CinaOggi > Società in Cina > Design in Cina > Intervista con la set designer Tina Fung

Intervista con la set designer Tina Fung

Tina Fung è un’artista e scenografa multidisciplinare.

Tina Fung, nata e cresciuta in Danimarca, è un’artista e designer multidisciplinare che è passata alla scenografia. Ha vissuto a Londra, dove ha conseguito una laurea ed un master in Interior and Spatial Design presso l’importante istituzione d’arte e design britannica Chelsea College of Art & Design, University of the Arts. Tina ha sviluppato più di un decennio di esperienza lavorativa a Copenaghen, Londra e Singapore. Ha co-fondato Space Objekt con Ash Razaque. Space Objekt è uno studio di design creativo che si concentra sulla creazione d’ installazioni artistiche sia per il settore commerciale che per quello artistico. Tina è la principale scenografa e artista dello studio. I punti salienti del vasto portfolio di Tina sotto gli auspici di Space Objekt includono installazioni artistiche per eventi di fama internazionale come Summer Well Festival in Romania, Singapore Art Week e Ultra Music Festival. La sua esperienza nella scenografia e le sue installazioni si estendono anche al settore del lifestyle, avendo collaborato con marchi famosi come Gucci, Sephora, Adidas e Aesop. Tina si è persino diversificata nella produzione di set cinematografici. Ha lavorato alla pubblicità per gli Universal Studios di Singapore e ha lavorato con personalità come il regista Jacky Lee, il cantautore Charlie Lim e la prodezza EDM Jasmine Sokko. Tina è anche una relatrice TEDx che ha condiviso le sue idee sull’importanza dell’arte condivisibile attraverso le piattaforme dei social media e ha condotto una masterclass sull’esplorazione del processo creativo e sulla sua applicazione in questo mondo dei nuovi media in rapida evoluzione.

Official site | Instagram | Facebook

Qual è la storia dietro la tua motivazione nel diventare un’artista e scenografa? Chi ti ha influenzato come persona e come creativa?

La mia motivazione nel diventare una designer / artista è venuta davvero da una serie di influenze crescenti. Sono sempre stata interessata a fare cose e da bambina ho frequentato diversi programmi di doposcuola. Guardando indietro, queste erano tutte legate alle arti. Dall’arte, dalla musica, alla danza. Tutti i miei insegnanti e mentori mi hanno influenzato come persona creativa. I miei genitori mi hanno insegnato il valore dell’etica del duro lavoro.

Bloom Room for Branson Aquarium USA

Perché hai deciso di trasferirti a Singapore? Puoi raccontarci come hai fondato Space Objekt?

Il mio trasferimento a Singapore è stato molto spontaneo. È arrivata l’opportunità per un ruolo in uno studio di interior design e ho deciso di provarci. Avendo vissuto solo in Europa fino al momento in cui mi sono trasferita, l’ho vista come una buona opportunità per esplorare l’Asia, e Singapore sembrava una buona “Asia per principianti” per così dire. La creazione di Space Objekt è avvenuta in modo molto organico. Di nuovo, questo non era pianificato. Odio pianificare troppo in anticipo e tendo a vivere in modo molto organico. Ho un approccio alla vita “Guarda dove vanno le cose”. Ho iniziato a ricevere più richieste di commissioni di installazione dal settore pubblico e commerciale, quindi aveva senso incorporare un’azienda.

Space Objekt, cofondato da Tina Fung e Ash Razaque, è uno studio di design boutique con sede a Singapore che sta rimodellando la comprensione degli ambienti costruiti e reinventando le esperienze spaziali. Nata con una visione collettiva di rendere l’arte accessibile a tutti. Space Objekt aspira a suscitare gioia attraverso il proprio lavoro, che si tratti di oggetti di scena su piccola scala, installazioni immersive più grandi della vita o persino design d’interni. Tina e Ash sperano di ridefinire gli spazi e connettere il pubblico con il mondo attraverso questo nuovo linguaggio visivo.

Gucci Gothic for Gucci

Quali sono le principali sfide nella tua professione? Quali sono le maggiori soddisfazioni?

Alcune delle principali sfide che devo affrontare includono i rapidi tempi di consegna previsti dai clienti; soprattutto in Asia. Poiché la comunicazione e la tecnologia si sviluppano ed accelerano costantemente, stiamo diventando più connessi in un modo più veloce che mai. Il processo di progettazione richiede ancora tempo e credo fermamente che la ricerca, la riflessione e l’indagine siano una parte fondamentale del processo che richiede tempo. La mia più grande soddisfazione sta nell’attraversare il processo dall’inizio alla fine. Vedere la mia “grande idea” svelarsi ed eseguita nella sua interezza sul posto ed il modo in cui il pubblico interagisce con il lavoro mi entusiasma.

Tina ha imparato a connettere le persone con gli spazi e allo stesso tempo ad evocare un senso di accoglienza del luogo in cui le comunità possono crescere

Shades Of Self. Photo by Irving Neil Kwok

Puoi condividere con noi qualche storia significativa dietro uno dei tuoi progetti di lavoro?

La mia installazione Harmony si trova vicino al mio cuore. Siamo stati incaricati da Sentosa di creare un’installazione. Il brief era molto aperto, quindi questo significava che avevamo una tela bianca su cui lavorare. Volevo creare un’installazione che fosse riconosciuta attraverso la forma, la sagoma di una mano a forma di cuore. Volevo solo condividere l’amore ed è stato gratificante vedere come tutti hanno condiviso il loro amore imitando la forma del cuore usando le mani. Il nostro studio aspira a suscitare gioia attraverso il nostro lavoro, che si tratti di oggetti di scena su piccola scala, installazioni immersive più grandi della vita o persino design di interni. Quando l’arte prospera, l’arte cresce. Quando l’arte cresce, ispira, rendendola rilevante per l’oggi.

Harmony, photo by Arahim

Sei originaria di Copenaghen, ti sei formata a Londra e attualmente risiedi a Singapore. Quali sono stati i maggiori vantaggi nel vivere in diverse parti del mondo?

Il più grande vantaggio di vivere in diverse parti del mondo per me, è stato poter uscire dalla mia zona di comfort, aiutandomi in cambio a crescere personalmente e professionalmente. La parte migliore è avere amici in tutto il mondo.

LabradorescenceSummerwell Festival Romania by Tina Fung X Reza Hasni

Quanto ha influito la pandemia di Coronavirus sul tuo lavoro?

Ha influenzato molto il nostro lavoro. Avevamo alcuni progetti davvero fantastici in programma nel 2020 in paesi che non avevo mai visitato prima, e non vedevo l’ora che arrivassero. Poiché lavoriamo su molte installazioni basate su eventi, queste sono state cancellate o posticipate. Gli appaltatori sono stati fortemente colpiti, il che significa che la manodopera è stata ridotta. Con meno manodopera, che influisce sui tempi tipici delle consegne. Il rovescio della medaglia, la pandemia mi ha anche insegnato come lavorare a distanza, cosa che abbiamo fatto con successo per i nostri progetti all’estero negli Stati Uniti per il Branson Aquarium ed un altro su cui stiamo lavorando a Los Angeles.

Le radici etniche di Tina provengono da Hong Kong e dalle Filippine.

Kaleidoscope for Branson Aquarium USA

Qual è stata la tua reazione quando hai sentito per la prima volta dell’aumento dei crimini d’odio rivolti agli asiatici?

Prima reazione: 1. Non possiamo lasciarci prendere dalla paura. 2. Non sono sorpresa.

Paradigm Shift for Adidas

I crimini violenti e le aggressioni di razzismo contro gli asiatici sono in aumento negli Stati Uniti. Molte persone nell’UE. parlano di costante razzismo passivo-aggressivo. Tu o qualcuno che conosci siete mai stati oggetto di micro aggressione o pregiudizi?

Sì, durante la mia educazione in Europa ed anche vivendo a Singapore. La xenofobia ed il razzismo da locazione sono sottili ma esistono anche a Singapore nonostante sia una società multiculturale. Avendo sperimentato in prima persona durante il mio periodo di ricerca dell’appartamento qui, molte delle nostre richieste sono state rifiutate a causa della etnia del mio partner. Alla fine, siamo riusciti ad affittare da un padrone di casa favorevole alla diversità.

Mahkota photocredit @atsusingapore

Alcune persone non considerano il razzismo anti-asiatico un problema che deve essere affrontato. Una maggiore consapevolezza su questi temi potrebbe invertire la tendenza. Come sollecitare e agire per un cambiamento più incisivo?

Qualsiasi tipo di discriminazione deve essere affrontata per cambiare il modo in cui la società si comporta per il futuro del nostro benessere e delle giovani generazioni. Penso che i social media siano una grande piattaforma in una certa misura. È il primo passo e anche la forma più entry-level di advocacy; che è molto presente adesso. Ricorda che l’antirazzismo non è un hashtag. Puoi condividere un post su Instagram, ma non stai davvero facendo tutto il lavoro. Sii consapevole, sii gentile. Dona o fai volontariato a gruppi della comunità per aiutare a far crescere gruppi asiatici come artisti, attivisti per parlare.

Foto cortesemente concesse da Tina Fung & Space Objekt
Fotografia di STUDIO PERIPHERY

Xi Jinping e Putin annunciano l’estensione del trattato di cooperazione Cina-Russia

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.