CinaOggi > Arte cinese > Saggi, articoli & interviste > Intervista a Kacey Wong: l’Arte delle Proteste a Hong Kong

Intervista a Kacey Wong: l’Arte delle Proteste a Hong Kong

Kacey Wong parla del clima d’incertezza generato dalla Legge sulla Sicurezza nazionale ad Hong Kong, che non segna confini precisi su cosa sia consentito fare, e cosa invece rappresenti una minaccia alla sicurezza della città.

Kacey Wong è un artista visivo, attivista ed educatore la cui carriera è stata caratterizzata da temi sociali e politici. Wong è nato a Hong Kong nel 1970. Ha studiato architettura alla Cornell University e ha conseguito un Master of Fine Arts alla Chelsea School of Art and Design e un Doctor of Fine Arts Degree al Royal Melbourne Institute of Technology. È membro fondatore di Art Citizens, Street Design Union, Umbrella Movement Art Preservation, ed ex curatore e membro di Para/Site Art Space. La sua ricerca indaga il ruolo dell’artista e del designer nelle cause socio-politiche.

Sito Ufficiale

Articoli correlati: Intervista a Badiucao sul peggioramento della situazione a Hong Kong, Intervista a Joshua Wong: la lotta per la democrazia ad Hong Kong

Come ti sei avvicinato al mondo dell’arte? Quali sono state le tue prime fonti di ispirazione?

Penso che l’approccio sia prima di tutto personale. L’ispirazione giunge sempre, a seconda dell’argomento. Perché come puoi vedere, dal mio portfolio, creo molte opere, sono piuttosto produttivo. Cerco di raccontare storie in modo unico, secondo diversi temi, o argomenti che sto trattando. Non ho uno stile o una forma particolare. Mantengo piuttosto un tono di voce coerente in termini di metodologie. Penso che mi piaccia l’arte perché mi permette di prendere il tempo per cercare profondamente dentro me stesso. È un po’ come un investigatore che esamina se stesso in qualsiasi questione si stia analizzando. Ma naturalmente, dal punto di vista pubblico, se il mio lavoro può ispirare altre persone, allora è un bonus. E penso che le performance riguardino proprio questo.

black flag kacey wong
Black Flag 黑旗

Quando è avvenuto il tuo risveglio politico? Quali sono state le cause?

Penso che possa essere fatto risalire al 2011. Quando l’artista cinese Ai Weiwei è stato illegalmente sequestrato dallo stato. Questo per me è stato un campanello d’allarme. Se vi ricordate, nel 2011, Ai Wei Wei stava cercando di indagare sul terremoto del Sichuan. Scoprì che circa 5000 studenti morirono a causa della corruzione nel sistema scolastico. In una società normale, artisti come lui dovrebbero ricevere un premio. Ma invece di un premio, è stato rapito e portato via in luoghi segreti dallo stato, per aver detto la verità. Questo è stato il mio campanello d’allarme perché ho potuto vedere come un grande uomo come Ai Weiwei possa avere subito questo tipo di trattamento per aver detto la verità. E non credo che nessuno sia immune alle brutali molestie del Partito Comunista Cinese. Certo, nel 2011 la situazione politica a Hong Kong non era così grave come adesso. Ma ora posso relazionarmi con Ai Weiwei e inoltre, essendo io stesso un artista, posso vedere che la porta della libertà è stata sbattuta contro le arti e il settore creativo. Così ho iniziato a prepararmi fin dal 2011, studiando le notizie nella Cina continentale, prestando molta attenzione a come i cittadini affrontano il regime, e anche alla realtà dietro ogni parola del governo della Cina continentale.

The Loveliest Person 2
The Loveliest Person

Qual è il rapporto tra arte e politica? È ancora possibile per un artista di Hong Kong esprimersi liberamente?

Non credo sia più possibile per gli artisti di Hong Kong esprimersi liberamente da quando è stata approvata la legge sulla sicurezza nazionale. La legge sulla sicurezza nazionale non è una legge in senso proprio, è una legge fasulla. È più che altro una serie d’indicazioni esecutive di Pechino sulla legge esistente. E dal momento che non è scritta chiaramente, la legge sulla sicurezza nazionale è come un’opera d’arte, totalmente aperta all’interpretazione di chiunque faccia rispettare le leggi, compresa la polizia in prima linea, o i giudici che siedono nei tribunali. Quindi ci sono molti abusi in corso a Hong Kong in questo momento, come si può leggere dalle notizie. Una linea rossa è stata segnata. Ma è flessibile. Non è come le leggi normali a cui siamo stati abituati quando siamo cresciuti sotto l’ex colonia britannica. Qui, con la legge sulla sicurezza nazionale, tutto è cambiato: ci sono molte eccezioni, nessuno sa dove siano esattamente queste linee rosse. Oggi può essere una maglietta nera, ieri poteva essere una maglietta gialla. Ecco perché alcune analisi dicono che Hong Kong in questo momento è il posto più pericoloso, più pericoloso di Pechino. Perché a Pechino la gente sa dov’è la linea rossa. Se sei nei media, sai di cosa si può parlare e di cosa non si può parlare. Ma a Hong Kong, l’autorità sta cadendo in questa frenesia di fare l’ultra estremista. Così, sai, tutti questi brutti film distopici vengono riprodotti proprio ora a Hong Kong. Ecco perché questa legge sta causando molta paura e caos.

Ti saresti aspettato una tale accelerazione da partecinese?

Non me l’aspettavo, in realtà, cioè, se l’avessi fatto, me ne sarei andato. Giusto? Non l’ho fatto, ecco perché sono rimasto e ho cercato di combattere durante tutto l’anno 2019. Perché vedo ancora qualche speranza di cambiare il sistema. Tutto il mondo sta guardando: la Cina sostiene di essere un grande paese e se vuole unirsi alla comunità mondiale, deve agire in un certo modo. Ma ovviamente, non lo fa perché la sua vera natura è stata rivelata dopo il 2019. Un’altra accelerazione della decadenza del sistema è stata causata dalla realizzazione finale che il governo cinese non può usare Hong Kong come esca per Taiwan per arrendersi senza combattere. L’intero sistema un paese due sistemi è una facciata per cercare di spingere Taiwan ad arrendersi. Ecco perché improvvisamente hanno smesso di fingere e sono diventati se stessi.

Special Singing Tactical Unit
Special Singing Tactical Unit, S.S.T.U. 唱歌速龍

Cosa dovrebbe fare la comunità internazionale per proteggere i diritti dei cittadini di Hong Kong?

Molti paesi, come l’America o la Gran Bretagna, stanno già facendo qualcosa, ovvero punendo chi viola i diritti umani, non lasciandoli scappare. Penso che siano tutte cose buone perché quello che il governo sta cercando di fare qui è cercare di cancellare le sue malefatte. La stessa cosa con il 4 giugno 1989, come quest’anno, come l’anno scorso, non possiamo commemorare pubblicamente gli studenti che sono stati colpiti e investiti dai carri armati nel 1989. Questa è una notizia appena arrivata: un’ora fa il governo ha mandato il dipartimento di igiene nel museo del 4 giugno a Hong Kong. Gli agenti hanno detto che il museo non ha una licenza di intrattenimento. Tutti i meccanismi del sistema esistenti sono stati trasformati in armi per reprimere qualsiasi possibilità di libertà e movimento democratico. Certo, non è così grave come quello che sta succedendo nella Cina continentale, ma ci si sta avvicinando.

Shop Like Theres No Tomorrow
Shop Like There’s No Tomorrow 血拼

Come stanno reagendo le gallerie d’arte a questi cambiamenti?

Le gallerie d’arte e le gallerie d’arte commerciali sono affari internazionali. Raramente riguardano le esigenze degli artisti locali. Sono più simili a un supermercato internazionale con l’aria condizionata. Le gallerie sono cadute sotto i colpi di un assalto attivo contro il mondo dell’arte. Un mese fa una serie di articoli, che infangavano gli artisti, così come le organizzazioni artistiche, tra cui potenti istituzioni come il M+, o l’Art Development Council sono stati pubblicati sui giornali di propaganda comunista cinese. Questa non è stata una scelta editoriale, ma probabilmente hanno ricevuto ordini dall’alto, come dal Dipartimento del Lavoro del Fronte Unito (United Front Work, 中共中央统一战线工作部). Questa è un’epurazione di un certo settore della società.

Se gestisci una galleria commerciale a Hong Kong, e non sei particolarmente interessato all’arte politica in ogni caso, e sei più interessato alla decorazione perché è lì che ci sono i soldi, quando vedi questo tipo di assalti, guidati dal governo, ti spaventerai e penserai non solo alla sicurezza del tuo team curatoriale ma anche ai tuoi potenziali clienti. Quindi si sta diffondendo l’autocensura ovunque, così come il terrore bianco, proprio perché non sai dov’è la linea rossa. Cosa succede se alcuni artisti usano qualche pittura nera? O un simbolo che potenzialmente potrebbe essere sensibile? È tutto soggetto ad una libera interpretazione. Chi è chi? Chi è il responsabile? Beh, il direttore del M+ ha offerto una risposta qualche tempo fa. Il media RTHK ha domandato al direttore del M+ qualche settimana fa se la fotografia del dito medio di Ai Weiwei violasse la legge sulla sicurezza nazionale. Lui ha risposto: “Beh, quelli della sicurezza nazionale non ci hanno ancora chiamato. Se ci chiamano, ci piacerebbe sederci con loro e discuterne”. È ridicolo quando l’arte chiede alla polizia di decidere cosa può essere mostrato.

Choi Gor
Choi Gor 財哥

La gente comune sostiene gli artisti locali?

No, non è sempre così. Succede ovunque, credo. Perché la gente normale è solo gente normale. Sono occupati con gli ostacoli della vita quotidiana, e devono affrontare i loro problemi. In questo momento, i normali cittadini di Hong Kong, in realtà, molti di loro stanno pensando di andarsene da Hong Kong. C’è un esodo gigantesco di talenti e di denaro che se ne va da Hong Kong all’Inghilterra, a causa del British National overseas scheme, perché non hanno più fiducia in Hong Kong, dopo aver assistito per anni a questo tipo di malgoverno. Hanno messo su una lotta spettacolare e forte fin dal 2014, con l’Umbrella Movement 2019, e continuano a ispirare il resto del mondo. Tutti noi impariamo gli uni dagli altri. La gente comune di Hong Kong sta escogitando modi per partecipare a questa campagna di lotta per la libertà e la democrazia, come la yellow economy, andando attivamente a sostenere quei ristoranti che sono stati schietti in termini di democrazia. Ci sono molti modi creativi per contribuire, ma in termini di artisti, naturalmente, la mia arte politica non ha mai venduto molto. In termini di social media, la gente ha empatia per il tuo coraggio, e penso che questo sia già abbastanza.

brainwashing machine
Brain Washing Machine 洗腦機器. I quattro slot dove si possono mettere i “detersivi”, sono: Libertà, Democrazia, Giustizia e Coscienza.

Qual è il tuo prossimo progetto?

Il mio prossimo progetto sarà per il 4 giugno. Ho creato questo progetto chiamato ‘The Candle light is guilty‘. 10 anni fa, ho raccolto quei bastoncini di candela bruciati e fusi in cima all’annuale veglia a lume di candela del quarto giugno a Victoria Park. Mi sono reso conto di avere avuto tra le mani un artefatto importante. Ogni candela è come una scultura fatta una ad una dai cittadini di Hong Kong con amore, ricordi, e con un sacco di emozioni perché hanno guardato le candele bruciare per circa due ore. Così le ho raccolte. Quest’anno, dato che non possiamo più riunirci al Victoria Park a causa del governo, ho deciso di donarle. Sono state messe nei negozi di bambini Chickeeduck, che è un movimento pro-democrazia, e due dei loro negozi le distribuiranno gratuitamente affinché la gente le raccolga. Le candele hanno molteplici significati: un significato è quello di piangere le vittime della democrazia del 1989 a Pechino, ma anche di piangere la gente di Hong Kong che non può più piangere pubblicamente. Questo è il suo significato. E questo perché la processione potrebbe potenzialmente violare la legge sulla sicurezza nazionale. E certamente, se accendeste una candela, e se foste sorpresi nelle vicinanze di Victoria Park la notte del 4 giugno a Hong Kong, sono sicuro che la polizia vi tormenterebbe.

Corri qualche rischio organizzando questo evento?

Tutto fatto è sotto i vincoli legali della legge di Hong Kong. Voglio dire, finché le persone mantengono il distanziamento sociale e indossano maschere e non causano una rivolta, questo è ancora legale. Ma chi lo sa? Non sta a me dirlo, giusto. Sta al governo autoritario dire chi viola la legge e chi no. Quindi è molto triste.

Intervista a Michelle Yang, Promotrice di Salute Mentale

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.