L’Antica Astronomia Cinese: Storia, Miti & Fatti

  1. Casa
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. Cultura cinese
  6. /
  7. Filosofia della Cina
  8. /
  9. L’Antica Astronomia Cinese: Storia,...

L’Antica astronomia cinese riflette un profondo interesse nella comprensione del cosmo. Questa passione si è unita a pratiche metodologiche che hanno profondamente influenzato la conoscenza astronomica globale. Dalle prime osservazioni registrate ai complicati calcoli cosmici, l’eredità della Cina in questo campo offre un ricco mosaico di dedizione scientifica e scoperta.

Osservazioni e Documentazione Iniziali I cinesi hanno una vasta storia di osservazioni astronomiche che risale a millenni fa. Già durante la Dinastia Shang (circa 1600-1046 a.C.), si possono trovare prove di studio celeste metodico. Le ossa oracolari, utilizzate per la divinazione in questo periodo, hanno iscrizioni che fanno riferimento a vari fenomeni astronomici, come le eclissi solari. Queste iscrizioni indicano non solo l’attenta osservazione dei cieli ma anche l’importanza degli eventi celesti in contesti socio-religiosi.

Gli Annali di Bambù (竹书纪年), noti anche come Annali della Tomba di Ji, sono un’altra preziosa fonte della Cina antica che illumina le tradizioni astronomiche del paese. Questa cronaca, scritta su listarelle di bambù, contiene un’enorme quantità di dati astronomici, inclusi resoconti di avvistamenti di comete, eclissi solari e lunari, e altri eventi celesti. Incrociando gli eventi documentati negli Annali di Bambù con le moderne basi di dati astronomici, i ricercatori possono verificare l’accuratezza storica di questi registri. In molti casi, la precisione con cui questi eventi sono stati registrati fornisce preziose intuizioni sulle capacità osservative degli antichi astronomi cinesi.

Durante la transizione verso la Dinastia Zhou (circa 1046-256 a.C.), l’astronomia continuava a prosperare. L’istituzione dell’osservatorio reale, lo sviluppo dei calendari lunisolari e la creazione di cataloghi stellari testimoniano l’importanza del cosmo nella governance, nell’agricoltura e nella vita quotidiana. Vari testi classici di questo periodo, come il “Libro dei Documenti” (尚书) e il “Classico della Poesia” (诗经), contengono anche riferimenti a fenomeni astronomici, segnalando l’influenza pervasiva dei cieli sulle imprese culturali e intellettuali.

Sistemi delle Costellazioni e Cataloghi Stellari

Gli antichi astronomi cinesi avevano un metodo distintivo di visualizzare i cieli. A differenza delle familiari costellazioni del mondo occidentale, il cielo cinese era suddiviso in 28 “Xiu” (宿). Ogni Xiu era associato a stelle specifiche o a gruppi di stelle. Per ulteriormente categorizzare il cielo, questi Xiu erano raggruppati sotto quattro creature simboliche, ognuna rappresentante una direzione cardinale: il Drago Azzurro (青龙) dell’Est, l’Uccello Vermiglio (朱雀) del Sud, la Tigre Bianca (白虎) dell’Ovest, e la Tartaruga Nera (玄武) del Nord.

Dunhuang star map
Mappa Stellare di Dunhuang, fonte

Una figura fondamentale nell’ambito dell’astronomia cinese fu Gan De (甘德), che visse nel IV secolo a.C. A Gan De si attribuisce la creazione di uno dei primi cataloghi stellari in Cina. I suoi dettagliati registri descrivono le posizioni e la luminosità di varie stelle. Notabilmente, fece acute osservazioni su Giove, registrando la sua posizione con grande precisione. Le sue osservazioni erano così dettagliate che segnalò addirittura di aver visto una delle lune di Giove a occhio nudo, una realizzazione che è stata dibattuta dai moderni studiosi a causa della difficoltà di un simile compito senza l’aiuto di un telescopio.

Oltre a Gan De, anche la successiva dinastia Han vide un’ondata di attività astronomica. Un testo prominente di questo periodo è il “Libro degli Han” (汉书), che contiene un trattato sull’astronomia. Questo documento registra i nomi, le posizioni e altri attributi delle stelle, mostrando la profondità e la precisione delle osservazioni cinesi dell’epoca.

Un altro importante catalogo stellare proviene dal periodo della dinastia Tang, noto come “Mappa Stellare di Dunhuang” (敦煌星图). Scoperto nelle grotte di Mogao a Dunhuang, questa mappa è una delle più antiche rappresentazioni grafiche conosciute delle posizioni stellari, rivelando intuizioni sulle pratiche osservative e i metodi degli astronomi di quell’epoca.

Ancient Observational Tool in Beijing's Observatory, China
Antico strumento di osservazione nell’Osservatorio di Pechino, fonte

Nel corso della lunga storia della Cina, la meticolosa documentazione e lo studio dei cieli non erano solo imprese scientifiche, ma erano anche intrecciate con credenze culturali, filosofiche e religiose. I cieli erano una fonte di ispirazione e saggezza, guidando norme sociali, pratiche agricole e persino le decisioni degli imperatori.

Osservatori Astronomici e Strumenti

Lo sviluppo degli antichi osservatori cinesi e degli strumenti che contenevano rappresenta l’impegno duraturo degli studiosi cinesi nel comprendere la sfera celeste. Questi osservatori non solo facilitavano il tracciamento delle stelle e dei pianeti, ma avevano anche funzioni importanti nella definizione del calendario, nella previsione delle eclissi e nei rituali religiosi.

Osservatorio di Gaocheng: Si trova nella provincia dell’Hebei, è uno degli osservatori astronomici in pietra più antichi e meglio conservati del mondo. Costruito durante la Dinastia Yuan nel 1276 d.C., questo osservatorio ospitava una serie di strumenti, tra cui un grande sextante in pietra. Questo sextante, insieme ad altri strumenti nell’osservatorio, era cruciale per osservare il sole, la luna e le stelle, e per determinare la lunghezza esatta del solstizio solare, fondamentale per la creazione del calendario.

Strumenti astronomici dei Song: Durante la Dinastia Song (960-1279 d.C.), la Cina ha visto notevoli avanzamenti nella progettazione e produzione di strumenti astronomici. Questo era in gran parte grazie all’astronomo e matematico Zhang Sixun, che fu pionieristico nella realizzazione di un orologio ad acqua armillare. Questo orologio era tanto sofisticato da poter rappresentare il movimento del cielo, permettendo agli astronomi di fare osservazioni accuratissime.

Strumenti dell’epoca Ming e Qing: Durante le dinastie Ming e Qing, la tecnologia astronomica cinese continuò a evolversi. Gli osservatori di quest’epoca contenevano spesso armille, sfere armillari e altri strumenti avanzati che permettevano osservazioni dettagliate del cosmo. Zhu Zaiyu, un principe della dinastia Ming, è noto per aver creato strumenti astronomici precisi che misuravano con precisione i movimenti delle stelle e dei pianeti. Questo era parte di un più ampio impegno a unificare la comprensione cinese del cielo con le nuove informazioni provenienti dall’Occidente.

Guo Shoujing
Guo Shoujing

Guo Shoujing

Guo Shoujing (郭守敬), che visse durante la Dinastia Yuan, fu indubbiamente una figura significativa nella storia dell’astronomia cinese. Non solo fu un astronomo di talento, ma anche un ingegnere geniale. Riconoscendo l’importanza di osservazioni accurate, Guo costruì 27 osservatori in tutta la Cina. Questi furono progettati meticolosamente, tenendo conto delle condizioni geografiche e climatiche locali per ottimizzare la precisione osservativa.

Forse l’invenzione più rivoluzionaria di Guo Shoujing fu la sfera armillare azionata ad acqua. Questo strumento rappresentò un notevole salto nella tecnologia osservativa. Tradizionalmente, le sfere armillari, composte da un framework di anelli centrati sulla Terra o sul Sole, erano utilizzate per modellare e osservare la sfera celeste. Introducendo un meccanismo azionato ad acqua, Guo Shoujing aumentò la precisione di questi dispositivi. Il flusso regolato dell’acqua garantiva un movimento costante, permettendo una tracciatura molto più accurata dei corpi celesti.

Wooden Book Sculptures from the Ming Dynasty in Tian Yi Chamber's Collection
Sculture di libri in legno della dinastia Ming nella collezione della Camera di Tian Yi, fonte

Scoperte Pionieristiche

Gli astronomi cinesi hanno fatto molte scoperte pionieristiche nel corso dei millenni. Per esempio, ci sono registrazioni di supernove che risalgono al 185 d.C., ben prima che gli astronomi occidentali documentassero tali eventi. Una di queste supernove, osservata nel 1054 d.C., ha creato la Nebulosa del Granchio, un oggetto celeste ancora studiato dagli astronomi oggi. Queste osservazioni dimostrano la profonda capacità degli antichi cinesi di riconoscere e documentare eventi astronomici rari.

Oltre alle supernove, gli astronomi cinesi sono stati tra i primi a registrare osservazioni di comete. Queste osservazioni sono particolarmente preziose perché le comete sono spesso visibili solo per brevi periodi di tempo, richiedendo un’osservazione rapida e accurata. Questi resoconti, spesso dettagliati e accurati, forniscono una panoramica delle capacità osservative e del livello di attenzione degli astronomi cinesi.

Appuntamento nella Via Lattea
Appuntamento nella Via Lattea, fonte

Basi Filosofiche e Influenza Culturale

L’astronomia nella Cina antica non era solo una scienza; era profondamente radicata nella filosofia, nella religione e nella cultura. La posizione e il movimento dei corpi celesti erano visti come manifestazioni del “Dao” (道), il principio fondamentale che governa l’universo. L’ordine celeste era visto come un riflesso dell’ordine terrestre, e quindi, l’astronomia aveva profonde implicazioni per la filosofia, l’etica e la governabilità.

Il concetto di Yin e Yang (阴阳) è un altro pilastro della filosofia cinese, e questo binario dinamico era spesso interpretato in termini astronomici. Il cielo (Yang) e la terra (Yin) erano visti come forze complementari e interdipendenti che insieme creano l’equilibrio nell’universo.

La stella Polaris, per esempio, aveva un ruolo centrale nella cosmologia cinese. Era vista come l’asse attorno al quale girava tutto il cielo, e quindi, era simbolica dell’Imperatore, il fulcro attorno al quale ruotava il regno terrestre. Questa connessione tra cielo e terra era fondamentale nella cultura cinese, e la stella Polare, insieme ad altri corpi celesti, era spesso usata come un potente simbolo nella letteratura, nell’arte e nella religione.

Previous

Hong Kong alla ricerca dell’uguaglianza di genere: La campagna #BreakZeroSum di TWF 2023

Il Vegetarianesimo in Cina: tra Passato e Futuro Sostenibile

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.