CinaOggi > Cultura cinese > Letteratura cinese > Saggi, articoli e interviste > Witness To History, il diario di un rifugiato ebreo a Shanghai durante la seconda guerra mondiale. Intervista a Jean Hoffmann Lewanda

Witness To History, il diario di un rifugiato ebreo a Shanghai durante la seconda guerra mondiale. Intervista a Jean Hoffmann Lewanda

“Witness to History” è un libro che ripercorre le memorie di Paul Hoffmann, un giovane viennese di 18 anni arrivato a Shanghai nel 1938 insieme a numerosi altri connazionali per sfuggire alle barbarie del regime nazista. Paul Hoffmann ha assistito e vissuto in prima persona l’arrivo del nazismo in Europa, l’invasione giapponese della Cina e la successiva vittoria comunista nel 1949. La figlia Jean Hoffmann Lewanda ha curato il libro di memorie di suo padre, che è stato recentemente pubblicato con il titolo di “Witness to History” di Earnshaw Books.

Perché suo padre ha deciso di raccontare la sua storia? Da dove ha iniziato?

Quando mio padre aveva circa quindici anni, si è imbattuto in una storia di famiglia che veniva raccontata sotto forma di aneddoti su alcuni coloriti antenati. Dopo essere andato in pensione nel 1986, pensò di continuare la tradizione. Raccontò alcune delle storie che ricordava; il documento originale andò perso durante la seconda guerra mondiale. In seguito condivise ciò che sapeva dei suoi nonni, che erano nati negli anni 1850 e 1860, prima di scavare più a fondo nella generazione dei suoi genitori e nella sua stessa vita.

Articoli correlati: Storia della comunità ebraica a Shanghai; Il lavoro fotografico di Arthur Rothstein in Cina durante la Seconda Guerra Mondiale: la carestia, i rifugiati ebrei a Shanghai; La storia di Ho Feng-Shan, un cinese che salvò migliaia di ebrei a Vienna durante la Seconda Guerra Mondiale

Paul Rickshaw Shanghai 1940
Shanghai 1940

Nel 1938, suo padre arrivò in Cina. Quali furono le sue prime impressioni sul paese? Quali furono le principali difficoltà che incontrò?

“Commozione, rumore, gente strana e una lingua indecifrabile”, così papà descrisse la sua prima impressione di Shanghai. Non era mai stato a più di 200 miglia da Vienna, essendo stato in Ungheria per le vacanze. Le strade dal porto a Hongkew erano fiancheggiate da case bombardate. La prima preoccupazione fu l’alloggio. La prima notte condivise una stanza che non aveva l’impianto idraulico interno in Chusan Road con una coppia sposata. Fu fortunato perché aveva dei contatti che gli permisero di dormire su un materasso per terra nella loro casa nella Concessione Francese fino a quando fu in grado di trovare un altro posto con altri due giovani.

Come sono stati accolti gli stranieri dalla popolazione locale?

In realtà abbastanza bene, soprattutto dopo quello che si erano lasciati alle spalle. I profughi furono accolti dal Comitato per i Rifugiati che era stato istituito dai ricchi ebrei sefarditi, i Sassoon e i Khadoori, che si erano stabiliti in Cina nel 1800 come commercianti. Erano pronti a soddisfare le esigenze di base dei rifugiati.

La popolazione cinese accettò molto bene i nuovi arrivati. Non c’era antisemitismo. Le relazioni si svilupparono a tutti i livelli della società. Nonostante la comunicazione limitata, i cinesi e gli ebrei vivevano fianco a fianco in armonia, soddisfacendo le reciproche esigenze.

Hongkew 1939
Hongkew 1939

Qual era l’atmosfera culturale della comunità ebraica di Shanghai prima dell’attacco giapponese a Pearl Harbor?

La comunità sefardita aveva costruito sinagoghe e scuole. C’era un Jewish Social Club e organizzazioni sioniste. C’erano ebrei russi che erano fuggiti dalla rivoluzione bolscevica e dai pogrom e si erano stabiliti a Shanghai, così come a Harbin e Tseintsin, che avevano le loro sinagoghe. Le persone non solo erano libere di partecipare alle attività religiose, ma erano attive nelle arti, nello sport, nell’educazione e negli affari.

Il libro è pieno di episodi personali della vita di tuo padre. Quali sono stati gli eventi che più l’hanno colpita?

È una domanda difficile perché ci sono stati tanti momenti commoventi. Potrei iniziare con tutti gli eventi che sono esempi di disumanità. Non riesco a capire come le persone possano essere vicini di casa un giorno e il giorno dopo non siano più i benvenuti nella loro comunità e abbiano perso tutti i loro diritti umani. Poi ci sono state tutte le sfide fisiche legate ai servizi igienici e alle malattie. E, ultimo ma non meno importante, la separazione e la perdita della famiglia e degli amici e tutta l’incertezza che ha accompagnato queste situazioni.

Aurora Graduation 1946
Aurora Graduation 1946

Qual era lo status degli ebrei in Cina nel 1939?

A tutti gli effetti, erano apolidi. Gli ebrei russi avevano lasciato quella che divenne l’Unione Sovietica senza documenti. Gli ebrei tedeschi e austriaci ricevettero dal Terzo Reich dei passaporti che avevano il solo scopo di lasciare quei paesi. Una volta partiti, erano apolidi. Gli ebrei sefarditi erano cittadini britannici o sotto protezione britannica.

Come si riflettono gli eventi nazionali sulla sua storia personale?

Credo che l’integrazione da parte di mio padre degli eventi politici e nazionali, e come si riflettono nella sua storia personale, così come nella comunità in generale, sia la forza di questo libro di memorie. Non manca mai di informare sull’impatto che ogni cambiamento di governo e di leadership ha avuto su tutti, sia che si trattasse di lasciare Vienna, o di vivere nel ghetto di Hongkew durante l’occupazione giapponese, o di decidere di rimanere a Shanghai dopo la presa di potere dei comunisti. Papà ha osservato le scelte e i percorsi che si sono resi disponibili e ha ripetutamente detto quanto fosse fortunato che, per la maggior parte, le scelte che ha fatto hanno portato a risultati positivi per se stesso e la sua famiglia. Sapeva che non c’erano scelte facili e provava tristezza per coloro che avevano subito un destino molto peggiore. Non si è mai definito un “sopravvissuto” sentendo che quella parola era riservata a coloro che erano stati nei campi e avevano perso molto più di lui.

Nel 1949, il presidente Mao prese il controllo della Cina continentale. Come cambiò la vita di tuo padre?

La vita di papà cambiò drasticamente dopo la presa di potere da parte dei comunisti. Dal 1946 al 1949 Shanghai tornò ad essere quella di prima della guerra. Gli americani che erano stati rimpatriati tornarono e sia gli affari che la vita sociale ripresero. Papà lavorava per un influente studio legale americano con una clientela importante. I suoi guadagni gli permettevano di provvedere alla sua famiglia nel modo in cui erano abituati a Vienna prima dell’Anschluss. Dopo la seconda guerra mondiale la comunità ebraica cercava attivamente opzioni di emigrazione e questi sforzi si intensificarono quando Mao salì al potere. Gli uomini d’affari americani rischiavano di essere imprigionati se non avessero fatto un’uscita tempestiva. Il passaporto austriaco di papà era stato ripristinato ed era più sicuro per lui rimanere a Shanghai per sistemare gli affari dell’azienda che per il suo capo americano. Accettò di rimanere con la promessa che lui e mia madre sarebbero stati aiutati e gli sarebbe stato concesso di entrare negli Stati Uniti non appena gli affari fossero stati risolti. Non sapeva quanto la vita sarebbe diventata difficile e pericolosa nei due anni successivi, quando la proprietà fu confiscata e furono imposti rigidi regolamenti e sorveglianza da parte del governo.

Ci sono ancora tracce della presenza e dell’influenza culturale della comunità ebraica a Shanghai?

Sì. La sinagoga Ohel Moshe, dove si sono sposati i miei genitori, è ora il museo dei rifugiati di Shanghai. Ho saputo che ha raddoppiato le sue dimensioni negli ultimi due anni.

Un certo numero di altri edifici associati alla comunità ebraica esistono ancora. La sinagoga Ohel Rachel, costruita dalla famiglia Sassoon, è talvolta usata per le funzioni dal Chabad, un gruppo religioso ortodosso che ha centri in tutto il mondo. Altri edifici sono stati riadattati come la Shanghai Jewish School e il Jewish Club, che ora serve come accademia musicale. L’ospedale ebraico è ora un ospedale oculistico.

Hai visitato il quartiere dove viveva la tua famiglia a Shanghai? Quali sensazioni hai provato?

Ho visitato Shanghai nel settembre del 2019 con il mio defunto marito e mia figlia. Ho organizzato un tour di tutti i luoghi che conoscevo tra cui Hongkew, la Concessione Francese, gli edifici menzionati sopra, così come la Hamilton House dove lavorava mio padre e il Park Hotel dove i miei genitori hanno avuto la loro luna di miele.

Penso che la cosa che mi ha colpito di più sono stati i contrasti. Shanghai è una città moderna e vibrante, ma gli appartamenti di Hongkew non hanno ancora l’impianto idraulico interno. E con tutti i progressi moderni, gli stessi edifici avevano ancora l’aspetto che avevano 70 anni fa, mi ha commosso il fatto di poter essere nello stesso spazio in cui erano stati i miei genitori.

La Cina rimpiazza il capo del partito comunista dello Xinjiang

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.