Cina: le organizzazioni di management degli influencer verranno regolate

  1. CinaOggi
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. News dalla Cina
  6. /
  7. Cina: le organizzazioni di...

Nell’ambito di una strategia in 10 punti per ripulire il “cyberspazio” rilasciata dall’autorità di regolamentazione del settore giovedì (17 marzo), la Cina “rettificherà” le aziende che gestiscono gli influencer dei social media.

Secondo Sheng Ronghua, vice capo dell’amministrazione cinese del cyberspazio, lo sforzo si concentrerà sulla correzione delle agenzie di rete multicanale (MCN), sui video corti, sullo streaming live e sulla repressione delle falsità online (CAC).

La crescente preoccupazione del CAC per le aziende dietro la maggior parte dei contenuti virali trovati sui social media cinesi si riflette nell’inclusione delle agenzie MCN nella campagna di pulizia.

Secondo iiMedia Research, entro il 2020 ci saranno oltre 28.000 agenzie MCN in Cina, che gestiranno diversi influencer di Internet.

Negli ultimi mesi, queste persone e le loro aziende sono state sottoposte a intensi controlli al fine di limitare episodi di evasioni fiscali.

Viya, il cui vero nome è Huang Wei, è stata multata di 1,34 miliardi di yuan (211,1 milioni di dollari) nel dicembre 2018 per aver nascosto entrate personali tra il 2019 e 2020.

Secondo Zhang Yongjun, un funzionario del CAC, le aziende MCN sono dietro il 40% di tutti gli account con oltre 10 milioni di follower sulle principali piattaforme di social media cinesi. Le future azioni normative prenderanno di mira le aziende MCN i cui influencer generano informazioni ritenute dannose per la società.

“Sebbene esista un forte legame tra le turbolenze online e la gestione della piattaforma dei siti Web, esiste anche un forte legame tra le agenzie MCN”.

Secondo Zhang, alcune agenzie hanno incitato utenti dei social media a combattere, produrre materiale pornografico soft, materiale di intrattenimento esagerato e promosso “valori sbagliati” in una varietà di campi.

Zhang ha quindi dettagliato ulteriori misure rivolte a queste aziende, comprese sanzioni più severe e il divieto di creare influencer rivolti ai bambini.

L’autorità di regolamentazione ha anche ordinato che le agenzie MCN degli influencer fossero pubblicate in modo visibile sui loro profili e ha dichiarato che avrebbe creato un canale di segnalazione specializzato per gli utenti dei social media per “supervisionare” queste organizzazioni. Secondo il regolatore, 1,34 miliardi di account, 22 milioni di materiale online e oltre 7.200 live streaming e siti Web sono stati eliminati a seguito di 15 “operazioni speciali” avviate dal CAC lo scorso anno per costruire un cyberspazio che incarna i principi socialisti della Cina .

Nel 2021 CAC ha anche eseguito audit sugli algoritmi di oltre 300 società Internet, testate giornalistiche, piattaforme di e-commerce e piattaforme video, definendo l’incontro una “esperienza di apprendimento” che ha creato le “fondamenta” per ulteriori azioni normative quest’anno.

Previous

Intervista alla produttrice Wu Judy Chin-tai: i suoni della natura

Intervista con la Fashion Designer Toby Crispy

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.