L’affascinante Storia dei Monaci che Introdussero le Uova di Baco da Seta nell’Impero Bizantino

  1. Casa
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. Cultura cinese
  6. /
  7. L’affascinante Storia dei Monaci...

Lo spionaggio industriale nell’antichità: la storia dei monaci-spia che spezzarono due monopoli.

Grazie all’eliminazione degli intermediari (la Cina per la produzione di seta e la Persia per le rotte commerciali verso l’Occidente) dall’equazione dei costi, Costantinopoli divenne una nuova fonte di seta, rendendola più conveniente e accessibile in Occidente.

Immagine in evidenza: L’imperatore Giustiniano riceve le prime uova di baco da seta importate dai monaci nestoriani, lastra 2 da “The Introduction of the Silkworm” [Vermis Sericus] ca. 1595, autore: Karel van Mallery
Articoli correlati: Un Resoconto Cinese del III Secolo sull’Impero Romano

La seta era tra i prodotti di lusso più ambiti nel mondo antico. Costantinopoli, che godeva di una posizione privilegiata nel punto d’incontro di due continenti (Europa e Asia) e deteneva una posizione di comando nel commercio della regione del Mediterraneo orientale, era non solo il più grande consumatore di seta, ma anche di altri beni preziosi come spezie e gemme, tra cui lapislazzuli, smeraldi e soprattutto perle. Era anche il punto di ingresso più significativo per tutti i beni di lusso che affluivano in Occidente.

Origine della seta in Cina

La produzione di seta ebbe origine in Cina durante la cultura Yangshao, nel IV millennio a.C.. Solo con l’apertura della Via della Seta, nel 114 a.C., la sua produzione si diffuse in altre parti del mondo, anche se la Cina mantenne un monopolio virtuale sulla sua produzione per altri mille anni. In Cina la seta non veniva utilizzata solo per l’abbigliamento, ma anche per la scrittura e per altri scopi.

Sericulture The Process of Making Silk
Sericoltura, Il processo di produzione della seta (蚕织图) di Liang Kai (梁楷), 1200 ca.

Un tempo in Cina solo le donne potevano allevare i bachi da seta e un gran numero di loro lavorava nel settore della produzione della seta. Il principale dono diplomatico fatto dall’imperatore cinese alle nazioni vassalle o vicine per più di mille anni è stato proprio questo prezioso tessuto. La seta veniva usata così spesso che il suo carattere (糸), abbreviazione di seta, è diventato rapidamente uno dei radicali chiave della scrittura cinese.

Le prove archeologiche dimostrano che la seta era molto apprezzata nei Paesi stranieri molto prima dell’apertura della Via della Seta. Per esempio, essa è stata rinvenuta nella tomba di una mummia nella Valle dei Re in Egitto, risalente al 1070 a.C.. Sia i greci che i romani si riferivano ai cinesi come al “popolo della seta”. La rotta principale partiva da Xi’an, attraversava il deserto di Taklamakan prima di raggiungere le montagne del Pamir. Le carovane che percorrevano questa via per commerciare la seta con altri mercanti erano in genere di grandi dimensioni, con 100-500 persone e animali che trasportavano circa 140 chilogrammi di merce. La rotta era collegata ad Antiochia, sulla costa mediterranea. La durata del viaggio era di circa un anno partendo da Xi’an. Esisteva anche una rotta meridionale che attraversava lo Yemen, la Birmania e l’India prima di ricongiungersi alla rotta settentrionale.

“Durante la dinastia Tang, anche il colore della seta indossata aveva un significato sociale ed era un indicatore di classe sociale.”

Sericulture The Process of Making Silk 2
Sericoltura, Il processo di produzione della seta (蚕织图) di Liang Kai (梁楷), 1200 ca.

La richiesta di tessuti di seta provenienti dall’Estremo Oriente, che venivano poi rivenduti ai Romani dai Parti, segnò l’inizio di un commercio regolare con l’Asia non molto tempo dopo la conquista dell’Egitto nel 30 a.C.. Il Senato romano tentò di vietare l’uso della seta per motivi etici e pratici. L’abbigliamento in seta era visto come un simbolo di decadenza e immoralità, poiché l’importazione di seta cinese faceva uscire da Roma enormi quantità di ricchezza.

a Maenad wearing a silk garment in a Roman fresco from Pompeii from the first century AD
una Menade che indossa una veste di seta in un affresco romano di Pompei del I secolo d.C.

La Cina commerciava in seta, tè e porcellana, mentre l’Impero Romano esportava oro, argento, cristalleria pregiata, vino, tappeti e gioielli. I principali commercianti dell’antichità erano gli indiani e i bactriani, poi i sogdiani dal V all’VIII secolo d.C. e infine gli arabi e i persiani. Nonostante la seta fosse ben conosciuta in gran parte dell’Asia e dell’Europa, la Cina riuscì a mantenere per molti secoli un monopolio quasi totale sulla sua produzione, un segreto protetto da un ordine imperiale che giustiziava chiunque fosse stato sorpreso a cercare di esportare bachi da seta o le loro uova.

Silk Road Map
La cartina della via della seta

La seta nell’Impero bizantino

Il dominio persiano del commercio orientale della seta durante l’autorità del re sassanide Chosroes I, che regnò dal 531 al 579 circa, fu una delle cause principali dei numerosi problemi di acquisto della seta da parte dell’impero bizantino durante il periodo giustinianeo. Prima di allora, la seta proveniva dalla lontana Cina, allora conosciuta a Bisanzio come Serinda, un nome legato a sericus, la parola latina che indica la seta. Il costo dell’acquisto della seta era notevolmente gonfiato a causa del coinvolgimento di molti intermediari che aggiungevano i propri margini di profitto al prezzo originale. Maggiore era la distanza, più alto era il costo. La Cina si trovava ad almeno 4000 miglia di distanza da Costantinopoli via terra o via mare. Le rotte terrestri delle carovane per il trasporto della seta dovevano attraversare insidiose catene montuose che raggiungevano altezze superiori ai 4000 metri, spesso pericolose ed erano alla mercé delle scorribande dei banditi. Queste rotte attraversavano anche vasti deserti sferzati da frequenti tempeste di sabbia e punteggiati da poche oasi. Le rotte marittime erano altrettanto pericolose, con il rischio di pirateria o di acque agitate anche in caso di bel tempo. Inoltre, i vari popoli lungo queste rotte non erano sempre amichevoli nei confronti degli interessi bizantini e rendevano difficile il commercio. Il viaggio dalla Cina all’Impero bizantino durava circa 230 giorni, ovvero quasi due terzi di un anno, mentre il viaggio indiretto dalla Persia richiedeva diversi mesi ed era ancora più costoso.

The Incubation of the Silkworm Eggs Plate 3
L’incubazione delle uova di baco da seta Piastra 3

Fino al VI secolo, i Persiani sasanidi controllavano la regione della Mesopotamia tra l’Impero bizantino e l’Oriente. Dalla loro capitale, Ctesifonte, dominavano il percorso meridionale della Via della Seta attraverso il Golfo Persico e i bacini idrografici del Tigri e dell’Eufrate e controllavano il capolinea della maggior parte delle rotte marittime nel Golfo Persico. Giustiniano I, imperatore bizantino, riuscì a ottenere un certo accesso alle rotte settentrionali terrestri e marittime.

Contrabbando di uova di baco da seta nell’Impero Bizantino

Intorno al 552-563 d.C., i bachi da seta furono introdotti per la prima volta a Bisanzio dall’Asia. Secondo la leggenda, una delegazione di due monaci ortodossi orientali portò di nascosto le uova di baco da seta dalla Cina, dove erano gelosamente custodite come segreti di Stato. Procopio (Guerre VIII.xvii.1-7) racconta che alcuni monaci bizantini riferirono a Giustiniano che i Bizantini potevano evitare di commerciare con la Persia e l’India trattando direttamente con la Cina, perché la vera seta grezza può essere prodotta solo dal baco da seta (Bombyx mori), che consuma enormi quantità di foglie di gelso (Serinda). I monaci partirono quindi seguendo l’ordine imperiale, viaggiarono attraverso la Persia, aggirando Tashkent o Turfan, e tornarono in Cina contrabbandando uova di baco o, molto probabilmente, larve molto giovani. Da tempo si pensa che queste siano state trasportate direttamente a Costantinopoli tra il 552 e il 563 d.C., forse nascoste tra canne di bambù.

The Silkworm Eggs Spread Out On Shelves Plate 4
Le uova di baco da seta distribuite su scaffali Piastra 4

Per creare una significativa industria della seta nell’Impero Romano d’Oriente, utilizzando i metodi acquisiti dai Sassanidi, la fabbrica ecclesiastica dell’Impero Bizantino dovette essere in grado di produrre indumenti per l’imperatore. Grazie all’attenzione dedicata alla tessitura e alla decorazione della seta bizantina, realizzata con tecniche di tessitura egiziane, questo prodotto divenne rinomato per la sua eccezionale qualità.

Attraverso la Sicilia, i bachi da seta furono introdotti in Italia nel XII secolo e nel XIII secolo la sericoltura – la coltivazione dei bachi da seta – si era trasferita nella Pianura Padana. Nel XVI secolo la sericoltura era stata portata nella regione di Como. Poiché i bachi da seta hanno bisogno di una temperatura continua e moderata, intere parti di cascina erano dedicate a loro e le famiglie spesso aiutavano accendendo fuochi 24 ore su 24 per mantenere il giusto calore.

Fonti: 1234; in inglese: How A Few Monks Smuggled Silkworm Eggs Into The Byzantine Empire

Previous

Le restrizioni verso gli intellettuali cinesi persistono nonostante la fine della politica Zero COVID

Guarda i migliori film classici cinesi, 1927-1949, parte 1

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: