CinaOggi > Cultura cinese > Cucina cinese > Intervista a Michelle Hong, Cofondatrice di Rooftop Republic

Intervista a Michelle Hong, Cofondatrice di Rooftop Republic

Michelle Hong è Cofondatrice dell’organizzazione di agricoltura urbana sostenibile Rooftop Republic.

Michelle Hong ha conseguito un diploma in studi sulla comunicazione con specializzazione in ricerca sulla comunicazione presso la Nanyang Technological University e ha un certificato in terapia orticola. È specializzata in marketing, comunicazione, marketing digitale e gestione dei progetti. Michelle ha lavorato in due importanti centri finanziari e urbani di Hong Kong e Singapore. È la co-fondatrice di Rooftop Republic Urban Farming, un’impresa sociale che crea città più vivibili attraverso l’agricoltura urbana. È anche interessata ad entrare in contatto con le aziende che danno potere alle comunità svantaggiate, così come le aziende che hanno trasformato o reinventato i modelli di business tradizionali o le industrie in nuovi modelli d’impatto e creano opportunità.

Questa intervista è apparsa prima su Planet China Vol. 13, un numero dedicato alle donne che fanno la differenza.

Sito Ufficiale | Instagram | Facebook

Quando hai capito per la prima volta che volevi intraprendere una carriera nelle soluzioni di agricoltura urbana? Cosa ti ha spinto inizialmente ad impegnarti personalmente su questo tema?

In precedenza facevo parte dell’industria pubblicitaria e avevo imparato così tanto lavorando con diversi marchi commerciali e clienti a Singapore ed Hong Kong, ma sono arrivata ad un punto in cui volevo disperatamente lavorare su un marchio e una causa di cui ero appassionata. Mentre ero ancora al mio lavoro a tempo pieno, avevo passato il mio tempo a coltivare il mio cibo in città come un progetto per passione, ma quando è arrivato il momento di prendere una decisione, ho fatto un passo di fede per immergermi pienamente nell’imprenditorialità a tempo pieno. Vivendo a Singapore, mi sono sentita estremamente fortunata a vivere in una città molto verde – “City in a Garden” – e vivendo nel profondo ambiente urbano di Kowloon dopo essermi trasferita ad Hong Kong, mi sono divertita nel ritmo e la grinta urbana della città, ma ho anche capito che avevo un’enorme voglia di un legame costante con la natura. Inoltre, durante il mio tempo libero, ho avuto l’opportunità di incontrare e parlare con gli agricoltori locali di Hong Kong, ed è stato allora che ho realizzato l’enorme disparità tra il cibo che importiamo ed il cibo che possiamo coltivare localmente. Questo mi ha portato nella tana del coniglio ad imparare come il cibo arriva sulla nostra tavola, e mi sono resa conto che tutta la mia disconnessione con il mio cibo derivava dal vivere in un ambiente altamente urbanizzato. Mi sono anche resa conto che se una ragazza di città come me potesse apprezzare molto di più il valore dell’agricoltura biologica dopo aver coltivato il proprio cibo, c’è così tanto potenziale che potremmo portare ad altri abitanti delle e nelle grandi città come Hong Kong.

Creando città e comunità sostenibili alimentate dall’agricoltura urbana, Rooftop Republic sta dipingendo i grattacieli di Hong Kong con colori naturali

Rooftop Republic Urban Farm in Kwun Tong Photo Credit Rooftop Republic Matthieu Millet
Rooftop Republic Urban Farm in Kwun Tong Photo Credit Rooftop Republic Matthieu Millet

Michelle Hong sta plasmando il futuro del cibo a Hong Kong con Rooftop Republic, un’impresa sociale con una visione per rivoluzionare il sistema alimentare con l’agricoltura urbana

Come nasce ”Rooftop Republic”?

Con questa consapevolezza in mente, i miei colleghi co-fondatori hanno riconosciuto l’importanza di questo progetto, e lavorarci part-time non avrebbe aiutato a raggiungere l’impatto, lo slancio o la scala che avevamo previsto. Quindi, con molta fede cieca, abbiamo fatto il passo in avanti per fondare Rooftop Republic, un’impresa sociale con la visione di creare città e comunità più sostenibili attraverso l’agricoltura urbana.

La tua vita è cambiata da quando hai iniziato “Rooftop Republic”?

Sì, in effetti, è piena di molto entusiasmo e motivazione, perché ogni giorno sento di poter fare la differenza attraverso Rooftop Republic e lavoro con un team così grande che è altrettanto appassionato di rendere le nostre città più verdi, e commestibili! Inoltre, attraverso il nostro lavoro, abbiamo avuto modo di incontrare così tante persone diverse sullo stesso percorso per rendere il nostro sistema alimentare più sostenibile – dai ristoratori agli accademici, ai coltivatori e persino aziende e singoli, che sono costantemente ispirati da loro e dagli enormi passi avanti che stanno compiendo nella loro area di competenza per ridurre lo spreco alimentare, per rendere il nostro sistema alimentare più equo e per sostenere un’impronta più leggera sul pianeta attraverso diete a base vegetale.

Rooftop Republic incoraggia una produzione alimentare e pratiche di consumo più sostenibili

Rooftop Republic Lok Fu Urban Farm Photo Credit LINK
Rooftop Republic Lok Fu Urban Farm Photo Credit LINK

Puoi parlarci delle sfide più grandi che hai incontrato all’inizio?

Alcune delle sfide iniziali consistevano nel convincere i gestori di edifici ed i proprietari ad adottare l’agricoltura sui tetti nei loro edifici. C’erano naturalmente preoccupazioni per i tifoni e se avrebbero causato problemi nelle operazioni quotidiane di gestione degli edifici, ma ci siamo resi conto che ciò, che era assolutamente fondamentale, era avere una prova di concetto di successo, e abbiamo raggiunto questo obiettivo con il primo tetto di gestione del nostro team fattoria in Central in un edificio gestito da Jones Lang LaSalle. Non solo abbiamo mostrato come la fattoria potrebbe funzionare con successo, ma abbiamo anche potuto mostrare i benefici per la comunità dell’agricoltura, riunendo le parti interessate, donando prodotti biologici freschi ad enti di beneficenza e che a parte l’impatto ambientale, una fattoria urbana potrebbe portare così tanto valore sociale e comunitario.

Lo skyline di Hong Kong non è mai stato così verde. Rooftop Republic aiuta a plasmare un futuro più sano per gli abitanti di Hong Kong e per il pianeta

Rooftop Republic Academy at the JCEB Building Photo Credit Rooftop Republic Mark Teo

Rooftop Republic è un’impresa sociale pluripremiata impegnata nella creazione di città e comunità sostenibili alimentate dall’agricoltura urbana. Rooftop Republic è appassionato nell’introdurre le persone alle gioie dell’agricoltura urbana, coltivare una maggiore consapevolezza delle pratiche di vita sostenibili e dare alla comunità il potere di coltivare cibo delizioso e nutriente in qualsiasi spazio, dai piccoli balconi residenziali alle grandi aree commerciali. L’industria alimentare ha un enorme impatto in termini di sostenibilità, quindi Rooftop Republic utilizza l’agricoltura urbana per ricollegare le persone alle loro fonti di cibo. Rooftop Republic ha anche stabilito una programmazione a beneficio delle persone provenienti da comunità svantaggiate o con disabilità, inclusa la formazione di persone con problemi di udito per diventare agricoltori urbani e con l’intento di fornire loro competenze per l’occupazione nel settore agricolo e paesaggistico urbano.

Rooftop Republic Academy at the JCEB Building Photo Credit Rooftop Republic Mark Teo

Cosa significa il movimento dell’agricoltura urbana per gli impatti sociali e ambientali ad Hong Kong? In che modo il cibo plasma il contesto sociale? Quali problemi stanno risolvendo per la comunità?

L’agricoltura urbana porta molti vantaggi oltre l’inverdimento, ed alcuni dei benefici ben noti sono:

  1. Riduce la nostra impronta di carbonio attraverso la crescita locale e riducendo al minimo la necessità di trasporti estesi.
  2. Possiamo goderci i prodotti appena raccolti, riducendo al minimo la perdita di nutrizione attraverso lo stoccaggio ed il trasporto.
  3. Quasi il 17% di tutto il cibo consumabile e l’equivalente di 931 tonnellate di tutto il cibo venduto viene sprecato (secondo il rapporto sull’indice dei rifiuti alimentari delle Nazioni Unite). Coltivare il nostro cibo crea anche maggiori opportunità per l’uso del compostaggio come mezzo di coltivazione, contribuendo a ridurre e minimizzare gli sprechi alimentari che vanno in discarica e promuovendo l’economia circolare per il nostro sistema alimentare.
  4. Attraverso il nostro modello di business, formiamo ed impieghiamo agricoltori biologici come istruttori e allevatori di manutenzione, aiutandoli ad aumentare il loro reddito e flussi di reddito oltre la produzione.
  5. L’agricoltura urbana ha anche un potente effetto biofilo, migliorando il benessere e creando opportunità per rilassarsi in mezzo a uno stile di vita frenetico.

Creare città e comunità sostenibili alimentate dall’agricoltura urbana.

Rooftop Farm at Metroplaza Shopping Mall Photo Credit Rooftop Republic Natalie Lam
Rooftop Farm at Metroplaza Shopping Mall Photo Credit Rooftop Republic Natalie Lam

L’agricoltura sui tetti può offrire alle famiglie a basso reddito una nuova fonte di reddito e un migliore accesso a prodotti di qualità

Quanto è cresciuta “Rooftop Republic” dal suo inizio? Quali sono i traguardi che hai raggiunto finora?

Definiamo il nostro modello di business “Farming as a Service”, in cui forniamo soluzioni di agricoltura urbana end-to-end dalla progettazione, consulenza, configurazione, gestione e formazione a clienti quali aziende, proprietari di edifici, industria dell’ospitalità, scuole ed individui. Dal nostro inizio nel 2015, abbiamo creato più di 65 fattorie urbane e trasformato più di 70.000 piedi quadrati di spazi urbani in fiorenti fattorie urbane. Siamo inoltre lieti di annunciare che abbiamo raggiunto 17.000 abitanti delle città attraverso i nostri eventi e seminari sull’agricoltura urbana.

Le abitudini alimentari delle persone negli ultimi anni stanno cambiando? Pensi che un accesso facile e veloce ad alcune tipologie di cibo sia uno degli ostacoli che non porta a pensare alla qualità, inquinamento e spreco?

La maggior parte del mondo sviluppato beneficia di questo sistema alimentare altamente industrializzato e connesso, ma più del 98% della nostra verdura consumata viene importata a causa della nostra bassa capacità di crescita alimentare. Il basso costo del cibo e la disponibilità dei prodotti ha dato uno status falso e sottovalutato di questi alimenti, e mina il valore delle verdure coltivate biologicamente, facendo sì che molte persone abbiano la percezione che il cibo biologico sia “costoso”. Siamo lieti che attraverso i nostri programmi di agricoltura urbana, l’abitante o l’individuo medio della città abbia la possibilità di coltivare le proprie verdure da zero attraverso metodi di agricoltura biologica, iniziando a vedere il sudore, lo sforzo e l’esperienza messi nella coltivazione di alimenti senza sostanze chimiche e pesticidi. Pertanto, il nostro team crede davvero che per comprendere il vero valore del cibo, sia necessario conoscerne la storia ed il modo in cui il cibo viene coltivato dal suolo.

Michelle sta trasformando gli spazi di Hong Kong in rigogliose fattorie verdi e coinvolgendo le comunità per imparare a creare fonti di cibo biologico nutriente e coinvolgere e responsabilizzare le comunità a condurre uno stile di vita sostenibile

Rooftop Farm at JLL managed building in Central Photo Credit Rooftop Republic Xaume Olleros
Rooftop Farm at JLL managed building in Central Photo Credit Rooftop Republic Xaume Olleros

Aumentare la consapevolezza tra la sostenibilità ed educare le persone sui problemi urgenti del pianeta Terra è ogni giorno più evidente da quando il mondo sta affrontando Covid-19. Pensi che stia diventando più facile coinvolgere le persone nell’essere partecipi dei cambiamenti e ad avviare un futuro più sostenibile?

Una tendenza chiave che stiamo notando è la crescita del mercato vegetariano e vegano. Sempre più persone stanno adottando una dieta più vegetale, se non vegetariana / vegana, per motivi di salute, cambiamento climatico o benessere degli animali. In combinazione con il COVID-19, sempre più persone stanno diventando più consapevoli del cibo che immettono nel loro corpo e stanno cercando modi per capire di più su come viene coltivato il cibo, consumare più cibo biologico e ridurre il volume di pesticidi e sostanze chimiche nel proprio corpo. Durante l’inizio della pandemia COVID-19 nel 2020, abbiamo iniziato ad osservare una maggiore domanda di cibo biologico, nonché l’interesse nell’allestire i propri orti e coltivare il proprio cibo.

Le fattorie sul tetto stanno anche aiutando a raffreddare gli edifici in quanto differiscono questo effetto “isola di calore”. La vegetazione delle fattorie sui tetti assorbe CO2 e rilascia ossigeno, quindi gli edifici non diffondono tanto calore

Rooftop Farm at JLL managed building in Central Photo Credit Rooftop Republic Sarah Thrower
Rooftop Farm at JLL managed building in Central Photo Credit Rooftop Republic Sarah Thrower

Oltre al beneficio per l’ambiente e la salute, il giardinaggio e l’agricoltura sono terapeutici. Trascorrere minuti nel verde è una panacea mentale per il benessere psicologico. Lavori anche su questo argomento? Motivate le persone in merito a questo potenziale?

Sebbene l’agricoltura abbia un forte impatto sull’ambiente e sulla salute, vivere in un ambiente urbanizzato come Hong Kong crea stress ed uno stile di vita impegnativo per il cittadino medio. L’accesso alla natura può essere difficile durante una tipica giornata lavorativa, dove la maggior parte dei parchi di campagna può essere ad un paio d’ore di distanza. Tuttavia, le fattorie urbane sono anche un luogo di relax e sono facilmente accessibili a molte persone che lavorano in città, e riconosciamo l’importanza di avere una fuga nella natura dall’ufficio o dall’ambiente urbano ad alto stress durante la giornata lavorativa. Abbiamo la terapia orticola all’interno delle competenze del nostro team e, sebbene possa essere applicata principalmente nel campo della terapia, i benefici e gli effetti sono molto visibili nella pratica agricola urbana quotidiana. Ad esempio, oltre il 70% dei partecipanti al sondaggio ai nostri programmi e workshop sull’agricoltura urbana ha indicato di essere più rilassato e anche il 70% di loro ha indicato di avere un legame maggiore con la propria comunità (colleghi) attraverso la coltivazione del proprio cibo.

Foto cortesemente concesse da Michelle Hong & Rooftop Republic

Previous

Intervista con la nutrizionista Tella Chen

Intervista alla Designer Denise Huang fondatrice di Suzhou Cobblers

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.