Intervista alla produttrice Wu Judy Chin-tai: i suoni della natura

  1. CinaOggi
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. Storia della Cina
  6. /
  7. Intervista alla produttrice Wu...

Wu Judy Chin-Tai è una pluripremiata produttrice discografica focalizzata sui suoni della natura, strumentale e musica etnica

Wu Judy Chin-Tai è una produttrice discografica taiwanese il cui lavoro si concentra principalmente sui suoni naturali, musica strumentale e musica etnica. Attualmente è direttrice della produzione musicale presso Wind Music Co. Si è laureata in turismo a Taiwan prima di studiare tecnologia della registrazione presso la Brigham Young University nello Utah. Judy è tornata a Taiwan dopo aver terminato i suoi studi negli Stati Uniti ed ha iniziato a lavorare come ingegnere del suono presso Wind Music. Ken Yang, il fondatore di Wind Music, l’ha incoraggiata a osservare e scoprire i suoni della natura selvaggia taiwanese, cosa che ha fatto, e ha iniziato a preservare i suoni della natura effettuando registrazioni audio. I suoi lavori sugli habitat naturali di Taiwan, come The Forest Show, “My Ocean” e “The Nearest Heaven”, solo per citarne alcuni, hanno attirato un’attenzione significativa sui suoni della natura ed aumentato la consapevolezza della natura selvaggia taiwanese. Judy ha vinto il suo primo Traditional Golden Melody Award come miglior produttrice nel 2001 per il suo lavoro in “My Ocean”. Nel 2002, Judy ha collaborato con l’artista di ocarina You Xue-Zhi. I suoi lavori successivi, tra cui “Colors of Childhood Taiwanese Children Song”, “Formosa Aboriginal Song & Dance Troupe” / “Holding Ina’s Hand” e “The Mongolian Folk Long-Song”, hanno tutti vinto il Golden Melody Awards. La sua produzione del 2009 “Drum Music Land for Taiwanese” l’ensemble di percussioni Ten Drum Art Percussion Group ha ricevuto una nomination ai Grammy come miglior album di musica mondiale della tradizione. Nella sua raccolta di suoni della fauna selvatica, ha approcci personali, poiché comprende l’importanza dell’ascolto e delle relazioni degli esseri umani con la natura come parte della natura. Judy ha contribuito a distribuire a Taiwan gli album più venduti a livello internazionale come Bleeding Wolves.

Wind Music | Twitter | Bandcamp | Facebook

Articoli correlati: Foto Affascinanti dei Popoli Indigeni Taiwanesi

Ci racconti un po’ di te e da dove viene la tua passione per i suoni? È qualcosa che hai sviluppato naturalmente o è qualcosa che hai deciso improvvisamente di intraprendere? Come sei stata coinvolta nella registrazione dei suoni della natura?

Ho preso lezioni di pianoforte e chitarra da autodidatta quando ero un ragazzina. Poi ho ricevuto una formazione di musica classica al college, con un’enfasi sulla tecnologia di registrazione del suono, negli Stati Uniti. Ero come la maggior parte delle persone normali (con una vista adeguata), percependo prevalentemente le cose con i miei occhi. Le mie orecchie erano sensibili normalmente alla musica. Fino a quando non sono stata incaricata di raccogliere dei suoni nella natura, sapevo come il mio udito fosse stato a lungo trascurato, in termini di percezione del mondo rispetto ai miei cinque sensi.

Wu Judy Chin-tai: i suoni della natura

Ed i tuoi primi progetti sui suoni della natura, strumentale e musica etnica? Puoi condividere con noi il tuo inizio? Quali sono state le sfide principali? Quanto tempo hai impiegato per sviluppare una comprensione di quale fosse lo stile sonoro che volevi ascoltare, creare e condividere?

Ho terminato gli studi universitari nel 1994 in America. Poi sono tornata a Taiwan e ho trovato lavoro alla Wind Music. Negli anni ‘90, la nostra casa discografica presentava musica tradizionale cinese, musica buddista, musica New Age/curativa e musica tradizionale indigena taiwanese. Il mio background musicale si è concentrato principalmente sulla musica classica occidentale. Quando ho saputo che Wind Music aveva raccolte di musica tradizionale cinese ed indigena taiwanese, me ne sono subito molto interessata. Il mio primo incarico di lavoro è stato quello di assistere un etnomusicologo, Pro. Wu, Rung-shun, per raccogliere e registrare i canti popolari tradizionali della tribù Tsou sui monti Ali. Ci sono 16 tribù indigene a Taiwan. Lo Tsou è uno di questi. Molti dei villaggi tribali indigeni sono sparsi nelle zone di montagna. Quindi il mio capo ha detto: “Visto che andrai in montagna, perché non provi a registrare alcuni suoni della natura lungo la tua strada?” “In arrivo” è una mentalità molto tipica di un capo taiwanese: darti un incarico e volere che tu faccia altri 100 lavori secondari “in arrivo”. Così ho fatto, entrambi. È così che ho iniziato e sto continuando a fare ora. Comunque, sono andata con Pro. Wu per registrare la tribù Tsou sul monte Ali. Negli anni ‘90 la maggior parte dei giovani studenti indigeni frequentava la scuola media o superiore nelle città. E la maggior parte di loro sarebbe dovuta andare nelle città per trovare lavoro per sostenere le proprie famiglie nei villaggi tribali. Quindi, nei loro villaggi d’origine, avresti potuto vedere principalmente persone anziane, nonni e nonne ed i loro nipoti.

1994 Judy recording at Chashan elementary school
1994, Judy registra alla scuola elementare di Chashan

Non avresti visto molti giovani uomini e giovani donne. L’assenza delle generazioni giovani e di mezza età ha creato un enorme divario che ha reso difficile la trasmissione della loro cultura, tradizione, persino della loro lingua dalle generazioni più anziane. Quindi, quando ero lì per registrare canzoni tradizionali per la tribù Tsou, solo le generazioni più anziane sapevano cantare, solo quelle persone con più di 60, 70 e persino 90 anni. Ricordo di aver registrato un uomo di cento anni che cantava una vecchia melodia… Sapeva che avevamo fatto molta strada per registrarlo mentre cantava. Era così entusiasta che continuava a cantare e cantare e non si fermava. Suo figlio di oltre 70 anni era un po’ preoccupato che il suo vecchio padre non potesse respirare e continuava a mandarmi segnali, chiedendomi di interrompere la registrazione. Allora dissi educatamente al vecchio nonno che bastava e gli chiesi di smetterla. Ma l’anziano non smetteva di cantare. Perché per molti decenni non aveva cantato questa vecchia canzone. Perché nessuno era mai stato interessato ad ascoltare queste canzoni. Le persone che avrebbero cantato con lui o apprezzato queste canzoni tradizionali erano morte tutte. Ecco perché non smetteva di cantare. Questo evento mi ha dato un forte impatto. Ero ancora piuttosto giovane quando ho iniziato la mia prima registrazione sul campo nel 1994. Non avevo visto molto del mondo, nemmeno la terra in cui sono cresciuta. Avevo questo stereotipo secondo cui i cantanti sarebbero stati tutti dovuti essere giovani, eleganti e di bell’aspetto, lo stereotipo a cui i mass media mi avevano esposto al lavaggio del cervello all’epoca. Quindi, con quei cantanti anziani seduti di fronte a me, dubitavo davvero che sapessero cantare. Ma quando hanno effettivamente iniziato a cantare, le loro espressioni facciali sono cambiate. Sembrano rinfrescati e vivi. Questa esperienza mi ha illuminata e toccata e mi ha portato a coltivare questa passione per le canzoni tradizionali indigene, anche se non riuscivo a capire una parola quando cantavano. Le melodie tradizionali tramandate dai loro antenati non sono solo canzoni. Sono come capsule culturali che contengono la loro lingua, la loro letteratura, la loro estetica, le loro storie, tradizioni, rituali, conoscenze, le loro conversazioni, le loro emozioni e la loro quotidianità. Queste canzoni sono un importante patrimonio culturale e stanno morendo. Ecco perché Pro. Wu ha sentito questo urgente bisogno di registrare queste canzoni tradizionali indigene. In quel momento, ho capito perfettamente perché il mio capo era così entusiasta di pubblicare queste canzoni tradizionali. Ad essere molto onesti, questi CD non avevano molto valore commerciale. Ma sapeva che stavamo correndo contro il tempo. Se non avessimo raccolto quelle canzoni, avrebbero potuto scomparire nel giro di una generazione. Per quanto riguarda la registrazione del suono della natura, il primo clip di registrazione che ho fatto è stato durante lo stesso viaggio sul monte Ali. Dopo aver finito di registrare gli anziani Tsou, sono stata guidata da un amico locale, il dottor Pu della tribù, che è stato il co-produttore del CD Tsou. Una notte, mi portò nella valle della montagna vicino a casa sua per ascoltare e registrare le mie prime raganelle nell’oscurità totale. Le valli montane del recinto davano al suono delle rane un riverbero naturale e lo rendevano bellissimo. Ero entusiasta di registrare questo bellissimo suono e ho pensato che fosse abbastanza facile registrare i suoni nella natura. Dopo quel viaggio, ho provato a registrare la fauna selvatica da sola. Poi mi sono resa conto che era molto più difficile di quanto pensassi. In primo luogo, Taiwan ha una densità di popolazione di 650 persone per chilometro quadrato.

1994 Tsou lady
1994 Tsou lady

È molto difficile evitare i rumori causati dall’uomo durante la registrazione all’esterno. In secondo luogo, avevo solo un sottofondo musicale. Non avevo alcun background biologico o zoologico; non conoscevo gli habitat e il comportamento degli animali, non sapevo dove si trovassero, per non parlare di come registrarli. Fortunatamente, ho conosciuto alcuni esperti di fauna selvatica e mi hanno insegnato alcune nozioni di base sulla fauna selvatica che stavo cercando di registrare. Quindi più tardi li ho invitati a unirsi al nostro lavoro di registrazione della vita selvaggia. E mi hanno aiutato molto. Alcuni anni dopo, siamo stati in grado di raccogliere alcuni suoni, diversi tipi di uccelli, rane, insetti e mammiferi. Ma non avevo ancora idea di cosa fare con questi suoni. Una sera ho deciso di andare in un vicino sito di sorgenti termali dopo il mio pesante lavoro di archiviazione per scaricare lo stress accumulatto. La sorgente termale aperta era proprio vicino ad un ruscello. Ero seduta su una roccia vicino al torrente, con a mollo i piedi nella sorgente termale. Poi il mio udito si è acutito. Ho sentito il canto delle raganelle e degli insetti, accompagnati dal gorgogliante ruscello. Poi ho sentito un intervallo musicale di terza minore nascosto nel suono delle raganelle. E per di più, un altro intervallo di terzo maggiore creato dal suono del grillo. Ho assemblato ed organizzato questi intervalli e ho creato una melodia proprio lì. Questa melodia, Forest Rhapsody, è stata ispirata da rane e insetti. Quindi, quando ho arrangiato questo pezzo musicale, ho invitato più rane ed insetti come miei percussionisti. Dopo aver finito il CD del master musicale, ho pensato di dover presentare adeguatamente anche i miei musicisti della fauna selvatica. Così ho prodotto un altro CD, con clip audio, immagini e informazioni di base di questi musicisti della fauna selvatica. Questo CD aggiuntivo funziona come una libreria di suoni della fauna selvatica che va insieme al CD musicale come pacchetto completo. Attraverso questa combinazione, la musica diventa un’ottima piattaforma per far circolare le conoscenze di base sulla fauna selvatica. Questo album in 2 CD “Forest Show” è diventato molto popolare e ha avuto successo a Taiwan ed in Cina, soprattutto tra gli insegnanti delle scuole elementari; forse perché combina funzioni sia divertenti che educative. Quindi ho invitato più esperti di fauna selvatica ad aiutarmi a raccogliere suoni nella natura, in modo che la nostra musica potesse portare più informazioni sulla fauna selvatica al grande pubblico. E questo ha anche contribuito a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla conservazione dell’ambiente negli ultimi 20 anni.

Wind Music, fondata da Ken Yang, ha pubblicato numerose raccolte di registrazioni documentarie al fine di preservare e proteggere i patrimoni culturali in via di estinzione. Ken come amante della musica si rende conto che condividere la musica con le persone potrebbe rendere il mondo un posto molto migliore. La convinzione nel potere della musica lo ha spinto a condividere la musica come valore fondamentale. Wind Music mostra l’unicità dell’Oriente. La filosofia orientale si distingue per la sua armoniosa saggezza. Pertanto, Wind Music si sforza di catturare le intuizioni ed i valori di questa saggezza filosofica e patrimonio culturale senza tempo per incarnarli nella musica. Wind Music ha costruito con successo un ruolo creativo e attivo nell’industria musicale. L’adozione di approcci moderni e innovativi contribuisce a preservare la storia della musica cinese. Wind Music ha un forte legame con la natura e la spiritualità, per questo motivo fornisce elementi musicali speciali per nutrire il corpo, la mente e lo spirito dei moderni umani.

Wu Judy Chin-tai: i suoni della natura

Quali sono alcuni dei cambiamenti significativi che hai riscontrato nel tuo approccio personale all’ascolto, nel corso degli anni della tua carriera fino ad ora? In che modo questi cambiamenti hanno influenzato ed influito sul tuo processo di registrazione?

Con il mio background musicale, le mie orecchie sono state addestrate ad analizzare le trame nella musica. Riesco a sentire accordi, melodie intrecciate e controversi nei brani musicali. Quindi non è stato troppo difficile per me sentire strati di suoni diversi nella natura quando faccio registrazioni sul campo. (Ma identificare le specie è un’altra sfida.) Tuttavia, rimuovere gli strati sonori indesiderati è stata la parte difficile, in particolare i rumori causati dall’uomo. Anche con gli esperti di fauna selvatica, è comunque impegnativo. Gli animali sono incontrollabili. Non possiamo inviare loro messaggi di testo e fissare appuntamenti per la registrazione, come facciamo di solito con i musicisti umani. Una volta stavo registrando con un esperto di uccelli, il signor Sun Ching-sun. Un’aquila serpente volava e cantava molto vicino a noi, proprio in cima agli alberi sotto i quali stavamo, quindi abbiamo immediatamente premuto il pulsante di registrazione. Dieci secondi dopo, abbiamo sentito un altro uccello più grande volare sopra la sua cima. Era un aeroplano. E non potevamo chiedere all’aereo di andarsene. Quindi il suono dell’aquila serpente è stato sporcato dal suono del motore dell’aereo. Negli anni ‘90, avrei dovuto scartare questa clip di registrazione o spendere molto budget per rimuovere il suono del motore dell’aereo in uno studio di mastering digitale. Grazie alla moderna tecnologia, nel 2000 siamo stati in grado di filtrare noi stessi il rumore con i soft ware musicali. Al giorno d’oggi sul mercato sono disponibili molti più strumenti in modo da poter riparare i suoni registrati nei primi giorni.

Wu Judy Chin-tai: i suoni della natura

Connetti il pubblico con la natura attraverso la creatività. Cosa ami di più del tuo lavoro, quali sono le ricompense più grandi? Quale messaggio speri di comunicare con i tuoi progetti?

Più di 10 anni fa, stavo parlando con una bambina di 5 anni, la figlia di un amico. Mi ha raccontato di come ha incontrato una gallina d’acqua dal petto bianco ed un airone notturno malese in un campus universitario con sua madre. Sono rimasta totalmente scioccata. Come poteva questa bambina di 5 anni conoscere e dirmi questi nomi di animali selvatici come se mi stesse presentando i suoi vicini di casa, mentre questi nomi erano ancora strani per la maggior parte degli adulti? Poi mi ha detto: “La mia maestra d’asilo riproduce il tuo CD sulla fauna selvatica ogni pomeriggio prima dell’ora della siesta”. Questo mi ha portato una gioia più grande delle grandi vendite di CD. Finora, la nuova generazione è quella che ha più preoccupazioni per il nostro ambiente.

2005 金門翟山浪潮錄音 于蘇英

La natura pone sempre l’uomo di fronte all’imprevisto. Ci sono stati momenti o eventi inaspettati che hanno creato opportunità inaspettate dal punto di vista creativo?

La mia prima fase di registrazione sul campo è stata disturbata da vari rumori umani, quindi ero un po’ troppo ossessionata dal perseguire un suono naturale puro e pulito, senza disturbi umani. C’è stata un’occasione in cui stavo registrando il suono dell’oceano sulla spiaggia di Kenting, un sito molto popolare nel sud di Taiwan. Era mezzogiorno di una calda giornata estiva, con solo 2-3 turisti sulla spiaggia. Mentre stavo registrando e godendomi il suono rilassante delle onde dell’oceano nelle mie cuffie, pochi secondi dopo, ho sentito un gruppo di giovani uscire dal nulla, urlare e ridere. Ero piuttosto frustrata e sconvolta: la mia registrazione della natura era di nuovo rovinata e stavo quasi per smettere di registrare. La cosa strana è che, mentre stavo ascoltando il mix delle loro risate con il dolce suono dell’oceano, qualcosa è scattato nella mia mente: non siamo esseri umani parte della natura? Sorge il sole sui cattivi e sui buoni, le piogge cadono sui giusti e sugli ingiusti. Il sole, la pioggia e la natura ci trattano tutti allo stesso modo. Perché dovrei dividere l’uomo contro la natura? All’improvviso, mi sono resa conto, in bianco e nero, povero e ricco, questo tipo di divisione estrema esce solo nella mentalità umana. Quindi quell’evento ha completamente cambiato le mie prospettive di registrazione sul campo. Non dovrebbe essere una divisione estrema tra uomo e natura, né dovrebbe essere solo il dominio umano totale, ma imparare a rispettare tutti gli esseri viventi, per trovare il nostro ruolo e la nostra posizione nella natura, per perseguire una migliore armonia o equilibrio tra natura e umanità. Siamo ancora lontani da quell’equilibrio. Ma sono felice di vedere che l’equilibrio è diventato un obiettivo più chiaro, anche globale, per noi cittadini globali.

Wu Judy Chin-tai: i suoni della natura

Puoi condividere con noi una storia significativa dal backstage di uno dei tuoi progetti?

Nella seconda domanda, ho menzionato questo nonno di 100 anni che non smetteva di cantare. Stava cantando “Somolo solo”. Questa è una melodia passata da tempo e super vecchia in cui improvvisavano testi da cantare sulla melodia come modo di conversazione quotidiana tra i tribali. (Purtroppo era familiare solo nelle generazioni più anziane a causa del linguaggio perso tra le generazioni più giovani.) Nel 1994, dopo aver finito di produrre il CD delle canzoni tradizionali Tsou, ha pensato alla maggior parte delle canzoni raccolte in questo CD, in particolare Somolo solo, che erano destinate a scomparire entro 20 anni. Sorprendentemente, nel 2014, ho ricevuto un invito da una preside di una scuola elementare, la signora Fang. (Più tardi ho scoperto che la signora Fang era la dottoressa Pu, la moglie del co-produttore di Tsou…) Ha detto che i loro ragazzi della scuola stavano imparando e praticando le canzoni tradizionali Tsou dal CD Tsou che abbiamo registrato/prodotto 20 anni prima. Erano pronti per dare un concerto e mi invitarono ad assisterlo. Disse che sarebbe stato un grande incoraggiamento per i ragazzi se mi fossi presentata, dato che ero la principale tecnica della registrazione dell’audio quel CD. Quindi sono andata. È stato un momento così toccante vedere i bambini abbracciare la propria eredità. Ero in lacrime per tutto l’evento e ho deciso di raccontare questa storia inaspettata attraverso la mia musica. Quindi, quando stavo producendo il mio album “Nature’s Whispering” nel 2021, speravo di combinare la registrazione storica, fatta nel 1994, cantata dagli anziani (che ora sono morti tutti) con le voci dei ragazzini della tribù. Sayungu Tiakiana, uno degli assistenti di produzione del villaggio locale di Tsou nel 1994, è ora il preside della Charshan Primary School. Ha insegnato ai suoi studenti “Somolo solo” suonando anche l’album nato dalla nostra ricerca sul campo. Poi sono salita sulla montagna per registrarli e ho orchestrato questa versione di “Somolo solo” in una nuova chiave, usando un linguaggio musicale più contemporaneo per riformulare la melodia tradizionale. È diventata la prima traccia del mio nuovo CD. Nel 1994, ero nella montagna di Ali a registrare gli anziani che cantavano questa melodia in dissolvenza. 27 anni dopo, ero di nuovo lì a registrare i bambini che cantavano la stessa vecchia melodia che ringiovanivano la propria eredità. Quindi “Somolo solo” è la storia di una collaborazione che ha trasceso il tempo e lo spazio. È anche un punto di partenza della mia carriera creativa nell’inseguire la musica ed i suoni.

2021 Judy Sayungukids DSC01051

Hai una lista dei desideri di luoghi dove vorresti andare per registrare i suoni della natura e creare nuovi progetti?

Questo è un momento di rapidi cambiamenti. Quindi, francamente, non faccio piani, obiettivi o liste dei desideri. Ho solo determinate direzioni nella mente e nella vita. In modo da poter cogliere tutte le opportunità a portata di mano ed essere più sensibile a tutte le scintille che mi ispirano e che sono intorno a me.

Judy Wu 1

Pensi che ascoltare i suoni della natura possa fornire un ambiente più confortevole e salubre? Dal tuo punto di vista, le persone possono sentirsi più felici e più produttive? Qual è la tua prospettiva considerando questo periodo incerto e stressante per l’uomo?

Sì, credo che i suoni della natura ci diano un certo livello di tranquillità. Questo è stato uno dei motivi per cui ho pubblicato altre 2 versioni digitali di registrazioni sonore della natura, per alleviare l’ansia che come esseri umani potremmo dover affrontare in questo arco di tempo.

Come pensi sia cambiato il rapporto tra natura ed esseri umani nell’era dei social media? Gli esseri umani, a causa dell’attuale situazione mondiale, si stanno lentamente allontanando dall’inquinamento acustico? O c’è ancora molto da fare per riconnettersi con gli ambienti naturali?

Questo è solo il mio punto di vista personale, i social media possono collegare efficacemente le persone tra loro nel mondo virtuale. Ma d’altra parte, sembra che si crei più distanza tra le persone nella realtà. La pandemia ha bloccato un po’ il transito di esseri umani. Penso che dopo la pandemia il trambusto riprenderà (peccato). Le foto pubblicate su IG e FB, in particolare con lo sfondo della natura, incoraggiano le persone ad avvicinarsi alla natura o ad attirare più Mi piace. È buono in un certo senso. Ma personalmente ritengo che trovare la pace interiore nella natura, imparare a dialogare con la natura o trovare l’equilibrio tra il genere umano e la natura sia la chiave per riconnetterci con gli ambienti naturali.

Foto cortesemente concesse da Wu Judy Chin-tai & Wind Music
Un ringraziamento speciale a Peiti Huang

Previous

Intervista con la professoressa Daisy Tam: Sicurezza alimentare e resilienza urbana

Cina: le organizzazioni di management degli influencer verranno regolate

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.