Intervista con Tanis, Cantante e Compositrice di colonne sonore

| |

CinaOggi > Musica in Cina > Intervista con Tanis, Cantante e Compositrice di colonne sonore

Tanis una musicista poliedrica a cittadina del mondo.

Tanis Chalopin è una cantante, cantautrice, compositrice e musicista franco-singaporiana. Figlia di genitori viaggianti, ha vissuto in diversi luoghi del mondo. La sua educazione multiculturale ha notevolmente influenzato e ispirato la sua musica. Ha ottenuto la fama all’età di 14 anni quando ha scritto il tema del film Disney Asia “Trail of the Panda” (2009). Da allora Tanis ha continuato a esplorare la composizione di colonne sonore per film e il suo viaggio nella scrittura di canzoni. Ha studiato presso il Dipartimento di Musica e Arti dello spettacolo della New York University Steinhardt, diventando un’artista completa. Suona quattro strumenti: pianoforte, violoncello, chitarra e batteria. Tanis ha lanciato la sua carriera di cantautrice nel 2015 con il singolo “Ce n’est pas moi”: la canzone è presente nella colonna sonora del film del 2017 Thoroughbreds, seguita nel 2016 dal suo secondo singolo “Losing my mind”. Il suo singolo del 2016 “Blackout”, dall’EP con lo stesso nome, ha avuto un notevole successo. Nel 2017, Tanis ha composto e prodotto la musica per il cortometraggio di produzione C4 Killing Hope. Ha pubblicato il suo ultimo singolo, “I’d Be You”, il 19 aprile 2019. Tanis è anche una fotografa, mentre viveva in Cina, e fino ad oggi ha usato la sua fotografia per aiutare e donare a una casa d’accoglienza medica privata chiamata Blue Sky Healing Home, che si prende cura di bambini di ogni ceto sociale, in particolare bambini con bisogni speciali.

Sito Ufficiale | Facebook | Instagram | Spotify | Youtube

Cosa ti ha motivata a studiare musica? Quali sono i tuoi migliori ricordi d’infanzia legati alla musica? Era un sogno d’infanzia perseguire una carriera come cantante, cantautrice, compositrice e musicista?

Sicuramente non ho eredità musicale. Entrambi i miei genitori non sono musicisti e nessuno dei miei familiari proviene dall’industria musicale. Ma a mio padre piace la musica e sono cresciuta in una famiglia con una bellissima varietà passione musicale, da Mozart ad Ella Fitzgerald ai Beatles. Collezionava anche strumenti musicali sebbene non ne suonasse nessuno. Avere una casa piena di strumenti musicali credo abbia acceso la mia passione per la musica.

Essere una cantante, cantautrice e compositrice è sicuramente il lavoro dei miei sogni. Amo quello che faccio. Credo che se voglio essere brava in qualcosa, devo cercare la conoscenza e partecipare al processo di apprendimento. A tal fine, ho studiato musica al liceo, ho imparato a suonare il piano, la batteria, la chitarra e il violoncello, e ho continuato a completare i miei studi universitari in composizione musicale allo Steinhardt College della New York University con una specializzazione in Film Scoring.

Tanis ha realizzato “Losing my Mind”, una canzone impegnata e verde che ratta esplicitamente sulla precarietà del nostro ambiente. Le immersioni e la tutela dell’oceano sono una parte importante della sua vita.

Ho letto che quando avevi 13 anni hai incontrato il compositore Ennio Morricone puoi condividere con noi quel ricordo?

Non ho mai incontrato Ennio Morricone ma ho assistito al suo concerto a Pechino a 13 anni mentre vivevo lì. Mi ha aperto un mondo completamente nuovo in cui la musica può convergere con l’immagine. Ho visto allora che con il tocco giusto e delicato, si possono riunire immagini e suoni per rivelare emozioni forti senza bisogno di parole.

Cosa ti piace di più del tuo lavoro? Quali limiti della vita ti ha aiutato a superare la musica e cosa ti ha aiutato a rafforzare?

Mi piace credere che la musica sia importante nelle nostre vite. Può aiutare a sollevare l’umore, ad entusiasmarsi o a renderci calmi e rilassati. Questo è ciò che la musica fa per me. Ho avuto un’infanzia nomade e ho vissuto in molti paesi e la musica è stata la mia compagna costante in tutti i miei viaggi. Mi ha aiutato a navigare attraverso tempi felici e difficili. Il messaggio più significativo che ho ricevuto da un fan è stato come la mia canzone lo abbia aiutato a superare una settimana davvero difficile e voleva solo ringraziarmi. Questo è il motivo per cui faccio musica. Spero davvero che la mia musica possa essere una compagna per gli altri tanto quanto è stata una compagna per me.

È cresciuta in diversi luoghi e culture di tutto il mondo, alle Bahamas, nella campagna francese, in Svizzera e a Pechino. Ha frequentato un classico collegio inglese nel Regno Unito e poi ha trascorso gli anni del college a New York.


Suoni molti strumenti: piano, chitarra, batteria e violoncello. Cosa ti ha spinto a imparare a suonare ognuno di essi? Cosa ti trasmette ciascuno di questi strumenti?

Ho iniziato a suonare il pianoforte all’età di 5 anni e, onestamente, è stato solo perché i miei genitori insistevano sul fatto che sia io che mio fratello avevamo bisogno di imparare a suonare uno strumento e, come la maggior parte dei bambini, non mi piacevano particolarmente le lezioni di pianoforte in cui ho dovuto suonare le scale e gli esercizi di Hanon, ma quello di cui mi sono innamorata è stato il pianoforte stesso. La cosa che preferivo fare quando tornavo da scuola era improvvisare al pianoforte e cercare come tradurre le melodie nella mia testa invece di esercitarmi sui pezzi che dovevo interpretare prima della lezione successiva. Man mano che la musica acquisiva sempre più importanza nella mia carriera, mi sono reso conto che era importante avere una comprensione più ampia dei diversi strumenti per poter scrivere per essi, motivo per cui ho iniziato a imparare altri strumenti. Spero di poter continuare ad aggiungere sempre più strumenti alla mia lista col passare del tempo.

Dove trovi l’ispirazione quando inizi una nuova canzone? Cosa vuoi comunicare con le tue canzoni?

Trovo ispirazione da ogni parte. A volte è per la mia esperienza personale, ma più spesso è per le persone con cui parlo. Ascoltare gli altri è un dono per fare più esperienze delle tue e da cui imparare così tanto. Stessa esperienza ma prospettiva diversa è ancora più affascinante.

Nel settembre 2016 Tanis ha tenuto un TED talk sulla visualizzazione della musica per TEDxBeaconStreet.


Parli inglese, francese e mandarino. Pensare in lingue diverse influenza il tuo modo di cantare e scrivere nuove canzoni?

In realtà parlo anche italiano. Ma scrivo la maggior parte delle mie canzoni in inglese e alcuni titoli in francese. Ogni lingua ha la sua bellezza e la sua espressione. Non sono sicura di quanto mi influenzi, ma quello che spero è che il prodotto finale sia un mio stile distintivo.

Fin dall’infanzia hai vissuto in diverse parti del mondo. Quali sono stati i maggiori vantaggi, quali principali differenze hai notato durante i tuoi soggiorni che ti hanno aiutato a crescere come persona e come artista?

Apprezzare la diversità rispettando e accettando che ogni paese / individuo è unico e abbracciare le differenze è la mia più grande lezione. Essendo anch’io un patrimonio multiculturale, a mio parere è stato sicuramente più facile spostarsi. Avendo vissuto in 7 paesi su 3 continenti, oltre a viaggiare per il mondo con i miei genitori creativi e nomadi, ho imparato a portare con me ciò che mi piace di più in ogni luogo. Questa è la ricchezza che ho avuto la grande fortuna di accumulare e probabilmente mi rende quello che sono oggi.


Ho letto che quando ti sei trasferita alle Bahamas hai iniziato a fare immersioni subacquee e sei un istruttrice subacquea. Quali sono state le sfide più grandi all’inizio?

In realtà sono cresciuta alle Bahamas e ho imparato a nuotare prima di poter camminare. Quando inizio qualcosa, non sono soddisfatto mentre mi trovo a metà del percorso. Quindi, quando ho iniziato ad immergermi, un livello di certificazione tirava l’altro e alla fine sono diventata istruttrice. Essendo sempre stata molto a mio agio in acqua ed essendo una nuotatrice competitiva durante i miei anni scolastici, non mi sembrava che fosse una grande sfida. In effetti, la consiglio vivamente. Penso che se sei calmo e vuoi esplorare il mare, è un’attività molto accessibile. È un’esperienza unica e che rende più umili trovarsi in questo vasto mondo sottomarino. La parte più difficile del lavoro è trattare con allievi e clienti. È ancora uno sport pericoloso se non si segue un protocollo rigoroso. Sfortunatamente, il buon senso non è sempre comune in alcuni casi.

Puoi condividere con noi una storia significativa delle tue esperienze subacquee?

Abbiamo ereditato un magnifico mondo sottomarino e dobbiamo prendercene cura e non distruggere il suo ecosistema naturale. La mia esperienza preferita nelle immersioni è stata imparare a conoscere gli squali e lavorare con loro a stretto contatto. Queste creature sono così temute in tutto il mondo e sono così incomprese anche se la maggior parte delle persone non ha mai avuto un’esperienza personale con uno squalo. Ricordo, quando mi stavo allenando nel mio corso di sensibilizzazione sugli squali, uno degli squali di barriera, che vedevamo quotidianamente che aveva una grossa cicatrice sulla mascella a causa di un infortunio all’amo da pesca, veniva lentamente verso di me mentre ero inginocchiata sul fondo del fondale marino, e ha appoggiato il naso contro il mio ginocchio come un cane che aspetta di essere coccolato. Ho quindi proceduto a strofinarle leggermente la punta del muso per metterla in tonica immobilità, una sorta di stato di trance in cui uno squalo entra quando si attivano i pori sensoriali situati sul naso. Era la prima volta che riuscivo a praticare l’immobilità tonica su uno squalo ed è stata davvero una delle esperienze più straordinarie della mia vita.

Tanis è la talentuosa figlia del produttore e scrittore francese Jean Chalopin e dell’ex modella singaporese Ethel Fong

Sei anche una fotografa e hai deciso di utilizzare le tue foto per aiutare e raccogliere fondi per una casa di cura medica privata, Blue Sky Healing Home che si prende cura dei bambini. Ci puoi dire come hai iniziato questo progetto?

Il mio viaggio nella Bluesky Healing Home è iniziato quando ho incontrato Micky a Pechino, in Cina, nel 2008. Micky è stato abbandonato alla nascita. Per ragioni che non posso comprendere personalmente, è stato lasciato al freddo gelido su una collina nella provincia dello Shandong. Micky era quasi completamente congelato quando è stato trovato. A causa del congelamento, è stato necessario amputargli le dita del piede sinistro. Sfortunatamente, a Micky è stata diagnosticata anche una malattia cardiaca complicata congenita. Micky ha combattuto contro ogni tipo di malattia nel suo primo anno di vita. Il suo piccolo coraggio è stata la mia ispirazione e il mio progetto di libro fotografico è stato il mio primo passo per aiutarlo a guarire. Purtroppo è morto pochi giorni prima della consegna dei libri fotografici. Il ricavato totale della vendita del mio primo libro più il mio libro successivo e la mostra sono andati avanti per aiutare altri bambini a BlueSky. Grazie a Micky e Bluesky, mi sono messa sulla strada per aiutare i bambini non desiderati, abbandonati non solo dai loro genitori, ma anche da una società alla ricerca della minima responsabilità e coinvolgimento. Questo ha cambiato la mia vita per sempre.

Foto cortesemente concesse da Tanis e Gramophone.media
Un ringraziamento speciale a Brittany Bowler | Music Publicist

Previous

Gli USA bloccano i prodotti realizzati nei campi di concentramento nello Xinjiang e la UE mette in guardia la Cina sul commercio

La Storia dell’Harem della Principessa Kuaiji

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!