CinaOggi > Eventi > L’Istituto Confucio a Bookcity – 15 – 17 novembre 2019

L’Istituto Confucio a Bookcity – 15 – 17 novembre 2019

Data / Ora
Date(s) - 14/11/2019 - 17/11/2019
12:00 am

Luogo
Mudec

Indirizzo via Tortona 56

Città Milano

Nazione

Categorie


L’Istituto Confucio a Bookcity
15 – 17 novembre 2019

Libri e incontri con gli autori, ma non solo. L’ottava edizione di Bookcity sarà un’occasione molto speciale per l’Istituto Confucio, che quest’anno compie dieci anni. La manifestazione dedicata alla letteratura sarà anche il momento in cui l’Istituto festeggerà il suo compleanno, proponendo una serie di appuntamenti dedicati sì agli autori, ma anche alla traduzione, sia letteraria che specialistica, e invitando tutti i suoi amici per celebrare, con un brindisi sia in italiano che in cinese, questo importante appuntamento.

A dare il via alla partecipazione a questa edizione di Bookcity, il 14 novembre al Polo di Mediazione Interculturale e Comunicazione, sarà la presentazione di un capolavoro della letteratura cinese del Novecento: “Il ragazzo del risciò” di Lao She (《骆驼祥子》1937). Tradotto per la prima volta dall’originale cinese da Alessandra Lavagnino, direttore dell’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano (ed edito da Mondadori), il romanzo accompagna il lettore in un viaggio nella Pechino degli anni Trenta del Novecento, attraverso le avventure di Xiangzi, un giovane venuto dalla campagna che lavora come tiratore di risciò. La parabola della sua vita incarna alla perfezione questo momento incerto e confuso della storia della capitale. Ingenuo, onesto, gran lavoratore e uomo di poche parole, Xiangzi rincorre la fortuna. Nel corso dell’incontro, dopo un’introduzione sul contesto storico della Pechino dei primi decenni del XX secolo, il pubblico incontrerà la traduttrice del romanzo e la responsabile editoriale che ha curato la pubblicazione di questa prima edizione italiana dell’opera.
Nel pomeriggio, alla Civica Scuola Interpreti e Traduttori, si parlerà – e non solo – di vino, con la presentazione del “Dizionario dei vini e dei vitigni d’Italia italiano-cinese”, pubblicato quest’anno dall’Istituto Confucio in collaborazione con il Gambero Rosso. Il Dizionario, che comprende le definizioni di DOCG, DOC, IGT e vitigni prodotti in Italia, è facilmente consultabile sia dal pubblico cinese che da quello italiano grazie alla presenza di un indice analitico completo. Un utile strumento lessicografico e terminologico nato con l’intento di favorire gli scambi e la comunicazione tra esperti di enologia, produttori, consumatori e appassionati del vino italiani e cinesi. Durante l’incontro, Franca Bosc e Chiara Bertulessi, tra gli autori del volume, ripercorreranno il processo che ha portato alla realizzazione dell’opera, con le relative scelte editoriali. Al termine, Marta Valentini, direttore esecutivo dell’Istituto Confucio e sommelier, guiderà, in italiano e in cinese, una breve degustazione di vini per avvicinarsi alle tecniche utilizzate in Italia e in Cina.

Il giorno seguente, il 15 novembre, sempre alla Civica Scuola Interpreti e Traduttori verrà presentato il volume “Le lezioni milanesi di Yu Hua: la cultura cinese di oggi in una delle voci più autorevoli”. Il volume raccoglie i testi delle lezioni su letteratura, cultura e civiltà che lo scrittore cinese Yu Hua, noto in Italia per i numerosi romanzi tradotti (tra cui “Vivere”, Feltrinelli, 2009, e “La Cina in dieci parole”, Feltrinelli, 2012), ha tenuto lo scorso anno al Polo di Mediazione dell’Università degli studi di Milano, ospite dell’Istituto Confucio. In occasione dell’uscita del volume che raccoglie questa importante testimonianza, Alessandra Lavagnino, direttrice dell’Istituto, Silvia Pozzi, curatrice del volume, e Natalia Riva, una delle tre traduttrici dei testi, dialogheranno su diversi aspetti della traduzione dal cinese all’italiano.

A conclusione del ricco programma, domenica 17 novembre al Mudec sarà protagonista la fantascienza, in un incontro dal titolo “Cina, il futuro è già qui: storie di fantascienza”, con gli autori Wang Jinkang e Xia Jia. Wang Jinkang, ex ingegnere petrolifero e rappresentante della prima generazione di autori di fantascienza nel paese, ha pubblicato 87 racconti e 47 romanzi e vinto numerosi premi. Xia Jia (pseudonimo di Wang Yao) ha conseguito un dottorato di ricerca in Letteratura comparata e Letteratura mondiale all’Università di Pechino sul tema della “Fantascienza cinese e la sua politica culturale dal 1990” e insegna all’Università di Xi’an Jiaotong. Con i suoi racconti pubblicati dagli anni del college ha vinto i più prestigiosi premi di fantascienza cinese.

Tutti gli incontri sono a ingresso libero.

PROGRAMMA
Giovedì 14 novembre – ore 10:30
La storia di Xiangzi, “Ragazzo Fortunato”, un tiratore di risciò nella Pechino degli anni Trenta del secolo scorso
Polo di Mediazione Interculturale e Comunicazione (aula T10) – Piazza Indro Montanelli 1, Sesto San Giovanni
In collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Mediazione Linguistica e di Studi Interculturali e il Contemporary Asia Research Centre (CARC)

Giovedì 14 novembre – ore 18:30
Brindiamo in cinese!
Civica Scuola Interpreti e Traduttori “A. Spinelli” – Via Carchidio 2, Milano
In collaborazione con la rivista “Cibi”, il Contemporary Asia Research Centre (CARC) e la Civica Scuola Interpreti e Traduttori “A. Spinelli”

Venerdì 15 novembre – ore 18:00
Le lezioni milanesi di Yu Hua: la cultura cinese di oggi in una delle voci più autorevoli
Civica Scuola Interpreti e Traduttori “A. Spinelli” – Via Carchidio 2, Milano
In collaborazione con la Civica Scuola Interpreti e Traduttori “A. Spinelli”

Domenica 17 novembre – ore 15:00
Cina, il futuro è già qui: storie di fantascienza
Mudec – Via Tortona 56, Milano
In collaborazione con Future Fiction

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!