CinaOggi > Società in Cina > Design in Cina > Plastered 8: Urban Fashion a Pechino, Intervista a Dominic Johnson-Hill

Plastered 8: Urban Fashion a Pechino, Intervista a Dominic Johnson-Hill

Dominic Johnson-Hill è l’imprenditore artistico di Plastered 8, lo store di Beijing di streetwear, che celebra la nostalgia in modo divertente e innovativo.

Il negozio Plastered 8 si trova al 61 Nan Luo Gu Xiang a Pechino, Cina. Il concetto di design fonde etichette di marchi retrò e immagini attuali. Lavorando con artisti e designer di tutto il mondo, mescola il concetto di presente, passato e futuro di una Cina frenetica e ludica. Da quando il negozio è stato aperto nel 2005, i disegni di Plasterd 8 sono passati dalla creazione di sole magliette alla spedizione di tutti i tipi di abbigliamento, prodotti lifestyle, souvenir, opere d’arte in tutto il mondo e hanno creato murales in ristoranti, caffè e hotel di Beijing. Le Plastered T-shirts sono indossate dalle celebrità locali e straniere in tutto il mondo e il suo flagship store è considerato un “must-visit” quando ci si trova a Pechino. Plastered 8 è un’estensione della personalità e una celebrazione della vita di Dominic Johnson-Hill e della Pechino che ama. Anche Plastered 8 crede nell’essere green! Tutti i suoi inchiostri utilizzati per la stampa sono ecologici così come tutto il suo cotone.

Sito Ufficiale | Instagram | Facebook | Behance

Puoi parlarci un po’ di te? Chi ti ha influenzato come persona e come imprenditore artistico?

Sono nato nel Regno Unito e ho vissuto lì fino all’età di 18 anni e poi ho deciso di dedicare la mia vita ai viaggi e all’avventura. In effetti è una bugia, non avevo intenzione di farlo ma ho iniziato e non potevo fermarmi perché la vita sulla strada era molto meglio che tornare a casa. Mi piacciono la maggior parte delle cose ridicole, assurde e sciocche. Ho 4 figlie e una bellissima moglie quindi non mi sento geloso di nessuno. Cammino molto, davvero tantissimo, sono molto irrequieto e sempre alla ricerca di stimoli. Sedermi per scrivere questa intervista è stato un fottuto incubo per me. Mi piacciono Willy Wonker, Reeves e Mortimer e la musica elettronica, ho iniziato ad ascoltare di nuovo The Field questa settimana, roba incredibile.

Cosa puoi dirci della tua prima volta in Asia? Quali differenze culturali hai trovato all’inizio? Cosa ti ha ispirato di più?

Sono arrivato a Pechino zaino in spalla nel 1992, un anno prima di allora, avevo viaggiato e lavorato in India, che è stata probabilmente la più grande follia di testa della mia vita, è stato un anno che ha definito la mia vita, non avevo idea che il mondo potesse essere così magico. Pechino d’altra parte era grigia, piatta e buia di notte, era difficile vederne la bellezza, ma ciò che mi ha ispirato è stato che sembrava fosse la mia città, come se fossi quasi l’unico straniero lì (ce n’erano molti di più) e stavo scoprendo questo nuovo mondo alieno che si era appena aperto. Vivevo con una famiglia cinese in un minuscolo appartamento con zero spazio personale e nessuna porta nel bagno, la famiglia mi faceva domande come se non sapessero quasi nulla del mondo esterno, mi svegliavo e trovavo l’anziana coppia in piedi sul mio letto che mi guardava dormire, era puramente affascinante da entrambe le parti, l’ho amato così tanto, questo è ciò che mi ha ispirato di più.

Dominic Johnson-Hill ha raccontato come più sia scherzoso con il pubblico cinese, più viene apprezzato, in quanto i cinesi risultano essere conservatori quando si tratta di valori familiari, istruzione ed etica del lavoro. Ma quando si tratta di moda, sono molto audaci.

Perché hai deciso di trasferirti in Cina?

Sono venuto in Cina a trovare mio fratello che lavorava a Qingdao, sono arrivato a Pechino da solo per cercare lavoro perché avevo finito i soldi, volevo tornare in India. Non avrei mai pensato di rimanere a Pechino 27 anni dopo.

Come nasce l’idea di Plastered 8? Qual è il motivo principale che ti ha spinto ad entrare nel mondo del design? Come e quando è iniziato tutto?

Non l’ho mai visto come un salto nel mondo del design, l’ho visto solo come creare cose, lo faccio ancora, non so molto di design ad essere onesto, niente di tecnico, ho solo idee e trovo il talento per portare queste idee alla vita. Nel 2005 vivevo in un Hu Tong chiamato Nan Luo Gu Xiang, con la mia famiglia in una casa a corte condivisa. Dissi ad un parrucchiere che mi sarebbe piaciuto aprire un negozio sull’Hu Tong come commento di passaggio per riempire il vuoto creatosi dalla rasatura della mia testa, il giorno dopo mi ha trovato un negozio, l’ho affittato e non avevo idea di cosa fare, poi circa 4 mesi dopo ho visto un turista che indossava una maglietta di merda che diceva “Ho scalato la grande muraglia” ho pensato se avessi plastificato una donna in bikini sopra quel disegno sarebbe stato bello, quella è stata la nascita del mio marchio e quel momento ha cambiato la mia vita. Tre mesi dopo ho aperto il mio negozio Plastered T-shirt e avevo circa 25 modelli, fino ad oggi quel design è il mio peggior design mai venduto, dimostra l’importanza di eseguire merda. Un design ha venduto molto bene ed era il vecchio design del biglietto della metropolitana, quindi ho capito che il mercato voleva cose con significato e ricordi, quindi mi sono rivolto alla mia collezione vintage e sono stati i primi due anni, poi ho iniziato a lavorare con le persone che ho incontrato nel Hu Tong per dare vita alle idee. Ora lavoriamo con talenti folli in tutto il mondo. Abbiamo 3 negozi e una piccola agenzia e abbiamo lavorato con Adidas, le Nazioni Unite, Lulu Lemon, il gruppo Hilton e un sacco di grandi marchi in giro per Pechino. Che colpo di fortuna!

Cosa ami di più del tuo lavoro?

Che sono io a dettare il ritmo della mia vita, che riesco a dare vita alle idee, che riesco a lavorare con persone che mi piacciono e non accetto di lavorare con gli stronzi. Mi piace creare esperienze magiche nei negozi, in stile Willy Wonder.

Puoi condividere con noi qualche storia significativa?

La mia prima commessa è scappata con i soldi del negozio nel mio primo mese, quindi non ho aperto il negozio per un paio di giorni perché stavo facendo un altro lavoro. Un’anziana signora con cui condividevo un cortile nell’antica Pechino, mentre stava spazzando il cortile e giocando con le mie figlie mi ha chiesto perché non avevo aperto il negozio che era sullo stesso Hu Tong appena fuori casa nostra. Le ho raccontato quello che era successo e lei ha detto che avrebbe sorvegliato il negozio fino a quando non avessi trovato un sostituto. Ho detto massimo due settimane e non pensavo fosse giusto che una signora di Pechino in pensione guardasse il mio negozio di articoli da strada. 15 anni dopo e lei sta ancora lavorando in quel negozio, e ogni singola commessa che abbiamo ora è una signora di Pechino in pensione. Sono incredibili e i clienti le adorano perché fanno parte della nostra storia di Pechino. Sono un grande sostenitore della serendipità. Queste donne sono come una famiglia adesso.

Plastered T-shirts riprendono immagini iconiche dalle strade di Pechino e le celebrano. Il design di tutti i giorni è fonte di ispirazione – dalle insegne al neon che incorniciano sale fumanti per karaoke, a delicati colpi di scena acrobatici e torri – Plastered mette queste immagini su t-shirt per celebrare tutto ciò che è bello di Pechino.

Quanto è cambiata la Cina rispetto al tuo primo viaggio? Quali sono le principali differenze? Questo influisce nel tuo modo di lavorare nel campo del design?

Questa è una domanda che ricevo spesso e credo sia una buona domanda in quanto la Cina si è completamente trasformata nei 27 anni in cui sono stato qui. Era come guardare Roma che si costruiva davanti ai tuoi occhi. Quando sono arrivato a Pechino mi sono sentito come in un piccolo villaggio che si stava aprendo, mi sono sentito come se conoscessi ogni persona internazionale. In quanto stranieri, a quei tempi avevamo anche la nostra moneta. La città era piatta e raramente incontravi qualcuno da Beijing o dalla Cina che aveva lasciato il paese. Mettendo da parte il Covid, Pechino è diventata una città globale e la Cina si è globalizzata anziché occidentalizzata in modo enorme. I nostri clienti cinesi hanno un aspetto davvero unico sulle cose e sono estremamente audaci, a volte progettiamo magliette a stampa intera per donne che sono davvero chiassose e colorate e sono gli uomini che le comprano. Tutto funziona davvero e questo è molto entusiasmante dal punto di vista del design, poiché possiamo provare molte cose nuove e spesso ci si azzecca, quindi il mercato ci incoraggia davvero a correre dei rischi, il che è divertente.

La Cina, in particolare Pechino, ha affrontato un’enorme trasformazione durante l’organizzazione dei Giochi Olimpici del 2008. Puoi parlarci di questo periodo?

Negli anni ’90, quando tornai nel Regno Unito, i miei amici mi chiedevano perché vivevo a Pechino. Dopo che Pechino ha vinto le Olimpiadi e le ha ospitate, è stata davvero gettata sulla scena mondiale e la gente ha iniziato a dirmi che ero intelligente a essermi trasferito in Cina perché c’erano molte opportunità. Non mi sono trasferito in Cina per fare soldi, sono venuto qui per un’avventura, ma dopo il 2008 Pechino ha davvero attratto molte persone da tutto il mondo. Le Olimpiadi hanno anche attirato molta attenzione sul mio marchio, avevamo molte celebrità nel negozio (Jimmy Page è venuto tre volte) e molte persone volevano arte e la pop-art cinese, quindi ci siamo ritrovati a lavorare con marchi internazionali. Il 2008 è stato un periodo davvero emozionante, un periodo molto liberale anche a Pechino, quindi siamo stati in grado di giocare con molti argomenti che non avevamo osato in passato.

Dominic Johnson-Hill, è anche un personaggio televisivo, oratore pubblico, oltre che creativo e uomo d’affari.

Vivere in Cina ha influenzato e cambiato il tuo modo di vedere il mondo e le persone?

La Cina per me ha cambiato tutto nella mia vita, il modo in cui ho creato e il modo in cui ho condotto affari e relazioni. Non puoi fare a meno di essere influenzato dalle persone che ti circondano. Ho dovuto adattarmi così velocemente per stare al passo con il ritmo del cambiamento a Pechino, ho viaggiato in innumerevoli città e villaggi anche in Cina, che è davvero ciò che così tante persone trascurano e non fanno. Questo mi ha dato molta empatia ed è stato incredibilmente stimolante, il tuo marchio = la somma delle tue esperienze di vita.

L’impatto globale sull’ambiente e Covid19 stanno influenzando e cambiando le abitudini del mondo. Puoi dirci come sta reagendo Pechino a causa della situazione pandemica? Quali sono i tuoi pensieri in merito a questa situazione?

Le persone a Pechino ascoltano l’autorità e prendono il Covid molto sul serio, come pure la responsabilità personale, quindi la gente è rimasta e tutti indossavano maschere, l’avevo visto accadere nel 2003 anche con la SARS. C’è anche molto controllo, quindi Pechino è stata in grado di controllare il Covid in modo relativamente rapido. Ora la vita è praticamente tornata alla normalità, ma i confini sono fermamente chiusi quindi ci troviamo davvero in una bolla in questo momento. Stiamo assistendo a un lento ritorno delle nostre vendite che sono ancora piuttosto negative rispetto allo scorso anno, ma dobbiamo essere molto grati perché siamo ancora in giro.

Foto cortesemente concesse da Dominic Johnson-Hill e Plastered 8

Previous

Mao Mao Cool di Zhang Yang, Recensione

I 10 Porti più Grandi al Mondo

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.