CinaOggi > Cinema Cinese > Interviste > Intervista con Richard Peña, professore di studi cinematografici alla Columbia University

Intervista con Richard Peña, professore di studi cinematografici alla Columbia University

Richard Peña è professore di studi cinematografici alla Columbia University, dove è specializzato in teoria del cinema e cinema internazionale.

Dal 1988 al 2012 è stato direttore del programma della Film Society del Lincoln Center e direttore del New York Film Festival. Organizza conferenze su film a livello internazionale, nel 2014-2015 è stato Visiting Professor in Brazilian Studies a Princeton e nel 2015-2016 Visiting Professor in Film Studies ad Harvard. Nel maggio 2016, è stato il destinatario della “Cathedra Bergman” all’UNAM di Città del Messico. Attualmente ospita il settimanale Reel 13 di WNET/Channel 13. 

Articoli correlati: Intervista a Jia Zhangke, Storia del cinema cinese

Qual è la storia legata al suo interesse per i film ed il cinema? Era un suo sogno d’infanzia ritagliarsi una carriera in questo campo?

Sono cresciuto a New York, che all’epoca era anche una città migliore per i cinefili di quanto non lo sia adesso. Quando frequentavo il college sapevo che qualunque cosa avessi fatto, avrebbe coinvolto il cinema, ed in effetti un sogno d’infanzia è stato realizzato quando mi è stato chiesto di lavorare al NYFF.

Richard Peña, ex programmatore del New York Film Festival, ha aperto con successo gli orizzonti del pubblico e li ha introdotti alla scoperta di diversi cinema nel mondo come africano, taiwanese, sudcoreano, polacco, ungherese, rumeno, arabo, cubano e argentino

the goddess
“The Goddess” © 1934 Lianhua Film Company − All right reserved

Ha contribuito a rendere la cultura cinematografica di New York più cosmopolita e multiculturale. Ha organizzato retrospettive su registi di fama internazionale, incluse importanti serie di film dedicate al cinema di vari paesi del mondo. Quali sono state alcune delle sfide più grandi che ha dovuto affrontare?

Ho lavorato come programmatore cinematografico professionista dal 1980 al 2012 (i primi 8 anni sono stati all’Art Institute of Chicago). La maggior parte di questo periodo è stata durante l'”era della celluloide”, il che significava che praticamente tutto ciò che abbiamo proiettato è stato proiettato su pellicole da 35 mm. All’epoca, quando proponevo una grande serie di film, diciamo ad esempio, al governo polacco, avrebbero dovuto creare nuove copie 35mm sottotitolate. Sarebbe potuto essere molto costoso. Ora, la maggior parte delle aggiunte viene eseguita digitalmente ed è molto più economico creare e spedire dischetti rigidi digitali.

Il rinomato professore di studi cinematografici e curatore Richard Peña ha aiutato il pubblico ad approfondire e scoprire registi classici e nuovi come Michelangelo Antonioni, Pedro Almodovar, Abbas Kiarostami, Lars Von Trier, Jia Zhangke e Hou Hsiao-Hsien

pickpocket-xiao-wu
Guarda Xiao Wu online da casa e sintonizzati online mentre l’esperto Richard Peña parla di uno dei debutti alla regia più impressionanti del cinema cinese del 21° secolo

Watch Xiao Wu online at home and tune in online as expert Richard Peña discusses one of the most impressive directorial debuts in 21st-century Chinese cinema.

Nel 1992 ha creato con il Ministero della Cultura spagnolo la serie annuale “Spanish Cinema Now” al Lincoln Center e nel 1996 “Rendez-vous with French Cinema”. È anche responsabile della creazione dell’annuale New York Jewish Film Festival

Image from the movie "Yellow Earth"
Immagine tratta dal film Terra Gialla di Chen Kaige © 1984 − All right reserved

Può condividere con noi la sua filosofia e visione curatoriale?

Hmmm… quello che potrei dire è che odio i “buchi neri” nella storia del cinema. Per restare sul tema del cinema cinese: mentre c’erano retrospettive del cinema cinese pre-1949 e l’emergere della “Quinta generazione” che ha illuminato i riflettori sul lavoro contemporaneo, ma c’era poco materiale noto dei cosiddetti “Diciassette anni”. Quindi ho cercato di vedere quanti più film possibile di quel periodo e di conoscere quegli anni, e questo alla fine ha portato a una serie importante, proprio su quel periodo ovvero “The Seventeen Years” al New York Film Festival del 2010.

Il professor Richard Peña ha organizzato con il China Film Archive la prima grande proiezione negli Stati Uniti su una raccolta di circa 20 film realizzati nei primi anni dal sistema degli studi statali cinesi.

Si è recato in Cina molte volte. Cosa ha colpito di più la sua attenzione negli anni?

A livello personale, i miei amici. Oltre a ciò, quando sei in Cina si sente che la storia accade intorno a se. La trasformazione della Cina da quando l’ho visitata per la prima volta nel 1986 e ora è oltre le parole che potrei pronunziare.

Quale pensa sia il ruolo dei registi cinesi di sesta e quinta generazione (come Chen Kaige e Jia Zhangke) che hanno messo in luce periodi di transizioni e cambiamenti sociali, e qual è il peso che hanno nel condividere con il resto del mondo il loro punto di vista sulla Cina rurale e urbana?

Il lavoro di questi registi e di altri ha spesso messo in discussione quella che potremmo chiamare la narrativa “ufficiale” della Cina contemporanea. Sappiamo dello straordinario boom economico della Cina; chi sono le vittime, o i perdenti, del boom? Per provarlo dobbiamo vedere Xiao Wu o Ghost Town.

Il prof. Peña è considerato un’enciclopedia vivente della storia del cinema. Tiene spesso conferenze a livello internazionale su un’ampia varietà di argomenti cinematografici

Image from the movie "Pickpocket"
Xiao Wu © 1997 − All right reserved.

Crede che questi film, con il loro linguaggio universale attraverso le emozioni umane, pur mantenendo l’unicità dell’autore, abbiano aiutato il pubblico di tutto il mondo a capire di più sulla Cina e sulla cultura cinese? Nell’era della globalizzazione, il cinema riesce a essere uno strumento capace di prevenire o arginare i pregiudizi?

Non so quanto sia “universale” la loro lingua. La mia sensazione è che la sensibilità di un Jia Zhangke o di un Lou Ye sia vicina ai loro contemporanei in tutto il mondo. Le storie che raccontano sono facilmente comprensibili, potremmo dire in questi termini, ai Brasiliani, perché anche i Brasiliani comprendono le conseguenze di uno sviluppo ineguale.

“Il cinema trascende la cultura ed i confini in un modo in cui la poesia e la pittura non possono” – Professor Richard Peña

Negli ultimi 40 anni la Cina è cambiata enormemente, in numerosi aspetti, oltre che dal punto di vista delle produzioni cinematografiche. In qualità di Professor of Professional Practice in the Film department della Columbia University, puoi condividere con noi quali sono i principali motivi e le curiosità dei giovani che si avvicinano ed iniziano gli studi sul cinema cinese? Come sono cambiati negli anni i gusti delle nuove generazioni e del pubblico?

Credo che la maggior parte dei miei studenti nel corso degli anni nel mio corso di cinema cinese venga in classe spinto e motivato dalla voglia di saperne di più e capire la Cina, ovvero la più grande storia internazionale degli ultimi 50 anni. Idealmente, poi arrivano a riconoscere ed apprezzare la straordinaria bellezza e brillantezza dei film che mostro. Nel corso degli anni, alcuni film hanno parlato più ad alcuni studenti che ad altri. Un film come Goddess (1934) di Wu Yanggong è ora visto come un’opera femminista straordinariamente preveggente, il film che il pubblico contemporaneo può apprezzare. 

Richard Peña ha assistito al New York Film Festival, quando aveva solo 12 anni, per vedere il film di Erich von Stroheim The Wedding March

Image from the movie "Suzhou River"
 “Suzhou River” © 2000 Coproduction Office − All right reserved.

Può  condividere con noi qualche storia per lei significativa correlata ad un film cinese, dal backstage di un festival, o da una conversazione con un regista?

Una volta stavo cenando con un regista cinese a Pechino, e mentre ci stavamo eravamo a fine pasto mi ha invitato ad una proiezione del suo film, un film che sapevo essere vietato in Cina. Ho manifestato ed espresso la mia sorpresa per il fatto che fosse proiettato e lui mi spiegò che veniva mostrato in un bar, su DVD. Siamo andati alla proiezione, e c’erano circa 150 persone lì, che iniziarono con il regista un dibattito sul film che purtroppo non sono riuscito a comprendere. Nessuno sembrava particolarmente preoccupato o intimorito dal fatto che il bar sarebbe potuto essere perquisito. È stato un po’ come se fosse uno schema del “teatro”: “Fingeremo di vietare il tuo film, e tu fingerai di accettarlo, ma ovviamente sappiamo che farai vedere il film in circostanze semi clandestine.”

Sono spesso deluso dal fatto che più persone non approfittino dell’enorme e voluttuoso banchetto che il cinema offre – una tale gamma di stili, temi, soggetti, approcci – più che sufficienti per deliziare e incuriosire ogni spettatore. Purtroppo, la maggior parte sembra soddisfatta solo delle offerte di “fast food” in mostra nei nostri multiplex o sui nostri schermi TV”. – Professor Richard Peña

È stato spesso sottolineato che la mancanza di accesso ai contenuti è stata la principale causa di ignoranza e pregiudizio. Ma abbiamo visto che non funziona in questo modo. Cosa ne pensa del ruolo di piattaforme come Netflix e Amazon sia come promozione che per la fruizione del cinema e della televisione internazionale di piccole e grandi produzioni sui temi dell’identità, della diversità e dell’inclusione? Quale ruolo aggiuntivo ai tempi della pandemia e del lockdown? Quali effetti collaterali in un enorme catalogo in espansione ogni mese?

Questa è davvero una domanda complessa. Non sono un grande fan delle piattaforme: è bello che contengano un assortimento internazionale di film e serie televisive, ma più producono opere internazionali, più appiattiscono ed omogeneizzano il materiale. I loro documentari a questo punto sembrano del tutto intercambiabili; la forma decretata dalla piattaforma travolge qualsiasi contenuto. Inoltre, ciò che le piattaforme forniscono in termini di accesso, lo perdiamo in termini di esperienza comune del cinema. Penso che Marshall McLuhan avesse ragione quando diceva che il cinema era un mezzo “caldo” e la TV era un mezzo “figo”.

Immagine in evidenza di Ulysse del Drago, foto cortesemente concesse da Richard Peña
Un ringraziamento speciale a Jeremy Willinger e China Institute (New York)

La Cina verso l’aumento della produzione di carbone per fronteggiare la crisi energetica

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.