CinaOggi > Storia della Cina > Profili personaggi cinesi > Biografia del politico cinese Xi Jinping

Biografia del politico cinese Xi Jinping

Xi Jinping (习近平) è un politico cinese nato a Beijing il 15 giugno del 1953, che è stato segretario generale del Partito Comunista Cinese (PCC) e presidente della Commissione Militare Centrale (CMC) dal 2012, e presidente della Repubblica Popolare Cinese (RPC) dal 2013.

Xi Jinping è il leader politico più importante della Cina, dal 2012.

In seguito alle purghe della Rivoluzione Culturale, il padre veterano del Partito Comunista cinese Xi Zhongxun venne esiliato nella contea rurale di Yanchuan. Ancora ragazzo, il giovane Xi Jingping visse in una caverna nel villaggio di Liangjiahe, dove si iscrisse al Partito Comunista e lavorò poi come segretario di partito. Studiò ingegneria chimica alla Tsinghua University in qualità di studente lavoratore-contadino-soldato (工农兵学员, ovvero gli studenti figli di lavoratori, contadini e soldati che si sono iscritti tra il 1970 e il 1976, durante la fase finale della Rivoluzione Culturale che godevano di alcune agevolazioni da parte del partito).

Xi iniziò a scalare le gerarchie del partito delle province costiere cinesi, dapprima come Governatore del Fujian tra il 1999 e il 2002, poi come Segretario del Partito della vicina provincia del Zhejiang.

In seguito al licenziamento del segretario del Partito di Shanghai, Chen Liangyu, Xi fu trasferito per sostituirlo per un breve periodo nel 2007. Successivamente è entrato a far parte del Comitato permanente del Politburo ed è stato primo segretario della Segreteria centrale nell’ottobre 2007.

Nel 2008 è stato designato come possibile successore di Hu Jintao come leader supremo; per questo motivo, Xi è stato nominato vicepresidente della Repubblica popolare cinese e vicepresidente della Commissione militare centrale. Ha ricevuto ufficialmente il titolo di “nucleo di leadership” dal Partito Comunista Cinese (PCC) nel 2016. Xi è anche membro del 17°, 18° e 19° Comitato permanente del Politburo del PCC dal 2007. Nel 2018, ha abolito i limiti di mandato presidenziale, permettendogli di governare a tempo indeterminato.

Il pensiero politico di Xi è stato incorporato nella costituzione del partito e dello stato. È stato spesso descritto come un dittatore o un leader autoritario da osservatori politici e accademici, citando un aumento della censura e della sorveglianza di massa, un deterioramento dei diritti umani, il culto della personalità che si sta sviluppando intorno alla sua figura e la rimozione dei limiti di mandato per la leadership sotto il suo mandato.

Biografia di Xi Jinping

Xi Jinping è nato a Pechino il 15 giugno 1953, secondo figlio di Xi Zhongxun e di sua moglie Qi Xin. Dopo la fondazione della Repubblica Popolare Cinese nel 1949 da parte di Mao Zedong, il padre di Xi ha ricoperto una serie di incarichi, tra cui capo della propaganda del Partito, vice-premier e vice-presidente dell’Assemblea Nazionale del Popolo. Xi aveva due sorelle maggiori, Qiaoqiao, nata nel 1949 e An’an (安安; Ān’ān), nata nel 1952. Il padre di Xi era della contea di Fuping, nello Shaanxi, e Xi poteva ulteriormente tracciare la sua discendenza patrilineare da Xiying a Dengzhou, nello Henan.

Xi frequentò la Scuola n. 25 di Pechino, e poi la Scuola Bayi di Pechino, negli anni sessanta. Divenne amico di Liu He, che frequentava la scuola n. 101 di Pechino nello stesso distretto, il quale in seguito divenne vice-premier della Cina e stretto consigliere di Xi dopo che questi divenne il leader supremo della Cina. Nel 1963, quando aveva 10 anni, suo padre fu epurato dal Partito e mandato a lavorare in una fabbrica a Luoyang, Henan. Nel maggio 1966, la Rivoluzione culturale interruppe l’istruzione secondaria di Xi quando tutte le classi secondarie furono interrotte per permettere agli studenti di criticare e combattere i loro insegnanti. I militanti studenteschi saccheggiarono la casa della famiglia Xi e una delle sorelle di Xi, Xi Heping, si suicidò per la pressione. In seguito, sua madre fu costretta a denunciare pubblicamente suo padre, mentre veniva fatto sfilare davanti alla folla come nemico della rivoluzione. Suo padre fu poi gettato in prigione nel 1968, quando Xi aveva 15 anni. Senza la protezione del padre, Xi fu mandato a lavorare nel villaggio di Liangjiahe, città di Wen’anyi, contea di Yanchuan, Yan’an, Shaanxi, nel 1969 nel Movimento per la discesa in campagna di Mao Zedong. Lavorò come segretario del partito di Liangjiahe, dove viveva in una casa-grotta. Dopo alcuni mesi, incapace di sopportare la vita rurale, scappò a Pechino. Fu arrestato durante un giro di vite sui disertori dalle campagne e mandato in un campo di lavoro a scavare fossati, ma in seguito tornò al villaggio, trascorrendovi un totale di sette anni.

Le disgrazie e le sofferenze della sua famiglia nei primi anni di vita hanno indurito la visione di Xi della politica.

Dopo essere stato respinto sette volte, Xi si unì alla Lega della gioventù comunista cinese nel 1971 facendo amicizia con un funzionario locale. Si riunì con suo padre nel 1972, a causa di una riunione di famiglia ordinata dal premier Zhou Enlai. Dal 1973, fece domanda per entrare nel Partito comunista cinese dieci volte e fu finalmente accettato al decimo tentativo nel 1974.

Dal 1975 al 1979, Xi studiò ingegneria chimica all’Università Tsinghua di Pechino come “studente operaio-contadino-soldato”. I laureati in ingegneria trascorrevano circa il 15% del loro tempo a studiare il marxismo-leninismo-pensiero di Mao Zedong e il 5% del loro tempo a fare lavori agricoli e a “imparare dall’Esercito Popolare di Liberazione”.

xi jinping 1972
Xi Jinping durante una visita a Pechino nel 1972

Ascesa al potere

Dal 1979 al 1982, Xi servì come segretario dell’ex subordinato di suo padre Geng Biao, l’allora vice premier e segretario generale della Commissione militare centrale. Nel 1985, come parte di una delegazione cinese per studiare l’agricoltura statunitense, soggiornò nella casa di una famiglia americana nella città di Muscatine, Iowa. Questo viaggio, e il suo soggiorno di due settimane presso una famiglia americana, si dice che abbia avuto un’impressione duratura su di lui e sulle sue opinioni sugli Stati Uniti.

Nel 1982, fu inviato nella contea di Zhengding nell’Hebei come vice segretario del partito della contea di Zhengding. Fu promosso nel 1983 a segretario, diventando il massimo funzionario della contea. Xi successivamente servì in quattro province durante la sua carriera politica regionale: Hebei (1982-1985), Fujian (1985-2002), Zhejiang (2002-2007), e Shanghai (2007). Xi ha ricoperto incarichi nel Comitato Comunale del Partito di Fuzhou ed è diventato presidente della Scuola del Partito di Fuzhou nel 1990. Nel 1997, è stato nominato membro supplente del 15° Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese. Tuttavia, dei 151 membri supplenti del Comitato Centrale eletti al 15º Congresso del Partito, Xi ricevette il minor numero di voti a favore, collocandolo all’ultimo posto nella classifica dei membri, apparentemente a causa del suo status di principino.

Dal 1998 al 2002, Xi studiò teoria marxista e formazione ideologica all’Università Tsinghua, laureandosi con un dottorato in diritto e ideologia nel 2002. Nel 1999, fu promosso alla carica di vice governatore del Fujian, per poi diventare governatore un anno dopo. Nel Fujian, Xi fece sforzi per attirare investimenti da Taiwan e per rafforzare il settore privato dell’economia provinciale. Nel febbraio 2000, lui e l’allora segretario di partito provinciale Chen Mingyi furono chiamati davanti ai massimi membri del Comitato Permanente del Politburo del Partito Comunista Cinese – il segretario generale Jiang Zemin, il premier Zhu Rongji, il vicepresidente Hu Jintao e il segretario per l’ispezione disciplinare Wei Jianxing – per spiegare aspetti dello scandalo Yuanhua.

Nel 2002, Xi lasciò il Fujian e assunse posizioni politiche di primo piano nel vicino Zhejiang. Alla fine assunse la carica di segretario del comitato provinciale del Partito dopo alcuni mesi come governatore ad interim, occupando per la prima volta nella sua carriera un’alta carica provinciale. Nel 2002, è stato eletto membro a pieno titolo del 16° Comitato Centrale, segnando la sua ascesa alla scena nazionale. Durante la sua permanenza nello Zhejiang, Xi ha presieduto a un tasso di crescita medio del 14% all’anno. La sua carriera nello Zhejiang è stata caratterizzata da una posizione dura e diretta contro i funzionari corrotti. Questo gli fece guadagnare un nome nei media nazionali e attirò l’attenzione dei più importanti leader cinesi.

In seguito al licenziamento del segretario del partito di Shanghai Chen Liangyu nel settembre 2006 a causa di uno scandalo sui fondi di previdenza sociale, Xi fu trasferito a Shanghai nel marzo 2007, dove fu segretario del partito per sette mesi. A Shanghai, Xi evitò le polemiche e fu noto per la stretta osservanza della disciplina di partito. Per esempio, gli amministratori di Shanghai tentarono di guadagnarsi i suoi favori organizzando un treno speciale per fargli fare la spola tra Shanghai e Hangzhou per completare la consegna del suo lavoro al suo successore Zhao Hongzhu, segretario del partito dello Zhejiang. Tuttavia, Xi avrebbe rifiutato di prendere il treno, citando un regolamento di partito poco rigoroso che stabiliva che i treni speciali possono essere riservati solo ai “leader nazionali”. Mentre era a Shanghai, lavorò per preservare l’unità dell’organizzazione locale del partito. Ha promesso che non ci sarebbero state “epurazioni” durante la sua amministrazione, nonostante si pensasse che molti funzionari locali fossero implicati nello scandalo di corruzione di Chen Liangyu. Sulla maggior parte delle questioni Xi ha ampiamente ripreso la linea della leadership centrale.

Membro del comitato permanente del Politburo

Xi è stato nominato nel Comitato permanente del Politburo del Partito Comunista Cinese, composto da nove persone, al 17° Congresso del Partito nell’ottobre 2007. È stato classificato sopra Li Keqiang, un’indicazione che sarebbe succeduto a Hu Jintao come prossimo leader della Cina. Inoltre, Xi è stato anche il primo segretario della Segreteria Centrale del Partito Comunista. Questa valutazione è stata ulteriormente sostenuta all’11° Congresso Nazionale del Popolo nel marzo 2008, quando Xi è stato eletto vicepresidente della Repubblica Popolare Cinese. Dopo la sua elevazione, Xi ha ricoperto una vasta gamma di portafogli. È stato messo a capo degli ampi preparativi per le Olimpiadi estive del 2008 a Pechino, oltre ad essere la figura principale del governo centrale negli affari di Hong Kong e Macao. Inoltre, è diventato anche il nuovo presidente della Scuola Centrale del Partito Comunista Cinese, l’ala di formazione dei quadri e di educazione ideologica del Partito Comunista. Sulla scia del terremoto del Sichuan del 2008, Xi ha visitato le zone disastrate dello Shaanxi e del Gansu. Ha fatto il suo primo viaggio all’estero come vicepresidente in Corea del Nord, Mongolia, Arabia Saudita, Qatar e Yemen dal 17 al 25 giugno 2008. Dopo le Olimpiadi, a Xi è stato assegnato l’incarico di presidente del comitato per i preparativi delle celebrazioni del 60° anniversario della fondazione della Repubblica popolare cinese. Si dice che sia stato anche alla guida di un comitato di alto livello del Partito Comunista soprannominato Progetto 6521, incaricato di garantire la stabilità sociale durante una serie di anniversari politicamente sensibili nel 2009.

La posizione di Xi come apparente successore per diventare il leader supremo era minacciata dalla rapida ascesa di Bo Xilai, il segretario del partito di Chongqing all’epoca. Ci si aspettava che Bo entrasse nel Comitato permanente del Politburo al 18º Congresso del Partito, con la possibilità di creare un contrappeso a Xi, o addirittura di sostituirlo. Le politiche di Bo a Chongqing ispirarono imitazioni in tutta la Cina e ricevettero elogi da Xi stesso durante la visita di Xi a Chongqing nel 2010. Le registrazioni degli elogi di Xi furono poi cancellate dopo che egli divenne leader supremo. La posizione di Xi come successore fu assicurata con la caduta di Bo dopo l’incidente di Wang Lijun.

xi jinping 2015
Xi Jinping

Leadership

Il 15 novembre 2012, Xi è stato eletto alla carica di segretario generale del Partito comunista e presidente della Commissione militare centrale del PCC dal 18° Comitato centrale del Partito comunista cinese. Questo lo ha reso, informalmente, il leader supremo e il primo nato dopo la fondazione della Repubblica Popolare Cinese. Il giorno seguente Xi guidò la nuova formazione del Comitato Permanente del Politburo sul palco nella loro prima apparizione pubblica. Il nuovo Comitato Permanente ridusse il suo numero di seggi da nove a sette. Solo Xi e Li Keqiang mantennero i loro seggi del precedente Comitato Permanente; i restanti membri erano nuovi. In un marcato distacco dalla pratica comune dei leader cinesi, il primo discorso di Xi come segretario generale fu formulato in modo semplice e non incluse alcuno slogan politico o menzione dei suoi predecessori. Xi menzionò le aspirazioni dell’uomo medio, osservando: “La nostra gente … si aspetta un’istruzione migliore, lavori più stabili, un reddito migliore, una sicurezza sociale più affidabile, un’assistenza medica di livello superiore, condizioni di vita più confortevoli e un ambiente più bello.” Xi ha anche promesso di affrontare la corruzione ai più alti livelli, alludendo che essa avrebbe minacciato la sopravvivenza del Partito; è stato reticente sulle riforme economiche di vasta portata.

Nel dicembre 2012, Xi ha visitato il Guangdong nel suo primo viaggio fuori Pechino da quando ha assunto la direzione del Partito. Il tema principale del viaggio era quello di chiedere ulteriori riforme economiche e un rafforzamento dell’esercito. Xi ha visitato la statua di Deng Xiaoping e il suo viaggio è stato descritto come il seguito del viaggio di Deng nel 1992, che ha fornito l’impulso per ulteriori riforme economiche in Cina dopo che i leader conservatori del partito avevano bloccato molte delle riforme di Deng all’indomani delle proteste di Piazza Tienanmen del 1989. Durante il suo viaggio, Xi ha costantemente alluso al suo slogan, il “sogno cinese”. “Questo sogno può essere detto il sogno di una nazione forte. E per i militari, è il sogno di un esercito forte”, ha detto Xi ai marinai. Il viaggio di Xi è stato significativo per il fatto che si è discostato dalla convenzione consolidata della routine di viaggio dei leader cinesi in diversi modi. Piuttosto che cenare fuori, Xi e il suo entourage mangiarono regolarmente al buffet dell’hotel. Ha viaggiato in un grande furgone con i suoi colleghi piuttosto che in una flotta di limousine, e non ha limitato il traffico nei tratti di autostrada che ha percorso.

Xi è stato eletto presidente della Repubblica Popolare Cinese il 14 marzo 2013, in una votazione di conferma da parte del 12° Congresso Nazionale del Popolo a Pechino. Ha ricevuto 2.952 voti a favore, un voto contrario e tre astensioni. Ha sostituito Hu Jintao, che si è ritirato dopo aver servito due mandati. Nella sua nuova veste di presidente, il 16 marzo 2013 Xi ha espresso il sostegno alla non interferenza nelle relazioni Cina-Sri Lanka in mezzo a un voto del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per condannare quel paese per gli abusi del governo durante la guerra civile dello Sri Lanka. Il 17 marzo, Xi e i suoi nuovi ministri hanno organizzato un incontro con il capo dell’esecutivo di Hong Kong, CY Leung, confermando il suo sostegno a Leung. A poche ore dalla sua elezione, Xi ha discusso di sicurezza informatica e Corea del Nord con il presidente degli Stati Uniti Barack Obama al telefono. Obama ha annunciato le visite dei segretari del tesoro e di stato Jacob Lew e John F. Kerry in Cina la settimana successiva.

Campagna anti-corruzione

Xi ha promesso di reprimere la corruzione quasi immediatamente dopo essere salito al potere al 18° Congresso del Partito. Nel suo discorso inaugurale come segretario generale, Xi ha menzionato che la lotta alla corruzione era una delle sfide più difficili per il partito. Pochi mesi dopo il suo mandato, Xi ha delineato la “guida in otto punti”, elencando le regole volte a frenare la corruzione e lo spreco durante gli affari ufficiali del partito; essa mirava a una disciplina più severa sulla condotta dei funzionari di partito. Xi ha anche promesso di estirpare “tigri e mosche”, cioè funzionari di alto rango e funzionari ordinari del partito.

Durante i primi tre anni del suo mandato, Xi avviò casi contro gli ex vicepresidenti della Commissione militare centrale Xu Caihou e Guo Boxiong, l’ex membro del Comitato permanente del Politburo e capo della sicurezza Zhou Yongkang e l’ex assistente capo di Hu Jintao Ling Jihua. Insieme al nuovo capo della disciplina Wang Qishan, l’amministrazione di Xi guidò la formazione di “squadre di ispezione distribuite a livello centrale” (中央巡视组). Si trattava essenzialmente di squadre intergiurisdizionali di funzionari il cui compito principale era quello di comprendere più a fondo le operazioni delle organizzazioni di partito provinciali e locali, e nel processo, anche far rispettare la disciplina di partito imposta da Pechino. Molte delle squadre di lavoro avevano anche l’effetto di identificare e avviare indagini su funzionari di alto livello. Più di cento funzionari di livello provinciale-ministeriale sono stati implicati durante una massiccia campagna anticorruzione a livello nazionale. Questi includevano ex e attuali funzionari regionali (Su Rong, Bai Enpei, Wan Qingliang), figure di spicco di imprese statali e organi del governo centrale (Song Lin, Liu Tienan), e generali di alto rango nell’esercito (Gu Junshan). Nel giugno 2014, l’establishment politico provinciale dello Shanxi è stato decimato, con quattro funzionari licenziati in una settimana dai vertici dell’organizzazione provinciale del partito. Solo nei primi due anni della campagna, oltre 200.000 funzionari di basso rango hanno ricevuto avvertimenti, multe e retrocessioni.

La campagna ha portato alla caduta di importanti funzionari in carica e in pensione del Partito comunista, compresi i membri del Comitato permanente del Politburo. La campagna anti-corruzione di Xi è vista dai critici come un’epurazione politica su una scala mai vista dai tempi del presidente Mao, con l’obiettivo di rimuovere potenziali oppositori e consolidare il potere. L’istituzione da parte di Xi di una nuova agenzia anti-corruzione, la Commissione Nazionale di Supervisione, di rango superiore alla corte suprema, è stata descritta dal direttore di Amnesty International per l’Asia orientale come una “minaccia sistematica ai diritti umani” che “pone decine di milioni di persone alla mercé di un sistema segreto e virtualmente irresponsabile che è al di sopra della legge”.

Il ruolo della censura nella Cina di Xi Jinping

Il “Documento n. 9” è un documento interno riservato ampiamente diffuso all’interno del Partito comunista cinese nel 2013 dall’Ufficio generale del partito. È stato pubblicato per la prima volta nel luglio 2012. Il documento mette in guardia da sette pericolosi valori occidentali:

  • La democrazia costituzionale, che comprende principi come il sistema multipartitico, la separazione dei poteri, le elezioni generali e l’indipendenza della giustizia;
  • Valori universali, una nozione contraria alla dottrina maoista, per cui il sistema di valori occidentale trascende la nazione in classe;
  • Società civile, la nozione del primato dei diritti individuali sui diritti collettivi stabiliti dal Partito;
  • Neoliberalismo pro-mercato, riferendosi ai valori economici libertari e alla globalizzazione;
  • Indipendenza dei media, in quanto Xi era particolarmente ostile alle idee occidentali di giornalismo e alla nozione di una stampa che potesse criticare le politiche del governo e del Partito;
  • Nichilismo storico, cioè la critica degli errori del passato; e
  • Mettere in discussione la natura del socialismo alla cinese.

La copertura di questi argomenti nei materiali educativi è proibita. Sebbene sia precedente all’ascesa formale di Xi Jinping alle massime cariche del partito e dello Stato, la pubblicazione di questo documento interno, che ha introdotto nuovi argomenti che prima non erano “off-limits”, è stata vista come il riconoscimento da parte di Xi della natura “sacrosanta” del governo del Partito Comunista sulla Cina.

Censura di internet

Da quando Xi è diventato il segretario generale del PCC, la censura di internet in Cina è stata notevolmente intensificata. Presiedendo la Conferenza sulla governance del cyberspazio cinese del 2018 il 20 e 21 aprile 2018, Xi si è impegnato a “reprimere ferocemente i reati penali tra cui l’hacking, la frode delle telecomunicazioni e la violazione della privacy dei cittadini. ” La sua amministrazione ha anche supervisionato più restrizioni Internet imposte in Cina, ed è descritta come “più severa su tutta la linea” sul discorso rispetto alle amministrazioni precedenti. Xi ha sosteneuto la censura di Internet nel paese come il concetto di “sovranità di Internet. ” Anche la censura di Wikipedia è stata severa; a partire da aprile 2019, tutte le versioni di Wikipedia sono state bloccate in Cina. Allo stesso modo, la situazione per gli utenti di Weibo è stata descritta come un cambiamento dalla paura che i singoli post sarebbero stati cancellati, o nel peggiore dei casi il proprio account, alla paura dell’arresto. Una legge promulgata nel settembre 2013 ha autorizzato un periodo di tre anni di carcere per i blogger che hanno condiviso più di 500 volte qualsiasi contenuto considerato “diffamatorio.” Il Dipartimento di Stato per l’informazione su Internet ha convocato un gruppo di blogger influenti per un seminario, istruendoli ad evitare di scrivere di politica, del Partito Comunista, o di fare dichiarazioni che contraddicessero le narrazioni ufficiali. Molti blogger hanno smesso di scrivere su argomenti controversi, e Weibo è andato in declino, con gran parte dei suoi lettori che si sono spostati verso WeChat che è rivolto a cerchie sociali molto limitate. Nel 2017, i vettori di telecomunicazioni in Cina sono stati istruiti dal governo a bloccare l’uso di reti private virtuali (VPN) degli individui entro febbraio 2018.

Il meme di Winnie The Pooh

I paragoni tra Xi e il personaggio Disney Winnie the Pooh sono censurati sull’ internet cinese in seguito alla diffusione di un meme in cui le fotografie di Xi venivano paragonate all’orso. Il primo meme virale pesantemente censurato può essere fatto risalire alla visita ufficiale negli Stati Uniti nel 2013 durante la quale Xi fu immortalato da un fotografo della Reuters mentre passeggiava con l’allora presidente americano Barack Obama a Sunnylands, California. Un post sul blog in cui la fotografia era giustapposta alla rappresentazione del cartone animato divenne virale, ma i censori cinesi la cancellarono rapidamente. Quando Shinzo Abe incontrò Xi l’anno successivo, una fotografia dell’incontro, di nuovo giustapposta a un cartone animato, divenne virale. Quando Xi Jinping ispezionò le truppe attraverso il tettuccio della sua limousine, fu creato un meme popolare con Winnie the Pooh in una macchina giocattolo. L’immagine ampiamente diffusa è diventata la foto più censurata dell’anno.

Nel 2018, al film di Winnie the Pooh Christopher Robin è stata negata l’uscita in Cina, a seguito di un incidente in cui le autorità cinesi hanno censurato un bambino di nove anni per commenti sul peso di Xi. Dopo le schermaglie Cina-India del 2020-2021, gli indiani hanno usato la raffigurazione di Winnie the Pooh per deridere Xi Jinping. L’hashtag Twitter #WinniethePooh è stato utilizzato per i tweet che criticavano le azioni della Cina.

Consolidamento del potere

Gli osservatori politici hanno definito Xi il più potente leader cinese dai tempi del presidente Mao Zedong, soprattutto dopo la fine dei limiti di due mandati presidenziali nel 2018. Xi si è notevolmente allontanato dalle pratiche di leadership collettiva dei suoi predecessori post-Mao. Ha centralizzato il suo potere e creato gruppi di lavoro con se stesso a capo per sovvertire la burocrazia governativa, facendo diventare se stesso la figura centrale inconfondibile della nuova amministrazione. A partire dal 2013, il partito sotto Xi ha creato una serie di nuovi “Gruppi direttivi centrali”; comitati direttivi sovra-ministeriali, progettati per bypassare le istituzioni esistenti quando si prendono decisioni, e apparentemente rendere il policy-making un processo più efficiente. L’organismo più notevole è il Central Leading Group for Comprehensive Deepening Reforms. Ha un’ampia giurisdizione sulla ristrutturazione economica e le riforme sociali, e si dice che abbia spostato parte del potere precedentemente detenuto dal Consiglio di Stato e dal suo premier. Xi è anche diventato il leader del Gruppo Centrale di Leadership per la Sicurezza di Internet e l’Informatizzazione, incaricato della cyber-sicurezza e della politica di Internet. Il Terzo Plenum tenutosi nel 2013 ha anche visto la creazione della Commissione per la Sicurezza Nazionale del Partito Comunista Cinese, un altro organo presieduto da Xi che, secondo i commentatori, avrebbe aiutato Xi a consolidarsi sugli affari di sicurezza nazionale. Nell’opinione di almeno uno scienziato politico, Xi “si è circondato di quadri che ha incontrato mentre era di stanza sulla costa, nel Fujian e a Shanghai e nello Zhejiang.” Il controllo di Pechino è visto come cruciale per i leader cinesi; Xi ha selezionato Cai Qi, uno dei quadri sopra menzionati, per gestire la capitale.

Culto della personalità

Xi ha promosso un culto della sua personalità sin dall’entrata in carica con libri, cartoni animati, canzoni pop e routine di danza che onorano il suo governo. In seguito all’ascesa di Xi al nucleo dirigente del PCC, è stato indicato come Xi Dada (Zio o Papa Xi). Il villaggio di Liangjiahe, dove Xi fu mandato a lavorare, è diventato un “santuario dei giorni nostri” decorato con propaganda comunista e murales che esaltano gli anni formativi della sua vita.

Il Politburo del partito ha nominato Xi Jinping lingxiu (领袖), un termine reverente per “leader” e un titolo precedentemente dato solo a Chiang Kai-shek, Mao Zedong e al suo immediato successore Hua Guofeng. A volte viene anche chiamato il “Grande Timoniere” (大舵手), e nel luglio 2018 Li Zhanshu, il presidente del Comitato permanente dell’Assemblea nazionale del popolo, si è riferito a Xi come al “nucleo eterno” del partito. Il 25 dicembre 2019, il politburo ha nominato ufficialmente Xi come “Leader del popolo” (人民领袖; rénmín lǐngxiù), un titolo che solo Mao aveva in precedenza.

Politiche economiche

Xi ha aumentato il controllo statale sull’economia cinese, esprimendo sostegno alle imprese statali cinesi (SOE), pur sostenendo anche il settore privato del paese. Ha aumentato il ruolo della Commissione centrale per gli affari finanziari ed economici a scapito del Consiglio di Stato. La sua amministrazione ha reso più facile per le banche emettere mutui, ha aumentato la partecipazione straniera nel mercato obbligazionario, e ha aumentato il ruolo globale della valuta del paese, il renminbi, aiutandola ad entrare nel paniere dei diritti speciali di prelievo del FMI. Nel 40° anniversario del lancio delle riforme economiche cinesi nel 2018, ha promesso di continuare le riforme, ma ha avvertito che nessuno “può dettare al popolo cinese”. Dallo scoppio della guerra commerciale Cina-Stati Uniti nel 2018, Xi ha anche rilanciato gli appelli per “l’autosufficienza”, soprattutto in materia di tecnologia.

A seguito di un discorso di Jack Ma nel 2020 in cui disse che le banche cinesi avevano una “mentalità da banco dei pegni” e chiamò fuori la regolamentazione del governo. Si dice che Xi si sia infuriato per questo e abbia preso la decisione di fermare l’IPO di Ant Group portando a un giro di vite sulle big tech cinesi. Nel dicembre 2020 Xi ha definito gli sforzi per aumentare le regole anti-monopolio contro le piattaforme online uno degli obiettivi più importanti del 2021. Nel marzo 2021 Xi ha chiesto l’accelerazione del giro di vite sulle big tech.

Politica estera

Xi è un nazionalista cinese ed ha adottato una linea dura sulle questioni di sicurezza e sugli affari esteri, proiettando una Cina più nazionalista e assertiva sulla scena mondiale. Il suo programma politico richiede una Cina più unita e sicura del proprio sistema di valori e della propria struttura politica.

Sotto Xi, la Cina ha anche assunto una posizione più critica nei confronti della Corea del Nord, mentre ha migliorato le relazioni con la Corea del Sud. Le relazioni tra Cina e Giappone si sono inasprite sotto l’amministrazione di Xi; la questione più spinosa tra i due paesi rimane la disputa sulle isole Senkaku, che la Cina chiama Diaoyu. In risposta alla continua e forte posizione del Giappone sulla questione, la Cina ha dichiarato una zona di identificazione della difesa aerea nel novembre 2013.

diaoyu_map

Xi ha definito le relazioni Cina-Stati Uniti nel mondo contemporaneo un “nuovo tipo di relazioni tra grandi potenze”, una frase che l’amministrazione Obama era stata riluttante ad abbracciare. Sotto la sua amministrazione è continuato il dialogo strategico ed economico iniziato sotto Hu Jintao. Gli Stati Uniti sono stati critici nei confronti delle azioni cinesi nel Mar Cinese Meridionale. Nel 2014, gli hacker cinesi hanno compromesso il sistema informatico dell’Office of Personnel Management degli Stati Uniti, con il conseguente furto di circa 22 milioni di record del personale gestiti dall’ufficio.

Xi ha coltivato relazioni più forti con la Russia, in particolare sulla scia della crisi ucraina del 2014. Sembra aver sviluppato un forte rapporto personale con il presidente Vladimir Putin. Entrambi sono visti come leader forti con un orientamento nazionalista che non hanno paura di affermarsi contro gli interessi occidentali. Xi ha partecipato alle cerimonie di apertura delle Olimpiadi invernali del 2014 a Sochi. Sotto Xi, la Cina ha firmato un accordo da 400 miliardi di dollari per il gas con la Russia; la Cina è anche diventata il più grande partner commerciale della Russia.

La Belt and Road Initiative

La Belt and Road Initiative (BRI) è stata svelata da Xi nel settembre e ottobre 2013 durante le visite in Kazakistan e Indonesia, ed è stata successivamente promossa dal premier Li Keqiang durante le visite di stato in Asia ed Europa. Xi fece l’annuncio dell’iniziativa mentre si trovava ad Astana, in Kazakistan, e la definì una “opportunità d’oro”. La BRI è stata definita il “progetto di firma” di Xi, coinvolgendo numerosi progetti di sviluppo delle infrastrutture e di investimento in tutta l’Asia, l’Europa, l’Africa e le Americhe. La BRI è stata aggiunta alla Costituzione del PCC nella sessione di chiusura del XIX Congresso del Partito il 24 ottobre 2017, elevandone ulteriormente l’importanza.

xi jinping putin
Xi Jinping e Vladimir Putin al forum internazionale Belt and Road

La questione dei diritti umani nella Cina di Xi Jinping

Secondo Human Rights Watch, Xi ha “iniziato un’offensiva ampia e sostenuta sui diritti umani” da quando è diventato leader nel 2012. HRW ha anche detto che la repressione in Cina è “al suo livello peggiore dal massacro di piazza Tiananmen.” Da quando ha preso il potere, Xi ha dato un giro di vite sull’attivismo di base, con centinaia di detenuti. Ha presieduto la repressione del 709 il 9 luglio 2015, che ha visto più di 200 avvocati, assistenti legali e attivisti dei diritti umani essere detenuti. Il suo mandato ha visto l’arresto e l’imprigionamento di attivisti come Xu Zhiyong, così come numerosi altri che si sono identificati con il Nuovo Movimento dei Cittadini. Anche l’eminente attivista legale Pu Zhiqiang del movimento Weiquan è stato arrestato e detenuto.

Nel 2017, il governo locale della provincia di Jiangxi ha detto ai cristiani di sostituire le loro immagini di Gesù con Xi Jinping come parte di una campagna generale sulle chiese non ufficiali del paese. Secondo i social media locali, i funzionari “li hanno trasformati dal credere nella religione al credere nel partito”. Secondo gli attivisti, “Xi sta conducendo la più severa soppressione sistematica del cristianesimo nel paese da quando la libertà religiosa è stata scritta nella costituzione cinese nel 1982”, e secondo i pastori e un gruppo che monitora la religione in Cina, ha coinvolto “la distruzione di croci, bruciando bibbie, chiudendo chiese e ordinando ai seguaci di firmare documenti che rinunciano alla loro fede”.

A seguito di diversi attacchi terroristici nello Xinjiang nel 2013 e nel 2014, Xi ha lanciato la “guerra del popolo al terrore” nel 2014, che ha comportato la detenzione di massa, e la sorveglianza dell’etnia Uiguri. Xi ha fatto un giro d’ispezione nello Xinjiang tra il 27 e il 30 aprile del 2014. A partire dal 2019, la Cina detiene un milione di uiguri etnici in campi d’internamento nello Xinjiang. Vari gruppi per i diritti umani ed ex detenuti hanno descritto i campi come “campi di concentramento”, dove gli uiguri e altre minoranze sono stati assimilati forzatamente nella società cinese a maggioranza etnica Han. Documenti interni del governo cinese trapelati alla stampa nel novembre 2019 hanno mostrato che Xi ha ordinato personalmente un giro di vite sulla sicurezza nello Xinjiang, dicendo che il partito deve mostrare “assolutamente nessuna pietà” e che i funzionari usano tutte le “armi della dittatura democratica del popolo” per sopprimere quelli “infettati dal virus dell’estremismo”. I documenti hanno anche mostrato che Xi ha ripetutamente discusso dell’estremismo islamico nei suoi discorsi, paragonandolo a un “virus” o a una “droga” che potrebbe essere affrontato solo con “un periodo di trattamento doloroso e interventista.” Tuttavia, ha anche messo in guardia contro la discriminazione degli uiguri e ha respinto le proposte di sradicare completamente l’Islam in Cina, definendo quel tipo di punto di vista “di parte, persino sbagliato”.

L’8 luglio 2019, 22 paesi hanno firmato una dichiarazione all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani in cui hanno chiesto la fine delle detenzioni di massa in Cina e hanno espresso preoccupazione per la sorveglianza diffusa e la repressione nello Xinjiang.

In risposta, 50 paesi hanno firmato una lettera congiunta all’UNHRC lodando i “notevoli risultati della Cina nel campo dei diritti umani” sotto Xi Jinping, sostenendo che “Ora la sicurezza è tornata nello Xinjiang e i diritti umani fondamentali delle persone di tutti i gruppi etnici lì sono salvaguardati.” Hanno anche criticato la pratica di “politicizzare le questioni dei diritti umani”.

Nell’ottobre 2019, 23 paesi hanno emesso una dichiarazione congiunta alle Nazioni Unite sollecitando la Cina a “sostenere i suoi obblighi e impegni nazionali e internazionali per rispettare i diritti umani”.

In risposta, 54 paesi hanno emesso una dichiarazione congiunta a sostegno delle politiche cinesi dello Xinjiang. La dichiarazione “ha parlato positivamente dei risultati delle misure antiterrorismo e di de-radicalizzazione nello Xinjiang e ha notato che queste misure hanno efficacemente salvaguardato i diritti umani fondamentali delle persone di tutti i gruppi etnici.”

Nell’ottobre 2020, Axios ha riportato che più paesi all’ONU si sono uniti alla condanna della Cina per gli abusi nello Xinjiang. Il numero totale di paesi che hanno denunciato la Cina è aumentato a 39, mentre il numero totale di paesi che hanno difeso la Cina è sceso a 45. In particolare, 16 paesi che hanno difeso la Cina nel 2019 non lo hanno fatto nel 2020.

La pandemia del COVID-19

Il giornale tedesco Der Spiegel ha riferito che Xi Jinping ha fatto pressione su Tedros Adhanom, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità nel gennaio 2020, per trattenere l’emissione di un allarme globale sull’epidemia di coronavirus. Il rapporto pubblicato nel fine settimana ha detto che Xi ha sollecitato il capo dell’OMS a “ritardare un avvertimento globale” sulla pandemia e a trattenere le informazioni sulla trasmissione da uomo a uomo del virus, ma l’OMS ha negato le accuse tedesche.

Il 22 settembre 2020, un miliardario cinese, Ren Zhiqiang è stato condannato al carcere per 18 anni con l’accusa di corruzione. L’ex magnate immobiliare era scomparso a marzo, dopo aver scritto un articolo online, criticando la gestione di Xi Jinping della pandemia COVID-19.

Posizioni politiche

Il Sogno cinese

Xi e gli ideologi del Partito Comunista hanno coniato la frase “Sogno Cinese” per descrivere i suoi piani generali per la Cina come suo leader. Xi ha usato la frase per la prima volta durante una visita di alto profilo al Museo Nazionale della Cina il 29 novembre 2012, dove lui e i suoi colleghi del Comitato Permanente stavano assistendo a una mostra sulla “rinascita nazionale”. Da allora, la frase è diventata lo slogan politico dell’era Xi. Dal 2013, la frase è emersa come l’ideologia distintiva quasi ufficiale della leadership del partito sotto Xi, proprio come la “Prospettiva scientifica sullo sviluppo” era per Hu Jintao e i “Tre rappresentanti” erano per Jiang Zemin. L’origine del termine “Sogno cinese” non è chiara. Mentre la frase è stata usata prima da giornalisti e studiosi, alcune pubblicazioni hanno postulato che il termine ha probabilmente tratto ispirazione dal concetto di Sogno Americano. L’Economist ha notato che la natura astratta e apparentemente accessibile del concetto, senza specifiche stipulazioni politiche generali, potrebbe essere un allontanamento deliberato dalle ideologie pesanti in gergo dei suoi predecessori. Mentre il sogno cinese è stato originariamente interpretato come un’estensione del sogno americano, che enfatizza l’auto-miglioramento individuale e le opportunità, l’uso dello slogan in contesti ufficiali dal 2013 ha assunto un carattere notevolmente più nazionalistico, con i pronunciamenti ufficiali del “sogno” che sono costantemente legati alla frase “grande rinascita della nazione cinese”.

Rinascita culturale

Mentre l’ideologia comunista gioca un ruolo meno centrale nella vita delle masse nella Repubblica Popolare Cinese, gli alti dirigenti politici del Partito Comunista Cinese come Xi continuano la riabilitazione delle antiche figure filosofiche cinesi come Han Fei nella corrente principale del pensiero cinese insieme al confucianesimo, che Xi considera entrambi rilevanti. In una riunione con altri funzionari nel 2013, ha citato Confucio, dicendo “chi governa per virtù è come la stella polare, mantiene il suo posto, e la moltitudine di stelle gli rende omaggio”. Mentre visitava lo Shandong, il luogo di nascita di Confucio, a novembre, ha detto agli studiosi che il mondo occidentale stava “soffrendo una crisi di fiducia” e che il PCC è stato “il fedele erede e promotore dell’eccezionale cultura tradizionale cinese.”

La leadership di Xi è stata caratterizzata da una rinascita dell’antica filosofia politica del Legalismo. La tendenza sotto Xi rappresenta uno spostamento fondamentale dalle importazioni straniere come il comunismo e l’occidentalizzazione limitata a una maggiore fiducia nei pensieri e nelle pratiche politiche radicate nelle tradizioni della Cina. Han Fei ha guadagnato nuova prominenza con citazioni favorevoli; una frase di Han Fei che Xi ha citato è apparsa migliaia di volte nei media ufficiali cinesi a livello locale, provinciale e nazionale.

Xi ha anche supervisionato una rinascita della cultura tradizionale cinese, staccandosi dal percorso del PCC che l’aveva spesso attaccata. Ha definito la cultura tradizionale l'”anima” della nazione e il “fondamento” della cultura del PCC. L’Hanfu, l’abito tradizionale dei cinesi Han, ha visto una rinascita sotto di lui.

Il pensiero di Xi Jinping

Nel settembre 2017, il Comitato centrale del Partito comunista ha deciso che le filosofie politiche di Xi, generalmente indicate come “Pensiero di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era”, sarebbero diventate parte della Costituzione del Partito. Xi ha fatto per la prima volta menzione del “Pensiero sul socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era” nel suo discorso del giorno di apertura pronunciato al 19° Congresso del Partito nell’ottobre 2017. Il 24 ottobre 2017, nella sua sessione di chiusura, il XIX Congresso del Partito ha approvato l’incorporazione del Pensiero di Xi Jinping nella Costituzione del Partito comunista cinese.

Xi stesso ha descritto il Pensiero come parte dell’ampio quadro creato intorno al Socialismo con caratteristiche cinesi, un termine coniato da Deng Xiaoping che pone la Cina nella “fase primaria del socialismo”. Nella documentazione ufficiale del partito e nei pronunciamenti dei colleghi di Xi, si dice che il Pensiero sia una continuazione del marxismo-leninismo, del pensiero di Mao Zedong, della teoria di Deng Xiaoping, dei “tre rappresentanti” e della prospettiva di sviluppo scientifico, come parte di una serie di ideologie guida che incarnano “il marxismo adottato alle condizioni cinesi” e considerazioni contemporanee.

I concetti e il contesto dietro il Pensiero di Xi Jinping sono elaborati nella serie di libri The Governance of China di Xi, pubblicati dalla Foreign Languages Press per un pubblico internazionale. Il primo volume è stato pubblicato nel settembre 2014, seguito dal secondo volume nel novembre 2017.[283]

Un’app per l’insegnamento del “Pensiero di Xi Jinping” è diventata la più popolare app per smartphone in Cina, mentre il Partito Comunista al potere del paese ha lanciato una nuova campagna che invita i suoi quadri a immergersi nella dottrina politica ogni giorno. Xuexi Qiangguo, che si traduce in “Studiare un paese potente”, è ora l’elemento più scaricato sull’App Store nazionale di Apple, superando nella domanda app di social media come WeChat e TikTok – conosciuti come Weixin e Douyin, rispettivamente, nella Cina continentale.

Hong Kong e Taiwan

Hong Kong

Xi ha sostenuto e perseguito una maggiore integrazione economica di Hong Kong alla Cina continentale attraverso progetti come il ponte Hong Kong-Zhuhai-Macau. Ha spinto per il progetto Greater Bay Area, che mira a integrare Hong Kong, Macao e altre nove città del Guangdong. La spinta di Xi per una maggiore integrazione ha creato timori di diminuzione delle libertà a Hong Kong.

Xi ha sostenuto il governo di Hong Kong e il capo dell’esecutivo in carica Carrie Lam contro i manifestanti nelle proteste di Hong Kong del 2019-20. Ha difeso l’uso della forza da parte della polizia di Hong Kong, dicendo che “Sosteniamo severamente la polizia di Hong Kong a intraprendere azioni di forza nel far rispettare la legge, e la magistratura di Hong Kong a punire secondo la legge coloro che hanno commesso reati violenti. ” Mentre visitava Macao il 20 dicembre 2019 come parte del 20° anniversario del suo ritorno alla Cina, Xi ha messo in guardia dalle “forze straniere” che interferiscono in Hong Kong e Macao, mentre ha anche accennato che Macao potrebbe essere un modello da seguire per Hong Kong.

hong-kong-manifestazioni

Taiwan

L’incontro del 2015 tra Xi e il presidente taiwanese Ma Ying-jeou ha segnato la prima volta che i leader politici di entrambi i lati dello stretto di Taiwan si sono incontrati dalla fine della guerra civile cinese nel 1950. Xi ha detto che la Cina e Taiwan sono “una famiglia” che non può essere separata.

Nel XIX Congresso del Partito tenutosi nel 2017, Xi ha riaffermato sei dei nove principi che erano stati affermati continuamente dal XVI Congresso del Partito nel 2002, con la notevole eccezione di “riporre le speranze sul popolo di Taiwan come forza per aiutare a realizzare l’unificazione”. Secondo la Brookings Institution, Xi ha usato un linguaggio più forte sulla potenziale indipendenza di Taiwan rispetto ai suoi predecessori verso i precedenti governi del DPP a Taiwan. Nel marzo 2018, Xi ha detto che Taiwan avrebbe affrontato la “punizione della storia” per qualsiasi tentativo di separatismo.

Nel gennaio 2019, Xi Jinping ha invitato Taiwan a rifiutare la sua indipendenza formale dalla Cina, dicendo: “Non facciamo alcuna promessa di rinunciare all’uso della forza e ci riserviamo l’opzione di prendere tutti i mezzi necessari”. Queste opzioni, ha detto, potrebbero essere utilizzate contro “l’interferenza esterna”. Xi ha anche detto che “sono disposti a creare un ampio spazio per una riunificazione pacifica, ma non lasceranno spazio a nessuna forma di attività separatista” Tsai Ing-Wen ha risposto al discorso dicendo che Taiwan non accetterà un accordo “un paese, due sistemi” con la terraferma, mentre ha sottolineato la necessità che tutti i negoziati tra le due sponde dello Stretto siano su base governativa.

Fonti

Nota: La scheda è un riadattamento della versione in inglese della scheda di Wikipedia su Xi Jinping, alla quale sono state aggiunte materiale fotografico ed altre modifiche

Wikipedia, Lavanguardia, enewstree, bowenpress.com, Wikimedia

Previous

Breve Storia del Massacro dei Cinesi del 1871 a Los Angeles

La cartografia in Cina, storia di un’arte che influenza guerra e politica

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.