CinaOggi > Featured > Intervista con la pianista Mélodie Zhao

Intervista con la pianista Mélodie Zhao

Compositrice, direttrice e pianista: mira a far tornare giovane la musica classica.

Mélodie Zhao è una pianista e compositrice di origine svizzera. Ha iniziato a studiare pianoforte all’età di due anni ed ha studiato prima al Conservatorio Centrale di Musica di Pechino, con Jiaquan Chen fino all’età di nove anni. Successivamente è entrata al Conservatorio di Musica di Ginevra per studiare con Mayumi Kameda e all’Università di Musica di Ginevra a 13 anni, dove ha conseguito la laurea di primo livello ed il Master di solista a 16 anni nella classe di Pascal Devoyon. Inoltre le sono stati conferiti i premi Georges Filipinetti e Carola Pajonk come musicista dalla più alta e raffinata sensibilità musicale. Ha poi seguito il suo professore a Berlino, dove attualmente risiede e ha conseguito un secondo Master presso l’Università delle Arti. Ha anche ricevuto lezioni da Paul Badura-Skoda a Parigi e Vienna. Mélodie ha suonato con importanti orchestre come la Moscow Tchaikovsky Symphony, l’Orchestre de la Suisse Romande, la Deutsche Radio Philharmonie, la China National e la Shanghai Philharmonic, sotto la direzione di direttori come Vladimir Fedoseyev, Howard Griffiths, Michail Jurowski, Gustav Kuhn e Muhai Tang . Si è esibita in tutto il mondo in prestigiose sale da concerto come Lincoln Center NYC, Tonhalle Zurich, NCPA Beijing, Victoria Hall Geneva, Theatre du Châtelet Paris, LAC Lugano, e nei festival di Merano, Budapest, New Ross, Gstaad, Palermo, Valldemossa, Tiroler Festspiele Erl, Davos, ecc. Ha dimostrato di essere una delle musiciste più talentuose della sua generazione durante le sue numerose registrazioni – tra cui le sonate complete di Beethoven, i concerti per pianoforte di Tchaikovsky, gli studi completi di Chopin, gli studi trascendentali di Liszt, tra gli altri – e tour internazionali.

Official site | Instagram | Twitter | Youtube | Facebook

Ho letto che hai iniziato a studiare pianoforte all’età di due anni. Quali sono i tuoi ricordi più belli della formazione per diventare una musicista?

Credo che mi sto ancora formando ogni giorno – e probabilmente fino all’ultimo – per mantenermi il più vicino possibile alla mia più profonda coesione musicale. Mi esprimo in modo naturale con la musica come se fosse la mia prima lingua. Non ho mai veramente pensato di “diventare una musicista” come una sorta di compito che avrei potuto eliminare nella lista delle cose da fare della mia vita. Detto questo, sono particolarmente grata per il brivido, il divertimento e le sfide eccitanti che la convivenza con e dalla musica porta inevitabilmente.

Le opere di Mélodie includono musica da camera, orchestrale e religiosa, oltre a brani per pianoforte solo dove spesso porta il virtuosismo ad un livello stimolante

melodie zhao, Photo: Cadenza Zhao

In che modo la musica ha arricchito la tua vita? Cosa ti ha ispirato a intraprendere una carriera nella musica?

Essere sul palco mi ha sempre attratto, sin da quando ero bambina. Ricordo di aver amato “mettere su uno spettacolo” allora in qualsiasi occasione. Di solito era un po’ di pot-pourri creativo con un mix di canti, balli, recitazione, travestimenti e narrazione. Quindi penso di aver scelto questa strada perché amavo il palco e la musica, ma ho anche avuto la fortuna di avere una famiglia e degli amici che credevano nel mio potenziale. La musica ha arricchito la mia esperienza terrena in tanti modi. Sono per lo più entusiasta della connessione emotiva istantanea con le persone. La trascendenza di dare il massimo durante un’esibizione dà senso alla mia vita.

Quali sono i sacrifici che hai dovuto affrontare nel perseguire la tua passione per la musica? Quali sono state finora le sfide più grandi della tua carriera?

Nella mia infanzia e in particolare negli anni dell’adolescenza, il sacrificio principale era probabilmente la mia vita sociale. Ho passato ore al pianoforte e ne è valsa la pena, ma quando sono entrata nella mia vita adulta, mi sono ritrovata terribilmente persa e sola. Ho dovuto scavare in profondità e lavorare sodo per ritrovare un percorso sano. Dal punto di vista della carriera, probabilmente sto affrontando in questo momento la mia sfida più grande finora, per la mia carriera di pianista classica che è scommettere sul tirare fuori la mia nuova musica (introducendo nuovi strumenti come i sintetizzatori e la mia voce) ed il concetto di palco contemporaneamente. Osare presentare qualcosa di drasticamente nuovo, soprattutto come musicista classica, è spaventoso, ma esilarante.

Mélodie ha uno stile ed un linguaggio molto personali e distintivi ed ha iniziato a esplorare la musica da film in diverse collaborazioni con la regista, sorella Cadenza

Photo: Xiomara Bender

Sei nata in Svizzera e ti sei esibita in diversi paesi per amore e passione per la musica. Il viaggio ha influenzato il tuo modo di vedere la vita e di essere ispirata?

Sì. Quando viaggio cerco di scoprire il più possibile sulla mia destinazione: la sua storia, la lingua, l’architettura … Trovo affascinante conoscere persone con background, mentalità e fisionomie diverse. In realtà, i paesaggi stranieri hanno ispirato le mie prime composizioni.

Mélodie riceve regolarmente ordini da orchestre e compagnie come il Rudra Béjart Ballet o la China National Opera

Photo: Cadenza Zhao

Come ti ha colpito la pandemia? Qual è stata la tua reazione quando hai sentito parlare dell’aumento dei crimini ispirati dall’odio contro gli asiatici durante questo periodo di Covid 19 e di blocco?

Come tutti nel mio settore, ho dovuto affrontare innumerevoli cancellazioni e rinvii di concerti. Inoltre, un caro amico è deceduto nelle prime fasi della pandemia in Svizzera, solo tre giorni dopo aver mostrato i sintomi. Era difficile non arrendersi, quindi ho lottato duramente dando recital settimanali in live streaming, componendo musica e persino dando inizio a un festival: www.spectrumfestival.ch Quindi immagino che la mia reazione a “è finita” sia “f *”! La discriminazione razziale è un problema di cui ho purtroppo assistito in prima persona già molto prima del COVID. L’epidemia di pandemia, a mio parere, ha solo esacerbato il problema e lo ha portato ad una nuova portata e visibilità. Il problema ha radici profonde e antiche. Quando ho visto le innumerevoli azioni ingiuste, stigmatizzanti e violente intraprese contro persone che mi assomigliavano in tutti i paesi occidentali, ho capito che non potevo restare in silenzio, non più. Con la mia regista, sorella Cadenza, stiamo lavorando in questo momento a un progetto che sensibilizza al problema del razzismo, soprattutto contro gli asiatici. Verrà pubblicato nelle prossime settimane sul mio canale YouTube. Il progetto lancerà il movimento Swiss Stop Asian Hate.

Ha una regolare collaborazione con la svedese “Camerata Nordica” che si esibisce con lei in progetti di concerti speciali che combinano classici e composizioni e arrangiamenti di Mélodie

Photo: Cadenza Zhao

Il 2021 è definitivamente un mondo multiculturale. Le nuove tecnologie consentono una maggiore conoscenza e comprensione del fatto che gli esseri umani appartengono tutti gli uni agli altri. Abbiamo vari strumenti per aiutarci ad agire contro pregiudizi e odio: arte, musica, film, letteratura, ecc. Perché pensi che esistano ancora stereotipi contro gli asiatici?

Credo che chiunque giudichi o condanni un intero gruppo di persone creando o utilizzando stereotipi stia semplicemente scegliendo la via senza sforzo dell’ignoranza. Gli stereotipi contro gli asiatici spesso sembrano provenire dalle tradizioni asiatiche di modestia e rispetto, erroneamente interpretate come disgusto di sé e debolezza. Sono convinta che intraprendere azioni orgogliose e non violente per difendere la nostra dignità cambierà le cose. Potrebbe volerci del tempo, ma quel giorno arriverà. Vorrei che il movimento Stop Asian Hate porti consapevolezza ed inciti ogni persona asiatica a difendere se stessa a lungo termine.

Dirige regolarmente orchestre da pianoforte in molti importanti concerti per pianoforte (Chopin 1 e 2, Beethoven Choral Fantasy, ecc.) oltre alle sue composizioni

Photo: Xiomara Bender

L’arte crea consapevolezza e immagina un mondo più progressista della realtà. Come musicista, quali cambiamenti speri di vedere? Cosa può fare la musica per prevenire e costruire una soluzione comune contro le micro aggressioni basate sugli stereotipi?

Per me, la musica è l’induttore di emozioni più istantaneo. Il ritmo entra nei nostri corpi istintivamente come i nostri battiti cardiaci. Riunire le persone è la natura della musica. Io stessa sono stata “salvata” più volte dalla musica e conosco persone che hanno abbandonato i loro pensieri suicidi dopo aver scoperto le sinfonie di Beethoven. La musica è un modo pacifico e pieno di speranza per raccontare storie e trasmettere messaggi direttamente al cuore. Una canzone cantata all’unisono potrebbe essere potente quanto mille preghiere.

Nel 2014, in poco meno di un anno di sessioni di registrazione, è diventata la più giovane pianista nella storia della musica, a registrare le sonate complete per pianoforte di Beethoven, pubblicate da Claves Records sotto la supervisione del suo insegnante Pascal Devoyon e suo padre Yuan Zhao

melodie zhao

Alcuni haters non sono pronti ad avere una conversazione, ma parlare è diventata una priorità. Cosa vorresti dire loro? Cosa speri che possano capire?

Noi, l’umanità, dobbiamo difendere l’amore insieme. Perché l’amore è il motore di tutto. L’amore è compassione, l’amore è vita. L’amore non può essere paura. Spero che ogni mente odiosa possa vedere che non esiste davvero un “noi e loro” o “tu e noi”. C’è solo un grande “noi”, una grande famiglia di esseri umani imperfetti, così simili tra loro, eppure tutti unici e interdipendenti.

Mélodie ha ricevuto anche il Premio François Dumont per la migliore interpretazione di una sonata di Beethoven

Immagine in evidenza: Xiomara Bender
Foto cortesemente concesse da Melodie Zhao & KKManagement
Un ringraziamento speciale a Ute Marianne Rost

Previous

Intervista con il regista, scrittore & attivista Popo Fan

Intervista con la fotografa Jessica Chou

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.