CinaOggi > Arte cinese > Artisti cinesi contemporanei > Intervista con la Mastra Vetraia Meng Du

Intervista con la Mastra Vetraia Meng Du

Meng Du è un’artista del vetro che cattura con le sue opere quei momenti intoccabili che non vorrebbe dimenticare.

Meng Du si è diplomata presso il dipartimento di Graphic Design dell’Accademia Centrale di Belle Arti di Pechino, si è innamorata del vetro dopo aver visto la mostra di Chihuly e si è diretta negli Stati Uniti per il Master in Glass Making presso il Rochester Institute of Technology. Nel giugno 2016, ha tenuto la sua prima mostra personale a New York. Lo stesso anno, ha vinto una menzione d’onore per l’Esposizione Internazionale del vetro Kanazawa a Kanazawa, in Giappone. Nel 2018 ha ottenuto una mostra personale al Museo del vetro di Shanghai, risultando essere l’artista più giovane ad aver realizzato una mostra personale nel museo. Nello stesso anno ha vinto il Saxe Emerging Artist Award 2018 alla 48a Conferenza della Glass Art Society, Venezia, Italia. Dal 2016 insegna come aggiunta di facoltà presso la Central Academy of Fine Arts. Il suo lavoro continua ad essere esposto in Cina, Europa e negli Stati Uniti. Recentemente ha partecipato a Mind the Gap, una mostra collettiva sulle diverse generazioni di donne contemporanee cinesi artiste al Delaware Museum of Contemporary Art, e ha tenuto la sua seconda mostra personale a New York, Meng Du: Embers, presso la Fou Gallery.

Official site | Fou Gallery

Sono rimasta molto colpita dalla tua “Dichiarazione dell’artista”. Puoi dirci come questa tua affermazione ti porta a scegliere il percorso dell’arte vetraria? Puoi parlarci dei tuoi esordi?

Mentre stavo lavorando al progetto di tesi durante il mio ultimo anno di college, ero l’unico studente nel mio studio che ha scelto di collaborare con le mie mani più del software. Ho inciso personalmente tutte le mie lastre di cera per stampa e ho stampato a mano ogni singola pagina del mio design con una stampante per stencil “a bassa tecnologia” che ho trovato su Taobao. Tutti i miei fallimenti e le sorprese inaspettate mi hanno spinto a continuare a esplorare. Da allora ho scoperto di essere molto interessato a tutti i tipi di processo legati alla pratica con le mani e il tempo. Il mio primo viaggio negli Stati Uniti mi ha fatto conoscere molti meravigliosi musei e gallerie. Era la prima volta che ho scoperto che il vetro poteva essere introdotto come linguaggio artistico in un ambiente museale. Poco dopo essere tornato in Cina, ho iniziato a cercare i programmi di laurea in vetro negli Stati Uniti ed è così che questo percorso mi ha portato a RIT che si trova a Rochester, New York.

Meng-Du-Ripple
Ripple © Meng Du

Quanto tempo hai impiegato per imparare? Hai trovato delle difficoltà che ti hanno fatto chiedere se era davvero la strada giusta, durante l’apprendimento?

Per le tecniche di lavorazione a forno e a freddo, mi ci è voluto circa un anno per sentirmi a mio agio nel lavorare da sola. Per la soffiatura del vetro, mi ci è voluto molto tempo, quasi tre anni, per abituarmi al caldo e sentirmi più sicura lavorando nell’ambiente surriscaldato. Oltre a vetri rotti ed esperimenti falliti accumulati nel mio spazio di studio, tagli e vesciche erano anche i miei buoni amici di lavoro. Non menziono nemmeno le mie scarse competenze in inglese all’inizio del mio percorso di studi universitario, che hanno reso ancora più difficile fare piccoli progressi nel mio studio. È stato un anno difficile, a dire il vero, ma sono molto orgogliosa di essere sopravvissuta. Certo, me lo chiedo molto, ogni tanto, anche oggi. Il vetro ha molte caratteristiche uniche, stimolanti e imprevedibili, a volte potrebbe davvero farmi venire il mal di testa, ma dopo tutto, è un viaggio fantastico per conoscere a poco a poco la natura di questo incredibile materiale.

C’è una bellezza quieta nel momento che fa scattare ricordi personali. Sono interessata a conservare i ricordi ed a conservarne un registro in modo che non sbiadiscano nel tempo. Voglio anche mostrare i ricordi in decadenza, come un modo per commemorarli e mostrare il processo della loro lenta scomparsa dalla nostra coscienza. Collezionare e disegnare oggetti trovati sono i modi in cui registro la mia vita. Con un istinto naturale per estrarre significato dalla narrazione, trovo anche queste attività come l’ispirazione del mio lavoro. Incorporare i disegni e le illustrazioni, che provengono dalla mia esperienza di vita personale nel trattamento delle superfici e nelle tecniche di imaging del vetro. Per rappresentare il sentimento di nostalgia ed i ricordi di determinati tempi e luoghi che non voglio lasciar andare. ” – Meng Du

Place © Meng Du
Place © Meng Du

Cosa ti affascina di più delle varie fasi della lavorazione del vetro? Quali sentimenti hai provato quando hai finito la tua prima creazione?

Credo che la parte più affascinante del lavorare il vetro, essere in grado di modellare il vetro con temperatura ed il tempo. Come ho detto nella domanda precedente, il mio inglese era lacunoso quando avevo appena iniziato la mia scuola di specializzazione. Siccome ho avuto difficoltà ad esprimermi verbalmente, questo in realtà mi ha costretto a imparare come riuscire ad esprimermi visivamente. E mi sono sentita così sollevata dopo aver finito il mio primo lavoro. Non solo perché alla fine ce l’ho fatta, ma anche perché il lavoro mi ha aiutato a raccontare storie su di me …

Meng Du, I Hope Everything is Fine with You, 2019. Glass, copper foil, 8.1 x 0.2 x 6.1 inches. Photograph by Peichao Lin © Meng Du, courtesy Fou Gallery
Meng Du, I Hope Everything is Fine with You, 2019. Glass, copper foil, 8.1 x 0.2 x 6.1 inches. Photograph by Peichao Lin © Meng Du, courtesy Fou Gallery

A differenza di altre forme d’arte, il vetro è una sostanza che non puoi toccare con le mani quando ci lavori. Puoi parlarci del tuo rapporto con la materia?

Nella maggior parte dei casi, per poter manipolare il vetro quando fa caldo, gli strumenti sono estremamente necessari. Ma prima di esercitarmi su come usare gli strumenti, per me, l’osservazione è maggiormente essenziale durante il processo d’apprendimento. Un buon occhio mi aiuta a capire la logica dietro ogni passo: i grafici della temperatura, la gravità e tutti i dettagli che influenzano il mio lavoro … ecc. A poco a poco, gli strumenti diventano parte del mio corpo, come estensione dei miei gesti e movimenti. Quindi tutto inizia a fluire senza intoppi. Lo stato del vetro potrebbe essere cambiato tra la liquidità e la solidità dipende dalla temperatura. È un materiale così magico che mostra la natura della sensibilità, della fragilità, ma allo stesso tempo potrebbe anche essere forte e potente. Si equilibra da solo. Vedo il vetro come un buon amico e un tutore di vita, che mi illumina in ogni modo della vita. Ancora più importante, il vetro mi introduce ad abbracciare le cose in un modo più equilibrato.

La tristezza, la paura e persino la speranza che è sempre esistita lì, intrecciate e fugaci. I pezzi di vetro narrativi non solo registrano l’esperienza di vita dell’artista, ma ritraggono anche un mondo sofisticato, ma rinfrescante attraverso le varie forme lucenti del vetro.

006-2018-ShanghaiMuseumofGlass-MengDuBlowingGlass-PhotobyEugeneNeduv
Meng Du blowing glass at Shanghai Museum of Glass. Photography by Eugene Neduv © Meng Du, courtesy Fou Gallery

Mentre il materiale è un liquido, e poi si trasforma in un solido, è come una sorta di magia. Quali sono le principali difficoltà nella realizzazione di opere d’arte con il vetro?

Per apprendere l’intera teoria di lavoro del vetro, devo eseguire molti test e trascorrere migliaia di ore nei negozi per esercitarmi. È un processo che richiede molto tempo e richiede pazienza. Non posso garantire che ogni giorno sia una buona giornata. Le cose possono andare male in qualsiasi momento, a volte può essere davvero frustrante quando devo guardare il mio lavoro esplodere davanti alla mia faccia dopo ore di duro lavoro. Potrebbe essere difficile da gestire e ci vuole del tempo per abituarsi di sicuro. Ed è così che ho imparato quando devo prendere le cose in maniera semplice e mettere un po’ di spazio tra me stessa ed il vetro. Di solito le cose vanno molto meglio dopo una pausa dallo studio. Mantieni la calma e riprovi una volta ancora!

003-HowHaveYouBeen-_DuM_5
Meng Du, Love, 2019. Glass, copper foil, 6.5 x 0.2 x 5.7 inches. Photograph by Peichao Lin. © Meng Du, courtesy Fou Gallery

Il tuo lavoro richiede precisione. Ti rifletti sulle tecniche di elaborazione? Ti sei mai sentita preoccupata per possibili pericoli durante l’elaborazione di un tuo lavoro?

Certo. Non sono molto brava nella socializzazione. Questo è probabilmente il motivo per cui mi sono trovata molto a mio agio a lavorare da sola nello spazio del forno, che richiede molta pazienza e tempo, impiegando un’eternità a passare attraverso tutto il processo … Soprattutto, potevo toccare l’argilla e l’intonaco e la maggior parte dei materiali per scolpire. Durante le mie precedenti prove in studio si è rivelata una tecnica “amichevole per principianti”. Quando lavoro nello spazio del forno, ho anche abbastanza tempo per pensare prima di passare al passaggio successivo. Mi sono infortunata abbastanza spesso quando ero agli esordi (… Ahi!). Sono quindi diventata molto cauta e sono sempre stata attento alle potenziali false manipolazioni. Anche il non farsi male è considerato professionale, no?

Le sue opere di vetreria contene qualcosa di nascosto e misterioso all’interno. Sono fantasie tangibili dai ricordi personali dell’artista.

Il vetro trasmette delicatezza, fragilità ma anche solidità e protezione. Dalle tue opere possiamo vedere trasparenza, chiarezza, un punto di vista, nuovo ed insolito. Queste caratteristiche ti rappresentano? Cosa vuoi comunicare con coloro che si avvicinano alle tue opere?

Sì, ci credo sia proprio così. Quando la luce passa attraverso il vetro, questa può essere tradotta in tutti i tipi di emozioni. Per me, è la parte più toccante del lavorare con il vetro. Ed è probabilmente il motivo per cui le mie opere sono così sottili e narrative. Quel battito di ciglia potrebbe essere rappresentato come tempo o anima, o potrebbe certamente essere qualsiasi cosa … Ogni spettatore ha uno sfondo diverso con una prospettiva unica sul mondo, che può aiutarlti a seguire quel momento splendente e ricordare i loro ricordi o storie sul passato. Vedo i miei lavori come “finestre”. E spero che gli spettatori possano vedere attraverso il vetro come un osservatore o guardare negli occhi di se stessi dal riflesso sullo specchio.

Meng Du is blowing glass at Shanghai Museum of Glass, 2019. Photograph by Xinglin Yin ©Meng Du, courtesy Shanghai Museum of Glass
Meng Du is blowing glass at Shanghai Museum of Glass, 2019. Photograph by Xinglin Yin ©Meng Du, courtesy Shanghai Museum of Glass

Realizzi diversi tipi esplorazioni nella tua arte con il vetro. Le tue opere spaziano dalla pittura, alla scultura all’installazione. Cos’altro potrebbe sorprendere quelli che probabilmente non conoscono l’arte del vetro?

Grazie! Ma non conosco ancora la risposta … hmmmm … Oggi la tecnologia sta sfocando i confini di tutti i tipi di media. Il modo in cui le persone lavorano con il vetro è cambiato anche negli ultimi decenni. Ad esempio, invece di disegnare su lastre di vetro con smalti a mano, ora possiamo stampare su seta smalti ad alta temperatura o polvere di vetro sui fogli, quindi fonderli insieme per mostrare i motivi in diversi strati. Sono sempre curiosa di sapere come il vetro potrebbe collaborare con altri materiali o tecniche per maggiori possibilità. È esattamente ciò in cui mi sto muovendo.

Il vetro può rompersi o frantumarsi se sottoposto a cambiamenti o urti relativamente piccoli. Anche le persone durante la vita si trovano ad affrontare questo problema.

Flashback Recall © Meng Du
Flashback Recall © Meng Du

Hai avuto diverse esperienze professionali in diverse parti del mondo (Lettonia, Lituania, Regno Unito, Italia, New York). Queste esperienze hanno influenzato e cambiato la tua filosofia artistica ed il modo in cui vedi la produzione del vetro?

Il 2018 è stato un anno speciale. Ho fatto quattro viaggi in Europa nella seconda metà dell’anno, il che è stato abbastanza insolito per me. Prima di tornare in Cina nel 2016, conoscevo a malapena gli artisti europei o avevo visto persone che lavoravano negli studi fuori dagli Stati Uniti. Questi viaggi non solo hanno allargato il mio mondo ma mi hanno fatto conoscere così tanti artisti ed educatori di talento e persino le persone casuali che ho incontrato durante il viaggio, mi hanno lasciato un segno. È stato così affascinante visitare vari studi e programmi, per imparare come le persone lavorano nei laboratori in diverse aree. A volte la lingua era un ostacolo dato che l’inglese è la mia seconda lingua, ma va benissimo perché potremmo sempre condividere con la stessa lingua del vetro ~ non è sorprendente? Non ho avuto molte possibilità di vedere vetrate nelle cattedrali o nelle chiese quando vivevo negli Stati Uniti. Pertanto, quando ero in Europa, ero molto contenta di aver finalmente la possibilità di guardarle così da vicino. Quando le ombre colorate, attraverso il vetro, si dipingono sul pavimento l’intero spazio viene riempito da un’atmosfera meravigliosa che è difficile da esprimere oralmente. E credo che mi abbiano influenzato nei miei lavori postumi come la serie Letter e la serie Ripple che ho mostrato alla FOU gallery.

Mail © Meng Du
Mail © Meng Du

Cosa ha significato per te avere una tua mostra personale al Shanghai Museum of Glass, come la più giovane artista?

Sicuramente un segno importante nella mia carriera. È stato un grande passo per me quando ho ricevuto l’invito ufficiale da SHMoG. E apprezzo molto l’opportunità che mi hanno dato di lavorare con loro per un anno e mezzo e di aver imparato da loro I processi dell’allestimento della mostra. Con il loro aiuto, i miei lavori sono stati aperti ad un pubblico più amplio, ma personale, inoltre, ho completato la mia prima grande installazione con il suono. Sono molto contenta di come è riuscito il risultato.

Sei una vetraia che lavora in un’industria tradizionale con uno spazio predominante maschile. Quali pensi siano le competenze più importanti in questa professione? Hai visto aumentare il numero di donne, durante i tuoi anni di attività?

Persistenza, viaggiare e abbracciare le difficoltà. Sì molto! Artisti, curatori e personale delle gallerie, la maggior parte delle persone con cui lavoro sono donne brillanti in questo campo. Nel 2017, sono stata TA per la classe di Aya Oki alla Pilchuck School of Glass (WA). Per tutta l’estate, ci sono state 6 sessioni di seminari ed ogni sessione ha avuto diversi team di gaffer a disposizione degli artisti ospiti in visita per le loro opere. Mi sono ricordata che eravamo tutte molto orgogliose del fatto che fosse un anno da girl power ~ Tutte le gaffer scelte per le sessioni estive erano soffiatrici di vetro femminili, il che è stato fantastico! Ho anche visitato il Giappone abbastanza spesso negli ultimi tre anni. Ho fatto una residenza all’Aichi University of Education per due volte sia nel 2017 che nel 2019. Anche la maggior parte degli studenti della classe erano ragazze. E ci sono situazioni simili anche nei programmi di vetro in Cina. Il 70-80% degli studenti presenti sono ragazze. Non vedo davvero l’ora di vedere altre giovani artiste cinesi di vetro esibirsi in futuro in tutto il mondo!

Foto cortesemente concesse da Meng Du e Fou Gallery

Previous

Intervista alla Pittrice Xue Mo

Intervista con il duo elettronico sperimentale Deadly Cradle Death

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!