CinaOggi > Arte cinese > Artisti cinesi contemporanei > Intervista con l’Artista & Filmmaker Shu Lea Cheang

Intervista con l’Artista & Filmmaker Shu Lea Cheang

Artista, concettualista, regista e networker che tratta argomenti multidisciplinari

Shu Lea Cheang è un’artista e regista il cui lavoro mira a rivedere le tipologie, i generi e le strutture operative. Le sue pratiche artistiche di gender hacking piegano il genere e sfidano i meccanismi operativi esistenti ed i confini imposti della società, della geografia, della politica e delle strutture economiche. In qualità di pioniera della net art, BRANDON (1998-1999) è stata la prima opera di web art commissionata e raccolta dal Solomon R. Guggenheim Museum di New York. Dal cyberspazio degli homesteading negli anni ‘90 al suo attuale ritiro alla zona BioNet dopo l’incidente della rete, Cheang aggiunge l’amore virale, bio hack nel suo attuale ciclo di lavori. Ha rappresentato Taiwan con 3x3x6, un’installazione multimediale alla Biennale di Venezia 2019. Cheang è attualmente al lavoro su UKI, un cinema di realtà virtuale virale di fantascienza, e UNBORN0x9, una performance di hacking.

Official site | Vimeo

Questa intervista è apparsa prima su Planet China Vol. 13, un numero dedicato alle donne che fanno la differenza.

Da Taiwan a New York, puoi raccontarci questo periodo della tua vita? Cosa ti ha spinto a trasferirti negli Stati Uniti e cosa ha significato per il tuo percorso artistico?

Dopo essermi laureata alla National Taiwan University, sono andata a New York per studiare cinema. Ho sempre desiderato fare film. Vivere gli anni ‘80 a New York City ha segnato un decennio di risveglio sociale e politico per me, quando ho preso in mano le videocamere portatili e mi sono unita alle proteste di strada su questioni come il razzismo e l’epidemia di AIDS. Facevo parte dell’attivismo mediatico radicale come membro di due collettivi mediatici di base: Paper Tiger TV e Deep Dish TV. Dalla documentazione video al canale singolo, sono passata a un’installazione di videoarte multicanale. La mia prima opera “Color Schemes” (1990) è stata presentata come mostra personale al Whitney Museum of American Art, dando così il via alla mia carriera artistica.

È considerata una figura pionieristica nell’arte legata ad Internet ed una figura di spicco nell’arte dei nuovi media

CasanovaX
Still from CASANOVA X, 10:00, 4K Video, from the film series for installation 3x3x6. Taiwan in Venice Biennale 2019

Quali sono state le sfide più grandi all’inizio?

Ero molto immersa nelle “scene” del centro di New York: arte, performance, regia indipendente e discoteca negli anni ‘80 e ‘90. Ho intrapreso tutti i tipi di lavori occasionali mentre mi occupavo di arte e ricerca di fondi per realizzare il mio primo lungometraggio. La sfida è stata nell’ottenere l’accesso alla tecnologia in continuo aggiornamento come donna / asiatica / queer, quindi una tripla minoranza. Ho iniziato a definirmi “aborigena high tech”, non possiedo ma prendo in prestito la tecnologia. Nel 1994 ho pubblicato il mio primo lungometraggio “Fresh Kill” girato in 35 mm e presentato in anteprima al Festival di Berlino della Berlinale.

Ho letto che prima di trasferirti nell’EuroZona sei diventata una “nomade digitale”. Quanto questo periodo ha influenzato il tuo modo di vedere la vita e le tue nuove opera d’arte?

Nel 1997, ho lasciato la mia residenza a New York in seguito alla tipica disputa sull’aumento dell’affitto da parte del proprietario e sono scivolata in un periodo “nomade digitale”. In quell’anno sono stata selezionata per partecipare alla prima Biennale di arte multimediale di NTT [ICC]. Con “Buy One Get One” (1997), ho viaggiato attraverso l’Asia e l’Africa con un bento box elettronico personalizzato dotato di laptop, trasmettendo le pagine web dei “senzatetto” alla galleria di Tokyo. Questo progetto ha lanciato ufficialmente la mia rivendicazione di “nomade digitale”. Per i successivi 10 anni, ho vissuto senza una valigia, sono riuscita a non sottoscrivere un contratto di locazione o pagare bollette elettriche mensili fisse. Prendendo residenze e commissioni, ho viaggiato e lavorato nell’Eurozona, costruendo reti, collocando comunità e mantenendo la linea delle attività di comunicazione per gli anni a venire.

Sin dagli anni ’80, come artista multimediale e dei nuovi media, ha affrontato temi di stereotipi etnici, politica sessuale ed oppressione istituzionale con le sue sperimentazioni in campi digitali

Quanto di te e della tua vita personale possiamo trovare nel tuo progetto artistico?

Credo che gli artisti lavorino dalle proprie esperienze di vita. Sono fedele alla società / ambiente con cui sono in corrispondenza. Non “interpreto” la mia vita così com’è. Il mio lavoro costruisce installazioni in rete e performance multi-player in modalità partecipativa estemporanea; disegna narrazioni fantascientifiche in scenari cinematografici ed immaginando opere d’arte; costruisce un’interfaccia sociale con trame trasgressive e una rete aperta che consente la partecipazione del pubblico.

Hai un tuo progetto artistico a cui sei più attaccata o a cui sei particolarmente legata? Puoi condividere con noi qualche storia significativa che lo riguarda?

BRANDON (1998-1999) come prima commissione web art del museo Guggenheim è un progetto particolarmente impegnativo per la sua durata di un anno, la sua collaborazione multi-interfaccia e multi-artista-istituzione, la sua avanzata applicazione del mezzo web alla fine del anni 90. Prende il nome da Brandon Teena, un giovane transgender che è stato violentato e assassinato la vigilia di Capodanno del 1993 dopo la scoperta del suo genere anatomico, BRANDON si propone di esplorare le questioni della fusione di genere e del tecno-corpo sia negli spazi pubblici che nel cyberspazio. Per la ricerca e la produzione del progetto, ho viaggiato a San Francisco, Lincoln (Nebraska), Amsterdam, Boston impegnandomi in comunità trans e legali. Il sito web (http://brandon.guggenheim.org) è stato restaurato e rilanciato ufficialmente nel 2017 dal museo. Eppure il lavoro, nella sua durata di un anno con anche due eventi dal vivo tenuti al Theatrum Anatomicum nella Waag Society, Amsterdam, probabilmente non è mai stato visto / sperimentato da nessuno nel suo pieno aspetto tranne che da me che lo ha prodotto.

Shu Lea Cheang ha rappresentato Taiwan alla 58a Biennale di Venezia nel 2019. È la prima donna a rappresentare Taiwan con una mostra personale

Sei stata la prima donna a rappresentare Taiwan con una mostra personale, alla 58 ° Biennale di Venezia nel 2019. Cosa ha significato per te? Puoi dirci di più su questa mostra?

È stato un onore essere selezionata da una giuria di 7 membri per rappresentare Taiwan alla Biennale di Venezia, soprattutto non vivo a Taiwan dalla fine degli anni ‘70. È stata una collaborazione intensa / intima con Paul B. Precciado, il curatore con cui ho scelto di lavorare. L’opera presentata era 3x3x6, un’installazione di tecnica mista, in cui ho rimesso in scena le stanze del Palazzo delle Prigioni, una prigione veneziana del Cinquecento in funzione fino al 1922, come uno spazio di sorveglianza high-tech, un panopticon digitale che rivela meccanismo di controllo del sistema. Partendo dalla storia dello scrittore libertino Giacomo Casanova, imprigionato nel Palazzo delle Prigioni nel 1755, ho riunito dieci casi storici e contemporanei di soggetti incarcerati per dissenso di genere o motivi sessuali, tra cui il marchese de Sade e Michel Foucault. La mostra costruisce una contro-storia collettiva della sessualità, dove l’immaginazione trans-punk-fantascienza, queer e anticoloniale fornisce strutture visive e critiche per pensare attraverso le storie di sottomissione e resistenza.

Il suo lavoro è spesso interattivo, mescola creativamente questioni sociali con metodi artistici

redpill poster
Red pill poster for Virus Becoming exhibition Image courtesy of the artist, Shu Lea Cheang

Il tuo film del 1994 “Fresh Kill” è ambientato in uno scenario di detriti elettronici. Hai coniato “eco cyber noia” per descrivere “massicce intrusioni della tecnologia di rete nella vita delle persone”. Pensi che stiamo vivendo in una “eco cyber noia”?

In un filo delle narrazioni di FRESH KILL, i geek / hacker nella città di New York sono stati accidentalmente collegati alla resistenza contro lo scarico di rifiuti in Africa e hanno fatto irruzione nelle reti dei media tradizionali per sostenere l’urgenza della resistenza africana. Era un periodo pre-internet quando fu prodotto FRESH KILL. L’imminente cybernoia rimane con noi.

Sin dai tuoi primi lavori artistici hai sempre affrontato temi che trattavano gli stereotipi etnici e di genere, politica sessuale ed oppressione istituzionale. Pensi che le cose stiano cambiando lentamente o c’è ancora molto da fare per accelerare il processo?

Guardiamo solo a questi due anni: la violenza della polizia, Black Lives Matter, l’ostilità e la violenza contro gli asiatici, l’affermazione dei diritti dei trans, stiamo lentamente cambiando? O ci aspettiamo costantemente un ‘”esplosione”, una “insurrezione”? Recentemente ho riascoltato molte interviste radiofoniche / cinematografiche con Angela Devis fatte negli anni ‘70 e ‘80 ed ho scoperto che le sue osservazioni si applicano ancora alle condizioni intense d’oggi.

È nata in un periodo in cui l’isola di Taiwan era sotto la legge marziale nel 1954. Dopo essersi trasferita a New York, ha ammesso di sentirsi liberata, definendolo un processo di “riconoscimento di sé e affermazione”.

00x pills
Rooftop Farm at JLL-managed building in Central. Photo Credit: Rooftop Republic, Xaume Olleros

L’arte può muoversi in diverse forme. Gli esseri umani imparano le lezioni in tempi diversi. Pensi che i social media e le nuove tecnologie stiano influenzando / manipolando l’arte ed il pubblico? Qual è la parte più difficile quando si parla di comunicazione?

Per me i social media e le nuove tecnologie sono semplicemente strumenti, medium / media. Uno sceglie di usarli quando si presentano le esigenze. C’è una “moda” “tendenza” di cui facciamo parte o sentiamo il bisogno di far parte … Sono arrivata ad adattarmi a varie piattaforme a seconda delle persone con cui voglio comunicare. I social media creano gruppi di comunità derivate da interessi diversi. Si è inoltre rivelato cruciale nell’organizzazione degli sforzi con la generazione mobile. Posso anche capire la resistenza contro l’uso immersivo dei social media.

Ricorda: “Quando sono arrivata a New York, ero più preoccupata per certi tipi di discriminazione razziale o stereotipi sull’essere una donna asiatica – c’erano molti diversi tipi di fantasie sulle donne asiatiche”.

UKI GB2
UKI virus rising installation view at Gwangju Biennale 2018

La pandemia ha un impatto sul settore delle arti e del patrimonio culturale. Allo stesso tempo, il blocco ha spinto le persone a fare un uso abbondante dell’arte da casa grazie al web. Come si adatterà il mondo dell’arte al Covid-19?

Non sono così sicura di far parte di questo “mondo dell’arte” nei suoi termini generali. Vediamo che le fiere d’arte sono state chiuse; le case d’asta sono andate online; NFT è diventato un elemento caldo e gli spettacoli cancellati hanno tagliato fuori la cappa vivente degli artisti. Il Covid-19 con le sue varianti rimane con noi. Non ci adottiamo, deviamo la rotta. Quindi, attualmente sono coinvolta con uno studioso che coltiva una foresta indigena nella campagna innevata; un piano per costruire un’architettura mutevole ed in crescita con micelio e compost; una commissione per un progetto web che mira a coinvolgere il pubblico; programmare una piattaforma web per portare online i gruppi di lettura; scrivere una sceneggiatura per un cinema fantascientifico di realtà alternativa virale. Virus Becoming. Questa sarebbe la nostra massima libertà? (Virus Becoming è la mia mostra personale al Musée d’arts asiatiques di Nizza, in Francia, posticipata dall’apertura del 15 gennaio, in attesa del lancio nella primavera del 2021).

Foto cortesemente concesse da Shu Lea Cheang

Intervista con la scrittrice Nona Mock Wyman

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.