CinaOggi > Arte cinese > Artisti cinesi contemporanei > Intervista allo scultore Jiannan Wu

Intervista allo scultore Jiannan Wu

Jiannan Wu Scultore newyorkese specializzato in scultura figurativa

Jiannan Wu, nato nel 1990 a Dalian, in Cina, è un giovane artista specializzato in scultura di stampo realistico. È membro eletto dell’American National Sculpture Society, membro dell’American Medallic Sculpture Association e fondatore di Art American China Project. Jiannan Wu ha conseguito il diploma in scultura alla China Academy of Art e la specializzazione in scultura alla New York Academy of Art. Attraverso formati di rilievo e semilievo, Jiannan Wu presenta il tema della vita urbana contemporanea in modo realista e narrativo. È stato selezionato per Terra Foundation Residency a Giverny Francia 2015 e ABC Stone Carrara Merit Award Residency in Italia 2016. Jiannan Wu è anche il vincitore del MFA National Competition, vincitore del Compleat Sculptor Award 2016 e del Dexter Jones Award 2017 presentato da American National Sculpture Society. Ha tenuto con successo la sua prima mostra personale a New York nel 2018. Jiannan Wu è anche il destinatario della borsa di studio della Elizabeth Greenshields Foundation. Le sue opere ed i suoi successi artistici sono stati pubblicati su The New York Times, The China Press, People’s Daily China, The Paper, Hi-Fructose Magazine, T (here) Magazine, Artrepreneur, ecc.

Sito Ufficiale | Instagram

Come e quando hai deciso di scegliere la scultura come tua forma d’espressione creativa? Perché hai deciso di diventare artista?

La scelta di diventare uno scultore è una fortuna. Ho iniziato a disegnare e dipingere quando avevo solo 4 anni. Entrando all’accademia d’arte, ho scelto la scultura come mia specializzazione poiché amo i modellini ed i giocattoli. All’inizio non sapevo molto di scultura. In seguito, mi sono reso conto che le industrie di action figures e di effetti speciali cinematografici sono davvero in forte espansione negli Stati Uniti, quindi quando mi sono diplomato alla China Academy of Art ho deciso di trasferirmi negli Stati Uniti per proseguire la mia istruzione e la formazione nella scultura. L’obiettivo finale era entrare nell’industria cinematografica in quel momento. Casualmente, durante i miei studi universitari alla New York Academy of Art, le mie sculture hanno ricevuto riconoscimenti dall’industria artistica. Poi sono seguite le offerte di mostre nelle gallerie e le interviste dei media. È stato così naturale per me iniziare la mia carriera artistica professionale come scultore dopo gli studi. In retrospettiva, non avevo un forte desiderio di essere un artista sin da quando ero bambino, e il caso ha avuto un ruolo importante in questo. Tuttavia, il desiderio è cresciuto più forte negli ultimi anni.

Chi ti ha influenzato come scultore? Puoi raccontarci qualcosa sulle sculture che ti hanno colpito di più?

Sono un fan delle sculture di Raymond Mason, che hanno una certa impotenza e doppiezza nelle battute leggere. Anche Robert Taplin, il mio insegnante alla NYAA, ha avuto una grande influenza su di me. Per quanto riguarda i lavori specifici, apprezzo molto Wisdon di Entang Wiharso, Us No 2 di Cai Lei e A Tragedy in the North: Winter, Rain and Tears of Raymond Mason.

Nelle sue sculture, cerca di esprimere il suo amore per la vita e la sua fede nell’umanità trasmettendo l’interesse e la vitalità della vita quotidiana delle persone in uno stile umoristico e realistico.

Dove trovi la tua ispirazione? Cosa vuoi raccontare con le tue opere d’arte?

La maggior parte delle ispirazioni per la mia creazione proviene dalla vita quotidiana contemporanea. La mia arte mette in risalto il tema della vita quotidiana delle persone in modo narrativo. La serie Selfie parla del fenomeno dei selfie tra le giovani generazioni, Subway Series presenta diverse scene della routine nelle linee dei trasporti subway nell’area metropolitana di New York e l’attuale serie Country Love ripristina la vita di campagna nel nord-est della Cina. Nelle mie sculture cerco di esprimere il mio amore per la vita e la mia fede nell’umanità trasmettendo l’interesse e la vitalità della vita quotidiana delle persone in uno stile umoristico e realistico. Mi considero un narratore, consolidando un segmento in corso della scena della storia in tableaux e inserendovi l’interesse e il pensiero corrispondenti. Mettendo le “persone” sotto i miei riflettori, mi concentro sulla formazione della personalità e dei dettagli di ogni personaggio. Ogni scena dell’opera è un palcoscenico e ogni personaggio ha il suo pubblico e il suo mondo.

Quanto tempo ci vuole per realizzare un progetto di scultura?

Attualmente, sto principalmente lavorando su alcuni lavori di piccole dimensioni e ogni pezzo richiede solitamente circa 40 giorni per essere completato. In passato, avevo creato un pezzo di grandi dimensioni di circa 5 piedi di altezza che mi ha richiesto circa 8 mesi d’impegno per essere completato.

La tua arte si concentra sui dettagli, che possono essere toccati fisicamente. Cosa rappresentano per te i materiali? E il senso del tatto?

Il materiale rappresenta un certo periodo di tempo nel passato o un mio ricordo. A differenza dei dipinti, la scultura impiega più tempo per creare ed il suo materiale subisce molti cambiamenti nella forma e nello stato durante il processo di creazione a causa della mia partecipazione: cresce dal nulla e cambia da morbido a duro, spesso a sottile, freddo a caldo e così via. Pertanto, l’intero processo di evoluzione dei materiali in un’opera corrisponde effettivamente allo stato della mia vita in quel momento, che può essere considerato come un altro record. Mi piace il tocco tangibile, che mi fa sentire sicuro e protetto. Questo è anche uno dei motivi per cui fin dall’infanzia mi sono appassionato di modellini e giocattoli e ho scelto la scultura come specializzazione. Forse ha a che fare con la possessività.

Ci sono materiali che preferisci utilizzare per creare la tua opera d’arte e perché? Come li scegli?

Usavo argilla a base d’acqua. Ma pensavo che molti dettagli sarebbero andati persi nel processo di stampa e fusione, quindi ho iniziato a cercare nuovi materiali. Poi mi è passata sotto gli occhi la pasta polimerica, che è comoda e può essere cotta direttamente, eliminando la fase di stampa e colata. All’inizio ho acquistato molti tipi di marchi e categorie. Ho testato la sensazione con mano, la durezza, il tempo di cottura e altre caratteristiche di ogni stile e alla fine ho scelto il marchio Super Sculpey, in quanto quello più adatto a me. Inoltre, uso anche molta carta stagnola e filo di ferro per realizzare l’armatura interna della scultura.

Come è nata l’idea della serie di rilievi colorati “Country Love”?

La serie “Country Love” che sto creando attualmente proviene da alcuni dei miei sentimenti e ricordi dei miei primi anni di vita nel nord-est della Cina. A causa delle speciali caratteristiche geografiche e della storia, la Cina nord-orientale ha il suo paesaggio e fenomeni culturali unici. Il suo stile di vita, i costumi e la lingua semplici, appassionati e divertenti la contraddistinguono dalle altre regioni e rendono popolare in tutta la nazione. Sono nato e cresciuto nel nord-est della Cina, quindi sono stato immerso nella sua cultura unica sin dalla mia infanzia. Sono stato particolarmente influenzato da alcune arti dello spettacolo come la commedia di sketch e gli spettacoli televisivi con caratteristiche del nord-est. Pertanto, in questa serie di sculture, presento le “persone” e gli “oggetti” nella Cina rurale contemporanea da diverse angolazioni per mostrare la cultura del paese nel nord-est della Cina, in particolare i cambiamenti e le nuove relazioni sociali derivanti dalla collisione tra la cultura pop straniera e i costumi tradizionali locali e l’ansia per il localismo e l’identità sin dagli anni ’90.

Si considera un narratore, consolidando un segmento in corso della scena della storia in tableaux e inserendovi l’interesse e il pensiero corrispondenti

Che cosa puoi dirci dell’idea alla base di “Selfie Series”?

I selfie sono diventati un fenomeno popolare e quasi universale nella società contemporanea, soprattutto tra le giovani generazioni. Gli individui spesso posano con gesti ed espressioni facciali che pensano sarebbero perfetti davanti alla fotocamera e, dopo aver scattato una foto, ritoccano e filtrano prima di pubblicare sui social media. Alcuni vanno anche oltre, pagando un prezzo elevato o rovinando l’ambiente per creare lo sfondo perfetto delle loro foto. Ad unire queste persone è il desiderio di ritrarre una vita ideale per il pubblico di Internet; tuttavia, la maggior parte di questi selfie non sono rappresentazioni accurate della vita reale che questi giovani vivono giorno per giorno. Sono un’immagine falsa ed in una certa misura riflettono la scarsità d’interazioni faccia a faccia ed il livello di fiducia di questa generazione. Seguono ciecamente, fuggono dal sé ed inseguono il “sé collettivo”.

Utilizzando un obiettivo fisheye su fotografie selfie originali per esagerare le espressioni e i gesti corporei di ogni figura, questa collezione sovverte i sé idealizzati come gli individui avevano originariamente inteso. Contrariamente ai loro desideri originari, gli individui sono invece un po’ imbruttiti, producendo un forte impatto visivo con un effetto ironico e comico.

Una mostra e un’asta con sculture sue e dei suoi studenti, a beneficio della China Charities Aid Foundation For Children, erano in mostra il 18 dicembre presso la Whittle School, Shenzhen, Cina. Più di RMB 800000 sono stati raccolti vendendo più di 15 opere d’arte.

Puoi parlarci della tua prima volta negli Stati Uniti? Hai affrontato esperienze che ti hanno trasmesso la voglia di comunicare temi diversi attraverso la tua opera d’arte?

Rispetto al sentimento “dell’altro mondo” della precedente generazione di cinesi quando sono arrivato per la prima volta negli Stati Uniti, proprio come la mia generazione, ora sento forse solo “un’altra aria”. Poiché originariamente siamo stati allevati sotto l’influenza della cultura pop occidentale, non c’è stato un grande shock culturale. Ovviamente c’era ancora entusiasmo, soprattutto la prima volta che sono stato al Met, al Whitney Museum e ad altri musei e quindi vedere i capolavori che ammiravo nei libri da bambino.

L’ispirazione per iniziare la serie della metropolitana viene in realtà dall’entusiasmo di un nuovo ambiente e di una nuova cultura. Sono venuto a New York dalla Cina per studiare nel 2014 e l’atmosfera culturale completamente diversa mi ha sorpreso ed emozionato. Sono rimasto scioccato dal disordine quando ho preso la metropolitana di New York per la prima volta, poi è diventato sempre più interessante per me attraverso i miei incontri quotidiani nel suo ambiente. La metropolitana di New York è come un mondo in miniatura, e anche un microcosmo della città: passeggeri di vari paesi e background etnici che parlano una varietà di lingue, appartenenti ad una varietà di lavori ed occupazioni, ognuno con le proprie storie, entrano in uno stretto vagone del treno. Entrano nel più vero senso di contatto l’uno con l’altro. Occupano lo stesso spazio solo per un breve momento, muovendosi insieme prima di andare per strade separate. Dopo essere scesi dal treno, forse queste persone di un incontro fortuito non si riuniranno mai più; e forse coloro che si sono riuniti più e più volte, condividendo un pendolarismo lungo lo stesso percorso, diventeranno estranei familiari. O forse con una fatidica possibilità spezzeranno questo allontanamento e entreranno a vicenda nella vita dell’altro. Così ho iniziato a usare il linguaggio della scultura per presentare quella che vedo come la rauca inquietudine e l’esuberante vitalità della vita urbana. Se non fossi mai venuto a New York, non avrei mai toccato questo tema.

Jiannan Wu si sta dedicando alla promozione della comunicazione artistica e culturale tra America e Cina. Ha curato con successo due mostre d’arte sino-americane a Pechino e Dalian nel 2018. Jiannan Wu attualmente lavora e vive a New York City.

Recentemente gli Stati Uniti sono passati dalla pandemia alle proteste per la morte di George Floyd. Il tuo umore creativo è stato influenzato e cambiato da questo momento difficile? Cosa ne pensi della questione della lotta per i diritti?

Mi sento un po’ ansioso, soprattutto a causa di alcuni problemi di sicurezza sociale. Il contenuto e la cronologia della mia creazione non sono stati influenzati molto, perché la maggior parte dei lavori di cui mi sto occupando sono stati decisi prima. Tuttavia, il mio reddito è più o meno influenzato dalla pandemia poiché molte mostre precedentemente programmate sono state rinviate e alcuni lavori di insegnamento sono stati annullati. Penso che possa essere una buona cosa da un’altra prospettiva. Mi dà una pausa dal mio frenetico programma e del tempo per riprendere fiato e pensare. Quando l’intera industria inizia a esplorare nuove strade sotto l’attuale crisi, gli artisti iniziano anche a riesaminare il significato d’arte e creazione.

Non credo che la maggior parte degli stranieri residenti possa adeguatamente stare nel contesto reale dei problemi sociali americani, poiché non possono comprendere appieno il background storico locale e quindi sperimentare l’umore nazionale. Pertanto, invece di seguire ciecamente ed essere politicamente corretti, dovremmo essere più razionali e cauti nell’esprimere i nostri atteggiamenti. Non possiamo trattare ogni evento sociale come una finestra catartica. Sostengo il perseguimento e l’espressione del diritto per tutti gli scopi giusti e puri, entro i limiti della legge.

Le sue opere sono state esposte in numerose mostre presso rinomate sedi. Jiannan Wu è stato intervistato dal canale internazionale China Central Television (CCTV) e da American SinoVision.

Foto cortesemente concesse da Jiannan Wu

Previous

La Cina minaccia ripercussioni per la visita del presidente del senato Ceco a Taiwan

Intervista a KICCC, artista e cantautore

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!