Yuqing Liu: Il Potere del Profumo nella Conservazione della Memoria Artistica

Ricercatrice e artista che attraverso l’olfatto e gli odori entra in contatto con i ricordi più profondi.

Yuqing Liu, rinomata artista dell’interazione olfattiva e designer di immersioni sensoriali, è nota per la sua ricerca rivoluzionaria sull’olfatto e sulla memoria umana. Utilizzando tecnologie multisensoriali avanzate, Liu indaga l’impatto delle fragranze sulla conservazione e sullo sviluppo della memoria. Liu ha scelto il profumo come mezzo per via della sua potente capacità di evocare ricordi ed emozioni. Il suo percorso è iniziato durante i suoi studi post-laurea, quando ha aperto la strada ad approcci innovativi di progettazione dell’interazione olfattiva, culminati in un progetto di laurea molto apprezzato. Nel 2022, come docente di arte dell’interazione olfattiva, sottolinea il potere di trasformazione del profumo nella memoria e nella narrativa. Liu ha condiviso le sue conoscenze e competenze con le istituzioni educative cinesi, consolidando la sua posizione nelle comunità artistiche ed educative. Il lavoro di Liu ha raggiunto nuovi traguardi nel 2023, giocando un ruolo chiave nella campagna “Every Shade of You” di Omega in collaborazione con EcoScent. Ha creato cinque fragranze distinte per migliorare l’interazione del pubblico con i nuovi colori degli orologi del marchio. La vasta esperienza e gli studi di Liu le permettono di continuare ad inventare nel campo delle fragranze, della memoria e dell’arte interattiva. La sua visione artistica è continuata con “VI-SCENT.Lab_Memory Archiving System” e “The Boiling Ocean”, presentati in mostre a Londra nel 2023.

Il sito ufficiale di Yuqing Liu e i profili su Facebook e Instagram

Chi ti ha influenzato come persona e come artista? Cosa significa per te l’arte?

L’arte per me è un modo profondo per comunicare e connettermi profondamente, che consente alle persone di esprimere i propri pensieri e trasmetterli in una forma personale. Le esperienze personali e le strette relazioni hanno plasmato il modo in cui mi esprimo artisticamente, con i miei lavori profondamente radicati nel desiderio di entrare in contatto con i miei cari che soffrono di perdita di memoria. Il graduale oblio di mio nonno dovuto al morbo di Alzheimer mi ha lasciato con un forte senso di impotenza, spingendomi a cercare attraverso l’arte un modo per esplorare il modo in cui gli esseri umani possono evocare e preservare i ricordi. I miei pezzi spesso ruotano attorno al profumo e alla memoria, poiché credo che la memoria umana sia un simbolo dell’esistenza ed il profumo sia uno stimolo sensoriale che può collegarsi direttamente alla memoria, portandomi ad intraprendere la pratica dell’arte interattiva che coinvolge profumo e memoria. Un’altra persona che mi ha influenzato molto è Sissel Tolaas, una figura fondamentale nel campo dell’arte olfattiva. Sono costantemente ispirato dal suo lavoro, che utilizza il profumo per esplorare le memorie urbane, la storia ambientale e l’attività umana in modi affascinanti. La sua capacità di integrare materiali olfattivi in strutture spaziali per creare esperienze sensoriali uniche dominate dal profumo mi affascina. Il suo background in chimica aggiunge una bellezza razionale al suo lavoro, motivandomi continuamente a sviluppare esperienze interattive innovative basate sui profumi.

Sei cresciuta in Cina e ora lavori nel Regno Unito. Quali differenze culturali e quali punti di vista comuni hai trovato? Cosa ha significato per il tuo percorso artistico e personale il passaggio dalla Cina all’Inghilterra?

Crescendo in Cina, la cultura, l’ambiente e l’istruzione hanno plasmato la mia visione del mondo. Mi piace partire dalle mie sensazioni personali, esplorando prima il modo in cui percepisco il mondo internamente, e poi esprimendo le mie interazioni uniche con il mondo attraverso installazioni e tecnologia dei media digitali. Trasferendomi nel Regno Unito a 20 anni per studiare arte interattiva, ho trovato l’ambiente educativo qui più incoraggiante per lo sviluppo del mio pensiero critico e le pratiche di ricerca interdisciplinare. Ciò mi ha portato a esplorare vari materiali sperimentali e ad approfondire le teorie della neurobiologia, integrando tecnologie di interazione umano-computer nelle mie creazioni per esplorare uno scambio emotivo più fluido tra me ed il pubblico. Il mio passaggio dalla Cina a Londra mi ha sfidato a spingermi oltre i confini tradizionali, integrando elementi multisensoriali nel mio lavoro. Questa transizione non ha cambiato solo la mia posizione; ha trasformato il mio approccio artistico, permettendomi di entrare in contatto con un pubblico più ampio ed esplorare le vaste possibilità dell’olfatto come mezzo per una narrazione ed un’esperienza coinvolgenti.

VI SCENT
VI-SCENT.Lab: Memory Archiving System
Human-AI collaboration in Olfactory Visualization, 2023

Come è nato il tuo interesse per l’olfatto? Cosa ti ha spinto a creare il connubio tra arte ed odori? Come mantieni viva la tua ispirazione?

Il mio viaggio nell’arte dell’interazione olfattiva è profondamente personale e trae ispirazione dalla battaglia di mio nonno contro l’Alzheimer. I suoi ricordi sbiaditi, conservati in quaderni pieni di mappe e storie, hanno acceso la mia passione per l’esplorazione della memoria umana attraverso il profumo, un potente mezzo per innescare emozioni e ricordi. In un mondo dominato dalle immagini, ho scelto il profumo per le sue forti connessioni emotive e mnemoniche, con l’obiettivo di progettare esperienze che risuonino profondamente. Il mio lavoro è una miscela di amore, perdita e ricerca di preservare i fili effimeri della memoria. Al centro della mia pratica c’è la convinzione che i sensi olfattivi siano cruciali per percepire gli ambienti, registrare le emozioni e segnalare il pericolo. Credo che la chiave per mantenere viva la mia ispirazione risieda nel continuo studio ed esplorazione di nuove tecnologie. Sono convinta che il profumo rimanga un fattore sensoriale sottoutilizzato all’interno di tecnologie all’avanguardia come la realtà virtuale e la realtà mista. La mia missione artistica è accedere a ricordi ed emozioni profondamente radicate attraverso l’olfatto. Immagino un futuro in cui la tecnologia comprenda tutti i sensi, espandendo i confini dell’interazione sensoriale e della conservazione della memoria.

A livello pratico, quali sono state le sfide più grandi che hai incontrato nella realizzazione delle tue opere?

Una delle sfide principali del mio lavoro è stata trasformare la natura transitoria dei profumi in installazioni artistiche tangibili. Ciò implica non solo garantire la longevità e la consistenza dei profumi, ma anche integrarli perfettamente con elementi visivi e uditivi. Il processo richiede un delicato equilibrio tra innovazione tecnica e visione artistica per preservare l’essenza delle mie idee. La mia pratica prevede la creazione di intricate composizioni olfattive che vanno oltre i semplici aromi; incarnano ricordi ed emozioni complessi, offrendo un’esperienza sensoriale alternativa in un mondo visivamente saturo. Questo tentativo di sfruttare l’olfatto come mezzo non solo riconnette le persone con i loro sensi primordiali, ma colma anche il divario tra il mondo effimero degli odori e le esperienze umane tangibili.

Awakening Scent Archive Smell Memory of Homesickness Scent interactive installation 42cm L x 42cm W x 60cm H 2021
Awakening: Scent Archive (Smell Memory of Homesickness). Scent interactive installation, 42cm L x 42cm W x 60cm H, 2021

Sfruttando la tecnologia ed espandendo la tua arte oltre il tradizionale coinvolgimento visivo, immergi il tuo pubblico in un’esperienza più profonda. Cosa ti piace di maggiormentedeltuo processo creativo e di quando crei nuove opere d’arte?

Nella mia creazione artistica, che integra la tecnologia per estendersi oltre l’arte visiva, mi piace particolarmente osservare le diverse e profonde reazioni emotive suscitate dai campioni di profumo che presento. La natura personale ed imprevedibile dei ricordi olfattivi porta sfide ed opportunità uniche, arricchendo l’esperienza interattiva. È affascinante vedere come lo stesso profumo possa unire le persone attraverso ricordi condivisi o evocare emozioni completamente diverse negli altri, sottolineando il potere soggettivo del profumo. Questa variabilità nelle risposte non solo evidenzia l’intricata relazione tra gli esseri umani e l’olfatto, ma anche ciò che apprezzo di più nella mia arte: la capacità di facilitare esperienze e connessioni profondamente personali tra il mio pubblico.

The Boiling Ocean Memory Tea Bags 220 cm L x 80 cm W x 100 cm H 2023
The Boiling Ocean, Memory Tea Bags, 220 cm L x 80 cm W x 100 cm H, 2023

Qual è il tuo punto di partenza? Qual è il tuo processo creativo? Come “traduci” le tue idee in un’installazione artistica?

Il mio viaggio creativo inizia catturando la sensazione di un momento della vita, innescata da varie condizioni. Ad esempio, camminando per i vicoli di Londra in una giornata piovosa, il profumo della pioggia umida misto a cemento nell’aria e le forme degli edifici e delle luci riflesse nelle pozzanghere sul terreno mi fanno pensare ai riflessi nell’acqua come ricordi, immagazzinati e rispecchiati da un mezzo, ma fragile, facilmente offuscato da una singola impronta. Ciò mi porta ad associare le caratteristiche condivise dell’acqua e della memoria come materiali unici per lo sviluppo di esperienze olfattive. È così che emergono le mie idee creative, sempre in una forma speciale. Questa scintilla iniziale viene trasformata attraverso schizzi, appunti e configurazioni sperimentali in un concetto. Nel tradurre questi concetti in installazioni artistiche, presto molta attenzione alla selezione di materiali e tecnologie per garantire che il mio lavoro finale trasmetta accuratamente le idee e le emozioni originali. Ad esempio, nelle prime fasi della creazione di “Awakening: Scent Archive”, ho sviluppato una serie di linee guida per la progettazione dell’interazione per i ricordi attivati dai profumi attraverso la progettazione sperimentale e un’ampia revisione della letteratura. Durante tutto il processo creativo, provo e adeguo continuamente per garantire che ogni presentazione artistica risuoni emotivamente con il pubblico.

The Boiling Ocean Scent Ritual Installation 2023
The Boiling Ocean, Scent Ritual Installation
100 cm L x 80 cm W x 200 cm, 2023

Gli odori e i profumi possono stimolare una ricca risposta emotiva legata all’infanzia o all’adolescenza dimenticate. I sensi sono porte verso ricordi perduti. Cosa vuoi esplorare? Cosa speri di ispirare al tuo pubblico? Quali sono le tue scoperte più importanti riguardo al senso dell’olfatto?

Come l’effetto Proust, i profumi hanno il potere unico di riportare immediatamente le persone ad un momento specifico o di risvegliare un ricordo profondamente sepolto. Attraverso la creazione di esperienze olfattive interattive, il mio obiettivo è esplorare il modo in cui i ricordi olfattivi risuonano tra diversi gruppi ed individui. Data la natura personalizzata ed imprevedibile dei profumi, creare queste esperienze rappresenta una sfida significativa, poiché è difficile garantire che i concetti e le emozioni trasmessi siano precisi. Piuttosto che trasmettere accuratamente ricordi ed emozioni soggettive, preferisco creare una piattaforma che incoraggi l’esplorazione e la condivisione, dove il pubblico possa sperimentare scene olfattive dei miei ricordi, potenzialmente innescando loro proprie, che potrebbero essere simili o molto diverse. Questa imprevedibilità è ciò che rende affascinanti i ricordi olfattivi. Spero di suscitare curiosità e desiderio di condivisione tra il mio pubblico, spesso ascoltando storie di vita intriganti ed ispirando nuove idee durante le mie mostre. Desidero che i partecipanti acquisiscano esperienze diverse e condividano i loro sentimenti con gli altri. Per quanto riguarda l’olfatto, ho scoperto che è una capacità sensoriale potente, ma spesso trascurata, con forti capacità di riconoscimento dei segnali e di elaborazione delle informazioni, che gioca un ruolo significativo nelle esperienze immersive guidate dalla narrazione. Inoltre, il concetto di memorie olfattive pubbliche, che riflettono la cultura locale, il clima, la cucina e persino l’intrattenimento, è un aspetto che trovo indispensabile nella mia esplorazione.

Foto cortesemente concesse da Yuqing Liu

Previous

Riflessioni con Zhou Na: fotografa e narratrice multimediale

L’arte di Amanda Ruiqing Flynn, Intervista

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.