Intervista a Xiaoning Lyu, fondatrice della comunità artistica VIVA LA VIDA

  1. Casa
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. Arte cinese
  6. /
  7. Saggi, articoli & interviste
  8. /
  9. Intervista a Xiaoning Lyu,...

Fondatrice della comunità artistica globale VIVA LA VIDA

Xiaoning Lyu è fondatrice di Viva La Vida, consulente del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, cancelliere tedesco, sherpa cinese presso G20 Young Entrepreneur Alliance, Global Shaper del World Economic Forum e Forbes 30 under 30. Nel gennaio 2018, quando Xiaoning varcava la soglia de La Casa Azul, la casa di famiglia di Frida Kahlo a Coyoacán, in Messico, fu toccata da un particolare dipinto chiamato Viva la Vida. Il suo ultimo lavoro, completato nel 1954 in seguito alle complicazioni di una gamba amputata, appena otto giorni prima della sua morte. Frida non ha mai permesso che le sue disabilità fisiche la mettessero al tappeto. E’ stata ispirata da Frida che ha convertito tutto il dolore ed il dolore che ha vissuto nella vita nella vivacità e nell’audacia dei suoi dipinti. L’esperienza di Kahlo ha permesso a Xiaoning di sentire il potere della pittura. Ha invitato i passanti a dipingere le loro vite, incoraggiando le persone a illustrare le loro risposte a questa domanda: “Com’è la tua vita? Lei ha continuato a presentare il suo esperimento in molte strade e paesi. Spera che questo possa essere un punto di partenza dove le persone si ispirano e iniziano a pensare a cosa significhi veramente la loro vita. Viva la Vida ha ora una comunità globale di persone provenienti da diversi paesi che hanno una grande curiosità e compassione verso gli altri esseri umani e raccoglie continuamente le loro storie.

Official site

Puoi parlarci un po’ di te e del tuo background?

Sono Xiaoning, oggi vivo tra Berlino e Pechino. Sono la fondatrice di Viva la Vida, anche consulente del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, cancelliere tedesco, Sherpa della Cina al G20 Young Entrepreneur Alliance, Global Shaper del World Economic Forum e Forbes 30 under 30. Sono appassionata del campo della creatività e della comunicazione interculturale. Ho fondato Viva la Vida nel 2018. È una comunità globale in oltre 50 paesi in cui le persone si connettono e condividono le loro storie di vita attraverso l’arte. Successivamente ho avviato un fondo di beneficenza incentrato sull’uso dell’arte e della creatività per migliorare le condizioni di salute mentale dei giovani. Da allora, cento campioni olimpici sono diventati i nostri ambasciatori.

Cosa ami di più dell’arte? Qual è la tua filosofia artistica? Che cosa ha fatto l’arte per la tua vita personale?

È nella natura umana dare un senso agli eventi che accadono nelle nostre vite. Credo che il processo di creazione dell’arte possa essere uno strumento molto potente per guardarci dentro, capire e quindi esprimere con creatività. E l’intero processo di dare un senso e ottenere chiarezza dal caos e dalla confusione ci guarisce. La parte speciale dell’arte, rispetto ad altri mezzi che usiamo per dare un senso come la filosofia, è che l’arte abbraccia l’emozione e la spontaneità. Non è un processo rigido e logico come la filosofia. Ma è la natura fluida del fare arte, che lo rende più vicino al nostro cuore e alla nostra anima rispetto a qualsiasi altro mezzo. Inoltre, il valore estetico dell’arte può semplicemente darci gioia. E l’opera d’arte che creiamo agisce come un messaggero che porta la nostra comprensione di sé e la contemplazione della vita in questo momento specifico, quindi trascende il tempo e lo spazio fisico, per aiutare a connetterci con menti e anime simili per noi. È così che l’arte rende eterna la nostra esistenza transitoria nel tempo. Com’è bello.

WechatIMG6409
“Viva La Vida” è una frase spagnola che significa “Vivi la vita”. È anche il nome di un dipinto creato dall’artista messicana Frida Kahlo. Questo dipinto è stata la sua ultima opera d’arte.

Sei la fondatrice di “Viva la Vida”, come ha preso vita questo progetto di esperimento artistico globale?

Mio nonno è morto nell’autunno del 2017. Ho iniziato a mettere in discussione il significato della vita: Se non importa quanto sia stata favolosa la propria vita, e non si può lasciare nulla dopo la propria morte, allora qual è il significato della vita? Per caso, ho visto il film Coco e ho conosciuto il Giorno dei Morti nella cultura messicana. Sono stata molto ispirata e ho deciso di volare a Città del Messico per capirne di più. Lì ho “incontrato” Frida Kahlo ed il suo famoso dipinto di anguria chiamato “Viva la Vida”. La sua storia di vita ed il suo atteggiamento mi hanno ispirato e mi hanno fatto chiedere di nuovo: qual è il significato della vita, per me e per molti altri? Il giorno dopo sono tornata al museo di Frida Kahlo e ho iniziato a sedermi per strada e ho chiesto ai passanti di fare un disegno per rispondere alla domanda: Qual è il senso della tua vita. In tre ore ci sono state 70 persone che hanno disegnato la loro vita per me. I lavori erano favolosi. Quell’anno ho viaggiato in dieci paesi. Ovunque andassi, portavo con me questo piccolo esperimento di strada, sedendomi in una via invitavo estranei a disegnare. In seguito alcune persone che avevano disegnato le loro vite per me hanno pensato che questo concetto fosse piuttosto interessante e hanno iniziato a tornare nel loro quartiere e chiedere a più persone di disegnare. In un anno è passato da un semplice e spontaneo esperimento di strada ad un movimento artistico globale in più di 60 paesi. Abbiamo avuto 20.000 persone che hanno disegnato le loro vite per noi e abbiamo messo i disegni sul nostro sito Web come galleria online. Questo è un perfetto esempio di come l’arte possa trascendere confini, religioni e linguaggi e creare.

Viva La Vida è un esperimento artistico globale che esplora il significato della vita. In questo progetto, le persone sono invitate a rispondere a una semplice domanda “Qual è la tua vita” disegnando un’immagine sul posto o online. Viva La Vida incoraggia le persone a utilizzare il mezzo artistico per pensare ed esplorare profondamente lo scopo della vita. Il primo evento offline si è tenuto a Città del Messico, dove la fondatrice Xiaoning Lyu ha raccolto circa 70 opere d’arte in quattro ore. Finora, Viva La Vida è diventata gradualmente un movimento artistico open source globale. Chiunque può ospitare un esperimento artistico offline Viva La Vida per raccogliere i disegni delle persone. VIVA si è unita alla Beijing Star Power Charity Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro formata da oltre 120 campioni olimpici e mondiali, ed ha fondato un programma di beneficenza a sostegno della salute mentale dei giovani. Il programma mira a stabilire servizi di consulenza nelle scuole medie e ad offrire corsi di salute mentale, sviluppati da esperti professionisti. VIVA aspira ad aiutare le persone a capire meglio se stesse e quindi imparare a comunicare meglio con persone di diversa estrazione. Viva la Vida mira a costruire il più grande database sull’umanità ed ha collaborato con organizzazioni tra cui UN, Facebook, China Unicom, Vanke, G20 YEA, ecc. Combina il potere della tecnologia e dell’umanità, utilizzando l’algoritmo di riconoscimento delle immagini e apprendimento automatico per analizzare l’implicazione culturale dietro ai disegni.

“Abbiamo invitato persone dai bassifondi del Kenya, un ospedale oncologico per bambini in Romania e un centro di cura per bambini autistici in Cina ad abbozzare le parti più brillanti e fragili della loro vita.” – Xiaoning Lyu

WechatIMG6404

Qual è la missione di “Viva la Vida”? Quali obiettivi e traguardi ha raggiunto finora?

Come ho detto in precedenza sul potere dell’arte e della creatività nel dare un senso e nella guarigione, credo che la missione di Viva la Vida sia invitare più persone in questo viaggio, per capire meglio chi siamo attraverso la creatività. Non abbiamo bisogno di un terapeuta che si sieda di fronte a noi e dia un senso alla nostra vita per noi. Ciò di cui abbiamo bisogno è un’esperienza creativa fluida con una struttura guida adeguata, così possiamo di tanto in tanto ricordare a noi stessi di tornare allo scopo di questa attività (cioè la comprensione di sé) e non perderci facilmente nelle onde delle emozioni e l’emergere di idee. Credo che la tecnologia abbia un ruolo centrale in questo processo. Attraverso la tecnologia, l’esperienza artistica può essere molto più semplice e conveniente – dopotutto, non tutti sono artisti professionalmente formati, ma ognuno di noi ha l’istinto umano di creare. La tecnologia può anche migliorare la connettività: condividendo le nostre opere d’arte e osservando quelle degli altri, vediamo più possibilità, quindi siamo in grado di fare una scelta consapevole di ciò che vogliamo per la vita. Questo è ciò che crediamo: fare arte con l’aiuto della tecnologia, non solo per artisti professionisti ma per tutti, può diventare uno strumento molto potente per migliorare il nostro benessere mentale. In questo momento, con il fondo di beneficenza di VIVA, abbiamo sviluppato workshop e sessioni per i giovani per affrontare le sfide della vita quotidiana attraverso la creazione artistica e comprendere meglio se stessi. I prossimi passi sarebbero lo sviluppo di un prodotto tecnologico per raggiungere la missione sopra indicata.

“Spero di fornire agli studenti un luogo in cui possano ritrarre le loro incertezze più recondite e ricevere la giusta guida.” – Xiaoninig Lyu

WechatIMG6400

Come sono state le reazioni delle persone? Dal tuo punto di vista, quali sono le principali differenze nella risposta da paese a paese? I social media hanno livellato le differenze culturali al giorno d’oggi?

Le persone mi hanno fatto spesso questa domanda: qual è lo schema che hai trovato dopo aver invitato così tante persone a disegnare il loro significato della vita. Certo, posso darti alcune risposte: alcune persone disegnano ciò che è importante per loro nella vita (es. persone importanti, sogni, ciò in cui credono, ecc.), alcune persone disegnano eventi o momenti importanti della vita, alcune persone fanno disegni da concetti astratti (es. amore, verità, bellezza, ecc.); le persone dei paesi tropicali tendono a disegnare in modo più colorato, mentre i disegni di città che sono centri finanziari (come Hong Kong e Singapore) tendono ad essere un po’ più noiosi e privi di creatività. Ma no, non voglio e non voglio vedere le cose in questo modo. Fare arte è un’esperienza molto personale che porta molto significato profondo ed intimo per la persona che la crea. È pericoloso trattare l’arte in modo statistico, soprattutto se si tratta di un’opera d’arte che riguarda questioni profonde come il senso della vita. Quindi, invece di generalizzare e classificare l’opera d’arte che raccogliamo, incoraggio tutti a guardare ogni pezzo di disegno come se incontraste questo essere umano vivace che lo ha creato, per cercare di capire cosa conta per questa persona e perché disegna in quel modo, ed accettare ed abbracciare così com’è senza giudizio ma con il cuore. Perché per me lo sforzo stesso di capire è amare. E amare gli estranei che non hanno assolutamente alcun legame con la tua vita è amare la tua stessa vita nel senso più abbondante.

Il tema della Giornata internazionale della donna, 8 marzo 2022, è “Uguaglianza di genere oggi per un domani sostenibile”. Quali sono i tuoi migliori auguri e consigli?

Incoraggerei ogni donna a guardare a se stessa e alle differenze di genere attraverso una lente più positiva: essere donna significa avere questa straordinaria femminilità per nascita, e femminilità significa bellezza, eleganza, sensualità, passionalità e sensibilità, fluidità, forza, ecc. così tanto per nascita, e tutti sono potenti. Se vogliamo essere percepiti e trattati con maggiore uguaglianza e rispetto, dobbiamo prima percepire e trattare noi stessi in modo amorevole. Quindi, sii l’amore e la casa per te stesso, sii forte, sii appassionato e determinato, sii bello e sexy e osa volare.

“Questo mi ha davvero ispirato. Se l’arte è la connessione tra Frida e la sua vita, quali sono le connessioni tra le altre persone e le loro vite? In che modo le persone percepiscono la vita in modo diverso? Ecco da dove viene questo progetto artistico.” – Xiaoninig Lyu

IMGL1249

Foto cortesemente concesse da Xiaoning Lyu

Previous

Intervista con l’Artista di Graffiti Alana Tsui

La Cina invia militari mentre Shanghai ha ordinato di testare 26 milioni di residenti per Covid

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.