Intervista con l’Artista di Graffiti Alana Tsui

  1. CinaOggi
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. Società in Cina
  6. /
  7. Design in Cina
  8. /
  9. Intervista con l’Artista di...

Artista freelance specializzata in murales su misura.

Alana Tsui è un’artista di murales neozelandese che vive a New York. È nata e cresciuta in Nuova Zelanda da genitori di Hong Kong e Shanghai. Ha lavorato a una moltitudine di progetti oltre ad essere un’artista di murales freelance, è una modella ed un’influencer. Alana ha un diploma d’arte specializzato in fashion design. Quando si è trasferita a New York City, dopo gli studi, Alana è diventata un’artista di murales grazie al suo talento. I social media sono stati un ottimo trampolino di lancio e piattaforma che l’ha aiutata a tuffarsi nella carriera dei murales. Ha lavorato a stretto contatto con diversi marchi di moda nello styling e nella creazione di contenuti. Alana ha disegnato per diversi marchi; M.A.C., YSL, TUMI, Lululemon, Lane Crawford, Calvin Klein tra gli altri. Quando Alana si è trasferita a Hong Kong e ha dipinto al WeWork a Causeway Bay, al Cross Cafe a Sai Ying Pun e in molti bar e showroom: ha lasciato la sua impronta in città. Alana è appassionata del suo lavoro e realizza disegni murali d’arte personalizzati in base alle richieste dei clienti, portando qualcosa di fresco e aggiungendo sempre il suo stile personale. I suoi dipinti murali sono rilassanti ed allo stesso tempo pieni di dettagli meticolosi, motivi audaci. Le sue opere possono essere riconosciute anche da temi monocromatici significativi e dettagli simbolici nascosti. Trae ispirazione da tutto, specialmente dai suoi viaggi. Poiché è nata e cresciuta in Nuova Zelanda, è influenzata anche dalla tradizione Maori. Nelle sue incredibili opere d’arte si possono trovare anche elementi Feng Shui e calligrafia cinese. Ha personalizzato ed incarna le migliori tendenze urban-chic globali anche con l’obiettivo di creare hot spot in tutto il mondo, che portino le persone nei luoghi, negli edifici o nelle aree urbane. I suoi murales possono anche essere una sorta di arte interattiva che le persone possono utilizzare per creare un ritratto personale come ricordo o per condividere foto sui social media.

Official site | Instagram , 2 | Facebook

Puoi parlarci un po’ di te? Ho letto che ti sei laureata in Fashion Design e che eri una stilista di moda a tempo pieno per HYPEBEAST quando ti sei trasferita per la prima volta a Hong Kong. Cosa ti ha spinto a iniziare a realizzare murales d’arte? Cosa ti ha spinto a scendere in strada?

Sono nata e cresciuta in Nuova Zelanda, dopo essermi laureata in Fashion Design, mi sono trasferita a New York per un anno e mezzo dove ho iniziato a dipingere murales. All’epoca vivevo in un loft a Chinatown con pareti grigie molto opache, quindi ho ridipinto la stanza di bianco, ma quando sono arrivata al quarto muro, ho finito la vernice quindi ho iniziato a scarabocchiare ed è uscito un intero murale . Ho amato la libertà di potermi esprimere attraverso la pittura su larga scala, è una sensazione molto liberatoria che non ho mai provato crescendo a casa dei miei genitori. Ho iniziato a dipingere tutte le altre pareti della mia stanza e l’ho pubblicato sui social media. Da lì, le persone hanno iniziato a chiedermi di dipingere per i loro appartamenti, uffici, ecc. ed il murale più grande che ho progettato ed eseguito è stato per The Thompson Hotel a Tribeca quell’anno. Quando il mio visto è scaduto, mi sono trasferita a Hong Kong e ho lasciato per un po’ la pittura, lavorando a tempo pieno per HYPEBEAST come stilista di moda. Attraverso la comunità della cultura di strada in cui mi trovavo, mi è stato chiesto di dipingere per un paio di aziende come Vans, Ecko, Wework e una campagna di street art chiamata “Love is Wild: Walls of Change”, insieme ad alcuni artisti famosi come Shepard Fairey e HOPARE , che mi ha ispirato a dedicarmi alla pittura murale a tempo pieno.

alana tsui graffiti artist 002
L’artista di murales Alana ha trasformato quello che originariamente era nato come un hobby in una carriera di successo

Dove trovi l’ispirazione quando inizi un nuovo progetto? Cosa vuoi comunicare con la tua opera?

La mia ispirazione è in continua evoluzione. Sono influenzata da ciò che mi circonda e dalle diverse fasi della vita, trovo di essere naturalmente più attratta dai motivi e dai toni monocromatici che sono prevalenti nel mio stile artistico. Mi sforzo di creare pezzi che esibiscano un equilibrio complesso di linee pulite, fluide e intricate che siano allo stesso tempo organiche ma accattivanti, con elementi nascosti integrati all’interno, per portare nuove dimensioni a ogni opera d’arte.

Quanto tempo dedichi generalmente a un lavoro murale, considerando anche l’aspetto progettuale?

Varia da murale a murale a seconda delle dimensioni e della complessità del design. In genere dedico da pochi giorni ad una settimana sul progetto iniziale da mostrare al cliente, se viene approvato immediatamente, passerei alla pittura, ma se vogliono modifiche, andiamo avanti ed indietro, il che può andare avanti per alcune settimane fino a quando abbiamo ancora il design bloccato. Per quanto riguarda l’esecuzione effettiva della pittura del murale, varia anche da pochi giorni fino ad una settimana, ma di solito dipingo abbastanza velocemente.

alana tsui graffiti artist 003
Realizza numerosi murales diversi concentrandosi su pennellate pulite. Alana ama lavorare su murales su larga scala. Il suo stile artistico mostra un equilibrio di linee ordinate, audaci e fluide che sono allo stesso tempo motivi organici che fluiscono con dettagli meticolosi

Hai qualche superficie preferita? Con quale supporto ti piace di più lavorare attualmente?

Una superficie liscia aiuta sempre in modo che la vernice possa scivolare uniformemente senza che io debba ripassare le linee numerose volte, ma nel corso degli anni mi sono trovato a mio agio a lavorare su tutti i tipi di superfici, dai muri di cemento, legno, mattoni alle griglie metalliche. Per la precisione nel mio lavoro in linea, preferisco dipingere con i pennelli e la pittura per la casa per un maggiore controllo.

Mercury Rooftop
Mercury Rooftop

Come descriveresti il tuo ambiente di lavoro ideale? Come vedi e senti il progetto fondersi con lo spazio circostante? Hai una lista dei desideri di luoghi in cui vorresti andare per creare nuove opere d’arte di murales?

Mi piace sempre andare a fare una visita in loco ed incontrare il cliente prima di iniziare il processo di progettazione, così posso davvero avere un’idea dello spazio di persona, per garantire che lo stile dell’opera d’arte si adatti. Il mio ambiente di lavoro ideale sarebbe semplicemente un muro ben preparato, pulito, con la base preparata ed eventuali crepe e buchi da riparare prima di iniziare il mio lavoro. Mi piace anche dipingere per ore e ore quando entro nella modalità, quindi è meglio quando ho 24 ore di accesso allo spazio. Non ho una lista dei desideri specifica dei luoghi dove mi piacerebbe creare murales, sono aperta a tutto e mi piace dipingere per una varietà di clienti, aziende e progetti per espandere e spingere i miei confini. Tuttavia, desidero dipingere in ogni paese che visito, diffondere la mia arte a livello globale e poter aggiungere più aziende e indirizzi dei miei murales alla mappa del tesoro per il mio REAL FACE NFT titolari come parte dell’utilità di possedere uno dei miei NFT, offrendo loro offerte speciali e accesso esclusivo a ogni luogo. Per favore controlla www.realfacenft.io per maggiori informazioni sulla mia serie NFT che ho appena lanciato con 7753 pezzi unici, 1 su un milione per i 7,753 miliardi di persone sul pianeta.

alana tsui graffiti artist 004
L’arte di Alana è sempre stata progettata per ispirare, portare luce e trasmettere messaggi positivi alle masse

Quali sono state le maggiori sfide nella realizzazione dei murales? E le situazioni inaspettate durante il lavoro su un murale? Hai una storia di pittura da incubo?

Sono principalmente i murales all’aperto che potrebbero avere più complicazioni poiché la qualità del muro esterno potrebbe essere in cattive condizioni o la sequenza temporale della pittura potrebbe essere disturbata dal tempo. Il lavoro più impegnativo che ho fatto è stato il murale a due piani per gli appartamenti serviti da The Mercury a Hong Kong. Sono volata da New York per dipingere, ma c’è stato un tifone in quei pochi giorni in cui sono stata in città. Quindi abbiamo dovuto drappeggiare un enorme telo di plastica su di me e sul boomlift in modo da poter dipingere senza essere inondata dalla pioggia. Era come essere in un locale caldaia sotto la copertura e non potevo nemmeno fare un passo indietro per guardare quello che dipingevo, quindi ho dipinto a mano libera l’intero disegno simmetrico, sperando per il meglio, che risultasse uniforme e proporzionato. È stato solo quando ho finito completamente e abbiamo tolto la copertura per lo svelamento del murale davanti a fotografi e giornalisti che ho avuto modo di vederlo a grandezza naturale per la prima volta. È stato piuttosto snervante, ma fortunatamente alla fine si è rivelato come me lo immaginavo.

alana tsui graffiti artist 005

Dalla Nuova Zelanda ad Hong Kong e New York. Com’è la scena della street art? Quali sono i maggiori vantaggi, quali sono le principali differenze che hai riscontrato?

La mia carriera di pittura murale è iniziata dopo aver lasciato la Nuova Zelanda, quindi ho molta più esperienza nella scena della street art a New York ed Hong Kong. Nonostante ciò, ho avuto la fortuna di aver dipinto alcuni murales ogni volta che sono tornata in Nuova Zelanda per visitare la mia famiglia nel corso degli anni. Sia New York che Hong Kong sono uniche e stimolanti a modo loro, ovviamente la scena della streetart a New York è molto più consolidata con alcuni degli artisti di strada più leggendari. La quantità di murales in continua evoluzione da vedere, specialmente a Brooklyn, è sorprendente, c’è sempre qualcosa di nuovo da scoprire. Considerando che la scena della streetart di Hong Kong è cresciuta notevolmente negli ultimi anni, mostrando alcuni dei migliori lavori di artisti locali ed internazionali in un ambiente molto più compatto, ed una volta che hai lanciato un paio di murales sui muri, è abbastanza facile farsi notare nella scena.

alana tsui graffiti artist 006

In che modo vivere in città internazionali, con culture diverse, ha influenzato lo sviluppo della tua carriera artistica?

Ha decisamente ampliato la mia visione dell’essere un artista a tempo pieno essendo immersa in comunità così creative e guidate dall’arte, in queste grandi città con infinite opportunità. Ho anche scoperto che le diverse culture hanno influenzato lo stile delle mie opere d’arte lungo la strada, poiché ho iniziato con lo stile dei modelli delle isole del Pacifico, ma quando mi sono trasferita a Hong Kong e sono entrata in contatto maggiormente con le mie radici asiatiche, il mio stile si è evoluto ed ha incorporano tratti simili alla calligrafia cinese ed i design si integrano con molti elementi di influenza asiatica come pesci koi, fiori di loto ed uccelli della fenice.

alana tsui graffiti artist 010

Qual è secondo te il ruolo della street art nella società?

La streetart è molto più accettabile in questi giorni come forma d’arte a sé stante piuttosto che vederla come graffiti o vandalismo. I murales dipinti a mano vengono utilizzati per la pubblicità, portando una certa estetica negli spazi per renderli “instagrammabili” per aiutare le aziende a farsi notare. La maggior parte delle volte la street art viene utilizzata per trasmettere un certo messaggio positivo, per portare consapevolezza sull’attualità nella società, il che è stato molto efficace in quanto è in grado di catturare l’attenzione del pubblico in un modo più divertente e visivo.

Macaron Parlour 1

Episodi razzisti nei confronti di persone di origine asiatica sono stati al centro dello scoppio della pandemia di COVID-19. Hai lavorato ad un murale incentrato su Stop alla discriminazione contro gli asiatici. Puoi dirci di più a riguardo?

C’è stato un lungo periodo di tempo in cui gli asiatici sono stati minacciati per essere in giro per New York City, sono sicura che sia accaduto anche in altre aree/paesi, ma da quello che ho vissuto, la Chinatown di New York è stata fortemente colpita, dal punto di vista della sicurezza e con molte attività che hanno dovuto chiudere. MuralsforGood è un’organizzazione senza scopo di lucro che lavora con artisti di murali locali per abbellire la città, utilizzando il potere dell’arte pubblica per promuovere l’uguaglianza, l’inclusione e l’appartenenza. Mi hanno avvicinato per fare un murale per un’attività di Macaron che stava riaprendo dopo un lungo periodo di chiusura durante il covid. Sono stata onorata di far parte di una buona causa, avevano anche un programma di lavoro con i giovani della Carnegie Hall per toglierli dalle strade facendoli dipingere in loco con gli artisti. È stato un pezzo molto significativo per aumentare la consapevolezza contro il razzismo nei confronti degli asiatici, qualcosa che ho vissuto per tutta la vita, poiché è stato qualcosa che ho vissuto anche crescendo in Nuova Zelanda.

Foto cortesemente concesse da Alana Tsui

Previous

Intervista con la Compositrice di Musica Classica Carmen Ho

Intervista a Xiaoning Lyu, fondatrice della comunità artistica VIVA LA VIDA

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.