CinaOggi > Arte cinese > Saggi, articoli & interviste > Intervista con l’Artista Jingyi Wang

Intervista con l’Artista Jingyi Wang

Jingyi Wang è un’artista surrealistica specializzata in pittura ad olio.

Jingyi Wang è un’artista visiva, nata e cresciuta in Cina che attualmente lavora e vive a New York City. Si è laureata alla China Central Academy of Fine Arts nel 2013, con un diploma in pittura. Ha conseguito il diploma di MFA presso la New York Academy of Art nel 2016. Le sue opere sono state ampiamente esposte ad Art New York, Sotheby’s New York, Metropolitan Pavilion, Portraits Inc., Panepinto Galleries, X gallery, ecc. in riviste d’arte come ArtMaze Mag, Acrylicworks5, Creativepaper magazine, Studio Visit magazine, I suoi lavori sono stati segnalati da Major Media come The China Press, World Journal, Artron Net e ha avuto un’intervista personale da New York Lounge nel 2019. Ha ricevuto un premio di residenza artistica presso la Terra Foundation of American Art a Giverny, Francia. La mostra personale di Wang “The Growing” è stata inaugurata alla Amerasia Bank Gallery di New York nel 2017. La sua mostra personale “Soft Sting” è stata aperta alla Times Arts Gallery di New York nel 2019.

Sito Ufficiale | Instagram

Puoi parlarci un po’ di te? Come hai scoperto la tua vocazione pittorica? Chi ti ha influenzato come persona e come artista?

Sono nata nel nord-est della Cina. Ho iniziato a dipingere quando avevo dieci anni. Ho studiato alla China Central Academy of Fine Arts, specializzandomi in pittura ad olio. Più tardi, ho deciso di venire a New York City per ulteriori studi e nuova ispirazione. Durante i miei studi universitari alla New York Academy of Art, sono stata ammessa ad una residenza ed ho dipinto per due settimane al Giardino di Claude Monet a Giverny, in Francia. Questa esperienza indimenticabile mi ha ricordato la prima volta che ho conosciuto l’impressionismo all’età di quattordici anni. Ho visto una grande mostra a Pechino chiamata “Sunshine & impression”. C’erano cinquanta dipinti impressionisti del Museo d’Orsay, in Francia. Sono stata attratta dai colori ricchi e luminosi e questa mostra mi ha influenzato molto sulla mia futura creazione. Claude Monet è il mio primo insegnante di pittura ad olio. Da allora ho sognato di diventare una pittrice professionista. Dipingo da tutta la mia vita da più di vent’anni, sembra che il mio sogno si sia avverato. Essere un’artista è sempre una sfida. Sono fortunata ad avere i miei genitori che mi sostengono. Devo dire che mia madre mi ha influenzato maggiormente. È stata lei a portarmi a Pechino ed a presentarmi Monet. Ha anche detto che essere una persona gentile è più importante che essere un grande artista.

Mi piace associare il fragile con l’acuto, il serio con i toni umoristici, lo struggente con il desiderio. Lavoro dalla realtà, dall’istinto e dal subconscio. Con idee di narrazione nella mia vita, adotto elementi da ciò che incontro o da ciò che vivo. Le mie opere si concentrano sul rapporto tra natura e cultura. La natura è sempre il contesto generale delle mie opere “. – Jingyi Wang

Dialogue, Oil on Canvas, 40” x 48”, 2021

Che cosa puoi dirci del tuo periodo iniziale? Quali sono state le sfide più grandi?

Quando studiavo pittura realistica alla China Central Academy of Fine Arts, ho sentito una grande pressione poiché i miei professori ed alunni erano gli artisti contemporanei più famosi in Cina. Desideravo poter essere grande come loro. Quindi passavo molto tempo a praticare e perfezionare le mie abilità pittoriche, ma non mi sono divertita molto. Preferivo dipingere all’aperto e stare vicino alla natura. Tuttavia, sono molto grata per questa esperienza perché è stata utile per la mia futura creazione artistica. Quando non ho più proseguito la ricerca nel focalizzarmi su abilità pittoriche superbe, ho finalmente trovato un vero progresso nella mia opera d’arte personale. Ho affrontato sfide diverse in momenti diversi. La sfida più grande per me ora è che, come artista, devo spaccare con i miei dipinti ed innovare le mie idee tutto il tempo. Ho cercato di trovare un mio linguaggio artistico.

Ha esperienza nella creazione di un nuovo tipo di pittura concettuale, in cui combina realtà, istinto e subconscio con il cactus come soggetto principale

Have a Sweet Dream, Oil on Canvas, 40” x 48”, 2021

Sono rimasta colpita dalla tua dichiarazione d’artista: “le piante sembrano più vulnerabili degli umani ma vivono senza paura”. Puoi dirci di più al riguardo? Perché hai scelto il cactus come soggetto principale delle tue opere?

Una volta durante un mio disegno all’aperto, ho visto una pianta crescere rigogliosa da un lato e appassire silenziosamente dall’altro. Mi ha toccato moltissimo. Le piante sembrano fragili, ma crescono selvaggiamente e senza paura nel vento e nella pioggia. Ho capito di voler dipingere la vita della natura ed il cactus è senza dubbio la pianta più rappresentativa. Sono vivaci e forti. Dipingere il cactus è stata anche la mia intenzione originale ancora parecchi anni fa. Ovviamente, i miei pensieri e le mie emozioni per il cactus sono cambiati molto negli ultimi anni. Il cactus rimane il mio argomento principale, ma quello che voglio esprimere è diverso. Adesso il cactus può rappresentare me, i miei pensieri, le mie emozioni. Tutti possiamo riconoscere i tratti che i cactus rappresentano dentro di noi, rinforzati all’esterno e fragili all’interno. Il cuore tristemente sbiadito cresce contro il vento in una solitudine sconfinata.

Jingyi Wang è attenta e perspicace e combina le sue capacità di abbozzo e creatività per mostrare l’incoerenza tra il delicato e l’acuto

Barcelona Dream, Oil on panel, 10” x 8”, 2020

Quanto tempo ci vuole per realizzare uno dei tuoi quadri, dal concept alla tela finale?

Di solito, completo un dipinto dall’idea alla tela finale entro due settimane. Mi piace dipingere direttamente e velocemente. E spero che non ci siano interruzioni durante il processo. Alcune nuove idee potrebbero venire fuori durante il percorso in modo che io aggiusti e modifichi il mio lavoro mentre dipingo. Pertanto, il tempo di completamento di un lavoro varia da diversi giorni ad uno o due mesi.

Sono passati quasi 5 anni da quando ho iniziato a usare i cactus come soggetto. I cactus simboleggiano i miei sentimenti e il mio atteggiamento nei confronti della vita, per me significano uno stato di impotenza ed emozioni nervose. La mia serie “desiderio silenzioso” descrive la crescita dei cactus nella stanza; l’ombra raffigura una scena naturale surreale con inevitabile decadimento. Successivamente, ho creato la serie di cactus e palloncini. ” – Jingyi Wang

Solo exhibition installation shot, Four you Gallery

La tavolozza dei colori che usi nelle tue opere riflette il modo in cui vedi il mondo? È un modo per convertire l’energia negativa in creatività e crescita positiva?

Sì, la mia creazione è piuttosto emotiva. Il colore della mia tavolozza riflette naturalmente il mio stato d’animo durante il processo creativo. Durante la pandemia del 2020, nei miei dipinti sono apparsi solitudine, lotta, desiderio, forza e irrequietezza. Quando il mio umore era blu, anche i miei quadri erano di una tonalità blu. Sebbene io ammetto di essere una “pessimista”, cerco ancora “speranza nella disperazione”. Credo che gli artisti possano trasmettere energia positiva. Anche se a volte ci troviamo in un ambiente deprimente, abbiamo ancora sentimenti di speranza nei confronti del mondo. Come possono le persone trovare uno spazio puro nella mente in questa realtà ansiosa? Vorrei che potessero vedere il futuro, la speranza e l’umorismo nelle mie opere.

Con le sue tecniche pittoriche surrealiste uniche, porta la pittura tradizionale nell’arte contemporanea

Poking, Oil on Canvas, 58”x 72”, 2021

Ti sei trasferita dalla Cina agli Stati Uniti. Quanto è cambiata New York rispetto a quando sei arrivata la prima volta? Come è cambiata la vita degli asiatici dallo scoppio della pandemia?

Mi sono trasferita a New York nel 2014. Negli ultimi sei anni, non mi è sembrato che fosse cambiata molto, tranne per il fatto che il nuovo sito del WTC era stato completato. Sono rimasta sbalordita dalla diversità di New York City, dove ho incontrato artisti da tutto il mondo. Ma molti cambiamenti sono avvenuti nel 2020. New York mi è diventata sconosciuta nel 2020. Molti ristoranti e gallerie sono stati chiusi o trasferiti definitivamente durante la pandemia. Ci sono stati attacchi ed insulti agli asiatici più che mai. Avevo paura di uscire all’inizio della pandemia. Quando sono uscita ho portato con me anche lo spray al peperoncino e sveglie sul cellulare. Spero che New York torni presto alla normalità.

Nella sua personale “Natural Social Distancing” alla Four You Gallery, i cactus assumono una forma antropomorfica

New York è un simbolo mondiale di libertà. È difficile credere che in questa città sorgano così tanti attacchi. Sei sorpresa? La tua famiglia ed i tuoi amici in Cina sono preoccupati per te?

Sì, New York era una città molto inclusiva ed aperta. Mi sento triste e ansiosa che ci siano stati molti attacchi alle persone di colore a causa della pandemia e dell’odio. Per il momento, New York non è più quella di una volta. Ma abbiamo avuto anche sfilate ed eventi Stop Asian Hate. Tutti si sforzavano di lottare per l’uguaglianza ed eliminare la discriminazione. Ho anche partecipato a diversi eventi artistici. La mia famiglia è in Cina, quindi erano preoccupati per la mia sicurezza. Mi hanno suggerito alcune precauzioni per l’autodifesa.

Durante il tempo in cui dipingo, più della metà di esso è dedicato alla pittura di paesaggio. L’osservazione e la percezione sono la fonte d’ispirazione della mia creazione artistica, che mi aiuta a continuare a migliorare me stessa.” – Jingyi Wang

Don’t be Sad, Oil on panel, 10” x 8”, 2020

Anche le cose più piccole possono influenzare e sommarsi per apportare modifiche. Come avvicinarsi ed imparare a lavorare verso obiettivi comuni e fermare la diffusione di pregiudizi ed odio? L’arte può essere uno strumento per realizzare questo cambiamento?

Sì. Gli artisti possono sforzarsi di parlare a nome delle minoranze etniche attraverso mostre d’arte, eliminare la discriminazione razziale ed evitare la violenza. L’arte è anche uno strumento per curare l’anima. Durante la pandemia, abbiamo visto artisti da tutto il mondo condividere e creare opere d’arte, portando conforto e sostegno senza parole alle persone. Non è necessario quanto l’accesso all’assistenza sanitaria e alla sicurezza quotidiana, ma l’arte mostra il suo lato importante quando tutti sono sull’orlo del collasso estremo, della depressione e del panico. L’arte può anche dare alle persone il coraggio di affrontare il futuro. Finora ho partecipato a tre mostre nel 2021, due delle quali ruotano attorno al tema dell’anti discriminazione. PARALLELS & PERIPHERIES a cura di Larry Ossei-Mensah e la mostra The Push organizzata dal gruppo The Push. L’altra è la mia mostra personale “Natural Social Distancing” alla Four You Gallery. Discute la relazione tra l’uomo e la natura. Siamo tutti esseri naturali, siamo stati creati uguali.

I miei cactus-esseri umani riflettono gli aspetti biologici e psicologici della vita, avvicinandosi alla sottile e intima intersoggettività dell’umanità. Con questi elementi e colori, vorrei sempre estendere i nostri corpi a terra e madre natura, creando uno spazio per il dialogo e la collaborazione tra uomo e natura “. – Jingyi Wang

Foto cortesemente concesse da Jingyi Wang

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.