Intervista con la Fashion Designer Toby Crispy

  1. Casa
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. Società in Cina
  6. /
  7. Design in Cina
  8. /
  9. Intervista con la Fashion...

Stilista fondatrice e direttrice creativa di FashionClinic by T

Toby Crispy è una sostenitrice della moda sostenibile di Hong Kong. Fondatrice di Fashion Clinic by T, Toby Crispy ha lavorato in diversi settori nel campo della moda., dal magazine editor, al designer. Dopo la laurea presso l’Hong Kong Polytechnic University, ha lavorato nel campo della moda, da editor di riviste a designer per marchi internazionali. Ha lavorato come design manager presso l’etichetta francese Agnes b. prima di lanciare la sua etichetta di upcycling, LastbutnotLeast. Dal 2013, Toby si è concentrata su servizi educativi per riprogettare i capi di moda. Toby ha dimostrato le varie possibilità di upcycling della moda attraverso il servizio di riprogettazione e la collaborazione con ONG, gruppi artistici, marchi e aziende per mostre, workshop, eventi con vari marchi di moda, gruppi aziendali, centri commerciali e gruppi ecologici, al fine di riconnettere chi li indossa con i propri vestiti e ricucire tali relazioni. Crede che l’industria della moda sia malata e abbia bisogno di medicine per il cambiamento. Ritiene fermamente che l’upcycling sia il modo migliore per utilizzare al meglio le risorse. Il processo di trasformazione dei prodotti indesiderati in qualcosa di prezioso e di nuovo, che è qualcosa di impegnativo ma anche gratificante per i creatori.

Official site | Instagram | Facebook

Hai sempre avuto chiara la tua carriera di designer? Come e quando ti sei avvicinata al fashion design?

Non proprio, tutto è sembrato evolversi naturalmente. Fin da bambina mi sono appassionata all’arte ed al disegno. Quando si è trattato di scegliere una materia importante per l’università, il design è stata una scelta inevitabile per me, e ho pensato che mi piace osservare le figure umane, ecco perché ho iniziato il mio viaggio nel fashion design.

Intervista con la Fashion Designer Toby Crispy

Chi ti ha influenzata come persona e come creativa?

La mia famiglia, mio padre, mia madre e mia nonna hanno standard elevati ed idee personali sull’abbigliamento e sullo stile di vita. Naturalmente, durante tutto il viaggio creativo, sono stata influenzata da diversi maestri in diverse fasi, è un po’ difficile elencarli uno alla volta. A questo punto direi: Yohji Yamamoto, che è molto dedito al rapporto tra tessuti, sartoria e moda. Carolyn Denham, che illustra con tenerezza il rispetto ed il significato per ogni persona e oggetto all’interno del processo di creazione dei vestiti attraverso il suo Merchant and Mills. Thich Nhat Hnah e Jane Goodall, che mi insegnano ad amare tutte le vite nella natura con un cuore devoto e puro.

Wonderment 02

Come prende vita Fashion Clinic? Qual è la filosofia alla base?

Nel 2016, Fashion Clinic ha preso vita nella mia prima mostra personale di refashion con il supporto del mio primo cliente al dettaglio, Sam Fung di XiaoShiGuang e Francesca a FL Place, a Central. In questo periodo, l’upcycling della moda era molto nuovo, questo nome mi è saltato in mente in un secondo, il che suona così semplice e diretto da capire. Sappiamo tutti che l’industria della moda è malata, abbiamo urgente bisogno di “medicine” per il cambiamento. Spero di fornire servizi per curare l’industria, gli armadi ed i cuori di conseguenza attraverso la mia riprogettazione, workshop e lavoro di curatrice.

Fashion Clinic by T sta svolgendo un ruolo importante nel settore della moda cercando di renderlo più sostenibile e fornendo un’alternativa alle persone che non hanno familiarità con il concetto di upcycling. La missione di Fashion Clinic by T è combattere lo spreco di moda utilizzando un approccio umano e personale per entrare in risonanza con il pubblico. Fashion Clinic by T mira a riparare e restaurare gli abiti indesiderati ridisegnandoli, rimodellandoli per essere rivissuti dai consumatori. La fondatrice Toby Crispy è una pioniere locale nell’upcycling della moda. Invece di buttare via, i “chirurghi della moda” possono ridisegnare qualsiasi cosa, dagli indumenti alle borse, per allungare la loro vita. Un cambio di mentalità può aiutare ad avviare la circolarità e la sostenibilità. Un cambio di mentalità può portare nuove creazioni da fonti di moda già esistenti.

FashionCinic by TobyCrispy

Quali sono state le sfide più grandi che hai incontrato all’inizio?

Come ho detto, tutto era molto nuovo all’inizio, le persone l’hanno sempre confuso con il classico “riciclaggio” e hanno confrontato il mio costo del servizio su misura con il prezzo del fast fashion prodotto in serie. Tutto il rispetto per creatività, qualità e artigianalità è stato sbiadito dalla strategia di marketing per il consumo eccessivo. Mi ci è voluto molto tempo per far cambiare mentalità attraverso discorsi, interviste, collaborazioni e persino con la realizzazione di documentari video.

Quali sono gli obiettivi che hai raggiunto finora?

Dal 2013 mi concentro sui miei servizi di refashion ed illustrando varie possibilità per sostenere il concetto di design di upcycling, come la creazione di arte tessile riciclata, la cura di mostre, SLOW STiTCH NOMAD (https://www.fashionclinic-by-t.com/slow -stitch-nomad), workshop ed eventi con vari attori chiave del settore, come JOYCE Boutique, Lane Crawford, New Balance, Patagonia, K11 Art Mall, M+ Museum, The Mills, Oi! ArtSpace…., scrivendo la rubrica SLOW STiTCH per una rivista bilingue OBSCURA per connettersi con i designer/artisti in tutto il mondo, al fine di estendere la durata dei materiali utilizzabili e ricollegare il rapporto tra l’abbigliamento e chi lo indossa, contemporaneamente costruire un futuro sostenibile. Dal 2020 ho cambiato il nome del marchio in FashionClinic by T per continuare (T)rans-fashion (T)ales di (T)ime in (T)extile di (T)obyCrispy & (T)eams.

MAIN PROJECT

Puoi dirci di più su come funziona il processo di riciclaggio, up-cycling e riutilizzo? Dove prendi gli abiti e/o altri materiali scartati e come dai loro nuova vita e design?

Tutti i materiali provengono dai miei clienti o partner di progetto, poiché miro a far passare i partecipanti attraverso il processo di upcycling. Prima di iniziare, sono abituata ad ascoltare le loro storie da indossare, poi chiedere loro cosa gli piace/non gli piace dei loro vestiti preferiti ed i loro desideri per il cambiamento. Ci sono molte varianti delle tecniche che utilizzo per riprogettare, come rammendo a vista, ricamo a mano, ricostruzione e manipolazione del tessuto, ecc.

Intervista con la Fashion Designer Toby Crispy

In un mondo in costante cambiamento e con incertezze, a causa del cambiamento climatico e dell’inquinamento, la nuova sostenibilità è una priorità, soprattutto nel settore della moda. Che tipo di ruolo svolge uno stilista?

A causa del problema della sovrapproduzione, ovunque è pieno di vestiti eccessivi ed il rispetto dei consumatori per la qualità e l’artigianato è stato sbiadito dalla cultura del fast fashion. Penso che i designer dovrebbero utilizzare la creatività per salvare i “rifiuti utilizzabili” e dare loro nuova vita per chiudere il ciclo del cerchio della moda. Più importante è preservare e tramandare con urgenza l’artigianato accumulato nei secoli. Ciò di cui abbiamo bisogno ora è più della riprogettazione con consapevolezza ed esperienza riflessiva invece di nuovi prodotti realizzati alla cieca. Infine, ma non meno importante, proporre uno stile di vita migliore con la nostra professione è la missione di un designer.

Intervista con la Fashion Designer Toby Crispy
IMG 2906

Pensi che le persone siano consapevoli che tonnellate di vestiti vengono scartate e gettate in discarica ogni giorno? Dal tuo punto di vista, le persone si preoccupano degli effetti ambientali o etici della moda?

I consumatori stanno diventando più consapevoli dei problemi, ma sono ancora una minoranza ed alcuni potrebbero pensare che siano passivi e non possano fare alcuna differenza con il loro piccolo sforzo. Penso che la responsabilità maggiore sia che l’istruzione scolastica, la politica del governo e l’industria della moda risolvano i problemi che sono stati creati dal settore.

Intervista con la Fashion Designer Toby Crispy
DSC08339

Pensi che ci siano persone interessate alla moda sostenibile ma che non sanno come ridurre gli sprechi della moda? Come si possono aiutare queste persone a diventare più attente alla moda? Come aumentare la loro consapevolezza?

In realtà, ci sono sempre più social media che condividono idee creative su uno stile di vita sostenibile. Suggerirei loro di seguire queste piattaforme e dare loro un vero supporto. Ed i miei consigli sono: SCEGLI BENE, ACQUISTA MENO E RICICLA FINO ALLA FINE DELLA SUA VITA.
Pensa durante la notte prima di acquistare qualsiasi cosa per liberarti del tuo impulso di acquistare cose di cui non hai veramente bisogno
Organizza il tuo armadio ogni stagione per rivedere cosa fa e non ti si addice e capire il tuo stile personale
Trova i tuoi stilisti / sarti preferiti per dare un nuovo look ai tuoi capi preferiti e dare il tuo supporto per lo sviluppo della carriera nel refashion
Compra quello che ti serve non quello che vuoi. E acquista per la qualità rispetto alla quantità con la teoria del costo per usura
Organizza più feste di scambio con amici con gusti simili
Assicurati che i tuoi vestiti vadano alle persone giuste che ne hanno davvero bisogno quando li dai via Sii consapevole di capire di più sul processo di produzione e fai attenzione a riconnetterti con i tuoi vestiti e le persone e gli oggetti che li hanno portati in vita.
Impara alcune abilità di base per riparare/rinfrescare i tuoi vestiti.

Intervista con la Fashion Designer Toby Crispy

Quali sono, secondo te, i principali ostacoli ad una moda sostenibile? Etico VS conveniente. È questa una delle sfide principali? Oppure credi che ci sia disinformazione e quindi pregiudizi sulla qualità dei prodotti upcycled?

Sinceramente, penso che la moda più sostenibile sia già nel nostro guardaroba. Finché sono in buone condizioni, il refashion è il nuovo lusso, perché è come un servizio su misura fatto su misura solo per l’unico cliente da designer professionisti e sarti, il costo è decisamente superiore alla produzione di indumenti di massa. Etico vs conveniente non sono mai opposti. Essere etici a volte può anche essere gratuito se continui a indossare i tuoi vestiti già nel tuo guardaroba o costa solo poche centinaia di dollari di Hong Kong per fare una semplice riparazione o rimodellare. Sulla base della teoria del costo per abbigliamento, migliore è la qualità (in termini di stile e artigianalità) che acquisti, minore è il costo che spendi. Credo che ciò di cui abbiamo bisogno siano abiti belli e duraturi fatti a mano con cura, che portino storie indossabili da tramandare di generazione in generazione.

Intervista con la Fashion Designer Toby Crispy

Come è cambiata l’industria della moda sostenibile negli anni e con la pandemia? Cosa è stato raggiunto e quali sfide significative devono ancora essere affrontate?

Francamente, sebbene sia incoraggiante vedere più marchi a diversi livelli che mostrano la loro preoccupazione per la sostenibilità, penso che il cambiamento dell’industria della moda sia troppo inferiore a quello necessario per risolvere la crisi. Il loro cambiamento più evidente nella pandemia sono le loro tattiche di vendita all’e-commerce e la strategia di marketing del greenwashing invece del miglioramento dei problemi. La sfida più grande è ancora l’egoismo e l’avidità dei produttori, dobbiamo sollecitare il cambiamento con una voce più grande dal potere dei clienti!

Intervista con la Fashion Designer Toby Crispy

Quali sono le tue previsioni più audaci sulla moda sostenibile? Che consiglio daresti alle persone per aiutarle a intraprendere azioni per rendere la moda più circolare?

  1. Il refashion come servizio post-vendita deve essere inserito nel ciclo della moda, perché credo davvero che l’upcycling sia il modo migliore per utilizzare al meglio le risorse e chiudere il ciclo del consumo. In questo modo, riduce alla radice il consumo eccessivo e lo spreco di risorse.
  2. La tecnologia di riciclaggio svolgerà un ruolo importante nell’economia circolare.
  3. Il fast fashion deve diminuire man mano che aumenta la consapevolezza del pubblico.
  4. Verrà evocata sempre più creatività per la moda sostenibile.
    I miei suggerimenti sono quelli che ho menzionato nella domanda precedente.

Foto cortesemente concesse da Toby Crispy e Fashion Clinic by T

Previous

Cina: le organizzazioni di management degli influencer verranno regolate

Intervista con Fengru Lin: Latte in Laboratorio e Alimentazione Sostenibile

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.