Saggi, articoli & interviste

Intervista con Li Xinmo, l’artista che spezza le catene

Lotta contro la violenza invisibile: Li Xinmo, artista, critica, femminista, teorica e ricercatrice

Li Xinmo è un’artista femminista, critica d’arte ed insegnante. Si è laureata presso il Dipartimento di Pittura Cinese, ha conseguito un master presso l’Accademia di Belle Arti di Tianjin ed ora risiede a Pechino, dove insegna presso la Scuola di Arte Moderna della Beijing Geely University. Si dedica principalmente alla teoria femminista e alla ricerca sulla critica d’arte contemporanea. Prende di mira la società patriarcale e la violenza invisibile della comunità. Inoltre, nelle sue opere d’arte, vuole dimostrare che il potere di una donna è uguale al potere di un uomo. Li Xinmo ha praticato performance e body art per protestare contro la tensione politica ed i diritti delle donne in Cina. La sua creazione coinvolge una serie di questioni come il genere, l’etnia, l’ambiente e la politica nazionale. Le sue opere si basano su una varietà di media, in particolare performance, fotografia e pittura. Nelle sue varie opere d’arte, possiamo trovare la preoccupazione per quelle persone che sono in fondo alla società, come i contadini ed i manovali cinesi. È anche un attivista ecofemminista di nuova generazione, è ben nota per essere contro l’inquinamento. Le sue opere sono state esposte nelle principali gallerie d’arte e musei tra cui Toronto Photo Biennial, Prague Art Biennial, National Museums of World Culture Göteborg in Svezia e Bonn Women’s Museum in Germania. Molti altri musei e gallerie d’arte come Louvre, Francia, Italia, America, Canada e Colombia hanno esposto e collezionato le sue opere. Il suo lavoro è stato documentato in articoli accademici tra cui “National Fine Arts”, “Oriental Art for Everyone” e altre pubblicazioni professionali d’arte.

Questa intervista è apparsa originariamente su Planet China Vol. 17
Official website | Instagram | Facebook

Puoi parlarci dei tuoi esordi nel campo artistico? Cosa ti ha ispirata e motivata a perseguire una carriera come artista? Qual è stata la tua esperienza di breakout?

Ho studiato pittura e calligrafia nella mia infanzia e quando sono andata al college ho studiato arte e design, ma ho scoperto di preferire l’arte pura. Sono andata alla Tianjin Academy of Fine Arts per promuovere i miei studi nel Dipartimento di Pittura cinese, dove ho studiato la pittura cinese, dopo di che ho studiato calligrafia. Nel 2005 mi sono iscritta come studente laureata nel dipartimento di pittura cinese presso la Tianjin Academy of Fine Arts, dove ho studiato dipinto moderno ad inchiostro. Nel 2006, ho iniziato a lavorare come assistente insegnante presso la Tianjin Academy of Fine Arts Modern Art, quindi sono stata esposta all’arte contemporanea, e l’idea dell’arte contemporanea ed il modo in cui è espressa mi ha attratto, quindi mi sono diretta verso la creazione di arte contemporanea . Parallelamente al mio lavoro artistico, ho iniziato a studiare la teoria dell’arte contemporanea. Sono stata molto ispirata dal femminismo e dall’arte femminista. La prima arte femminista mi ha colpito ed ho iniziato a creare opere femministe. Sono tornata alle profondità della mia memoria ed ho riesaminato la mia vita da una prospettiva femminista, e mi sono resa conto che tutte le disgrazie che avevo sofferto erano dovute alla società estremamente patriarcale in cui vivevo. Nel processo ho iniziato a riflettere su di me e sulla società cinese, ed ho visto tutte le realtà della situazione delle donne, tra cui aggressioni sessuali, violenza domestica, tratta di donne, infanticidio femminile e discriminazione di genere che è molto diffusa. Mi sono ampliata da me stesso per concentrarmi sul destino di più donne ed ho creato una serie di forti opere femministe. Ho anche trovato molto difficile avere successo come artista perché in Cina i curatori ed i critici sono fondamentalmente uomini ed hanno il diritto di parlare e scegliere. E rifiutano il lavoro femminista ribelle. Ho pubblicato il mio lavoro e gli articoli online, che hanno suscitato grande scalpore ed ho ricevuto sempre più inviti a mostre e offerte di pubblicazione da riviste. È così che ho iniziato il mio percorso di arte e critica femminista.

“WO YE SHI” Performance and Theatre 2021, Photo: Roland Von der Emden

A chi hai guardato come persona ed artista? C’è un ricordo, un evento, un’immagine o un pensiero a cui sei particolarmente affezionata perché condensa ed illumina la tua filosofia artistica?

Molte grandi donne mi hanno influenzata. La Woolf era la mia autrice preferita e la sua opera “A Room of One’s Own” mi ha mostrato cosa significasse essere una donna indipendente. E Beauvoir, il cui The Second Sex” ha aperto la porta al femminismo. ‘Women are not born, but formed’ è stato uno shock enorme per me come studentessa. Sono stata anche potenziata dallo spirito critico di Arendt e Sontag e dalla nitidezza delle loro idee. In termini di arte, ricordo molto bene le opere di Frida Kahlo e le sue storie di vita. Quando ho visto per la prima volta il suo lavoro, sono rimasta affascinata dagli autoritratti che ha dipinto. Ho imparato da lei come esprimere esperienze personali e dolore in un linguaggio visivo. Sono stata anche molto influenzata da Bourgeois e dall’arte e dal percorso della vita di Niki de Saint Phalle. Sono stata anche influenzata dal lavoro di Kiki Smith, Judy Chicago ed altri, nonché dal lavoro di Schneeman e Abramovic con il corpo, che hanno ispirato la mia arte. Più tardi ho fatto performance art e ne sono stata influenzata. Durante tutto il mio viaggio nell’arte e nella vita, quelle meravigliose donne, pensatori ed artisti mi hanno sempre guidata ed avvicinata a loro e portata avanti nel mio viaggio artistico.

“Statement” Photograph 2008

Sei un’artista multidisciplinare che lavora con fotografia, pittura, installazione, performance e video art. Qual è il mezzo che preferisci? Quale di queste tecniche artistiche ti rappresenta meglio come artista? Come cambia il tuo approccio quando lavori con un mezzo diverso?

La mia espressione artistica è molto diversificata. La performance artistica costituisce una parte importante della mia opera d’arte. Sono anche spesso indicata come artista di performance. La performance è l’uso del corpo come mezzo per relazionarsi con lo spazio e per interagire con il pubblico. La performance artistica ha una natura dal vivo e può essere più diretta nella sua espressione. Per la pittura, cerco di evitare le tradizionali modalità di pittura e fare alcune esplorazioni speciali. Una delle mie serie rappresentative di dipinti è stata realizzata con sangue mestruale, più recentemente, ho realizzato dipinti con tecnologia digitale. Lavoro anche con fotografia ed installazione. Ogni mezzo ha il suo modo unico di linguaggio e caratteristiche uniche, ci sono opere che si prestano maggiormente alla fotografia, in questo caso prendo una fotocamera, se un lavoro deve essere rappresentato in un’installazione, mi concentro in questo modo. La fotografia è più statica e dipende principalmente dall’effetto dello scatto. Mentre preferisco una forma di espressione integrata. Ad esempio, combino spesso l’installazione e le performances. Combina le performance con la pittura, combinano la fotografia con la scrittura. Combino anche la fotografia e l’installazione per formare uno spazio tridimensionale in modo che possa essere espresso un simbolismo più ricco. Quando creo opere di performance, preferisco realizzarle in base alle caratteristiche del luogo, usando quello spazio delle prestazioni come parte delle performance, formando un campo in cui creo. La performance artistica mi piace perché è una forma d’arte più integrata, combina spazio, azione, musica, ecc. Ed è espressa in presenza del corpo. Ottengo sempre un’esperienza fisica e spirituale più intensa quando eseguo una performance.

A Farewell Ritual Performance 2008

La violenza fisica è il risultato di un percorso che attraversa il silenzio e la violenza psicologica. Quanto è importante spezzare il muro del silenzio? Cosa ti ha spinto a denunciare atti di abuso sociale, sottomissione culturale e disuguaglianza con le tue opere d’arte? Quali sono state le principali difficoltà all’inizio nel mettere in discussione lo sguardo maschile creando una narrazione femminile?

Le donne sono in gran parte senza voce e silenziose, la loro espressione non è consentita e sono stigmatizzate. Le donne che hanno sperimentato la violenza sessuale e domestica scelgono di tacere perché è molto difficile ottenere aiuto e sostegno per ciò che dicono ed è probabile che siano ferite nuovamente per aver parlato. Questo è ciò che rende sconosciuta la vera situazione di molte donne, e questo porta ad un maggiore numero di donne sottomesse alla violenza. Questo è il motivo per cui ho sempre pensato che è molto importante per le donne parlare ed esprimersi, in modo che possano creare discussioni e consapevolezza nella società, nonché il cambiamento nella legge ed aumentare l’autocoscienza delle donne. Questo è il motivo per cui è importante rompere il silenzio. Uno dei motivi per cui mi sono mossa verso il femminismo ed ho fatto arte femminista è a causa delle mie esperienze. Ho vissuto violenza domestica, ho visto la violenza che mia madre ha vissuto; ho sperimentato molestie sessuali, ho sperimentato relazioni che non erano egualitarie e la mia esperienza di essere una madre single mi ha colpito profondamente. È stato il pensiero femminista che mi ha fatto riflettere sulle mie esperienze di vita e sul mio destino in quanto gruppo di donne. Il pensiero femminista mi ha aiutato a diventare forte e critica. Attraverso i miei sforzi personali spero di aiutare le donne in difficoltà, a far loro sapere che ciò che accade a loro non è la loro sventura, ma una questione sociale in generale, che ogni donna è in un’istituzione di oppressione. Attraverso l’arte spero di rivelare la vera situazione delle donne e dare una voce femminile. Sapevo quando ho iniziato a fare arte femminista che sarebbe stato impossibile fare affidamento su critici e curatori maschili, né sarebbe stato possibile fare affidamento sui media tradizionali. Era intorno al 2008 quando Internet in Cina si stava rapidamente sviluppando, quindi ho scelto Internet come piattaforma per pubblicare le mie opere e per presentare articoli. Sia le mie opere che le mie parole sono state respinte, svalutate, criticate e stigmatizzate a causa delle mie opinioni femministe forti e dei vocaboli usati. Ho affrontato l’opposizione non solo dagli uomini, ma anche dalle donne. Fino ad ora sono stata respinta dal mondo dell’arte mainstream e sono stata ai margini. Ci è voluta molta forza interiore per arrivare dove sono ora.

“WO YE SHI” Performance and Theatre 2021, Photo: Roland Von der Emden

Usi le pratiche artistiche per indagare i tuoi ricordi, i sogni e la subconoscenza, nonché per rispondere criticamente alle questioni di genere ed ambientali nella società umana. Nella tua esibizione “The Death of the Xinkai River” e “A Farewell Ritual” mescoli i simboli della vita e della morte. Natura e donna si coprono e si identificano nello stesso ruolo. Puoi dirci di più su questo argomento?

La mia arte è composta da due direzioni, una è quella di guardare verso l’interno e conoscere me stessa, creando lavoro basato su esperienze ed impressioni personali. Credo che l’arte innanzitutto necessiti di essere onesti con se stessi, traducendo ricordi che mi hanno influenzato e non possono essere dimenticati nel linguaggio visivo. Uso l’arte per riflettere su tutto ciò che ho vissuto come donna. Dal ciclo biologico al matrimonio, al parto, il processo proietta tutti i tipi di problemi di genere. “L’individuo è politico”. Ogni individuo fa parte della società ed il destino di ogni individuo porta necessariamente il contesto del tempo e della società in cui vive. La mia esperienza personale come donna è allo stesso tempo l’esperienza comune della maggior parte delle donne. L’altra direzione è esteriore, guardando ed esprimendo cultura storica, giustizia sociale, ecologia naturale e politica di genere. “The Death of the Xinkai River” è una delle mie prime opere d’arte. Questo lavoro combina l’inquinamento idrico con il destino delle donne. In una cultura patriarcale, le donne e la natura sono contemporaneamente escluse dagli uomini e dalla società umana come fossero l’altro. Trent’anni di modernizzazione in Cina hanno portato ad un drammatico deterioramento dell’ambiente ecologico, con l’inquinamento idrico che è un problema particolarmente grave, mentre la situazione delle donne non è cambiata sostanzialmente e la violenza sessuale contro le donne è un evento comune. Entrai nel fiume inquinato coperto di cianobatteri per combinare la morte delle donne con la morte del fiume, un omaggio ad un fiume ed una rappresentazione del destino delle donne. Questo lavoro è anche una reinterpretazione ed una risposta al tema di Ophelia di Shakespeare. “A Farewell Ritual” è un’altra delle mie opere che combina il corpo femminile con acqua contaminata, questa volta immergendomi in un serbatoio di vetro pieno di acqua contaminata. La sala espositiva era piena della forte puzza di piante d’acqua in decomposizione. Queste mie opere possono essere comprese da una prospettiva eco-femminista. L’idea dell’eco-femminismo ha anche avuto una grande influenza su di me.

I Want to Breathe Photograph 60X40cm 2006

Sei l’artista fondatrice di Bald Girls. Hai evidenziato la violenza invisibile, la sofferenza ed il dolore che tante donne hanno seppellito nel profondo del loro cuore. Le tragedie vissute dalle donne sono universali. Molte di quelle che hanno condiviso le proprie storie sono state attaccate e criticate. Come possiamo costruire una cultura che sfidi tutti i preconcetti sulle donne e che offra uno spirito di indipendenza e libertà?

Ho raccontato le mie esperienze in modo artistico ed allo stesso tempo racconto molte storie di donne. La mia idea è, prima di tutto, portare alla luce le parti che sono nascoste, sepolte nell’oscurità, coperte dalla cultura e dalla società. In una società dominata dagli uomini, le donne sono viste ed interpretate male, ma la vera esperienza e lo stato delle donne non sono note. Le donne tacciono, l’altra metà del silenzio. L’arte femminista riguarda le donne che parlano per se stesse, raccontano le proprie storie ed esperienze e vedono il mondo attraverso i propri occhi, facendo domande e offrendo le proprie opinioni e critiche. Ma una società patriarcale non è disposta ad accettare gli occhi delle donne, il pensiero delle donne e le critiche delle donne. Quindi la società nel suo insieme resiste e risente dei diritti delle donne. In Cina sono ai margini, ed è difficile che il mio lavoro e le mie idee femministe vengano accettate. Nel 2012 ho preso parte a Bald Girls, una esposizione in cui ho mostrato i miei lavori che prima non avevo potuto esporre in spazi pubblici, per alzare alcune voci femminili. Da allora, Bald Girls ha esposto in tutto il mondo, dialogando con artiste di diversi paesi. Le parole sono molto importanti e l’arte è potente. L’arte femminista permette alle donne di esprimersi a modo loro. Come cambiamo la società? Penso che la cosa più importante sia cambiare la coscienza delle persone. Ed è proprio sulla coscienza delle persone che l’arte può agire. Quando le persone iniziano a prendere coscienza della disuguaglianza di genere, questo è l’inizio del cambiamento delle questioni di genere. Oltre all’arte, c’è l’espressione letteraria, la ricerca sociologica, la discussione filosofica ed il miglioramento delle leggi per costruire gradualmente una società più equa.

Li Xinmo Woyeshi Shanghai DSC 7310 photo Roland von der Emden

Qual è il valore e il significato del corpo femminile e della soggettività nelle pratiche contro gli stereotipi di genere? Come può l’arte trasmettere un nuovo futuro? Quanto media e social network influiscono oggi sulle battaglie sociali e culturali?

In una società patriarcale il corpo femminile è un oggetto da guardare e da usare, come veicolo di riproduzione e desiderio. Le donne non sono considerate individui indipendenti con soggettività, ma devono dipendere dagli uomini per esistere. Nella società e nella cultura tradizionale cinese, le donne sono sempre state subordinate, il loro significato era quello di riprodurre ed allevare la prole, servire gli uomini e soddisfare i loro desideri e bisogni, mentre il sé femminile ed i desideri femminili sono stati ignorati. Le donne hanno perso la loro autonomia fisica così come la loro soggettività spirituale. Molte opere d’arte femministe sono legate al corpo e le artiste cercano di presentare un vero corpo femminile, non uno visto come un oggetto del desiderio. Il ciclo femminile, la nascita femminile, l’aborto, il desiderio femminile, la violenza sessuale, ecc., sono le esperienze più reali delle donne, ma sono state oscurate. È quindi una parte importante dell’arte femminista mostrare ed esprimere queste esperienze oscurate. Ad esempio, la performance di Yoko Ono “Cut” e “Inner Poetry Scroll” di Scheunemann usano entrambe il corpo per esprimere le esperienze e la resistenza delle donne. Le artiste femministe usano il corpo come mezzo per creare opere che effettivamente cambiano la percezione che le persone hanno del corpo femminile. L’arte è sensibile e in anticipo sui tempi. Le voci delle donne attraverso l’arte vengono sempre più ascoltate dal mondo e la loro presenza viene vista. Stiamo assistendo ad un graduale cambiamento nella società in cui le donne stanno diventando più potenti, dove le donne stanno diventando una presenza che non può essere ignorata e dove le donne stanno diventando più indipendenti. E tutti gli sforzi che stiamo facendo ora avranno un impatto sulle giovani donne del futuro. Viviamo nell’era di Internet e dei nuovi media, in cui i vecchi ordini e le idee vengono sostituite da nuovi modi di produrre, nuovi modi di interagire, nuovi modelli sociali. Internet sta accelerando il processo di democratizzazione, i ruoli intrinseci del genere stanno cambiando, il multiculturalismo, l’uguaglianza e la giustizia sociale stanno diventando il consenso dell’umanità, e su questa base l’emancipazione delle donne è inevitabile e inarrestabile. Internet ha fornito una piattaforma per ascoltare le voci delle donne. Ha amplificato e accelerato la diffusione delle voci delle donne ed ha consentito alle donne di formare legami e ai legami di diventare comunità, influenzandosi, sostenendosi e collaborando tra loro. Sui social media, le donne condividono le loro vite, esperienze e idee, e le donne collaborano e formano comunità, che inconsciamente influenzano e rafforzano la psiche delle donne.

“The Death of the Xinkai River” Photograph from the Performance 2008

Puoi condividere con noi qualche storia significativa legata ad una tua opera d’arte dal backstage che hai portato nel tuo cuore nel corso degli anni?

Ricordo quando ho fatto il mio primo lavoro “I Want to Breathe” nel 2016, uno dei miei studenti ed io siamo andati in un posto molto remoto ed abbiamo visto i lavoratori migranti che avevano la silicosi ed erano gravemente malati ma non avevano soldi per le cure mediche o il risarcimento, li ho ascoltati parlare del loro calvario e mi sono sentita profondamente impotente. Ricordo un vecchio padre che era solo, raccoglieva l’acqua, suo figlio è morto di silicosi e la nuova casa che ha costruito per il matrimonio di suo figlio è rimasta incompiuta e ferma lì, gli ho fatto una foto e fino ad oggi non posso dimenticare la sua faccia piena di vicissitudini e gli occhi pieni di dolore. Nel 2017, ho realizzato un altro lavoro, “A Person’s Complaint”, in cui una dipendente è stata licenziata dalla sua azienda senza motivo, e quando è andata dal capo per cercare di scoprire perché, è stata portata all’Ufficio di Pubblica Sicurezza dei poliziotti e picchiata e presa a calci nelle sue parti intime. Ciò l’ha portata a soffrire di depressione per dieci anni. Ho fatto un film documentario su di lei. Ha preso il documentario ed ha costretto il suo capo a risarcirla. Nel 2021 ho lavorato al progetto artistico “WO YE SHI”, che è legato all’aggressione sessuale. Un giorno ho ricevuto una lettera da una donna che voleva prendere parte a questo progetto artistico. Nella lettera raccontava la storia della sua vita di come era stata abusata sessualmente da suo padre quando aveva due anni, che era continuata fino all’età di quattordici anni. Ha lasciato la casa per andare a scuola ed ha studiato arte. Dopo aver avuto il suo primo fidanzato, la sua psicosi ha cominciato a divampare, si è sottoposta a psicoterapia ed ha avuto una figlia con un lama, ma la bambina aveva una paralisi cerebrale. Ricordo quanto fosse pesante il mio cuore quando lessi la sua lettera e vidi i suoi quadri; era come se fossi avvolta da una grande oscurità e sentissi un freddo estremo. Inoltre non posso dimenticare il giorno in cui l’ho incontrata, con sua figlia con paralisi cerebrale seduta accanto a lei. Successivamente ha seguito il mio progetto alla mostra. Ha anche condiviso la sua esperienza di guarigione spirituale durante il seminario che ho tenuto. Sembrava molto felice ed in uno stato d’animo molto migliore quel giorno. Qualche giorno fa improvvisamente mi ha detto di avere un cancro all’utero e che quello era il suo destino. Ha detto che vorrebbe fare una mostra con me.

“WO YE SHI” Performance and Theatre 2021, Photo: Roland Von der Emden

Qual è l’unico consiglio che vorresti aver ricevuto da giovane artista? Qual è un consiglio che sei contenta di aver ignorato? Che consiglio daresti alle donne che vogliono raggiungere i loro obiettivi e stanno affrontando i pregiudizi del patriarcato?

Quando ero più giovane, volevo sentirmi maggiormente incoraggiata. Volevo essere ispirata cognitivamente, non solo professionalmente, ma anche in termini di lettura. Seguo maggiormente la mia vocazione interiore e generalmente non ascolto troppo i consigli degli altri, a meno che non provengano da qualcuno che ammiro. Mi piace leggere e quando mi sento confusa, ho sempre letto libri per trovare la risposta. Sono contenta di non aver seguito il consiglio di mia madre: una ragazza dovrebbe solo avere un lavoro stabile e sposarsi, non avere aspirazioni troppo alte e non leggere troppi libri. E poi c’è stato quello del mio primo fidanzato che mi consigliava di rinunciare all’arte.

Direi alle donne:

  1. Leggete più libri femministi, imparate a conoscere cos’è il pensiero femminista ed i meccanismi attraverso i quali il genere si stabilisce nella società.
  2. Leggete altri libri di filosofia per comprendere lo sviluppo della mente umana.
  3. Leggete libri di sociologia per capire come funziona la società e per comprendere la giustizia sociale.
  4. Siate indipendenti finanziariamente, mentalmente indipendente e siate un individuo che vive e pensa in modo indipendente.
  5. Non vivete negli occhi degli altri, non conformatevi alle richieste ed alle regole che la società generalmente impone alle donne, ascoltate il vostro cuore e muovetevi verso il vostro obiettivo ideale.
  6. Siate il determinato anticonformista che siete.

Immagine in evidenza: “The Death of the Xinkai River” Photograph from the Performance 2008
Foto cortesemente concesse da Li Xinmo

Recent Posts

Apatia Elettorale nelle Recenti Elezioni Distrettuali di Hong Kong

Elezioni a Hong Kong: Affluenza Storica ai Minimi a Seguito della Politica dei 'Soli Patrioti'.…

3 mesi ago

Crescita delle Esportazioni della Cina per la Prima Volta in Sei Mesi

A novembre 2021, le esportazioni della Cina hanno registrato una crescita per la prima volta…

3 mesi ago

Prospettive di Credito della Cina Passano a Negative: Analisi di Moody e Impatto sul Mercato

Moody's Abbassa le Prospettive di Credito della Cina. Moody’s, un'agenzia di rating creditizio di primo…

3 mesi ago

Le tendenze del mercato azionario cinese nel contesto post-COVID-19: un’indagine empirica sulle variabili macroeconomiche e la resilienza del sistema finanziario

Come il COVID-19 ha trasformato il sistema finanziario e l'economia cinese. Nell'era post-COVID-19, l'economia cinese…

3 mesi ago

Creare il curriculum perfetto per un fotografo

Nel competitivo mondo della fotografia, dove la creatività incontra la professionalità, avere un curriculum eccezionale…

3 mesi ago

Il Vegetarianesimo in Cina: tra Passato e Futuro Sostenibile

Celebrazione del 1° Ottobre: Giornata Mondiale Vegetariana e il Vegetarianesimo in Cina. 1° ottobre Celebrazione…

5 mesi ago