Intervista con l’Artista e Attivista Jas Charanjiva

Jas Charanjiva è un artista, attivista e imprenditrice

Jas Charanjiva è un’artista di street art che risiede a Mumbai, è cresciuta nel nord della California ed è stata influenzata dai murales del Mission District di San Francisco, usa la sua arte vibrante al servizio dei movimenti femministi e attivisti globali. Jas Charanjiva, all’età di 12 anni, mentre viveva in California, ha ricevuto il suo primo skateboard professionale e ha amato l’arte sul retro della sua tavola. Da allora è stata profondamente interessata alla street art underground e ha iniziato ad osservare e modellare il suo stile nei graffiti e nell’arte underground. Jas è attualmente co-fondatrice del negozio Kulture, un marchio d’arte e design che cura e sostiene i migliori artisti grafici indiani di tutto il mondo e stampa le loro opere esclusive su magliette in edizione limitata e stampe artistiche.

Official site | Instagram | Twitter | Asian Art Museum

Quali ostacoli della vita ti ha aiutato a superare l’arte e cosa ti ha aiutato a rafforzare? Qual è la lezione più grande che hai imparato dall’arte?

Da adolescente indiana che viveva in America, avevo genitori severi che non ci permettevano di uscire con i nostri amici fuori dalla scuola. Volevo essere come i miei amici americani che avevano la libertà di avere fidanzati, andare alle feste, frequentare i pigiama party, ecc. La musica e l’arte mi hanno fornito uno sbocco che mi ha tenuto occupata e mi ha permesso di scoprire ed ispirarmi agli artisti che amo ancora oggi. Più tardi nella vita, l’arte ha contribuito a rafforzare la mia voce per parlare di molte questioni. In questo senso, per me, è diventata uno strumento. La mia voce attraverso l’arte è molto più forte e di vasta portata rispetto alla voce che uso normalmente. Le persone tendono a prestare attenzione quando vedono l’arte. Questo mi apre un cancello. La mia voce attraverso l’arte viene poi condivisa e vista dagli altri. L’arte è un modo potente per amplificare il mio messaggio. La lezione più grande che ho imparato dall’arte finora è che a volte hai solo bisogno di consentire allo spettatore di trovare la propria interpretazione. Stavo guardando un’intervista con Trent Reznor dei Nine Inch Nails che parlava della sua musica. Ha detto (verbatim) “Il motivo per cui tendo a rifuggire dal parlare dei testi è che può gettare troppa luce su quale fosse il mio intento. Per me, riguarda la tua esperienza con quella canzone e cosa significa per te e come ti sembra. Ho avuto molte canzoni rovinate da chi scrive dicendomi cosa intendessero con ciò, o mi correggeva su ciò che pensavano fosse il testo che era migliore in quel modo.” Ho ripensato a ciò che aveva detto Trent Reznor. Due anni fa, ho creato un murale di 5 piani di una giovane ragazza in piedi in mezzo alla natura, che sembra pacifica con un fiume che scorre dal suo ventre. A diverse persone che passavano di lì è stato chiesto da un intervistatore di esprimere cosa significasse per loro il murale. All’inizio ho pensato “spero che diano la risposta giusta altrimenti non ho fatto un buon lavoro”, ma poi ho lasciato andare questo pensiero una volta che ho iniziato a sentire le risposte. Le loro interpretazioni non contemplate erano bellissime ed alcune erano molto personali.

Tutto parte dal fuoco che ho nel voler vedere le cose cambiare” – Jas Charanjiva

Dont Mess with Me 2020 001 Medium res
Le sue opere di street art sono per promuovere l’emancipazione delle donne e per un futuro inclusivo e privo di crudeltà. La Pink Lady significa cose diverse per persone diverse

“Don’t Mess With Me”, (2013/2020), conosciuto anche come The Pink Lady, è un pezzo di street art che è diventato piuttosto virale nel corso degli anni, grazie al personaggio creato da Jas. Dopo un crimine violento a Delhi, uno stupro di gruppo, Jas Charanjiva si è rivolto all’arte per affrontare le convenzioni sociali dannose e sensibilizzare sul “boom” di nuovi approcci culturali nei confronti delle donne e della loro sicurezza. L’artista risponde alla protesta pubblica ed alla richiesta di cambiamento con l’immagine di una donna che brandisce un tirapugni che enuncia “BOOM”. Il murale Pink Lady è diventato noto come simbolo dell’emancipazione femminile. Questa opera d’arte sta diventando un simbolo di coraggio e cambiamento per molte donne dentro e fuori l’India. “Don’t Mess With Me” è fruibile durante il 2021 presso l’East West Bank Art Terrace, una piattaforma all’aperto per l’arte contemporanea con opere stimolanti di artisti emergenti e di fama mondiale. L’opera d’arte può essere vista anche dall’angolo tra McAllister e Hyde Street, fuori dall’Asian Art Museum.

“Creare arte è spesso un viaggio interiore che ti fa mettere in discussione tutto ciò che sta accadendo intorno a te.” – Jas Charanjiva

Dont Mess with Me by Jas Charanjiva in her studio 2
Ha vissuto nella periferia di San Francisco, quindi Jas è stata completamente esposta a molta street art, in particolare alle opere di artisti messicani, che le hanno mostrato la ricchezza della cultura latina.

In che modo l’arte può aiutare a costruire un mondo più inclusivo? Che ruolo può giocare l’arte per far fronte a questo periodo di aumento dei pregiudizi e dei crimini d’odio?

Prefazione: Durante la mia infanzia ed adolescenza, sono stata influenzata principalmente da persone caucasiche. Erano ovunque: sulla mia scatola di cereali, cartoni animati, programmi televisivi, cataloghi di negozi, riviste. Mi ha fatto desiderare di essere come loro, suppongo, perché venivano celebrati. Per fortuna, abbiamo avuto “Good Times” e “The Jefferson”, entrambi spettacoli che ruotano attorno alla cultura nera. Per i miei primi anni di scuola in Canada, ero tra una manciata di ragazzi dalla pelle scura in una scuola prevalentemente bianca. Mia sorella ed io eravamo amate dai nostri coetanei e ci siamo mescolate perfettamente per quanto ne sapevo e so ancora, guardando indietro verso quel periodo. Ricordo con un tale rammarico un dolce piccolo frammento di un episodio in cui un ragazzo indiano seduto da solo, accanto a me ed alle mie amiche nella caffetteria. Si chinò e mi chiese gentilmente se fossi indiana. L’ho deriso e gli ho detto “No” prima di avvicinarmi ai miei amici. Il ragazzino deve essersi sentito traumatizzato. Che cosa orribile ed insolita ho fatto, che mi ha fatto sentire davvero male e confusa per la mia reazione improvvisa. Ho capito molti anni dopo che non vivere in un mondo inclusivo può essere pericoloso, dannoso, doloroso e confuso. Può farti rifiutare te stesso ed a sua volta rifiutare gli altri. Non c’erano influencer indiani per me mentre crescevo.

Dont Mess with Me by Jas Charanjiva
Jas Charanjiva è un’artista autodidatta che utilizza spesso personaggi non convenzionali nelle sue opere

Dov’era la rappresentazione dell’Asia meridionale nella cultura pop durante i miei anni formativi? L’arte gioca un ruolo enorme nella cultura pop. Attraverso la cultura pop, diamo forma alla società nel bene e nel male. Affinché l’arte possa svolgere un ruolo in questo periodo instabile di crimini d’odio e pregiudizi, l’arte con un programma deve raggiungere le masse ORA. Se l’arte è così potente come io e gli altri crediamo che sia, allora abbiamo bisogno di ottenere il lavoro più impattante con cui le persone possano risuonare nelle strade e nelle metropolitane sotto forma di arte di strada e installazioni video, al fine di creare dialogo, per interrogarci, per influenzare nuovi concetti e aprire gli occhi a chi non si è “svegliato”. Portare l’arte dalle comunità emarginate e dare a quegli artisti una piattaforma per parlare intimamente di esperienze personali in cui i pregiudizi e l’odio li hanno colpiti può toccare i cuori e cambiare le prospettive. L’arte lo fa già, ma quando l’arte non può essere imbattuta dal pubblico, allora l’arte non sarà in grado di raggiungere il suo massimo potenziale nel raggiungere coloro che hanno bisogno che i loro cuori vengano toccati e le loro prospettive siano più cambiate.

Dont Mess with Me by Jas Charanjiva in her studio
L’artista ed imprenditrice Jas Charanjiva co-proprietaria di Kulture Shop dimostra che il cambiamento inizia dall’interno. Crede nell’importanza dei rituali della cura di sé

Foto concesse da Afruz Amighi & Asian Art Museum
Un ringraziamento a Zac Rose

Previous

Intervista con l’Artista & Scultrice Afruz Amighi

Intervista con Ed Shew, autore di Chinese Brothers, American Sons

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.