CinaOggi > Eventi > 杜蒙:烬 – Meng Du: Embers – Braci

杜蒙:烬 – Meng Du: Embers – Braci

Data / Ora
Date(s) - 30/11/2019 - 16/02/2020
11:00 am - 6:00 pm

Luogo
Fou Gallery

Indirizzo 410 Jefferson Ave #1, Brooklyn

Città New York

Nazione New York

Categorie


杜蒙:烬 Meng Du: Embers – Braci 30 novembre 2019-16 febbraio 2020

Poster Design: Jing Lin


Ricevimento d’apertura: 30 novembre 2019, dalle 17 alle 20
Discorso dell’artista: 30 novembre 2019, dalle 16 alle 17
Concerto musicale: “In This Chaos” 7 dicembre 2019
Luogo: Fou Gallery, 410 Jefferson Ave, # 1, Brooklyn, New York, NY 11221
Orari: sabato 11: 00-18: 00, o su appuntamento ([email protected])
Curatrice: Echo He

RSVP all’apertura

New York – La Fou Gallery è lieta di annunciare che la mostra personale di Meng Du. Meng Du: Embers sarà in mostra dal 30 novembre 2019 al 16 febbraio 2020. La mostra presenterà le sue ultime opere di vetro ed installazioni che combinano materiali di vetro e tessuto.

Questa è la seconda mostra personale di Meng Du organizzata dalla Fou Gallery; mira ad esplorare la connessione tra ricordi incerti e presente, e tra sogni e realtà, mentre tenta di rappresentare le emozioni invisibili in profondità nei nostri cuori – la tristezza, la paura e anche la speranza – che sono sempre esistite lì, intrecciate e fugace.

 

Meng Du, “I Hope Everything is Fine with You – Spero che tutto ti vada bene”, 2019. Vetro, lamina di rame, 8,1 x 0,2 x 6,1 pollici. Fotografia di Peichao Lin © Meng Du, immagine cortesemente concessa da Fou Gallery

Du ha iniziato a pianificare il tema di questa mostra personale Embers durante l’estate del 2018, mentre ha partecipato al Glass Nexus Forum al Norths Land Creative di Lybster, nel Regno Unito.

Quando il legno si combina, si trasforma rapidamente in braci ardenti: hanno le proprietà fisiche della cenere, ma al loro interno rimangono calde come fiamme grezze. Sebbene le braci siano piccole, leggere, trascurabili, sono anche importanti catalizzatori per un’ulteriore combustione: senza restrizioni, le piccole braci spesso consentono agli incendi di propagarsi per migliaia di chilometri.

Le braci hanno in sé il potere di distruggere e consumare tutto, ma contengono anche il potere elementale della rinascita: producono la vita dalla morte. Il fuoco rilascia preziose sostanze nutritive intrappolate nei rami morti che tappezzano il suolo della foresta e inizia un nuovo ciclo di vita per il metabolismo della foresta.

Le braci possono anche ricordare il processo di fabbricazione del vetro: la sabbia di silicio e altri materiali si fondono in uno stato liquido a temperature estreme superiori a migliaia di gradi centigradi; viene poi raffreddato e solidificato in vetro cristallino, attraverso il lento processo di ricottura e temperatura controllata.

Meng Du, “How Have You Been? – Come sei stato?”, 2019. Vetro, lamina di rame, 9,65 x 0,2 x 6,5 pollici. Fotografia di Peichao Lin © Meng Du, immagine cortesemente concessa da Fou Gallery

Le improvvise morti della nonna di Du e del marito di una cara amica hanno ispirato la creazione delle sue serie Letter e Ripple, che comprendono nove piccoli pezzi, due lunghi vetri Stain / Tiffany e quattro specchi circolari in vetro Stain / Tiffany.

Du ha combinato il vetro colorato a mosaico con lo specchio e li ha incisi con alcuni disegni e frasi comuni.

Il vetro Stain / Tiffany viene spesso utilizzato nella progettazione di finestre religiose per la sua traslucenza.

Le persone in piedi fuori dalla finestra guardando possono solo vedere gli schemi e non possono vedere all’interno della chiesa, mentre le persone all’interno possono godere della magnifica rifrazione della luce attraverso il vetro, come se osservassero un miracolo. Lo specchio ha esattamente l’effetto ottico opposto: le persone possono solo vedere se stesse davanti allo specchio, ma non possono vedere il mondo dietro di esso.

La linea di demarcazione tra il vetro e lo specchio è come una piega in una lettera. Una lettera per gli altri è in realtà una lettera per se stessi.

Se questa lettera possa effettivamente essere consegnata o meno non è più una conseguenza.

Nel tempo infinito, la luce riempie ogni vuoto: penetra attraverso il vetro e si riflette dagli specchi.

Durante la mostra, la Galleria Fou preparerà alcune cartoline per i visitatori, che potranno sedersi e scrivere una lettera ad amici e persone care che vivono lontano.

 

Meng Du, “How Have You Been? – Come sei stato?” (dettagli), 2019. Vetro, lamina di rame, 9,65 x 0,2 x 6,5 pollici. Fotografia di Peichao Lin © Meng Du, immagine cortesemente concessa da Fou Gallery

Un’altra serie in questa mostra è Embrace, che combina vetro e tessuto. Durante la sua carriera come artista in residenza presso il programma Glass della Aichi University of Education in Giappone, Du ha prodotto alcune canne di murrine, che sono state avvolte in un sottile strato esterno bianco, con una traccia di filo rosso nel mezzo e ricamate su mosaico tessuto tinto con tè – con sezioni taglienti forate nel morbido tessuto.

Nell’ottobre 2019, Meng ha visitato la mostra personale di Chiharu Shiota a Tokyo ed è rimasta stupita dalla sua presentazione di “esistenza inesistente” attraverso installazioni spaziali e ha iniziato a ripensare alla propria pratica artistica.

La serie Embrace sarà sospesa e fluttuerà nell’aria dello spazio della galleria, dove il pubblico potrà passeggiare e confrontarsi direttamente con la propria irrequietezza e tranquillità interiore, desiderando l’abbraccio e aspettandosi la distanza.

Due pezzi di vetro di nuova fusione di Du saranno situati alle estremità nord e sud della galleria.

Vetro e piante si intrecciano, come parti di un corpo, come se un gruppo di personaggi drammatici senza nome si fosse imbarcato in un viaggio sconosciuto ed eseguissero i propri versi nella storia.

 

Meng Du, “Love – Amore”, 2019. Vetro, lamina di rame, 6,5 x 0,2 x 5,7 pollici. Fotografia di Peichao Lin. © Meng Du, immagine cortesemente concessa da Fou Gallery

“La vita è solo una serie di momenti isolati. Con ricordi e fantasie, molti significati emergono, poi scompaiono e poi riappaiono.” Du Meng è un alchimista, trasmuta ricordi onirici e realtà in storie, e poi integrandoli nel suo vetro cristallino per narrare i momenti che sono sempre in movimento e fugace nelle nostre menti.

“Perché le menti di cui parla il Tathagata non sono menti, ma sono [opportunamente] chiamate menti”.

Meng presta sempre attenzione alla connessione tra il mondo interiore individuale e il subconscio collettivo degli esseri umani. Lei audacemente – eppure con cautela – spiega il fragile mondo interiore di se stessa e ci fa capire che le nostre menti profonde sono malleabili, a volte fragili e a volte ferme, a volte oscure e a volte cristalline.

Se prestiamo molta attenzione a tutto ciò che ci circonda – l’interno dello specchio lucido che riflette il davanzale della finestra della vecchia casa, la forma della nuvola bianca che appare dietro il vetro oscuro e le ferite appena guarite graffiate dai frammenti di vetro— possiamo esserne consapevoli.

Du non solo mette in mostra questi piccoli fenomeni, ma mostra anche un mondo che ha creato, un mondo che richiede di trattenere il respiro, di guardare da vicino e di liberare la mente. In questo modo, non solo entriamo nel mondo creato da Du, ma anche più in profondità nei nostri universi interiori.

Meng Du, “Place – Luogo”, 2019. Vetro a forno, foglia d’argento, 4,5 x 4,5 x 4,5 pollici. Fotografia di Peichao Lin © Meng Du, immagine cortesemente concessa da Fou Gallery

Mentre Meng Du: Embers viene mostrato alla Fou Gallery, Du parteciperà anche a Mind the Gap, una mostra collettiva presso il Delaware Contemporary che espone opere di donne cinesi contemporanee di diverse generazioni.

L’opera di Du Everywhere, Nowhere No.2, un’installazione in cui sei piccioni composti principalmente da fogli di vetro e argento atterreranno a caso in tutta la sala espositiva. Con il fischio dei piccioni, la scena trasforma i passanti in una metropoli.

Un’altra opera della serie di Du, Everywhere, Nowhere No.1, è ora nella collezione permanente del Museo del vetro di Shanghai.

In corrispondenza della mostra, Mandarin Stage Group presenterà un concerto musicale In This Chaos il 7 dicembre presso la Fou Gallery, con numeri lirici di diversi importanti libri di musica rock.

Attraverso l’obiettivo di ogni personaggio e la loro narrazione, queste canzoni selezionate tentano di esporre il viaggio della lotta di sé che ogni individuo deve affrontare in questo mondo caotico.

Scoprire il tumulto interiore ed esteriore, i sentimenti di ansia, depressione e instabilità che alla fine potrebbero condurci lungo la strada verso uno stato binario: divampare o estinguersi, come braci.

Meng Du vetro soffiando al Museo del vetro di Shanghai. Fotografia di Eugene Neduv © Meng Du, immagine cortesemente concessa da Fou Gallery

MENG DU (nata nel 1986, Pechino, Cina) si è diplomata nel 2008 in programma di Graphic Design presso la Central Academy of Fine Arts di Pechino (BFA) e nel programma di arte digitale presso il Dipartimento di vetro del Rochester Institute of Technology (MFA) nel 2013. Attualmente vive e lavora a Pechino. I suoi lavori sono esposti in Cina, Europa e Stati Uniti. Tra le sue mostre recenti: Meng Du: The Room, Shanghai Museum of Glass, Shanghai (2018); La mostra internazionale del vetro Kanazawa presso il complesso culturale Shiinoki, Prefettura di Ishikawa, Giappone (2016); Flow Grow: 2015 Qingdao Contemporary Glass Art Exhibition a Qingdao (2015); e Design Shanghai 2013 City of Craft and Design presso Power Station of Art, Shanghai (2013). Nel giugno 2016 ha tenuto la sua prima mostra personale a New York: Meng Du: The Climb, The Fall at Fou Gallery. Lo stesso anno, ha vinto la Menzione d’Onore per The International Exhibition of Glass Kanazawa (Kanazawa, Giappone). Nel 2018, ha vinto il Saxe Emerging Artist Award 2018 alla 48a Conferenza della Glass Art Society (Venezia, Italia). È l’artista più giovane ad aver presentato una mostra personale al Museo del vetro di Shanghai.

FOU GALLERY è una galleria in un appartamento e un laboratorio creativo con sede a New York. Fou si dedica alla promozione dei talenti creativi e dei progetti del nostro tempo. Come suggerito dal suo nome, Fou è sia una negazione del modello di galleria commerciale tradizionale sia un contributo attivo a una nuova comunità d’arte organica. Con la convinzione che la fruizione con piacere dell’arte sia una parte essenziale della vita quotidiana, Fou offre una selezione vibrante e ispiratrice di opere originali d’arte e design ed ospita vari eventi per creare uno spazio artistico vario e accessibile.

更多信息或per informazioni in lingua Inglese per favore fare riferimento a: http://www.fougallery.com/exhibitions. 媒体联络:胡竞心,否画廊,[email protected];作品收藏征询:否画廊, [email protected].

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!