CinaOggi > Arte cinese > Saggi, articoli & interviste > Intervista con la Curatrice e Gallerista Echo He

Intervista con la Curatrice e Gallerista Echo He

È curatrice, gallerista, scrittrice, ricercatrice d’arte e produttrice di cappelli vintage con sede a New York.

Echo He è una curatrice, gallerista, scrittrice e modista di New York. È responsabile per la divulgazione e la programmazione del dipartimento di Ricerca e Archivi della Pace Gallery, una delle principali gallerie d’arte contemporanea con sedi a New York, Londra, Pechino, Hong Kong, Palo Alto, Seul e Ginevra. Nel 2013 ha fondato e ha continuato a gestire la Fou Gallery, uno spazio unico per le gallerie ed un laboratorio creativo situato nella storica Brownstone a New York, con l’obiettivo di promuovere artisti contemporanei cinesi. Fou Gallery è considerata un modello notevole ed autosufficiente per gli spazi espositivi alternativi con un’ecologia che prospera al di fuori della cultura della galleria tradizionale ed ha ricevuto una significativa attenzione da parte dei media a livello globale. Più di recente, la Fou Gallery ha ricevuto uno speciale riconoscimento congressuale nel 2018 grazie al grande progetto di arte pubblica The Song of Dragon and Flowers dell’artista Chen Dongfan. Echo ha ricevuto gli Yishu Awards per la scrittura e la cura dell’arte cinese contemporanea (2016). È una scrittrice prolifica e contribuisce regolarmente a numerose pubblicazioni, tra cui The Art Newspaper (Cina), Lens, Art China, Marie Claire, World Heritage Geography, Condé Nast Traveller, e molti altri. Oltre a ciò, è anche una modista e ha il suo studio Chapeau Echo.

Sito Ufficiale | Facebook | Instagram

Hai sempre saputo che lavorare nell’arte era quello che volevi fare? Come hai deciso di diventare una curatrice d’arte? Puoi parlarci un po’ di te?

Ho studiato economia aziendale all’Università di Pechino. Ero sulla buona strada per il dottorato internazionale in programma alla Guanghua School of Management quando mi sono resa conto che avevo scelto quella strada, non per me stessa ma per compiacere gli altri. Dopo un periodo all’estero ad Amsterdam, sono tornata a Pechino, mi sono laureata con un master e mi sono trasferita a Caochangdi, una comunità di artisti underground per un anno.

Echo He Fou Gallery New York
Photo by Siyu Tang, courtesy Fou Gallery

È allora che ho scelto l’arte. Ho rinunciato a un’opportunità di lavoro salariale nel mondo degli affari e ad una carriera prospera ed ho iniziato a fare tirocinio presso la Pace Gallery di Pechino ed alla fine ho fatto domanda per studiare come Visual Arts Administration presso la NYU. A New York, ho continuato a lavorare part-time presso Pace e ho anche fatto uno stage presso Christie. Allo stesso tempo, ho iniziato a curare mostre e programmi da sola.

Come è nata la Fou Gallery? Quali sono alcuni dei passi principali che hai intrapreso per costruire questo spazio artistico?

Quando ho studiato per il mio master alla New York University, la mia amica Jessie ed io abbiamo iniziato a creare un progetto chiamato UNTITLEDdialogue, una serie di eventi culturali con artisti, curatori, scrittori, ballerini, musicisti e cineasti indipendenti asiatici. È stato un progetto auto-organizzato. Abbiamo iniziato con zero fondi e organizzato eventi mensili in spazi artistici alternativi, come case da tè, teatri, studi cinematografici, aule, ecc. Dopo un anno, avevamo un gruppo di seguaci ed è diventata una comunità di artisti, curatori ed altri professionisti creativi che si sono interessati ad impegnarsi nella cultura asiatica.

Echo He Fou Gallery New York
Meng Du: Embers opening, Fou Gallery Echo He and Meng Du, Photograph by Nadia Peichao Lin ©Meng Du, courtesy Fou Gallery

A quel tempo ci siamo rese conto che è molto difficile per gli artisti asiatici mostrare le loro opere a New York. Pertanto abbiamo deciso di aprire una galleria nell’appartamento di Jessie. La Galleria Fou è stata aperta il 13 dicembre 2013. Avendo un lavoro a tempo pieno presso la Pace Gallery, quindi avevo familiarità con la pratica professionale di una galleria di cubi bianchi. Tuttavia, con Fou Gallery, volevamo fare qualcosa di diverso. Invece di uno spazio di galleria commerciale industriale a cubo bianco, Fou Gallery si trova in un appartamento. È un ambiente familiare dove le persone possono godersi l’arte in un ambiente intimo.

Echo He Fou Gallery New York
Photo by Ma Sai, courtesy Fou Gallery

Nel frattempo, continuavamo a ospitare una grande varietà di eventi, come proiezioni di film indipendenti, concerti, conferenze, seminari sui funghi, cerimonie del tè, cene private, per creare uno spazio diversificato che unisce arte e design, cultura e tecnologia.否 è un carattere antico che è ancora in uso oggi. Ha due pronunce: “Pi” e “Fou”. “Pi” è uno dei 64 esagrammi del libro I Ching (chiamato anche Il libro dei cambiamenti), un antico testo di divinazione cinese e il più antico dei classici cinesi. “Pi” significa sfortuna, ma può anche essere una svolta per la fortuna. “Fou” è una pronuncia più contemporanea, che significa rifiuto e negazione. “Fou” si trova anche in scozzese e in francese. In francese significa pazzo e in scozzese significa ubriaco.

Ho trovato il carattere molto interessante in quanto ha significati simili nel senso della ribellione (negativi, ma anche positivi, come Ying e Yang) attraverso le culture! Risponde alla missione di Fou Gallery di essere un modello diverso dalle principali gallerie commerciali. Dopo un anno, Jessie è stanca di gestire una galleria ed ha deciso di diventare una fotografa. Abbiamo perso lo spazio. Ho continuo a curare mostre in spazi alternativi con il marchio Fou Gallery, come in ristoranti. Nel 2016 ho trovato una nuova casa per la Fou Gallery, un duplex nella centenaria brownstone a Brooklyn, New York. L’affitto era molto al di sopra del mio budget ma ho deciso di rischiare. Ho ritirato tutti i miei risparmi per pagare l’affitto in anticipo di un anno, volevo solo vedere se funzionava. Fortunatamente funziona.

Echo He Fou Gallery New York
Photo by Eugene Neduv, courtesy Fou Gallery

Dalla Cina agli Stati Uniti. Come ti è apparsa New York all’inizio? Quali differenze culturali hai trovato più particolari? Cosa significava per il tuo percorso? Vivere fuori dall’Asia ha influenzato il tuo modo di vedere l’arte e la vita?

Sono venuta a New York perché mi è stato detto che New York è il centro per l’arte contemporanea ed è la terra della libertà. Sono cresciuta nel Sichuan, dove il piatto più popolare è l’hotpot. Per me, New York è come un grande hotpot. Tutti i tipi di persone vengono qui e la chiamano casa. Tutti equivalgono a nessuno. Non importa quanto tu sia importante o di talento, diventi invisibile in città. Tuttavia, in questo modo, ottieni la libertà.

Per alcune persone, la libertà è oscillare tra 5 feste il venerdì sera e ubriacarsi completamente. Per me, la libertà è fare una cerimonia del tè indossando Hanfu nel centro della città. È la stessa libertà. La migliore lezione che New York mi ha insegnato è essere te stesso e abbracciare la vita con la tua piena passione ed energia.

FOU GALLERY è una galleria in un appartamento e un laboratorio creativo con sede a New York. Fou si dedica alla promozione dei talenti creativi e dei progetti del nostro tempo. Come suggerito dal suo nome, Fou è sia una negazione del modello di galleria commerciale tradizionale sia un contributo attivo a una nuova comunità d’arte organica. Con la convinzione che la fruizione con piacere dell’arte sia una parte essenziale della vita quotidiana, Fou offre una selezione vibrante e ispiratrice di opere originali d’arte e design ed ospita vari eventi per creare uno spazio artistico vario e accessibile.

Echo He Fou Gallery New York
Chen Dongfan exhibition, Photograph by Liu Zhangbo, courtesy Fou Gallery

Come descriveresti il tuo approccio come curatrice d’arte? Da dove prendi l’ispirazione? Come capisci che il lavoro di un artista sarà d’impatto e significativo?

Mi piace curare mostre in spazi alternativi, casa, scuole, luoghi di lavoro, ristoranti, per strada, nel tempio e nei boschi. La mia passione è portare l’arte in luoghi in cui le persone normalmente non vedono l’arte e creare progetti artistici specifici per il luogo specifico. Vedo il ruolo di curatrice come matchmaker. In questo modo l’arte rafforza la vita e la vita arricchisce l’arte. Tengo la mente aperta e consento alla mia immaginazione di volare sempre.

La mia ispirazione è dal luccichio di tutto. Mi piace lavorare con artisti che non sono vincolati da un mezzo, che siano in grado di rompere i confini dello spazio dell’arte tradizionale, che possono sfidare le norme sociali e che possono creare opere d’arte in spazi specifici.

Qual è la parte più entusiasmante nel lavorare nel campo dell’arte? Qual è la lezione più grande che hai imparato negli anni?

La cosa più entusiasmante è che sei sempre circondata da persone creative, quindi la tua vita è piena di sorprese. Ogni giorno è nuovo. Anche con gli occhi chiusi, sei un artista. La relazione tra un commerciante d’arte ed un rappresentante è quasi come un matrimonio. Ho imparato molto da ciascuno degli artisti.

Rispettare le differenze e cercare il terreno comune di crescita. È lo stesso principio di una relazione, giusto?

Echo He Fou Gallery New York
Chamber Music Concert, Photo by Chenlin, courtesy Fou Gallery

Quale pensi che sia il problema più grande oggi nel campo dell’arte?

L’arte riflette la realtà. Le due principali religioni del nostro mondo attuale sono il denaro e la tecnologia, che è la stessa del mondo dell’arte. Penso che il problema maggiore sia la crescente polarizzazione del mondo dell’arte e del mercato dell’arte verso i massimi livelli.

Molti artisti stanno creando opere per “inseguire il gioco” piuttosto che “esplorare la loro vera voce”.

Qual è la cosa più importante che vorresti vedere cambiata?

Le persone possono rallentare e cercare di trovare il significato della vita.

Echo He Fou Gallery New York
Cassini Concert, Photograph by Tianxing Wan, courtesy Fou Gallery

Credi che ci siano ancora ostacoli al successo per le donne che lavorano nel campo dell’arte, in tal caso, come può essere superataquesta situazione? Pensi che il pregiudizio di genere possa influenzare ed influire sulla costruzione di una carriera?

Sì, il soffitto di vetro ha sicuramente una forte presenza. Come donne artiste, dobbiamo solo rimanere ciò che siamo ed esprimere le nostre vere voci. Negli ultimi anni, sempre più artiste donne hanno ottenuto il riconoscimento grazie al loro confronto con la società dominata dagli uomini.

Ad esempio, oggi ho appena letto la newsletter che l’annuale Premio Pommery al 2020 The Armory Show è stato consegnato a Christine Wang che commenta umorosamente la diffusa cultura di Internet, la violenza armata, le molestie sessuali e il cambiamento climatico. Non sono una femminista e sono sempre cauta sul pericolo di essere troppo “politicamente corretti”.

Echo He Fou Gallery New York
Between Mountains, installation view, Photograph by Peichao Lin, courtesy Fou Gallery

La mia speranza è che un giorno quando apprezzeremo un’opera d’arte, non metteremmo in discussione il genere dell’artista.

Che consiglio hai ricevuto nella tua carriera che è rimasto con te e ti ha aiutato a prendere una decisione significativa? Quale sarebbe il tuo messaggio per le donne che cercano di lavorare nel campo dell’arte?

Tratta gli altri come vuoi essere trattato. Prenditi il tempo di cui hai bisogno e sii costante in ciò che stai facendo, e le cose arriveranno naturalmente.

Echo He Fou Gallery New York
Echo He at Fou Gallery, Photograph by Peichao Lin, courtesy Fou Gallery
Echo He Fou Gallery New York
Lin Yan – Installation Views, Photograph by Eugene Neduv, courtesy Fou Gallery
Echo He Fou Gallery New York
Ikebana and Tea Performance, Photo by Echo He, courtesy Fou Gallery

Foto cortesemente concesse da Echo He e Fou Gallery

Previous

Intervista all’Artista & Fotografa Xing Danwen

Intervista alla Pittrice Xue Mo

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!