Intervista con Fengru Lin: Latte in Laboratorio e Alimentazione Sostenibile

  1. Casa
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. Cultura cinese
  6. /
  7. Cucina cinese
  8. /
  9. Intervista con Fengru Lin:...

Co-fondatrice e CEO di TurtleTree con la missione di cambiare il volto della nutrizione sostenibile.

Dopo una doppia laurea in gestione dei sistemi informativi e marketing, Fengru Lin ha lavorato come account manager presso Collis Asia (ora UL LLC), dove si è occupata di vendite e sviluppo del business per circa tre anni. Dopo aver lasciato Collis Asia, ha lavorato per la società di software americana Salesforce, e successivamente ha trascorso un anno in Google prima di fondare TurtleTree. Visitava spesso aziende lattiero-casearie in tutta l’Asia per procurarsi latte di vacca di qualità per produrre il proprio formaggio. Da quella che è iniziata come una passione per la produzione di formaggio e, a causa dell’incapacità di trovare un buon latte in Asia, Fengru Lin ha coraggiosamente co-fondato con Max Rye un’azienda biotecnologica, per creare vero latte attraverso metodi basati sulle cellule. Lo scopo di TurtleTree è produrre latte di alta qualità in laboratorio utilizzando la tecnologia delle cellule staminali, quindi è in grado di creare latte da mucche, esseri umani (latte materno) e altri animali, senza bisogno di mucche, esseri umani ed altri animali . Poiché la domanda di prodotti lattiero-caseari aumenta con la crescita della popolazione mondiale, nuove strategie per la produzione di latte sono più importanti che mai. L’obiettivo era trasformare uno degli alimenti base del mondo utilizzando un processo di produzione che contrasta con i metodi tradizionali e promette di superare l’allevamento da latte con metodi sostenibili. Questo modellerà il futuro non solo di come le persone ottengono il latte, ma anche di come gli esseri umani daranno da mangiare ai loro bambini. La tecnologia può risolvere alcuni dei più grandi problemi del mondo. La curiosità e una certa impavidità hanno aiutato Fengru a consolidare la visione dietro la sua azienda. Lei è una pioniera del cambiamento, sta costruendo il futuro.

Official site | Facebook | Instagram | Twitter

Puoi dirci di più su di te e sul tuo background?

Ho fondato TurtleTree nel 2019 con una visione audace: creare una nuova generazione di nutrizione sostenibile che fosse allo stesso modo migliore per il pianeta, gli animali e le persone. Prima di fondare TurtleTree con il mio co-fondatore Max, avevo 8 anni di esperienza nelle vendite aziendali lavorando con conglomerati globali come Salesforce e Google.

Come ti è venuta in mente l’idea di avere il latte di mucca senza l’animale ed il latte umano senza gli umani? Cosa ti ha spinto a seguire questa idea?

Tutto è iniziato semplicemente con il mio hobby di caseificio. Dopo aver imparato a fare il formaggio nel Vermont, ho voluto replicare il processo di produzione del formaggio in Asia, che mi ha portato a viaggiare in molti allevamenti della regione (es. Indonesia, Thailandia, ecc.) per cercare latte di alta qualità per creare formaggi di alta qualità . Quello che ho scoperto, tuttavia, è che le mucche venivano pompate con ormoni, che le condizioni di vita non erano igieniche per il bestiame e persino l’alimentazione degli animali aveva problemi di acqua contaminata. È allora che ho iniziato a pensare a un modo per produrre un latte di qualità, sano e nutriente, il tutto senza causare danni agli animali o all’ambiente.

Max and Fengru Portrait
TurtleTree ha anche iniziato a collaborare con università come la Nanyang Technological University per comprendere la percezione dei consumatori sui prodotti cellulari. I risultati di questi studi formeranno parte integrante della sua strategia di marketing

TurtleTree è un’azienda biotecnologica impegnata a rivoluzionare il modo in cui il mondo mangia. Utilizzando la sua tecnologia di proprietà basata sulle cellule, stanno cercando di creare una nuova generazione di cibo sostenibile, migliore per il pianeta, gli animali e le persone ovunque. Sostenuto da importanti investitori e da un team di talenti di livello mondiale, lancerà presto un bioattivo lattiero-caseario prodotto in modo sostenibile, a partire dalla lattoferrina. TurtleTree può ridurre del 98% l’impronta di carbonio e, di conseguenza, aiuterà a salvare il mondo sostituendo le mucche da latte in futuro. TurtleTree è la prima azienda biotecnologica al mondo a creare latte da tutti i mammiferi. Per massimizzare l’impatto, il team lavorerà con i leader del settore per adottare metodi sostenibili e sicuri per creare latte. TurtleTree ha uffici sia a Singapore che a San Francisco negli Stati Uniti.

Come è nasce TurtleTree? Quali sono state le maggiori sfide dell’inizio? Quali sono i tuoi traguardi e obiettivi finora?

È stato un caso fortuito che ho incontrato il mio co-fondatore, Max Rye, proprio mentre avevo questa idea in testa. Max stava parlando di carne cellulare in un evento di Google in cui allora ero una account manager. Ho lanciato a Max l’idea di usare metodi cellulari per creare il latte, lui era molto entusiasta dell’idea. Ci siamo messi in contatto con alcuni scienziati (che hanno verificato che in realtà era molto possibile creare latte a base cellulare) e dopo aver sperimentato alcune scoperte nella ricerca, alla fine ho lasciato il mio lavoro a tempo pieno per perseguire questa nuova audace idea con Max ed ho fondato TurtleTree. Essendo entrambi nel mondo degli affari e non scienziati (Max era in precedenza il CEO di una società tecnologica della Silicon Valley), inizialmente abbiamo dovuto affrontare un certo scetticismo da parte dei primi investitori. “Voi ragazzi siete del mondo degli affari. Che attività avete condotto a capo di un’azienda biotecnologica?” e “Investirò solo se avete un premio Nobel nella squadra” erano alcune delle frasi che ci siamo sentiti dire all’inizio. Tuttavia, Max ed io crediamo fermamente che sia la nostra prospettiva non scientifica a conferire a TurtleTree un vantaggio così unico: nonostante sia un’azienda così giovane, abbiamo accelerato rapidamente perché siamo sempre concentrati sulla guida dell’azienda da una prospettiva del business. Max ed io abbiamo anche background molto diversi, il che conferisce ancora una volta una diversità di pensiero e valore a ciò che stiamo portando in tavola. Pensare fuori dagli schemi e persino adottare soluzioni non convenzionali ha sicuramente giocato un ruolo nella vittoria di TurtleTree in competizioni globali come The Liveability Challenge e The Entrepreneurship World Cup per la nostra innovazione all’avanguardia nel settore lattiero-caseario. Altre pietre miliari che abbiamo celebrato nel 2021 includono la creazione del nostro centro di ricerca e sviluppo a Sacramento, in California, e la chiusura della Tranche One dei nostri finanziamenti di serie A con 30 milioni di dollari. Siamo anche molto orgogliosi di aver assunto Aletta Schnitzler, che è fondamentalmente una superstar del settore, come nostro CSO! Per il 2022, puntiamo a portare la lattoferrina, un bioattivo lattiero-caseario di alto valore, sul mercato come primo prodotto commerciale quest’anno.

Come non scienziata, come hai ispirato così tanti scienziati a lavorare per te, in un team così internazionale presso TurtleTree? Quali punti di forza sono stati creati nella realizzazione dei progetti?

L’empowerment è uno dei valori fondamentali di TurtleTree. Il nostro obiettivo come azienda è sempre stato quello di mettere i talenti al posto di guida. Ciò include consentire agli scienziati di svolgere la propria ricerca e sviluppo e di eseguire progetti come se fosse un’attività in proprio. E come azienda, li supportiamo con le risorse di cui hanno bisogno per innovare e crescere come dei leader. Riteniamo che questo approccio sia stato fondamentale per attrarre alcune delle menti migliori e più brillanti del settore.

Fengru Wide Shot
TurtleTree è chiamato così perché le tartarughe e gli alberi sono simboli di longevità

In che modo pensi che il Covid-19 ed il cambiamento climatico stiano influenzando l’industria alimentare ed in particolare il consumo di prodotti lattiero-caseari? Pensi che le persone siano consapevoli che gli attuali sistemi di produzione e distribuzione del cibo sono molto fragili? Quale soluzione per un futuro sostenibile?

Durante il culmine del COVID-19, una delle immagini più sorprendenti nelle notizie è stata quando gli agricoltori stavano scaricando litri di latte e rompendo uova mentre si verificava carenza di cibo nei supermercati. La pandemia ha onestamente messo in luce le inefficienze e le inadeguatezze dei nostri attuali sistemi di distribuzione e produzione alimentare, che sono già stati compromessi a causa degli effetti del cambiamento climatico. I governi se ne stanno sicuramente rendendo conto e stanno investendo in soluzioni per rendere le loro fonti alimentari a prova di futuro. Il governo di Singapore, ad esempio, ha lanciato l’obiettivo “30 per 30” (produrre per il paese il 30 per cento del proprio fabbisogno nutrizionale a livello locale entro il 2030). Anche l’istituto di ricerca Singapore Institute of Food and Biotechnology Innovation (SIFBI) è stato istituito nel 2020 per facilitare la ricerca e lo sviluppo di proteine alternative. Sono stati inoltre impegnati 144 milioni di dollari per investire in proteine alternative. Ma mentre Venture Capitalist, scienziati e governi possono essere entusiasti di tali innovazioni, un futuro alimentare veramente sostenibile può iniziare solo quando la persona comune lo abbraccia come parte della propria vita quotidiana. A tal fine, educare la persona media o il proprietario indipendente di F&B a saperne di più su cibi come il cibo a base di cellule e mostrare modi riconoscibili per incorporarlo nella loro dieta quotidiana è la chiave per aumentare l’adozione di questo nuovo modo di mangiare pensando al cibo. La tecnologia alimentare raggiungerà i suoi obiettivi solo se tutti avranno un ruolo. Quindi, se sei un fan di questo settore, educa quante più persone puoi!

Producendo “latte pulito” animale, la tua azienda può inserirsi meglio nella produzione di prodotti come formaggio, panna, burro e yogurt che devono essere ricreati a partire da latte crudo fresco. Quali sono le priorità della vostra agenda in questo settore?

L’obiettivo attuale di TurtleTree è creare gli ingredienti altamente funzionali che si trovano nel latte umano e bovino come la lattoferrina. I bioattivi del latte di alto valore come la lattoferrina sono fondamentali per soddisfare l’attuale domanda del mercato di nutrizione funzionale e le possibilità di incorporare i bioattivi nei prodotti alimentari di tutti i giorni sono davvero infinite. Stiamo continuando lo sviluppo delle proteine del latte umano e bovino attraverso la fermentazione di precisione e stiamo lavorando a stretto contatto con le agenzie statunitensi e di Singapore per ottenere l’approvazione normativa.

“Per me, voglio promuovere la sostenibilità, quindi questa è la metrica con cui mi misuro. Ma il mio obiettivo finale è essere felice. A volte le cose sono davvero difficili ed il percorso non è facile, ma tutta questa cosa per cui sto lavorando mi rende molto felice”. – Fengru Lin

Fengru Lin Portrait

Quando pensi che i prezzi possano raggiungere un punto tale che le persone possano vedere i vostri primi prodotti di “latte verde” sugli scaffali?

TurtleTree punterà prima agli ingredienti del latte funzionali di alto valore in modo che tutti possano godere dei benefici nutrizionali del latte nel prossimo futuro.

È stato dimostrato che alcune delle proteine nel latte umano aiutano con l’immunità, la salute dell’intestino e lo sviluppo del cervello. Il “latte materno umano” di laboratorio potrebbe essere un modo migliore e più veloce per salvare e aiutare i bambini dalla denutrizione nelle nazioni povere?

Crediamo nella creazione di prodotti accessibili che siano vantaggiosi per tutti. Con i nostri ingredienti altamente funzionali che possono essere aggiunti nei prodotti alimentari e delle bevande di tutti i giorni, speriamo di essere una soluzione sostenibile ai problemi di sicurezza alimentare che si verificano su scala globale.

Fengru Lin and Max Rye Candid
Fengru Lin and Max Rye

Il tema della Giornata internazionale della donna, 8 marzo 2022 (IWD 2022) è “Uguaglianza di genere oggi per un domani sostenibile”, che cosa ci puoi dire delle donne nella posizione di leadership? Secondo la tua esperienza, cosa pensi che renda una persona una grande leader?

Vorremmo incoraggiare e continuare questa tendenza delle donne che guidano l’innovazione e lo sviluppo tecnologico, poiché offre opportunità a coloro che hanno le competenze e gli obiettivi giusti per prosperare nel settore. Crediamo nell’assunzione inclusiva dei migliori talenti da tutte le aree di competenza. Supportate dal nostro team di supporto, le donne di TurtleTree stanno aprendo nuovi orizzonti nel nostro viaggio verso una migliore generazione di cibo. Siamo estremamente grati di avere una leadership femminile che ci rappresenta con distinzione e, così facendo, apre la strada a più donne per entrare nel settore. Con la leadership femminile nel settore dell’agricoltura cellulare, si spera che ci saranno più prodotti e innovazioni a base di cellule che soddisfano i bisogni delle donne e, in modo più inclusivo, della popolazione umana, degli animali e del pianeta Terra in generale. Ad esempio, una delle prime iniziative di TurtleTree è quella di produrre ingredienti a base di latte e latte a base di cellule per soddisfare le esigenze nutrizionali di neonati ed adulti in modo sostenibile, colmando l’attuale divario nel mercato dei prodotti nutrizionali. In qualità di fondatori dell’azienda, ciò su cui io e Max ci concentriamo ogni giorno è sviluppare un team che confidiamo prenderà la decisione migliore per l’azienda nei rispettivi ruoli. In TurtleTree, a volte ho il coraggio di essere vulnerabile come leader sapendo che sarò abbracciata da un team che si prende cura di me come persona e che mi guiderà generosamente nella propria area di competenza.

Quali sono le tue speranze e desideri per le donne? C’è un consiglio che daresti alla prossima generazione di leader donne?

Le donne sono ancora sottorappresentate nelle STEM, quindi avere leader donne alla guida delle aziende di tecnologia alimentare aiuterà sicuramente a plasmare una cultura aziendale aperta e diversificata che a sua volta incoraggerà anche più donne a unirsi al settore. Allo stesso tempo, quando più talenti sono incoraggiati ad entrare nel campo con le proprie competenze uniche, che si tratti di scienza, affari o lavoro creativo, sicuramente aiuterà a sviluppare il settore. Vorrei anche aggiungere che è importante educare la prossima generazione a pensare al talento in modo inclusivo. Informarli sulle scelte che effettivamente hanno, consentirà loro di prendere la decisione migliore per se stessi per perseguire ciò di cui sono veramente appassionati.

Foto cortesemente concesse da Fengru Lin e Turtle Tree
Un ringraziamento speciale a Rita Huang

Previous

Intervista con la Fashion Designer Toby Crispy

Boeing della China Eastern Airlines precipita con 133 persone a bordo

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.