-dei-social-in-Cina

Censura dei social in Cina - Non si ferma l'opera censoria delle autorità di Beijing nei confronti delle piattaforme social e della libera circolazione dell'informazione.

Le autorità cinesi hanno fatto sapere che le tre grandi piattaforme social cinesi, ovvero Weibo, WeChat e Baidu Tieba, ognuna delle quali ha centinaia di milioni di utenti attivi, sono sotto indagine per avere violato le sempre più rigide norme della cyber security.

Cavalcando un pretesto moralizzatore, l'amministrazione del cyberspazio ha fatto sapere che innumerevoli utenti diffondono materiale destabilizzante o terroristico, voci di corridoio e oscenità.

La rete cinese, come abbiamo già visto innumerevoli volte in questi anni, non è un luogo particolarmente favorevole alla libera circolazione di informazioni e di opinioni. Da anni difatti, innumerevoli piattaforme social o video occidentali sono censurate o parzialmente censurate nel paese. Facebook, Twitter, Youtube, Pinterest, etc. sono tutte irraggiungibili dal suolo cinese senza fare uso di VPN, ovvero dei network 'privati' in grado di bypassare i blocchi imposti dal regime cinese attraverso delle reti private.

Ma lo stesso mercato delle VPN recentemente è stato minacciato e tutte le VPN straniere sono state vietate. Al momento la situazione è incerta arrivando notizie contrastanti sul loro corretto funzionamento, ma entro breve, probabilmente cesseranno di funzionare correttamente, nonostante lo stesso governo cinese abbia smentito il ban. Le aziende locali e straniere che volessero fare uso delle VPN per accedere alla rete internazionale correttamente e senza limitazioni - strumento ormai indispensabile per l'andamento aziendale - dovranno pertanto fare richiesta presso i gestori nazionali della rete per utilizzare le VPN governative.

I siti e i servizi di streaming video cinesi sono stati inoltre pesantemente limitati.

Molte altre misure restrittive sono state inoltre adottate nel corso del governo di Xi Jinping, alcune rasentando anche l'assurdo, come il ridicolo divieto di Winnie The Pooh, associato ad un meme diventato virale in Cina che accostava Xi Jinping a Winnie The Pooh, e Obama a Tigro.

Le autorità cinesi diffondono presso i webmaster e curatori dei maggiori siti di informazione linee guida e codici comportamentali molto rigorosi. Secondo le autorità cinesi, le ripetute violazioni dei codici di condotta governativi, hanno minacciato la sicurezza nazionale.

Ma cosa hanno fatto queste piattaforme per 'minacciare la sicurezza nazionale'?

Secondo le accuse governative, gli utenti di internet "diffondono violenza, terrore, false notizie, pornografia e altri pericoli alla sicurezza nazionale, alla pubblica sicurezza, all'ordine sociale".

Baidu ha espresso "dispiacere" per l'iniziativa ed ha comunque fatto sapere che coopererà attivamente con i funzionari governativi.

Tencent, che controlla sia WeChat che Weibo, non ha ancora commentato le nuove richieste ed accuse del governo.

In Cina, è molto facile risalire all'identità di un autore di un post, dal momento che per aprire un account è necessario associare un numero di cellulare. Solo lo scorso mese sono stati chiusi oltre 60 siti di gossip improvvisamente, perché corrompono i valori profondi del socialismo. Sempre nel mese di luglio, gli utenti social più in vista di Xi'An, hanno dovuto registrarsi presso le autorità locali. A maggio invece, il governo ha imposto la presenza di staff del partito comunista all'interno di ogni redazione di news.

Fonte: BBC

Sgominata gang di vecchiette cinesi specializzata nel recupero crediti

0
gang-di-vecchiette-cinesi

Il gruppo di vecchiette terrorizzava le persone che erano incorse in debiti con usurai locali con maledizioni, sputi e persino afferrando e ferendo i genitali dei malcapitati.

Le donne sono state condannate con pene tra i 2 e gli 11 anni di reclusione.

Le donne, di età fino ai 70 anni, erano state reclutate nei tradizionali corsi di ballo all'aperto che si tengono in praticamente tutti i parchi cinesi, nella città di Shangqiu, nello Henan, secondo i dati rilasciati dal sito youth.cn, controllato dalla Lega dei Giovani Comunisti.

I circa 30 membri della gang utilizzavano metodi manipolatori e talvolta anche violenti per recuperare i debiti dei clienti o per cacciare le persone dalle proprie case per fare spazio alle compagnie edilizie che sostanzialmente desiderano abbattere i vecchi villaggi urbani assorbiti dalle nuove megalopoli cinesi per costruire moderni condomini.

Quello della pianificazione urbana in Cina è difatti un tema complesso e controverso e che finisce spesso per generare un circolo vizioso di difficile risoluzione: se da un lato difatti è inevitabile, anzi raccomandabile, la modernizzazione del paese, talvolta i metodi con cui questo fine viene perseguito lasciano parecchio a desiderare, soprattutto quando questi interessi confliggono o si intrecciano con ambizioni economiche irrealistiche che non possono che collimare con la criminalità, generando ulteriori problemi come lo sradicamento dal territorio, il problema degli affitti, l'alto costo della vita, il fenomeno degli espropri forzati, l'inquinamento derivato dallo smaltimento delle macerie, etc. dando ulteriore carburante alle mafie locali, che spesso tra l'altro già controllano i villaggi urbani, che per definizione sono territori marginali, dei veri e propri regni di nessuno, impossibili da controllare proprio grazie alla mancanza di una pianificazione urbana a monte.

Ma torniamo alla nostra gang di vecchiette malfattrici. Una dei loro metodi di persuasione consisteva nell'intimidire gli abitanti da espropriare con megafoni per giorni, prima di confrontarli direttamente. Un uomo di nome Zhao, ha detto a Beijing News che aveva visto una delle otto donne sputare su un vicino.

Altre volte strappavano i vestiti delle donne e le spogliavano prima di essere confrontate dagli uomini, simulando degli assalti sessuali, ha affermato Zhao. Un'altra vittima, di nome Zhang, ha affermato che una di queste donne ha afferrato i suoi genitali, causando una ferita che gli è costata mille yuan in cure mediche.

Altre persone sono state picchiate e dileggiate. Una delle donne incriminate ha detto a Beijing News:"Non avevo niente da fare, così ho pensato che potesse essere divertente. E inoltre ci davano i pasti gratis."

Le donne venivano pagate 200 yuan al giorno da un uomo che lavorava per compagnie che rilasciavano prestiti e per sviluppatori terrieri. Avrebbero ricevuto più soldi se fossero state ferite o arrestate dalla polizia.

L'uomo è stato condannato a 11 anni, mentre le vecchiette hanno ricevuto condanne tra i 2 e gli 11 anni, e sono state dichiarate colpevoli di 29 incidenti avvenuti negli ultimi 4 anni.

Fonte: Telegraph

Turisti cinesi arrestati per avere fatto il saluto romano davanti al Reichstag

1
fare il saluto nazista in Germania

La polizia tedesca ha fermato due uomini mentre si fotografavano mentre facevano il saluto nazista davanti al parlamento.

Gli agenti della polizia di Berlino hanno dichiarato che i due uomini, di 36 e 49 anni, sono stati fermati mentre si fotografavano l'un l'altro con i loro smartphone nell'atto del saluto nazista.

I due sono stati multati per "avere utilizzato simboli di organizzazioni illegali" secondo la legge tedesca e sono stati rimessi in libertà dopo avere pagato una cauzione di 500 euro ognuno. La Germania, come ben sappiamo, si è dotata di leggi molto restrittive per quanto riguarda simboli legati a Hitler o al nazismo, che ha governato il paese tra il 1933 e il 1945.

Il Reichstag è un importante simbolo del potere in Germania. Nel 1933 fu distrutto in circostanze ancora non del tutto chiarite da un incendio doloso. Questo incidente diede ai nazisti il pretesto per colpire i comunisti, accusati dell'incendio, e per aumentare le misure di controllo sul paese. Nei 12 anni di dominio nazista, il Reichstag non fu mai usato per le sessioni parlamentari.

Come abbiamo già visto altre volte in passato, i cinesi e per estensione numerose popolazioni dell'estremo oriente non sembrano avere una particolare sensibilità o conoscenza storica dell'argomento, portando spesso ad incidenti imbarazzanti.

Fonte: Spiegel.de

Il 2017 World Championship degli esports si terrà a Beijing

0
rendering

Riot Games ha annunciato che League of Legends 2017 World Championship si terranno in Cina, il paese con la più grande popolazione al mondo di giocatori di League of Legends. Dal 23 settembre il 2017 World Championship si terranno in Cina per una serie di appuntamenti che culmineranno nella finale del 4 novembre a Beijing, nella splendida cornice del Beijing National Stadium, il celebre Bird's Nest, costruito in occasione delle Olimpiadi di Pechino del 2008. I quarti di finale si terranno a Guangzhou presso il Guangzhou Gymnasium. I primi otto team al mondo si scontreranno dal 19 al 22 ottobre. Le semifinali si terranno a Shanghai nello Shanghai Oriental Sports Center e si scontreranno le 4 squadre più forti.

Quest'anno la formula del torneo si espanderà ulteriormente rispetto alle edizioni degli anni scorsi in modo tale da realizzare un evento ancor più coinvolgente con l'aggiunta di una fase preliminare alla quale non parteciperanno i 3 team coreani per manifesta superiorità nella precedente edizione che ha visto dominare i team asiatici.

I team in gara sono aumentati rispetto agli anni precedenti. Soltanto sei team arriveranno nel gruppo finale. Le squadre provengono da 13 regioni Brasile, Cina, Russia, Europa, Giappone, Corea, America Latina del nord, America latina del sud, Nord America, Oceania, Sud Est Asiatico, LMS (acronimo che definisce Taiwan, Macao e Hong Kong) e Turchia.

internet cafe in Cina - populismo in Cina

Gli internet caffè cinesi, sono molto frequentati dai giovani studenti cinesi appassionati di giochi di ruolo online, tanto da far sollevare presso le autorità cinesi il problema dell'internet-dipendenza e spingendo all'apertura di veri e propri centri di disintossicazione. Nel 2008 difatti la Cina ha dichiarato che la dipendenza da internet è un vero e proprio disordine mentale, considerata come una delle principali minacce per i giovani cinesi, tanto da essere chiamata "eroina elettronica".

Come ben sappiamo, la Cina non solo ha la più grande popolazione mondiale di videogiocatori e rappresenta un vero e proprio eldorado non solo per le software house ma anche per i migliori siti di scommesse, che sicuramente non si lasceranno scappare un mercato in forte ascesa come quello degli eSports.

Per maggiori informazioni riguardo ai Worlds 2017, potete seguire questo link.

1,708FansLike
986FollowersFollow
158SubscribersSubscribe
Show Buttons
Hide Buttons
Vai alla barra degli strumenti