Intervista con la Compositrice di Musica Classica Carmen Ho

  1. Casa
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. Musica in Cina
  6. /
  7. Intervista con la Compositrice...

Giovane e talentuosa compositrice di musica orchestrale e strumentale.

Carmen Ho è una compositrice di musica orchestrale, strumentale e corale che risiede nel Regno Unito. Ha ricevuto numerosi premi tra cui il Royal Philharmonic Society Composition Prize nel 2018 e, più recentemente, il 4° premio al Toru Takemitsu Composition Award 2020. Carmen ha lavorato con musicisti come BBC Singers, BBC Symphony Orchestra, Bristol Ensemble, Bristol University Symphony Orchestra, Ensemble 360, Ensemble Variances, Hong Kong Philharmonic Orchestra, Kokoro, Musikfabrik, Riot Ensemble, The Bach Choir e Tokyo Philharmonic Orchestra. Ha partecipato alla Summer School presso il Royal Conservatoire of Scotland (2016), Kyiv Contemporary Music Days (2016), Bournemouth Symphony Orchestra Composers’ Day (2017) e (2019), Bristol New Music (2018) e Hong Kong Philharmonic Orchestra Schema Compositori (2019/20). Carmen ha completato il suo dottorato di ricerca in composizione all’Università di Bristol, sotto la supervisione del professor John Pickard.

Official site | Twitter | Soundcloud

Qual è la storia dietro la tua motivazione negli studi di musica? Quali sono i tuoi ricordi d’infanzia più belli legati alla musica? Crescendo, quali erano le tue influenze?

Sono stata esposta alla musica in tenera età. I miei genitori non sono musicisti professionisti ma amano la musica e gran parte della mia prima infanzia è stata dedicata alla musica a casa. Penso che uno dei migliori ricordi d’infanzia legati alla musica sia stata la mia prima esperienza di concerto di musica classica. All’epoca avevo circa 6 anni e mio padre mi portò a vedere un concerto sinfonico presso la sala da concerto dell’Hong Kong Cultural Center. Sono stata affascinata dai diversi strumenti orchestrali sul palco e sono riuscita a stare seduta per l’intero concerto. E direi che questo ha un aspetto importante se si considera che fu il mio primo sviluppo come musicista.

Quando e come hai capito che volevi diventare una compositrice?

Ho iniziato a comporre quando ero nel mio sesto anno di formazione come parte del corso e devo confessare che all’epoca non mi piaceva. Non avevo un grande interesse per la composizione musicale fino al mio secondo anno di diploma, quando le mie prime influenze sono state Penderecki e Pärt, i pezzi più memorabili che ho visto in quel periodo sono stati Polymorphia e Cantus in Memoriam Benjamin Britten. Sono stati la chiave per cambiare le mie prospettive sulla musica classica e mi hanno portato a esplorare il suono e lo spazio oltre a sperimentare tecniche estese.

Puoi guidarci attraverso una giornata lavorativa media e parlarci del tuo processo creativo? Come componi e come ti vengono in mente le idee? Quale considereresti l’aspetto più impegnativo della composizione musicale?

È difficile spiegare il processo di scrittura perché è diverso ogni volta che inizio un nuovo pezzo. E ho scoperto che mantenere uno spazio mentale sano è molto importante per me durante tutto il processo creativo. Il mio processo di scrittura di solito inizia con un processo infinito di ascolto e studio delle partiture prima di iniziare a disegnare idee. Raramente scrivo l’intero pezzo con un pennello grande, spesso aggiungo, rielaborando, omettendo e scartando idee finché non so di essere pronta per iniziare a scrivere il pezzo.

Oltre a passione, studio, determinazione e volontà, quali sono i sacrifici che hai dovuto affrontare perseguendo il tuo amore per la musica? Quali sono state le sfide più grandi della tua carriera fino ad ora?

Devo ammettere che trovo difficile trovare il tempo per riposarmi quando lavoro su un nuovo pezzo e allo stesso tempo ho un lavoro diurno ma, per me, quando ami e ti piace quello che fai, non sembra un sacrificio. Una delle più grandi sfide della mia carriera finora è trovare un modo per tenere il passo ed è qualcosa che sto ancora imparando e di cui mi ricordo costantemente.

carmen ho 2
Carmen è una giovane compositrice di talento emergente il cui lavoro ha attirato l’attenzione internazionale

Hai un brano musicale di cui sei più orgogliosa? Puoi raccontarci la storia che c’è dietro?

Direi che sono molto orgogliosa del mio pezzo orchestrale “Samsāra”. È stato scritto come parte del mio portfolio di dottorato ed è stato il mio primo tentativo di scrivere per orchestra. Questo lavoro ha segnato una nuova fase nel mio sviluppo in termini di uso di sottili progressioni armoniche, trasformazioni testuali e meticolosa orchestrazione. Sono molto fortunata che questo pezzo abbia vinto il 4° premio al prestigioso Toru Takemitsu Composition Award 2020 ed eseguito dalla Tokyo Philharmonic Orchestra.

Pensi che Internet abbia avuto un impatto sul business della musica? Qual è il ruolo dei social media per un compositore di musica orchestrale, strumentale e corale?

I media digitali hanno sicuramente avuto un enorme impatto nell’industria musicale negli ultimi 2 anni. Musicisti e compositori stanno cercando nuove strade ed adattando i nuovi formati per collaborare e creare musica e grazie alla tecnologia ci viene permesso di mantenere viva la musica e di offrire all’industria l’opportunità di continuare a raggiungere un nuovo pubblico.

music sheet
Il suo nuovo lavoro, Unforged, è stato commissionato per la stagione autunnale della Bournemouth Symphony Orchestra. Il pezzo è stato eseguito mercoledì 24 novembre (Lighthouse, Poole) sotto la direzione del direttore principale della BSO Kirill Karabits. La performance è stata anche trasmessa in live streaming ad un pubblico globale e disponibile per la visione per 30 giorni, presentata dall’emittente Martin Handley.

Il tema della Giornata internazionale della donna, 8 marzo 2022, è “Uguaglianza di genere oggi per un domani sostenibile” Il genere è ancora importante? Quale pensi sia il ruolo del genere nel tuo campo? Le donne hanno le stesse opportunità degli uomini?

Ho sempre pensato a me stessa come una compositrice e non mi definisco una “compositrice donna”, ma sono consapevole che il lavoro delle compositrici è ancora sottorappresentato nel mondo della musica contemporanea. Nel prossimo futuro, spero di vedere che tutti abbiano le stesse opportunità e che tutti i compositori di ogni estrazione possano realizzare il loro pieno potenziale.

Puoi condividere con noi un consiglio che daresti a qualcuno che vuole entrare nel campo della musica ed essere un compositore di orchestra?

Il mio consiglio è di essere preparati per notti insonni, molte delusioni e, soprattutto, credete in voi stessi e continuate a scrivere.

carmen ho 3
Il nuovo lavoro di Carmen fa parte di un trittico di nuovi brani scritti da donne celebrati dalla BSO: l’Orchestra esegue materiale di Elizabeth Ogonek e Franghiz Ali-Zadeh nella stagione 2021/22

Foto cortesemente concesse da Carmen Ho

Previous

Intervista con la Animatrice e Illustratrice Nancy Liang

Intervista con l’Artista di Graffiti Alana Tsui

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.