CinaOggi > Economia cinese > Il gigante immobiliare cinese Evergrande avverte che potrebbe andare in default sul debito

Il gigante immobiliare cinese Evergrande avverte che potrebbe andare in default sul debito

Evergrande è una delle società più indebitate al mondo e quest’anno ha visto le sue azioni crollare del 75%. Ha accumulato un impressionante debito di 300 miliardi di dollari ed oggi è stata assediata da circa 100 investitori inferociti.

La crisi del debito della società potrebbe ripercuotersi sul sistema bancario cinese.

China Evergrande Group ha affermato che non può vendere proprietà e altri beni abbastanza velocemente in modo tale da appianare lo sconfinato debito di 300 miliardi di dollari e che il suo flusso di cassa è sotto “tremenda pressione”.

Solo poche ore fa gli investitori inferociti hanno circondato la sede a Shenzhen di Evergrande, che ha negato di essere in bancarotta. La compagnia ha rilasciato una dichiarazione alla borsa di Hong Kong affermando che un significativo calo delle vendite sarebbe continuato questo mese, il che avrebbe probabilmente deteriorato ulteriormente la sua liquidità e flusso monetario.

Evergrande ha accusato i media di creare un clima di incertezza tra gli investitori comportando un peggioramento della situazione.

Evergrande ha anche affermato che due delle sue filiali non sono riuscite a adempiere agli obblighi di garanzia per 934 milioni di yuan (145 milioni di dollari) di prodotti di gestione patrimoniale emessi da terze parti. Ciò potrebbe “portare a un default incrociato”, ha affermato.

Martedì pomeriggio le azioni del gruppo sono scese di quasi il 12% a Hong Kong. La dichiarazione ha anche affermato di non essere riuscita a trovare un acquirente nella vendita in difficoltà delle sue filiali di veicoli elettrici e servizi immobiliari, spingendo le azioni di tali attività a diminuire rispettivamente del 22% e dell’8%.

La crisi della compagnia è stata causata da anni di prestiti da parte della società per finanziare una rapida crescita in combinazione con il giro di vite sul settore da parte di Pechino.

Evergrande è una delle società più indebitate al mondo e quest’anno ha visto le sue azioni crollare del 75%, suscitando timori tra gli analisti di “un rischio di contagio” che si diffonde attraverso il settore immobiliare surriscaldato della Cina e anche il suo sistema bancario.

Previous

Barbarie — Civilisation, René Georges Hermann-Paul, 1899

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.