L’Impatto della Terapia, il Sostegno e la Crescita nelle Relazioni: Intervista a Katrine Cheng

  1. Casa
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. Società in Cina
  6. /
  7. L’Impatto della Terapia, il...

Terapia di coppia, Superare i Traumi e Supporto Emotivo con Katrine Cheng.

Katrine è una consulente clinica registrata e terapista specializzata nelle relazioni matrimoniali e familiari. Prima di perfezionarsi con una specializzazione post-laurea, ha compiuto i suoi studi nel Regno Unito e ha maturato esperienza lavorativa con diverse multinazionali nel campo del benessere aziendale e dello sviluppo del personale a Hong Kong. Profondamente appassionata del suo campo, Katrine si avvicina ai suoi clienti con un atteggiamento positivo incondizionato, adottando un approccio umanistico ed esperienziale. Assiste i suoi clienti nel comprendere i processi emotivi e relazionali in cui sono coinvolti, contribuendo a rivelare dinamiche relazionali, punti di forza e aree su cui crescere. Il suo intervento è volto a promuovere resilienza e ad arricchire le relazioni tra le coppie. Katrine offre inoltre consulenze di salute mentale per aiutare le persone a riorganizzare il loro mondo interiore e a trovare un significato nella vita. La sua esperienza include il supporto a individui con problemi di attaccamento e traumi di varia natura. Ha collaborato con scuole internazionali, offrendo consulenze a bambini, adolescenti e le loro famiglie, e ha lavorato con aziende per fornire formazione sulla gestione della salute mentale in ambito lavorativo. Katrine conduce le sue terapie in inglese, cantonese e mandarino, dimostrando un impegno costante e una versatilità nel suo approccio professionale.

Il sito ufficiale e la pagina Instagram di Katrine Cheng

Cosa ti ha spinto a diventare una consulente clinica registrata, terapista matrimoniale e familiare?

Quando stavo completando la mia qualifica di coaching sanitario, nel corso venivano trattate tre specifiche aree: nutrizione, fitness e salute mentale. Ho scoperto di essere particolarmente interessata ai moduli che trattavano salute mentale, quindi ho deciso di ricevere una formazione presso The Samaritans per diventare volontaria per fornire supporto emotivo a persone che avevano tendenze suicide o erano in difficoltà. Durante la formazione, ho scoperto che poter aiutare gli altri era proprio il lavoro che volevo fare in questa vita, quindi, dopo la formazione, ho proseguito gli studi di consulenza sulla salute mentale.

retrofuturista a silhoutte of a Chinese husband and a Chinese

Dallo studio alla pratica, quali sono state le sfide più grandi all’inizio?

Ciò che ho studiato alla laurea magistrale offre principalmente delle competenze di consulenza, di un certo tipo di terapia ed etica; tuttavia, nel passaggio alla pratica clinica effettiva, mi sono resa conto che ogni cliente ha la propria preferenza su come un consulente dovrebbe lavorare con lui, quali includono la direttività del terapeuta, l’intensità emotiva, l’orientamento al passato e un supporto caloroso, tra gli altri. Inoltre, i problemi che si presentano in ciascun caso sono diversi, quindi dopo la laurea nel programma del mio master ho studiato diversi tipi di psicoterapie per aiutare i miei clienti con diversi problemi di salute mentale e poter utilizzare approcci diversi per lavorare con loro .

C’è qualche ambito particolare in cui ti sei specializzata? Puoi raccontarci di più del tuo lavoro?

Sono particolarmente interessata alla consulenza prematrimoniale e relazionale: aiutare le coppie impegnate a comprendere le dinamiche relazionali, la forza e le aree di crescita; aiutare le coppie nel trattare relazioni e traumi; facilitare le coppie ad affrontare i problemi che si presentano in modo sano; promuovere la resilienza e arricchire le loro relazioni. Aiuto anche persone con problemi di attaccamento, conflitti familiari e problemi relazionali, transizioni di vita, stress, procrastinazione, comportamenti di perfezionismo, bassa autostima, problemi del sonno, depressione, problemi di gestione della rabbia, ansia, disturbo ossessivo compulsivo, ansia sociale e fobie, gestione predisposizione ai ruoli, relazioni sul posto di lavoro, capacità di comunicazione e gestione delle persone, dolore e perdita, trauma.

Hai mai incontrato resistenze da parte dei clienti in terapia? Se sì, come hai affrontato la situazione?

Sì, alcuni clienti, quando stanno per iniziare il loro percorso di consulenza, mostrano segni di paura nel correre dei rischi nel connettersi con le loro emozioni più difficili e complicate. Incontro i miei clienti con un riguardo positivo incondizionato, in modo genuino, per unirmi con loro nella loro posizione, sono solidale e non giudicante nel loro viaggio di guarigione. Li tengo e li calmo con incessante empatia in un’alleanza terapeutica su base sicura, in cui i clienti possono sentirsi a proprio agio nel correre dei rischi con me, come loro compagna per entrare in ciò che è estraneo, strano, pericoloso, spaventoso, triste, insopportabilmente stressante, doloroso o inaccettabile in loro, le loro vite interiori e affrontare insieme le loro vulnerabilità. Li aiuto a vedere i processi in cui sono coinvolti con le loro emozioni e con le altre persone; riorganizzare il proprio mondo interiore per dare un senso alla propria vita; trovare il proprio equilibrio emotivo e reindirizzare tali processi in nuove direzioni.

Come lavori con le coppie? Come ti avvicini alla terapia con coppie che hanno stili di comunicazione inconcludenti?

Quando una coppia viene a ricevere una consulenza relazionale, dovrebbe avere lo stesso obiettivo. Nella prima sessione, discutiamo la storia della loro relazione, incluso ciò che li ha fatti sentire attratti dal proprio partner all’inizio della loro relazione, per ricordarsi cosa li ha uniti prima che sorgessero i problemi nella relazione. Chiedo anche alle coppie di discutere sui propri problemi irrisolti affinché io possa osservare i loro modelli di comunicazione ed il modo in cui affrontano i conflitti. Verso la fine della sessione, discuto gli stili di comunicazione inutili che possono essere identificati dalle loro discussioni conflittuali. Sulla base dei risultati della ricerca, spiego loro quali sono i modelli di comunicazione che possono predire la fine di una relazione, come eliminarli e sostituirli con modelli di comunicazione sani e produttivi. Dopo la prima sessione, chiedo a ciascuna coppia di completare una valutazione basata sulla ricerca per analizzare le proprie soddisfazioni in diverse aree della loro relazione. Dopo la prima sessione, ci sono sessioni individuali (all’interno del contesto relazionale della coppia) in cui ciascun cliente mi vede per parlare del suo punto di vista sui problemi della relazione, delle sue preoccupazioni o preoccupazioni nella relazione prima di tornare alla questione della coppia. Quindi discutiamo i risultati della valutazione e li aiuto a comprendere le loro dinamiche relazionali. Non solo le aree di crescita della loro relazione, ma anche le aree di forza. Sulla base dei risultati della valutazione basata sulla ricerca e delle informazioni che ho raccolto da ciascuna coppia, utilizzo interventi basati sulla scienza dell’attaccamento e approcci basati sull’evidenza per risolvere i conflitti in modo costruttivo ed aiutare le coppie a rafforzare le loro relazioni.

Nelle terapie di coppia Katrine Cheng cerca di far ricordare l’inizio della relazione e la scintilla che li ha fatti sentire attratti prima dei problemi

retrofuturista Chinese Husband Wife Therapy

Devi rimanere aggiornata in merito alle ricerche e alle pratiche attuali nel campo della consulenza?

In qualità di terapista e membro clinico di organismi di consulenza professionale e psicoterapia, ho bisogno di seguire ogni anno una formazione continua relativa alla consulenza ed alla psicoterapia. Seguo la formazione continua attraverso diverse attività di sviluppo professionale, come il completamento di corsi di formazione o programmi per ulteriori qualifiche in consulenza e psicoterapia; impegno nella lettura e nella ricerca professionale; partecipazione alla supervisione professionale tra collegi con la stessa qualifica; partecipazione alla supervisione regolarmente programmata con un supervisore qualificato; partecipare a conferenze e workshop di consulenza e psicoterapia per rimanere aggiornata con le ricerche e le pratiche attuali nel campo.

Cosa fai fuori dal lavoro per mantenere uno stile di vita sano ed equilibrato? Come gestisci lo stress?

Oltre all’esercizio fisico, presto attenzione alla mia alimentazione per promuovere uno stile di vita sano. Seguo consigli dietetici tratti dagli insegnamenti della medicina tradizionale cinese: come ogni sapore corrisponde ad un particolare organo del corpo. Secondo la filosofia della MTC “nutrire lo yang in primavera e in estate e nutrire lo yin in autunno e in inverno”, consumo cibi adatti alle mie condizioni corporee e quelli che aiutano il mio corpo a corrispondere meglio fisiologicamente e patologicamente ai cambiamenti nella il tempo e le stagioni per mantenermi in salute. Amo l’arte, la cultura e la storia. Viaggio; visito gallerie e musei; veo spettacoli di balletto e guardo film quando ho tempo libero per mantenere uno stile di vita equilibrato e per gestire lo stress.

Che ruolo gioca la cura di sé nell’aiutare il tuo lavoro di terapista?

Praticare la cura di sé mi aiuta come terapista a ridurre lo stress, evitare il burnout e migliorare la mia capacità di fornire supporto ai miei clienti. Come terapista, controllo la mia forma fisica ed emotiva, pratico il benessere e cerco supporto per la mia salute fisica o mentale quando necessario per garantire la mia competenza professionale.

Foto cortesemente concesse da Katrine Cheng

Previous

Un Panorama di Idee in Movimento: Identità, Società e Arte secondo Stella Zhang

L’Arte Femminista di Su Yang nella Cina Contemporanea, Intervista

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.