Crescita delle Esportazioni della Cina per la Prima Volta in Sei Mesi

  1. Casa
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. News dalla Cina
  6. /
  7. Crescita delle Esportazioni della...

A novembre 2021, le esportazioni della Cina hanno registrato una crescita per la prima volta in sei mesi, segnalando un cambiamento positivo per il settore manifatturiero della nazione. Questo sviluppo arriva come un sollievo per le fabbriche che affrontano un prolungato calo della domanda, con gli esportatori che utilizzano strategie di prezzi scontati per attrarre acquirenti.

Dati di Esportazione e Importazione

La crescita delle esportazioni è stata modesta, con un 0,5% su base annua a novembre, secondo i dati doganali. Questo si contrappone ad un calo del 6,4% in ottobre, superando la previsione di calo dell’1,1% in un sondaggio di Reuters. Al contrario, le importazioni sono diminuite dello 0,6%, contrariamente alle aspettative di un aumento del 3,3%. Questo cambiamento segue un aumento del 3,0% nel mese precedente.

Analisi degli Economisti

Economisti come Zhiwei Zhang, capo economista di Pinpoint Asset Management, riconoscono il miglioramento delle esportazioni in linea con le aspettative di mercato. Zhang osserva che la crescita sequenziale delle esportazioni cinesi si è rafforzata negli ultimi mesi. L’Indice Baltic Dry, un indicatore del commercio globale, ha raggiunto un massimo triennale a novembre, sostenuto da una maggiore domanda di materie prime industriali, in particolare dalla Cina.

Indicatori del Commercio Globale

La salute del commercio globale, come riflessa dalle esportazioni della Corea del Sud, ha visto anche un aumento per il secondo mese consecutivo a novembre, sostenuta dalle esportazioni di chip che hanno interrotto un calo di 15 mesi. Il commercio con i principali partner come gli Stati Uniti, Giappone, Corea del Sud e Taiwan ha mostrato tendenze positive.

Esportazioni Scontate e Pressioni Manifatturiere

Nonostante i dati positivi sulle esportazioni, i produttori cinesi sono ancora sotto pressione. L’indice ufficiale dei direttori degli acquisti (PMI) ha indicato che i nuovi ordini di esportazione sono diminuiti per nove mesi consecutivi. Secondo Zichun Huang, economista di Capital Economics, i volumi elevati di esportazione sono stati supportati dalla riduzione dei prezzi da parte degli esportatori. Tuttavia, Huang esprime dubbi sulla sostenibilità di questa tendenza.

Prospettive Economiche e Recupero

Gli analisti hanno opinioni contrastanti sulla sostenibilità del recente aumento della domanda estera e sull’efficacia del sostegno politico nel rafforzare la domanda interna. Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha migliorato le sue previsioni di crescita per la Cina nel 2023 e nel 2024, ma permangono preoccupazioni. Moody’s ha emesso un avviso di declassamento sul rating creditizio A1 della Cina, riflettendo la prudenza del mercato.

Reazioni del Mercato

A seguito del rilascio dei dati sulle esportazioni, lo yuan cinese si è indebolito contro il dollaro. L’indice azionario CSI300 e l’indice Hang Seng di Hong Kong hanno anche registrato cali.

Preoccupazioni Future

Nonostante il miglioramento della domanda di esportazione, esperti come Zhang di Pinpoint Asset Management avvertono sulla dipendenza dalle esportazioni come pilastro di crescita per l’anno prossimo. Con il raffreddamento delle economie europea e statunitense, la Cina potrebbe dover concentrarsi maggiormente sulla domanda interna per la crescita nel 2024.

Fonte: China-underground.com, Reuters

Previous

Prospettive di Credito della Cina Passano a Negative: Analisi di Moody e Impatto sul Mercato

Apatia Elettorale nelle Recenti Elezioni Distrettuali di Hong Kong

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.