CinaOggi > Attualità in Cina > Intervista con Julia Chang Wang, Cofondatrice di Immigrant History Initiative

Intervista con Julia Chang Wang, Cofondatrice di Immigrant History Initiative

Julia Chang Wang cofondatrice di Immigrant History Initiative.

Julia è cresciuta a Pechino e Chicago e si è laureata alla Yale Law School. Prima della facoltà di giurisprudenza, Julia ha studiato storia ed economia ad Harvard ed ha conseguito il master in storia a Cambridge. Ha anche lavorato a Chicago per l’organizzazione di comunità e lo sviluppo dei piani di studio. Ha lavorato presso il Center for Reproductive Rights ed ora è un avvocato praticante a New York. Con la sua amica Kathy Lu, è cofondatrice della Immigrant History Initiative. Spera che IHI porti una maggiore comprensione e apprezzamento per le storie di immigrati come lei. L’organizzazione produce un curriculum incentrato sulle storie degli immigrati e lavora con scuole e comunità per stabilire corsi che condividano questa conoscenza. Il curriculum di storia cinese americana dell’Immigrant History Initiative viene insegnato in programmi e aule giovanili negli Stati Uniti.

Sito Ufficiale | Facebook | Instagram

Sei co-fondatrice di Immigrant History Initiative. Ci puoi dire come hai iniziato questo progetto e cosa ti ha motivato?

Sono un’immigrata negli Stati Uniti e sono arrivata in questo paese dalla Cina da bambina. Crescendo, ho sempre lottato per trovare il posto a cui appartenevo e non ho mai visto le storie degli asiatici o di altre persone di colore nei libri di testo o nei media popolari. Sono sempre stata affascinata dalla storia e dalle narrazioni sulla migrazione, come quella degli immigrati europei dall’Irlanda o dall’Italia, ma non mi sono mai sentita parte delle storie di migrazione americana perché sono asiatica. Ho co-fondato Immigrant History Initiative quando ero studente alla Yale Law School. Prima di frequentare la facoltà di giurisprudenza, ero una storica della storia degli Stati Uniti e dell’Europa e ho studiato il movimento anti-immigrazione degli anni ‘60 nel Regno Unito all’Università di Cambridge. Ciò ha portato al mio interesse per la storia ed il diritto dell’immigrazione come argomento globale, e quando sono entrata nella facoltà di giurisprudenza nel 2015, volevo studiare storia giuridica e immigrazione. Nel 2016, le elezioni statunitensi hanno colto di sorpresa me e molti dei miei amici, perché non ci rendevamo conto di quanto fosse diventata potente e persuasiva la retorica xenofoba e anti-immigrati. Ciò che è stato ancora più allarmante è stato vedere quanto questa lingua di esclusione ed ostile agli immigrati fosse accettata e benvenuta nelle mie comunità asiatiche americane. Anche se gran parte del linguaggio xenofobo è stato imposto contro la comunità Latinx nel 2016, c’è una lunga storia di leggi anti-immigrati e sentimenti rivolti specificamente agli asiatici. La maggior parte delle persone non conosce questa storia e quindi non potrebbe considerarsi come potenziali bersagli di questa retorica. Sfortunatamente, è stato dimostrato rapidamente quanto sentimento anti-asiatico esistesse ancora quando è iniziato COVID-19. Ho avviato Immigrant HIstory Initiative (IHI) con la mia amica e compagna di Yale, Kathy Lu, per portare le storie degli immigrati all’attenzione del discorso pubblico. La nostra missione è usare queste storie per generare comprensione della migrazione e dell’immigrazione come fenomeno di vecchia data ed imparare dalle storie di esclusione e discriminazione in modo da poter diventare una società più equa ed inclusiva. Abbiamo iniziato questo lavoro con la storia degli asiatici americani e della diaspora asiatica, grazie alle nostre identità e competenze. Lavoriamo sia con gli educatori che con le comunità per incorporare e centrare le storie degli asiatici americani e degli immigrati asiatici perché l’apprendimento di questa storia cambia il modo in cui vediamo il nostro arbitrio e la nostra posta in gioco nel parlare contro l’ingiustizia.

L’Immigrant History Initiative cerca di educare e responsabilizzare le comunità attraverso le storie non raccontate di diaspore di immigrati in America, costruendo comunità attraverso la conoscenza

Julia Chang Wang

Quali sono state alcune delle sfide più grandi all’inizio? Quali sono gli obiettivi che hai raggiunto fino ad ora?

Svolgiamo la maggior parte del nostro lavoro all’interno ed a sostegno delle comunità asiatiche americane. Gli asiatici americani sono un gruppo molto diversificato con molte lingue, culture e un ampio spettro di problemi. Tuttavia, lo stereotipo predominante degli asiatici che siano tutti uguali e soprattutto quello della “minoranza modello” che può essere molto potente nel cancellare sia la nostra vibrante diversità che le vere sfide che le nostre comunità devono affrontare. Poiché le nostre storie non vengono insegnate o discusse molto nelle aule o nei media tradizionali, gli stessi asiatici americani hanno bisogno della lingua e del contesto per iniziare persino ad affrontare sentimenti anti-asiatici. C’è molto lavoro da fare e la sfida è creare spazi e conversazioni mai avvenute prima per molte comunità asiatiche. Abbiamo iniziato il nostro lavoro nel Connecticut, dove abbiamo creato un programma per i giovani per i cinesi americani per imparare la storia asiatica-americana e parlare con i loro genitori e le loro famiglie delle loro esperienze di immigrati. Molti dei ragazzi hanno condiviso con noi come hanno lottato con gli stereotipi che li facevano sentire come se non avessero appartenenza. Molti dei loro genitori hanno condiviso con noi, il fatto di come non avessero mai avuto prima l’opportunità o lo spazio per parlare ai loro figli delle loro esperienze e sfide come immigrati asiatici. Il nostro lavoro era mirato non solo a fornire loro le informazioni storiche, ma anche ad aiutare i giovani asiatici americani a comprendere se stessi e le loro identità, il che è un processo lungo. Abbiamo creato lo spazio per loro per iniziare a pensare in un proprio luogo in cui sono supportati. All’inizio del COVID, abbiamo visto rapidamente come la retorica attorno al COVID avrebbe portato al capro espiatorio gli asiatici e immigrati in generale, e ora vediamo molte prove sia in Nord America che in Europa. Ma poiché la storia asiatica americana è stata così invisibile, diventa difficile capire perché questi attacchi siano così virulenti, perché portano con sé secoli di sentimenti anti-asiatici. Nessuno di questi è iniziato nel 2020. L’anno scorso, abbiamo creato 4 serie di programmi di lezioni, 6 video didattici e numerosi post sui social media per sensibilizzare sulla storia che spiega le radici del razzismo anti-asiatico. Abbiamo anche ospitato 7 laboratori per aiutare educatori e genitori a parlare con i loro figli e insegnare cosa accade in questo momento. Il nostro seminario gratuito per i genitori nel gennaio 2021 ha fornito ai genitori sia la storia che gli strumenti concreti su come parlare dell’identità e del razzismo contro gli asiatici americani con i loro figli. Abbiamo anche recentemente pubblicato una guida su come parlare ai bambini del razzismo anti-asiatico che è disponibile sul nostro sito web gratuitamente ed in altre quattro lingue. Si possono trovare le nostre risorse relative al COVID qui. Una delle altre cose davvero entusiasmanti che siamo stati in grado di realizzare oltre a questo lavoro è entrare in contatto con gruppi e collaborare in molti stati diversi negli Stati Uniti e persino con alcuni sostenitori in Europa.

La storia degli asiatici americani e il loro contributo agli Stati Uniti è inclusa ed insegnata nel programma accademico ufficiale? Come dovrebbe gli insegnanti ripensare il modo in cui insegnano la storia dell’immigrazione?

La storia asiatica americana, come la storia afroamericana, latinoamericana e dei nativi americani, divenne un campo di studio ufficiale a livello universitario negli anni ‘60, dopo anni di attivismo studentesco per gli studi etnici sulla costa occidentale degli Stati Uniti. Come risultato di questo movimento, ci sono dipartimenti di studi asiatici americani in alcune università e college, e ci sono un buon numero di storici e accademici che si concentrano sulle storie asiatiche americane. Tuttavia, non è assolutamente universale negli Stati Uniti, specialmente nell’istruzione primaria e secondaria. Il luogo in cui sono cresciuta, nel Midwest, e dove vivo e lavoro, sulla costa orientale, l’incorporazione della storia asiatica americana è ancora un argomento molto vivo: conosco tre diversi stati in cui le persone stanno cercando di portare la storia asiatica americana nelle classi attraverso nuova legislazione (Illinois, Connecticut e New Jersey). Attraverso il nostro lavoro, ho incontrato educatori davvero fantastici che stanno attivamente cercando di incorporare la storia asiatica americana nelle loro classi, ma abbiamo bisogno che scuole e istituzioni supportino questi sforzi individuali per assicurarci che le nostre storie siano ascoltate su scala più ampia. Nell’insegnamento della storia, penso che ci siano due temi chiave che raramente vengono trattati. Uno, l’immigrazione, la razza e l’etnia che sono state legate insieme per gran parte della storia americana. Per capire il razzismo, dobbiamo anche guardare alla storia delle leggi sull’immigrazione e al modo in cui queste leggi sono state utilizzate per mantenere le nozioni su chi ha il diritto di vivere qui. Due, le persone di colore hanno una lunga storia negli Stati Uniti e quella storia è ricca, vibrante e complessa. Dobbiamo fare i conti con queste storie: l’eredità della schiavitù, del genocidio e dello sfollamento dei nativi americani e della discriminazione, violenza ed esclusione degli immigrati non bianchi, comprese le storie del colonialismo e della guerra, per oltre cento anni. L’invisibilità di queste storie nelle aule non riflette la diversità della nostra società o le esperienze vissute dei suoi membri, e questo deve cambiare.

Il modello di IHI ha quattro componenti chiave: 1) curriculum multimediale e progettazione del corso. 2) sviluppo di risorse anti-razziste. 3) coinvolgimento e responsabilizzazione della comunità. 4) supporto educativo equo.

Pensi che la mancanza di consapevolezza riguardo alla diaspora degli asiatici americani li rappresenti come degli stranieri perpetui?

Si assolutamente. Penso che sia la mancanza di conoscenza degli asiatici americani e della nostra storia, così come la storia stessa che crea e perpetua il perpetuo mito straniero. Per gran parte del XIX e dell’inizio del XX secolo, agli asiatici fu proibito d’immigrare negli Stati Uniti, a partire dal Chinese Exclusion Act del 1882 ed ampliato per escludere quasi tutti gli asiatici con l’Immigration Act del 1924. L’approvazione di queste leggi proveniva da movimenti massicci e violenti contro gli asiatici americani e dalla raffigurazione degli asiatici come non solo “inassimilabili” e stranieri, ma anche subumani. L’idea del “pericolo giallo”, la rappresentazione dell’Asia e degli asiatici non solo come stranieri ma anche come una minaccia, in realtà è iniziata in Europa con il Kaiser Guglielmo II, quindi non è nemmeno un fenomeno unicamente americano. Nel corso del tempo, questa storia diventa sconosciuta ma gli stereotipi rimangono e stiamo assistendo alle conseguenze devastanti di questi stereotipi ora.

Dopo l’orribile sparatoria ad Atlanta e l’ascesa della violenza anti-asiatica molti asiatici americani sono preoccupati per i loro familiari e amici che escono da soli temendo possibili attacchi. Condividi questo stesso timore? Il livello di molestie è cambiato anche nella tua zona?

Sì, come molti miei amici e familiari, sono molto preoccupata per la sicurezza, soprattutto perché ho amici che hanno subito molestie. Vivo vicino a New York City, che ha visto un aumento di 200 volte degli attacchi contro gli asiatici dal 2019. Le statistiche di Stop AAPI Hate, che ha un proprio centro di segnalazione, mostrano che la maggior parte degli attacchi sono contro le donne. Dobbiamo davvero fare i conti con la natura intersezionale della violenza contro le donne asiatiche, e la sparatoria ad Atlanta di sei donne asiatiche lo ha reso molto chiaro. L’anno scorso, IHI ha creato una guida agli interventi in più lingue per aiutare le persone a reagire in maniera migliore rispetto alle molestie pubbliche. Vi si accede alla guida qui. Abbiamo anche una simulazione di esercizi su come intervenire efficacemente qui: [bit.ly/bystandersimulation]

L’Immigrant History Initiative crede nel potere dello storytelling di potenziare e guidare il cambiamento.

Julia Chang Wang e Kathy Lu, diplomate alla Yale Law School, sono cofondatrici della Immigrant History Initiative. Entrambe in quanto figlie di immigrati, a causa della xenofobia sono state spinte a riflettere profondamente sull’importanza dell’immigrazione nel plasmare la loro nazione. L’Immigrant History Initiative è un’organizzazione senza scopo di lucro fondata nel 2017. Hanno avviato l’Immigrant History Initiative per celebrare ed evidenziare la centralità delle esperienze degli immigrati nell’identità americana. L’Immigrant History Initiative cerca di costruire comunità attraverso l’educazione, preservando queste narrazioni per le generazioni a venire. Lavorano con studenti, educatori, scuole, comunità e organizzazioni per condividere le storie non raccontate delle diaspore immigrate. La storia degli immigrati la storia americana. La loro missione è cambiare radicalmente il modo in cui apprendiamo, parliamo e pensiamo alla razza, alla migrazione e alla giustizia sociale come società globale.

La pandemia sta avendo un innegabile impatto sull’istruzione, alcuni studenti asiatici americani stanno tornando a scuola a tassi inferiori ai loro coetanei, citando la paura delle molestie razziste come un fattore chiave. Che cosa le scuole dovrebbe iniziare a fare contro l’odio e la violenza anti-asiatica?

Una delle cose immediate che le scuole possono fare è fornire più formazione agli educatori ed al personale su come riconoscere il razzismo ed il bullismo anti-asiatico. Una delle cose che sentiamo più spesso dai genitori asiatici americani è che quando i loro figli sono vittime di bullismo a scuola, gli insegnanti spesso non riconoscono gli elementi razzializzati. Ma con la pandemia, l’incidenza del bullismo razzializzato è drasticamente aumentata contro gli studenti asiatici. Le scuole devono riconoscere e rispondere in modo più sistematico, compresa la creazione di procedure che affrontano il bullismo basato sull’identità e assicurandosi che educatori, studenti e genitori comprendano tutti come si presenta il processo per affrontare le molestie razziste. Un’altra azione a lungo termine che le scuole possono intraprendere è incorporare storie di diaspora asiatiche americane e asiatiche nei programmi scolastici. Potrebbe essere includere più libri su Asia-America e Isole del Pacifico nella biblioteca o nell’elenco di lettura. Potrebbero anche insegnare la Chinese Exclusion Act, l’internamento giapponese, l’attivismo sindacale americano filippino, la storia dei rifugiati del sud-est asiatico e altri argomenti sulle esperienze asiatico americane in lezioni di storia, educazione civica e lingua e letteratura inglese. IHI collabora con scuole ed educatori per fornire programmi di formazione e lezioni e risorse da incorporare in classe. Si possono vedere i diversi programmi di lezione che abbiamo sviluppato per gli studenti delle scuole superiori e medie qui.

Negli ultimi due anni, gli studenti universitari di Yale hanno utilizzato il curriculum dell’Immigrant History Initiative per tenere un corso sulla storia cinese americana presso la Southern Connecticut Chinese School di New Haven

L’insensibilità razziale può mettere radici nel parco giochi, anche se i genitori credono di insegnare ai loro figli ad essere gentili. Come formare educatori per ribaltare discriminazioni e stereotipi? Come aiutarli a favorire l’empatia e l’alleanza?

La costruzione dell’empatia è davvero importante e gli educatori possono iniziare queste conversazioni nelle loro classi usando pratiche come i circoli di giustizia riparativa. Abbiamo creato una guida gratuita di facilitazione basata sulla giustizia riparativa per promuovere l’empatia durante il COVID per gli educatori per iniziare a parlare di violenza anti-asiatica e di ciò che i loro studenti potrebbero vedere nelle notizie o sui social media. L’altro modo in cui gli educatori possono creare empatia e aiutare gli studenti a riflettere su messaggi che potrebbero essere discriminatori o problematici è attraverso l’uso della storia come strumento per pensare al presente. Abbiamo creato un piano di lezioni per studenti delle scuole medie e superiori sulla storia dell’epidemia di vaiolo di San Francisco, quando i residenti cinesi erano pesantemente capro espiatorio per l’epidemia. In questa lezione, gli studenti si impegnano in attività come guardare cartoni animati politici e altre opere d’arte del passato e del presente per riconoscere e mettere in discussione i messaggi che accusano gruppi particolari sulla crisi di salute pubblica.

Alcuni bambini iniziano a chiedere ai genitori: “Perché ci odiano?” Come i genitori e gli educatori possono parlarne con i bambini prima che si arrivi a questo domanda triste?

Genitori ed educatori possono sicuramente iniziare ad avere queste conversazioni con i bambini, sia in risposta alle notizie, sui social media, o se il loro bambino o studente è testimone o addirittura sperimenta un incidente razzista. Abbiamo sviluppato una guida dettagliata per i genitori per parlare ai loro figli del razzismo anti-asiatico. La guida fornisce un contesto storico ed un processo in quattro fasi per parlare ai bambini, questo percorso lo abbiamo sviluppato con un’esperta di salute mentale, la Dott.ssa Jenny Wang, fondatrice di Asians for Mental Health. Questa guida contiene alcuni scenari specifici e indirizza gli utenti attraverso percorsi come affrontare questa conversazione con i bambini. Gli scenari di esempio includono quando un bambino subisce un incidente razzista, quando un bambino è testimone di un incidente razzista e quando un bambino dice qualcosa di parziale. Le informazioni in questa guida possono sicuramente essere utilizzate anche per gli educatori, oltre alle risorse specifiche per l’educatore che ho menzionato precedentemente. Sono accessibili anche le versioni coreana, cinese, vietnamita e hindi di questa guida dal nostro sito web.

Poiché è il mese del patrimonio americano dell’Asia e del Pacifico, vi sono storie significativa e che vuoi condividere o qualcos’altro che vuoi aggiungere?

Maggio è il mese del patrimonio americano dell’Asia e del Pacifico negli Stati Uniti, perché molti eventi importanti sono accaduti nella storia dell’Asia americana a maggio. L’anno scorso abbiamo creato un breve video su sei eventi importanti accaduti a maggio. Uno di questi eventi è uno sciopero che ha avuto luogo il 21 maggio 1968 alla San Francisco State University, dove 400 studenti hanno organizzato un sit-in per protestare contro la mancanza di diversità nella facoltà. Questo sciopero alla fine ha portato alla creazione del primo dipartimento di studi etnici nel paese, e questo ha creato una nuova generazione di studiosi ed accademici che portano alla luce le storie degli asiatici americani. Condividiamo un sacco di storia asiatica americana e dell’immigrazione sulla nostra pagina Instagram, dove ricevere “mini lezioni” sul nostro feed e storie.


Foto cortesemente concesse da Julia Chang Wang & Immigrant History Initiative

Previous

Planet China vol. 14

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.