CinaOggi > Attualità in Cina > Operazione Fox Hunt: Gli Stati Uniti hanno arrestato 5 persone accusate di minacce contro dissidenti cinesi

Operazione Fox Hunt: Gli Stati Uniti hanno arrestato 5 persone accusate di minacce contro dissidenti cinesi

Secondo le autorità americane, lo scopo dell’Operazione Fox Hunt (Operazione Caccia alla Volpe) lanciata dal governo cinese sarebbe stato quello di individuare, minacciare e costringere il ritorno in patria di dissidenti cinesi

Mercoledì il Dipartimento di Giustizia ha arrestato cinque persone accusate di aver cospirato per condurre un’aggressiva campagna di minacce per conto della Cina per fare pressione su dissidenti politici fuggiti negli Stati Uniti affinché tornassero a casa per affrontare il processo. Altri tre sono stati accusati, ma si troverebbero al momento in Cina.

Cinque di questi, compreso un investigatore privato americano, sono stati arrestati in tre diversi stati.

L’annuncio è l’ultimo colpo alle relazioni tra l’amministrazione Trump e i funzionari cinesi, che si sono impegnati in mosse di ritorsione intensificatesi negli ultimi mesi con lo scoppio del coronavirus e della guerra commerciale.

I sospetti sono accusati di aver condotto un’elaborata campagna di pressione che includeva l’assunzione di investigatori privati ​​americani per localizzare gli espatriati che si erano rifugiati negli Stati Uniti e quindi di perseguitare, sorvegliare e minacciare loro e i familiari.

La Cina ha affermato che l’operazione, che chiama Operazione Fox Hunt è stata ordinata dal presidente Xi Jinping per sradicare i funzionari corrotti che sono fuggiti dal paese.

Secondo però i funzionari americani, i cinesi si sono rifiutati di lavorare attraverso i canali legali tradizionali.

Cinque dei sospetti sono stati arrestati mercoledì negli Stati Uniti, ha detto il Dipartimento di Giustizia. Le forze dell’ordine ritengono che gli altri 3 si trovino in Cina, e sono stati accusati.

“Con le accuse di oggi, abbiamo ribaltato l’operazione Fox Hunt della RPC: i cacciatori sono diventati la caccia, gli inseguitori sono diventati le prede”, ha detto l’assistente procuratore generale per la sicurezza nazionale, John C. Demers, in una conferenza stampa al il Dipartimento di Giustizia, facendo riferimento alla Repubblica popolare cinese.

Ha aggiunto: “Per gli accusati in Cina e altri impegnati in questo tipo di condotta, il nostro messaggio è chiaro: rimanete fuori. Questo comportamento non è il benvenuto qui. “

Il Dipartimento di Giustizia sta indagando sulla campagna cinese almeno dagli ultimi anni dell’amministrazione Obama.

Previous

Gli Stati Uniti rafforzano il fronte anti-cinese in Asia con accordi militari con India ed esercitazioni navali con il Giappone

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!