Le Storie Sovrannaturali di Ji Yun: Racconti di Fantasmi Cinesi

Spiriti, Fantasmi e Volpi nelle storie di Ji Yun

Ji Yun (紀昀, 1724-1805), noto anche come Ji Xiaolan, alto funzionario della dinastia Qing e filosofo, politico e scrittore, pubblicò tra il 1789 e il 1798 cinque volumi di note (biji, 笔记 note casuali) e zhiguai (志怪 descrizione di anomalie) su temi naturali e soprannaturali. Ognuno di questi racconti riscosse rapidamente un grande successo. Sheng Shiyan, un pupillo di Ji Yun, pubblicò tutti i circa 1200 racconti in una collezione intitolata Yuewei caotang biji (閱微草堂筆記, Note della dimora di paglia delle osservazioni ravvicinate) , nel 1800.

Articoli correlati: Demoni, mostri e fantasmi del Folklore cinese; La Magia Nera cinese

Ji Yun raggiunse la fama intellettuale nel 1747, dopo aver ottenuto il massimo riconoscimento agli esami provinciali. Molti anni dopo, nel 1754, ricevette il grado di jinshi e frequentò l’Accademia di Hanlin. La carriera di Ji Yun, d’altra parte, non fu priva di sfide. Nel 1768 divenne complice in un caso di corruzione dopo aver informato un cognato della gravità delle accuse contro di lui, per cui fu esiliato a Dihua, nella provincia dello Xinjiang.

Al suo ritorno dallo Xinjiang nel 1771, mentre l’imperatore tornava da Jehol a Pechino, Ji fu accolto dall’imperatore Qianlong, che gli ordinò di scrivere una canzone sul ritorno dei mongoli di Turgut dalle rive del Volga. La presentazione di Ji della storia ispiratrice del ritorno a casa dei mongoli esiliati, successivamente immortalata in inglese dal poeta Thomas de Quincey (1785-1859) nella sua epopea ‘La Rivolta dei Tartari’, entusiasmò l’imperatore, che lo nominò poeta laureato non ufficiale.

Ji Yun fu rilasciato un anno dopo e, durante il suo viaggio di ritorno nel 1771, produsse un resoconto di viaggio condensato in 160 poesie intitolate Xinjiang zalu (新疆杂录; Versi assortiti sullo Xinjiang). Si tratta ancora oggi di una delle fonti cinesi più utili sulla vita nella provincia dello Xinjiang verso la fine del Settecento.

Ji Yun fu uno dei tre principali scrittori di storie bizzarre durante la dinastia Qing in Cina (gli altri due furono Pu Songling e Yuan Mei). Le sue storie comprendevano racconti bizzarri “reali”, indagini paranormali, storie dell’orrore, parabole, resoconti di strani eventi naturali e rappresentazioni sarcastiche di importanti professori neoconfuciani e capi di governo.

Gli zhiguai sono narrazioni che appartengono alla letteratura didattica e hanno lo scopo di insegnare e convincere il lettore o l’ascoltatore. Per la prima volta, gli zhiguai furono raccolti e pubblicati sistematicamente su vasta scala durante le Sei Dinastie (222-589). Gli zhiguai sono legati ai testi storici per la loro origine e la loro pretesa di autenticità, anche se la loro sostanza riflette le credenze popolari. A partire dallo Zi bu yu di Yuan Mei (1716-1798) nel 1788 e fino alla pubblicazione del quinto volume di Ji Yun nel 1798, il XVIII secolo vide la pubblicazione di un numero di zhiguai mai visto prima. La raccolta più nota oggi è Liaozhai zhiyi di Pu Songling (1640-1715), pubblicata nel 1766.

Le cronologie di Ji Yun sono scritte in uno stile tradizionale, semplice e diretto. I racconti Yuewei caotang biji coprono un’ampia gamma di temi. Comprendono osservazioni comuni e caratterizzazioni dell’umanità, oltre a racconti su divinità, fantasmi, inferi, volpi e demoni, nonché sull’influenza del cielo. I nomi di persone, luoghi e date sono spesso citati in questo genere, per cui molti narratori, protagonisti e commentatori possono essere riconosciuti ancora oggi. Oltre a importanti contemporanei, la raccolta cita servi, contadini, uomini d’affari, monaci e monache. La maggior parte delle storie si svolge durante la vita di Ji Yun e nella sua zona di origine, nel nord-est della Cina.

L’ironia è stata utilizzata da Ji Yun e dagli altri narratori aristocratici per attaccare alcune caratteristiche della società del XVIII secolo. La raccolta indaga i numerosi concetti di creature soprannaturali e le loro relazioni umane.

Secondo la visione del mondo di Ji Yun, il “soprannaturale” non esiste, poiché tutto, per quanto insolito, è normale e ha uno scopo. Ji Yun cerca spesso di spiegare e interpretare le questioni in termini scientifici, morali o filosofici. In alcune circostanze, confessa di non avere una risposta perché, come dice egli stesso, la comprensione umana è limitata.

Di seguito possiamo leggere un breve racconto che compare nello Yuewei caotang biji tradotto da Nicholas J. Cogswell.

***

“Dai Dongyuan ha raccontato che uno dei suoi prozii una volta affittò una stanza vuota in un vicolo remoto. Alcune persone dissero che c’era uno spirito, dato che nessuno viveva lì da molto tempo. Il prozio dichiarò con voce severa che non aveva paura. Durante la notte, uno spirito rivelò la sua forma sotto una lanterna e un odore spettrale penetrò nella carne di Dai.

Il grande spirito disse con rabbia: “Davvero non hai paura degli spiriti?”.
Il prozio rispose: “Davvero”.
Lo spirito allora esibì ogni tipo di forma terrificante e dopo un po’ chiese di nuovo: “Non hai ancora paura?”.
Il prozio rispose di nuovo: “Non ne ho”.

Il colorito dello spirito si rilassò un po’ e disse: “Non insisterò per allontanarti. Basta che tu dica “ho paura” e io me ne andrò immediatamente”.

Lui rispose furioso: “Non ho paura di te, come potrei mentire? Fai quello che vuoi”.

Lo spirito lo implorò più volte, ma lui non rispondeva. Lo spirito sospirò e disse: “Vivo qui da più di trent’anni e non ho mai incontrato una persona testarda come te. Come potrei vivere con una creatura così sciocca?”. Poi lo spirito scomparve.

Alcune persone rimproverarono lo zio, dicendo: “È di buon senso per un uomo temere gli spiriti, e non è affatto vergognoso. Se tu avessi finto e risposto ‘ho paura’, avresti facilmente evitato i problemi. Cosa avreste fatto se lo Spirito non avesse desistito?”.

Egli disse: “Coloro che hanno raggiunto un profondo merito attraverso la pratica del Taoismo si affidano alla propria composizione stabile per scacciare gli spiriti maligni, ma io non sono quel tipo di persona. Ho dovuto usare il mio vigore per contrastarlo. Se sono energico, lo spirito non oserà avanzare. Cedere solo un po’ significa scoraggiarsi, per cui lo spirito coglierà subito l’occasione ed entrerà. Lo spirito voleva attirarmi con tutti i mezzi possibili, ma per fortuna non sono caduto nella sua trappola”. La gente discusse la questione e tutti concordarono che aveva ragione”.

Traduzione di Nicholas J. Cogswell, fonte: Strange and Supernatural Tales: A Translation of “Luanyang Xulu Wu” from Ji Yun’s Yuewei Caotang Biji

Immagine in evidenza: Daji from the Hokusai Manga

Breve Storia del Cinema di Taiwan

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.