CinaOggi > Attualità in Cina > Hong Kong, l’agenzia di stampa Stand News chiude dopo un raid della polizia, arrestata la cantante Denise Ho

Hong Kong, l’agenzia di stampa Stand News chiude dopo un raid della polizia, arrestata la cantante Denise Ho

La cantante Denise Ho arrestata dalla polizia di Hong Kong

I membri del consiglio di amministrazione di Stand New, un media pro democrazia di Hong Kong, e la cantante pop sono stati trattenuti mentre 200 ufficiali facevano irruzione negli uffici durante l’ultimo giro di vite del governo locale.

Stand News ha fatto sapere che cesserà le attività dopo il raid della polizia avvenuto durante le prime ore del mattino. Tutto il personale si è dimesso. Stand News era l’unica agenzia di stampa a Hong Kong che ha collaborato con il Consorzio Internazionale di Giornalisti Investigativi per produrre il rapporto sui Pandora Papers nell’ottobre del 2021.

Gli agenti hanno arrestati alcuni membri dello staff con l’accusa di avere cospirato per pubblicare contenuti sediziosi.

Centinaia di agenti hanno fatto irruzione negli uffici dell’agenzia ed hanno arrestato 6 persone. Tra gli arrestati la cantante pop Denise Ho e l’avvocatessa Margaret Ng, che in precedenza hanno servito nel consiglio d’amministrazione dell’agenzia.

Ulteriori perquisizioni sono in corso nelle abitazioni degli arrestati.

I reati di cui sono accusati sono stati introdotti con la Legge di Sicurezza Nazionale nel giugno del 2020, imposta dal governo centrale di Beijing che ha bypassato il governo di Hong Kong.

La polizia ha inoltre congelato i conti di Stand News.

Secondo gli agenti, l’agenzia ha pubblicato articoli che incitavano all’odio. Paradossalmente tra i motivi degli arresti vi è l’accusa, per la polizia infondata, secondo cui le recenti condanne per protesta sono state un abuso di potere da parte dei tribunali di Hong Kong. Il capo della sicurezza di Hong Kong a inizio mese aveva criticato l’agenzia per i suoi articoli “prevenuti” contro il nuovo sistema carcerario cittadino.

Denise Ho e Margaret Ng si erano dimesse qualche mese fa, quando il più grande giornale pro democrazia della città, Apple Daily venne fatto chiudere dalla polizia.

Ho ha confermato su un post su Facebook di essere stata arrestata e portata in una stazione di polizia.

Sunny Cheung, un’attivista pro-democrazia in esilio, ha definito gli arresti oltraggiosi, dal momento che Stand News era l’agenzia più grande di Hong Kong ancora a salvaguardare la libertà di stampa a Hong Kong.

L’Associazione dei Giornalisti di Hong Kong ha espresso preoccupazione.

Benedict Rogers, cofondatore e CEO dell’organizzazione non governativa Hong Kong Watch ha detto che gli arresti rappresentano un ulteriore assalto alla democrazia.

Il governo di Taiwan ha accusato Beijing di volere annientare la democrazia e la libertà di Hong Kong.

Via Denise Ho arrested

Previous

La Cina rimpiazza il capo del partito comunista dello Xinjiang

I problemi del settore immobiliare cinese si stanno espandendo

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.