CinaOggi > Cultura cinese > Letteratura cinese > Saggi, articoli e interviste > La bizzarra credenza popolare dei “panini al vapore imbevuti di sangue umano”

La bizzarra credenza popolare dei “panini al vapore imbevuti di sangue umano”

I panini al vapore imbevuti di sangue umano

I panini al vapore imbevuti di sangue umano (血 馒头) sono un antico rimedio popolare cinese secondo il quale il sangue umano può curare la tubercolosi. Le prime tracce si trovano nel gigantesco “Compendio di Materia Medica” (Bencao Gangmu, 本草綱目) compilato da Li Shizhen durante la dinastia Ming.

Secondo questa credenza, alcune persone compravano panini al vapore immersi nel sangue umano di un prigioniero giustiziato per curare la malattia.

Articoli correlati: La magia nera cinese, Spettri, demoni e fantasmi della tradizione cinese (e giapponese) per immagini

Li Shizhen, da confuciano, si opponeva all’uso del sangue o di organi umani nella medicina, essendo una pratica immorale, ma ancora circolavano persone superstiziose o ciarlatani che ne facevano uso per “curare” diverse malattie. Li Shizhen ad ogni modo ricordava come gli alchimi taoisti (方伎之士) facessero uso di ingredienti derivati dal corpo umano come ossa, carne o la bile. L’uso di parti del corpo umano è una caratteristica comune a molte antiche tradizioni mediche.

panini al vapore imbevuti di sangue umano
panini al vapore imbevuti di sangue umano

Nel Bancao Gangmu sono elencati 35 farmaci derivati ​​dal corpo umano, inclusi organi, fluidi corporei o secrezioni. Li Shizhen non descrive in dettaglio l’uso di 12 dei 35 ingredienti umani perché li considerava troppo “crudeli o ripugnanti”. Secondo Li Shizhen, esiste, in particolare, una farmacopea particolarmente nefasta, ovvero il Bencao Shiyi di Chen Canqqi (本草 拾遺, inizio VIII secolo) che prescriveva la carne come rimedio per le malattie infettive.

Medicina Lu Xun
Un’illustrazione tratta da Medicina di Lu Xun

Anche Lu Xun, uno dei più grandi scrittori cinesi ne parla in un racconto chiamato “Medicina” che contiene una descrizione di questa usanza. Nel racconto un mantou intinto nel sangue di un criminale giustiziato poiché impegnato in attività rivoluzionarie viene acquistato da un uomo come “rimedio sicuro” per curare la malattia del figlio. Il libro è una metafora per criticare i mali di un mondo che si affida ancora a superstizioni piuttosto che abbracciare la modernizzazione.

Il persistere di tali tradizioni, secondo Lu Xun, è da attribuirsi alle intenzioni malevoli di alcuni ciarlatani che si approfittano dell’ignoranza del popolo che si affida a pratiche feudali anziché affidarsi alla medicina moderna (e al pensiero rivoluzionario). L’immagine del rivoluzionario giustiziato che viene dato in pasto a un altro è usata da Lu Xun per evocare l’oppressione della società cinese e il suo sfruttamento.

Attraverso le parole del pazzo di un “Diario di un pazzo” Lu Xun menziona nuovamente questa pratica: “L’anno scorso, un prigioniero è stato ucciso in città, e c’era un uomo che soffriva di tubercolosi. Intingeva i suoi panini al vapore nel sangue.

Una cura garantita! Mangiata calda così. Un rotolo intinto nel sangue umano come questo può curare qualsiasi consunzione!”

panini al vapore imbevuti di sangue umano
panini al vapore imbevuti di sangue umano
panini al vapore imbevuti di sangue umano
panini al vapore imbevuti di sangue umano

via: Steamed Buns Soaked in Human Blood

Previous

La Cina sospende Tencent dall’aggiornare o lanciare nuove apps

Le principali sfide dell’economia cinese nel 2022

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.