CinaOggi > Attualità in Cina > Intervista a Michelle Yang, Promotrice di Salute Mentale

Intervista a Michelle Yang, Promotrice di Salute Mentale

Michelle Yang una missione personale: mostrare al mondo che si può vivere bene con il disturbo bipolare.

Michelle Yang è una scrittrice, oratrice e promotrice di salute mentale. Durante il suo percorso di salute mentale, Michelle Yang, MBA, ha notato una mancanza di storie raccontate da donne di colore alle prese con una diagnosi bipolare. La sua determinazione a cambiare l’ha portata a lasciare la sua consolidata carriera nell’America aziendale per diventare una scrittrice e sostenitrice della salute mentale. La storia di Michelle è una storia di trionfo e resilienza, che assicura al pubblico che è ancora possibile lottare per i propri sogni più sfrenati mentre si gestisce una condizione di salute mentale cronica. I suoi scritti sono stati pubblicati su NBC News, CNN, InStyle, Reader’s Digest, HuffPost, Shondaland, Temper e altri. Michelle è anche impegnata al lavoro sul suo libro di memorie, Phoenix Girl: How a Fat Asian with Bipolar Found Love.

Official site | Facebook | Instagram | Twitter

Puoi dirci qualcosa su di te e sulla tua storia? Cosa ti ha spinto ad iniziare il tuo percorso come scrittrice, oratrice e difensore della salute mentale?

Sono un sostenitrice della salute mentale che parla e scrive sull’intersezione tra identità asiatica americana, femminismo e salute mentale. I miei problemi di salute mentale sono iniziati quando sono immigrata all’età di 9 anni. Il trauma dell’immigrazione non è molto discusso nella maggior parte delle società. E mentre aumentavano le pressioni per imparare l’inglese rapidamente ed adattarmi e prosperare immediatamente, ho lottato con grave ansia, depressione e insonnia, ma l’aiuto era inaccessibile. Questo perché, sulla carta, ero una studentessa eccezionale, molto coinvolta nella scuola e lavoravo a tempo pieno nel ristorante da asporto dei miei genitori. Questo non si adattava alla narrativa che la maggior parte delle persone sosteneva per qualcuno che viveva con problemi di salute mentale. Pertanto, non mi è stato diagnosticato il mio disturbo bipolare 1 fino al college, quando studiavo all’estero in Cina. Sono così grato che mi sia stato diagnosticato a 20 anni, che è ancora relativamente presto. Ho trovato il mio farmaco che funziona e ho iniziato la terapia. E sto andando bene da quasi 2 decenni ormai. Ma fino al 2019, il mio segreto mi stava mangiando viva. Ho mantenuto nascosta la mia diagnosi alla maggior parte delle persone che conosco – anche se stavo facendo tutto bene, stavo permettendo alla vergogna di mettere un muro nelle mie relazioni ed impedirmi di sentirmi sicura. È stato allora che ho deciso che non ce la facevo più – mi sono resa conto che non avrei potuto difendere me stessa o nessuno, se non avessi ammesso le mie lotte. È stato allora che ho scritto il mio primo saggio e ho iniziato a parlare – e finalmente sono stata in grado di liberarmi e vivere come me stessa. All’età di 40 anni, mi sono resa conto di aver dimostrato a me stessa ventenne che tutti i miei sogni erano ancora a portata di mano. Quindi ho lasciato la mia consolidata carriera aziendale per condividere la mia storia, perché voglio che il mio io più giovane e tutti gli altri come me sappiano che la vita migliora.

Questa è una battaglia per la nostra umanità. Per favore, stai con noi.” – Michelle Yang

Cosa ami di più della tua vita e del tuo lavoro?

La mia attuale carriera mi ha dato uno scopo come mai prima d’ora. Ho trovato la mia vocazione ed il mio lavoro è incredibilmente gratificante. Ma quello che amo di più della mia vita è essere un partner ed una mamma. Questo era qualcosa che temevo fosse irraggiungibile una volta che mi è stato diagnosticato un disturbo bipolare. Temevo di non essere abbastanza magra, abbastanza pudica o abbastanza sana da essere degna di amore e felicità. Ma mi sbagliavo. Sono una brava persona con così tanto da dare e ricevere. Sono orgogliosa del partner e del genitore che sono. Amo il fatto di essere stata in grado di cambiare la mia carriera e lottare per i miei sogni più sfrenati, che non fosse troppo tardi e che ora ho così tanta flessibilità per la mia famiglia.

michelle yang 4

Sei rimasta sorpresa dalla violenza e dall’incitamento all’odio contro gli asiatici americani?

Sì e no. Quando la notizia del COVID-19 è arrivata per la prima volta negli Stati Uniti, la mia prima preoccupazione è stata il razzismo che sarebbe potuto venire fuori inaspettato. Ho negato i pericoli del virus stesso, perché allora avevo meno paura di questa malattia, che del razzismo che avrebbero dovuto affrontare gli asiatici americani. Ma ero ingenua, perché ovviamente il COVID-19 è diventato una vera e propria pandemia che ha cambiato tutte le nostre vite ed abbiamo assistito a violenze atroci e discorsi di incitamento all’odio in tutto il mondo contro gli asiatici. Sfortunatamente, in un certo senso si stava convalidando. Essendo asiatici americani, tendiamo a minimizzare la nostra sofferenza. Ci viene insegnato a guardare al lato positivo e negare il razzismo che abbiamo vissuto. Ora, ci sono prove inconfutabili del razzismo con cui viviamo. Mi rende sia furiosa, ma il fatto che sia stato confermato e portato alla luce, mi fa sentire che possiamo fare qualcosa al riguardo.

Nata di etnia cinese in Corea del Sud, è una orgogliosa “ragazzina da asporto” immigrata che è cresciuta lavorando nel ristorante cinese della sua famiglia.

michelle yang

I bambini affrontano esperienze di discriminazione a scuola e nel parco giochi. La salute mentale dovrebbe essere una parte importante del sistema educativo. Cosa ne pensi? Credi che dovrebbe essere materia obbligatoria nelle scuole?

Ho scelto la psicologia come elettiva al liceo e forse mi ha salvato la vita. Anche se non ho ricevuto un aiuto adeguato fino a diversi anni dopo, quel corso di psicologia al liceo mi ha fornito una comprensione di base ed il linguaggio per descrivere i miei sintomi. Non sono un’esperta in materia d’istruzione, ma posso dire per esperienza personale quanto sia stato d’impatto per me. Vorrei aver avuto più corsi a mia disposizione e che mi fosse stato insegnato prima, perché le mie difficoltà sono iniziate prima.

Gli asiatici americani che vivono negli Stati Uniti hanno contribuito così tanto al paese. Perché molte persone non capiscono che quando attaccano gli americani di origine asiatica, attaccano se stessi e il proprio paese?

Il mito del perpetuo straniero è forte negli Stati Uniti. Il Chinese Exclusion Act, in vigore dal 1882 al 1943, i campi di internamento giapponesi durante la seconda guerra mondiale, sono alcuni esempi di come i sentimenti xenofobi abbiano portato a politiche che hanno avuto un impatto su generazioni di americani. Ho molti amici asiatici che sono americani di quinta generazione. Anch’io sono un americana orgogliosa, per naturalizzazione. È ingiusto essere visti come estranei e come capri espiatori quando sorgono problemi. Ma non ho una risposta per te sul motivo per cui le persone sono razziste e xenofobe. Capisco che sia basato sulla paura, ma vorrei che questa ingiustizia non esistesse. Penso che spetti agli adulti educarsi a disimparare la paura e l’ignoranza, a non trasmetterle alla generazione successiva.

Dall’esterno, la maggior parte non saprebbe mai che vivo con il disturbo bipolare e il bagaglio che ne deriva. Ma questa non è una storia triste. È edificante piena di amore, speranza e successi, e tutte le cose nel mezzo. Questa è la mia storia.” – Michelle Yang

Puget Sound Business Journal

Le nuove tecnologie aiutano a testimoniare eventi di odio che in precedenza avrebbero potuto essere sminuiti da coloro che non avevano assistito ai fatti. I social media aiutano a creare consapevolezza su questi problemi?

Il primo anniversario dell’omicidio di George Floyd è appena avvenuto. Così tanti attacchi violenti e ingiustizie vengono registrati e trovano una piattaforma. Lo apprezzo e sono affranta, quanti di questi incidenti si sono verificati in passato, prima del tempo delle telecamere dei cellulari? Così tante ingiustizie che così tante persone hanno sopportato per generazioni. Quando esco adesso, non esco senza il cellulare, anche quando controllo la posta o porto a spasso il cane. So che è la mia arma migliore se vengo attaccata. La registrazione del comportamento delle persone può ridurre l’aggressività aiutando a ritenere le persone responsabili.

Cosa possono fare le famiglie quando i bambini assistono ad attacchi razzisti anti-asiatici? Cosa può aiutarli maggiormente ad andare avanti?

Mio figlio è in prima elementare. Cerchiamo di tenere quante più sane discussioni possibili sul razzismo. Ci sentiamo anche molto fortunati che il suo curriculum scolastico pubblico abbia una forte componente di giustizia sociale tessuta durante tutto l’anno. Il corpo studentesco della scuola è molto vario e anche il suo insegnante è asiatico-americano. Non ho tutte le risposte giuste, ma cerchiamo di modellare e parlare di ciò che è giusto e sbagliato come genitori. Lo porto alle proteste di Black Lives Matter e gli spiego che il razzismo contro chiunque è sbagliato. Sia io che il mio compagno ci rendiamo disponibili per rispondere alle domande e rafforzare i discorsi delle lezioni a scuola. Leggiamo libri sulla giustizia sociale e lo chiamiamo in causa quando libri e film hanno rappresentazioni e temi razzisti o altrimenti problematici. Quando i membri della famiglia dicono cose problematiche a nostro figlio, ci assicuriamo di aggiungere che non siamo d’accordo. Ma stiamo ancora imparando: è un processo continuo.

Questa situazione ha messo diversi asiatici americani sotto pressione e stress continui a causa della paura di attacchi fisici. Molti hanno bisogno di cercare la guarigione emotiva. Qual è un consiglio che vorresti dare loro?

Non aver paura di cercare aiuto. Sia che si tratti del sostegno di amici e persone care o della ricerca di una terapia da un esperto di salute mentale, non c’è da vergognarsi nel chiedere aiuto. È un segno di forza, non di debolezza. Tutti possono trarre beneficio dalla terapia. Così tanti di noi vivono anche con traumi intergenerazionali. Elaborare questo con uno specialista di salute mentale professionale, elaborare le esperienze razziste può aiutarci a guarire ed essere meglio attrezzati per affrontare gli eventi attuali.

Michelle condivide la sua storia nella speranza che possa confortare altri che affrontano sfide simili.

michelle yang

È una priorità continuare a parlare di odio anti-asiatico per creare consapevolezza. Cosa speri che gli haters capiscano e quali cambiamenti speri di vedere?

Penso che sia importante continuare a parlare di razzismo. La nostra società lo ha negato per così tanto tempo. C’è questa idea, legata al mito modello della minoranza che gli asiatici americani non soffrono. C’è così tanto di sbagliato in questo in così tanti livelli. Per una volta, abbiamo l’attenzione della nazione, quindi sì, penso che sia una priorità continuare a parlare d’ingiustizia, in modo che possiamo rimediare. Così possiamo unirci e vincere. Voglio che gli asiatici americani siano visti come americani, non come stranieri perpetui. Voglio che gli asiatici americani siano visti come individui diversi e non come un monolite, non come un insieme di stereotipi.

Foto cortesemente concesse da Michelle Yang

Previous

Intervista a Kacey Wong: l’Arte delle Proteste a Hong Kong

Intervista con il regista, scrittore & attivista Popo Fan

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.