Intervista all’Artista & Fotografa Xing Danwen

| | , , ,

CinaOggi > Arte cinese > Artisti cinesi contemporanei > Intervista all’Artista & Fotografa Xing Danwen

Tocca temi che includono conflitti tra globalizzazione e tradizioni, problematiche ambientali create dal drammatico sviluppo urbano tra desiderio e realtà.

Xing Danwen ha iniziato la sua pratica di arti visive attraverso la pittura ed ha intrapreso uno studio professionale presso la scuola d’arte primaria affiliata alla Xi’an Academy of Fine Arts. Ha continuato a dipingere ed ha conseguito il suo BFA presso la Central Academy of Fine Arts di Pechino. Alla fine degli anni ‘80, conobbe la fotografia e fu immediatamente attratta da questo mezzo. Come fotografa autodidatta, era una delle poche artiste alla fine degli anni ‘80 e ‘90 in Cina ad esplorare i confini della fotografia ed usare la fotografia come forma d’arte. Attraverso la macchina fotografica, ha osservato e sfidato ponendo delle domande sulla società cinese, l’umanità, l’identità femminile e la generazione nata negli anni ‘60. Nel 1998, è andata a New York con una concessione ed una borsa di studio dal Consiglio culturale asiatico. Xing Danwen espone a livello nazionale e internazionale, tra cui il Whitney Museum of American Art, il Pompidou Center, il Centro internazionale per la fotografia, del Victoria and Albert Museum, la 1 ° Yokohama Triennale e la Sydney Biennale 2004, ecc. Le sue opere sono anche ampiamente raccolte da musei e privati, tra cui Whitney Museum, Pompidou, ICP, SF MoMA, FNAC, the Progressive, Groupe Lhoist, ecc. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti importanti in patria e all’estero. Nel 2018, le è stato assegnato il trofeo d’argento per il miglior artista dell’anno dall’AAC. Inoltre è elencata come decima di”25 Asian Art Female Power” dalla rivista Art Bazaar Japan nel 2019.

Sito Ufficiale

Hai iniziato come pittrice ed alla fine degli anni ‘80 sei stata attratta dalla fotografia. Puoi parlarci dei tuoi esordi? Cosa significava per il tuo percorso d’artista?

Il mio inizio è stato molto semplice. Mi piaceva solo dipingere, come molti altri bambini. Era solo un hobby, ma continuavo a farlo e ho iniziato a sognare di essere un’artista. A quel tempo la nostra educazione all’arte era molto semplice, riguardava solo la pittura e la scultura. Quindi, fare un dipinto, per me è stata una semplice comprensione del passaggio all’arte. Più tardi, quando frequentavo la scuola d’arte, per coincidenza ho incontrato la fotografia leggendo una rivista fotografica nello studio del mio professore.

Quel momento si è aggiunto alla mia visione di fare arte visiva. Non avevo seguito lezioni di fotografia e non avevo nemmeno una macchina fotografica. Quindi anche la mia comprensione della fotografia è stata molto intuitiva. La fotografia è un altro mezzo d’arte visiva. Per me ha lo stesso valore di un dipinto. Sono solo media diversi. Quello che mi piace della fotografia è che i media hanno il proprio tipo di linguaggio della realtà. Ma allo stesso tempo, se fosse reale? Pertanto, nel mio lavoro, la finzione e i fatti, l’illusione e la realtà spesso svolgono ruoli importanti.

Hai fatto parte della prima generazione di artisti contemporanei in Cina. Hai vissuto un momento importante e significativo nella scena artistica. Come ti sei sentita e cosa provi ora pensando alla tua esperienza agli inizi del movimento artistico contemporaneo cinese?

Era come se stessimo cercando la strada nella nebbia, ma con forte convinzione e coraggio, coraggiosi ed avventurosi.

Quali sono state le maggiori sfide in quel periodo? Hai affrontato alcuni momenti inaspettati che ti hanno fatto chiedere se fosse davvero la tua strada?

La società era molto repressa e la mentalità del pubblico era molto chiusa. Questi fattori ci hanno reso un piccolo gruppo di artisti senza supporto e comprensione, spesso sotto assedio e senza sicurezza. Ad esempio, un fine settimana di giugno nel 1994, dopo l’esibizione di Ma Liuming nella sua residenza, siamo stati tutti arrestati. Due artisti, Ma Liuming e Zhu Ming sono stati detenuti per più di due mesi e infine condannati per pornografia e rimpatriati. Anche così, non ho mai dubitato di me stessa e di ciò che abbiamo fatto. Non abbiamo paura. Dove c’è oppressione, c’è resistenza. Questo ci ha resi più coraggiosi e motivati.

Puoi dirci come è nata l’idea di “Born with Cultural Revolution”? Qual è la storia dietro di essa?

Born with Cultural Revolution” fa parte della serie “I am a woman”. Li ho separati in due corpi alla fine, a causa dell’icona di Mao. Queste tre immagini sono insieme come un trittico. Nella foto, la signora è una mia amica della mia città natale. È nata nel 1966 ed era incinta della nuova generazione, quella che ha creato livelli generazionali problematici.

Born with Cultural Revolution ©Xing Danwen
Born with Cultural Revolution ©Xing Danwen

Da dove viene l’idea di “I am a woman”? Cosa volevi comunicare?

Quando ho realizzato questo lavoro, avevo vent’anni, un’età piena di domande e dubbi sulla vita e sull’amore. Questo lavoro è un’esplorazione dei problemi delle donne, in particolare per me e il genere femminile attraverso i corpi e gli occhi delle mie amiche.

Il critico d’arte Gu Zheng scrisse nel 2006:

“I Am a Woman di Xing Danwen, del 1994-1996, rifiuta audacemente che il corpo femminile sia stato spesso rappresentato sotto uno sguardo maschile. Può essere considerata una delle prime immagini di nudo scattate da una donna nella storia della fotografia cinese. Come sostenuto dal suo titolo, rappresentava l’instaurarsi dell’autocoscienza di una donna. In uno spazio chiuso, Xing Danwen, attraverso angoli visivi ricchi e vari, ombre difficili e corpi femminili intrecciati, ha creato uno spazio privato per le donne, intangibile per gli altri. Questo spazio pittorico poteva essere realizzato solo con la fiducia reciproca e l’interdipendenza delle donne coinvolte. Di solito, è un privilegio per l’uomo immaginare la donna e costruire la sua immagine, ed è l’uomo che è motivato a guardarla e presentarla. Tuttavia, nel lavoro di Xing Danwen, si tratta di una donna che guarda una donna, una donna che definisce l’emozione ed il corpo di una donna. Rappresentando il corpo della donna, Xing Danwen ha fornito per la prima volta una forma concreta all’esistenza e alla difesa della nuova donna in Cina. Se queste immagini fotografiche segnano il risveglio e la consapevolezza dell’artista come fotografa, allora la sua fotografia del corpo femminile stabilisce la sua identità femminile.”

Puoi condividere con noi qualche storia significativa dal backstage dei tuoi progetti artistici?

Penso a disCONNEXION (2002-2003) e Because I am in the Mountains (2017). Quando disCONNEXION fu terminata, la prima esposizione fu al Whitney Museum di New York, in una grande mostra internazionale chiamata “The American Effects”, che fu uno spettacolo molto controverso che criticava il modo in cui gli americani portarono così tanti effetti negativi in altri paesi. Per quanto riguarda “disCONNEXION”, l’80% dei rifiuti elettronici è stato spedito dagli Stati Uniti.

disCONNEXION (2002-2003), fotografia
Le preoccupazioni di Xing non sono legate solo alle grandi città. Ha viaggiato nel sud della Cina per esplorare gli effetti del riciclaggio dei rifiuti elettronici su villaggi e piccole città nel Delta del Pearl River nella provincia del Guangdong. In disCONNEXION, il suo occhio critico e la sua lente affilata esaminano l’estetica dei rifiuti tecnologici, riflettendo le preoccupazioni ambientali, ma soprattutto, l’ansia per i cambiamenti nella vita dei lavoratori lungo la costa meridionale, i cui fantasmi possono essere percepiti nonostante la loro assenza dalle cornici.

Because I am in the Mountains (2017)
Installazione con coca di carbone e materiali misti. Questa scultura rappresenta una miniatura panoramica di un paesaggio contemporaneo fatto di coce di carbone, il materiale sintetico che risulta dalla combustione del carbone. In questo lavoro, l’artista crea un contrasto tra il mezzo inquinante e la scena rappresentata. La confusione è innescata senza parole dalla divergenza tra l’apparente disastro che è la vita contemporanea e la splendida visione di un paesaggio naturale dall’arte tradizionale dell’inchiostro cinese. Xing esprime chiara preoccupazione per la natura minacciata, ma ancora più importante, prende in prestito una frase della filosofia cinese: stare sul Monte Lu significa che non si può vedere la sua vera faccia. Si impegna con un complesso simbolico visibile, riconoscendo che è impossibile osservare obiettivamente quando siamo persi in noi stessi. Ho scelto questi due lavori, perché condividono la stessa preoccupazione per le questioni ambientali e una chiara nozione sulla realtà problematica sotto l’urbanizzazione, anche se le opere sono realizzate in tempi diversi con media, forme e linguaggi artistici diversi. La prima é una serie di lavori fotografici realizzati dal 2002 al 2003. È incentrato sui rifiuti elettronici e sull’inquinamento da essi causato. Solleva il velo dell’incubo creato dallo sviluppo della nostra era e dei nostri consumi digitali. A quel tempo, ero appena tornata da New York e ho potuto riscontrare un costante cambiamento nelle città cinesi. Questa realtà molto inquietante mi ha fatto capire gli enormi danni causati da un rapido sviluppo. Quando ho ricevuto l’incarico dal quotidiano francese Libération di recarmi nell’area del Guangdong Shantou, per raccogliere dati del fiume Pearl, ha immediatamente attirato la mia attenzione questa zona economica estremamente sviluppata in quanto la più grande area di produzione del “Made in China”. Mi sono focalizzata sui dettagli del soggetto con un’estetica minima, rappresentando solo i fatti. Per un anno, ho girato in questa regione nell’arco di diversi viaggi al fine di sviluppare questo progetto. Ho visitato diverse parti di questa zona e villaggi, ho visto che i rifiuti elettronici venivano smantellati senza alcun supporto tecnico, venivano semplicemente tagliati, bruciati e smontati a mani nude senza alcuna protezione di sicurezza. Milioni di lavoratori migranti ed i loro figli vivevano con questi chip super tossici e l’aria era piena di plastica bruciata velenosa, che calava nel fiume e nel suolo. Ho chiesto agli operai se sapessero quanto fossero dannosi per la loro salute. La risposta: “Bene, non ci può interessare più tanto. Siamo qui solo per fare un po ‘di soldi e dopo ritorneremo a casa.” Accade ovunque questa visione così breve del business. Le persone lavorano duramente per ottenere un rapido profitto, ma allo stesso tempo danneggiano la propria vita senza alcuna consapevolezza e sollevano problemi più seri. Molti anni dopo, nel 2017, ho creato un’altra opera “Because I am in the Mountains”, che è un’installazione scultorea, realizzata con un altro tipo di rifiuto: il carbon-coke. Dopo aver localizzato il mio studio nel sobborgo di Pechino, sono stata obbligata a riscaldarmi con 15 tonnellate di carbone ogni inverno perché non avevamo abbastanza energia, né elettricità né gas. Da allora ho scoperto il carbon-coke dalla stufa. L’ho trovata molto bella come un mini studioso-roccioso. Così ho iniziato a collezionarla ed avevo continuato a pensare di ricavarne qualcosa. All’inizio del 2017, l’idea è diventata chiara, ovvero costruire un paesaggio, con il concetto dell’ “arte dell’inchiostro” tradizionale con la coca di carbone. L’estetica è quella della bellezza della poesia, ma ho inserito i segni e le tracce dell’essere umano, come case, strade e una piccola città, persino un cantiere, ecc. Che in realtà sono la metafora del modo in cui l’urbanizzazione sta avvenendo ovunque in Cina. La natura viene distrutta, l’essere umano inquina l’ambiente di vita e l’aria, con o senza coscienza, in qualche modo come me. Non posso negare di essere stata una degli inquinatori anche nell’aria di Pechino. Che peccato! Bene, questo lavoro è stato presentato in anteprima nella mia prima mostra personale in larga scala “Captive of Love” al Red Brick Art Museum di Pechino nell’autunno del 2017. Naturalmente, da due anni, il governo limita l’uso del carbone e di tutti i materiali inquinanti e fornisce un livello di energia migliore, ora riscaldiamo tutti con energia pulita :-). Il titolo dell’opera “Because I am in the Mountains” è una frase della poesia molto famosa del poeta della dinastia Song Su Dongpo: “quando sei dentro Lu-mountain, non puoi vedere il vero volto della montagna”. È esattamente una rappresentazione di ciò che sta accadendo nell’urbanizzazione oggi.

La tua carriera artistica è piena di ritratti intimi. C’è qualche tuo lavoro a cui sei particolarmente legata o che ha segnato un momento significativo o un cambiamento nella tua vita personale?

È difficile dire quale in particolare. In effetti, diversi lavori sono stati importanti in diversi momenti del mio sviluppo artistico. Ma nulla ha cambiato la mia vita personale. Fanno tutti parte del mio percorso artistico e successi. L’opera “A Personal Diary” è forse un esempio di un momento significativo. Media diversi: performance d’arte, fotografia, film sperimentale basato sulle performance.

Nel 1992, mi sono diplomata alla Central Academy of Arts e sono stata costretta a smettere di dipingere e lavorare solo con la macchina fotografica, perché la mia situazione di vita era troppo instabile. Allo stesso tempo, ho incontrato gli sconfortati artisti Zhang Huan e Ma Liuming dell’East Village di Pechino. Sono stati molto sollecitati ad essere fotografati da me. E stavo cercando anche un argomento per il mio lavoro. Pertanto, abbiamo deciso di collaborare, poiché condividevamo interessi comuni. A quel tempo, non sapevo cosa fosse una art performance, ero curiosa ed erano fotogenici. Pertanto, è arrivata una congiunzione molto interessante con questi tre ruoli: fotografia, performance e opere d’arte. Poiché il mio scopo era molto chiaro, mi piaceva fare il mio lavoro, invece di documentare per gli altri. Si trattava di un dibattito sul rapporto tra fotografia ed art performance. Non ho mai pensato e voluto documentare la performance, ma l’ho interpretata con il mio sguardo unico. Molti anni dopo, sono entrata in scena e recitato per il mio lavoro sia con la fotografia che con i video, compresi i film sperimentali basati sulla performance, sono diventata più consapevole della congiunzione e di come i media si fondono, come nella mia mostra personale nel museo “Captive of Love “, Il curatore Tarek Abou El Fetouh ha affermato in modo esauriente: “Attraverso fotografie, installazioni e video, si posiziona all’interno dell’evento, come soggetto, modello o occhio critico, creando un linguaggio visivo sia sovversivo che poetico.”

Oltre alla fotografia, lavori anche nel campo di installazioni miste, video e multimediali. Quale di queste tecniche artistiche ti rispecchia maggiormente come artista?

Come artista visiva, non mi piace limitarmi alla fotografia. Secondo la mia idea e soggetto, mi piace scegliere i media più appropriati ed esprimere bene il loro linguaggio particolare. Fa parte del processo creativo di ogni nuovo lavoro, a volte richiede molto studio ed esperimento quando si tratta di qualcosa di nuovo tecnicamente. È una sfida, anche divertente con la nuova esperienza e la nuova tecnologia. Non sono contraria a lla di tradizionale, mi piace anche il lavoro artigianale. Spero comunque di essere libera e in grado di utilizzare materiali e media diversi nei miei lavori. Negli ultimi anni, non ho lavorato molto con la fotografia, ma con lavori e installazioni basati sui materiali, e anche con molti altri cortometraggi sperimentali.

Quanto è cambiata la Cina rispetto a quando hai iniziato la tua carriera artistica? Come vedi la nuova comunità artistica? I social media e le nuove tecnologie aiutano l’arte e l’artista ad avvicinarsi al pubblico o ci sono nuovi tipi di livelli e filtri?

Molti cambiamenti. Negli anni ‘90 non avevamo molte mostre pubbliche d’arte contemporanea, non avevamo un mercato, inoltre non avevamo la stampa d’arte. A quel tempo, tutto era segretamente underground,. Il pubblico era formato dalla cerchia di amici degli artisti e la comunità degli artisti era molto piccola, si contava sulle dita. Oggi in Cina, l’arte è diventata un’industria, con fiere d’arte internazionali e centinaia di gallerie domestiche. e così tanti social media per la stampa d’arte. Sì, ci sono così tante mostre che gli artisti hanno una piattaforma migliore per mostrare le loro opere, più possibilità e opportunità di essere mostrate e viste. In effetti, le persone della mia generazione diventano più indipendenti, non raggruppano più e la giovane generazione è più adatta al mondo dell’arte guidato dal punto di vista commerciale.

Installation view of Xing Dan Wen’s I'm a woman, 2019 at UCCA, Beijing. ©Xing Danwen
Installation view of Xing Dan Wen’s I’m a woman, 2019 at UCCA, Beijing. ©Xing Danwen

Quale ruolo ha avuto il genere nello sviluppo dell’arte contemporanea cinese? Cosa significa essere un’artista che lavora in Cina? Il genere ha ancora importanza? Le donne cambiano lentamente l’arte cinese?

Le donne in Cina sono come in ogni parte del mondo. Fanno parte della società e della cultura. Quando vuoi parlare di donne in qualsiasi paese, devi capire le circostanze. In Cina, dal 1949 Mao Zedong ha dichiarato che le donne sono la metà del cielo. Donne e uomini sono ugualmente socialmente affermati in Cina. Le donne sono incoraggiate a lavorare e ad andare la scuola come gli uomini. Ma da dove viene l’inegualianza? La risposta è la tradizione che è il problema fondamentale. La Cina è ancora una società machista. Gli uomini sono dominanti. Praticamente, lo standard di quello che deve essere una brava donna è tradizionalmente lo stesso ovunque: una buona moglie come una serva, una buona madre come una domestica ed una buona partner come assistente competente. Ad ogni modo, una donna non dovrebbe mai considerare se stessa e ciò di cui ha bisogno. In generale nella mia generazione, quando le donne sono indipendenti, intelligenti, soprattutto economicamente indipendenti, non potrebbero mai essere considerate la scelta migliore come moglie. Ma non tutti gli uomini sono così, e credo che la nuova generazione sia decisamente diversa.

La nuova generazione in Cina è molto diversa dalla mia perché appartengono tutte alle famiglie del figlio unico, il che significa che lui o lei è un re o una regina 🙂 Sono il centro, attirano tutta l’attenzione dei genitori e delle famiglie. I genitori darebbero ai propri figli la migliore istruzione e beni materiali, qualunque cosa i genitori non abbiano avuto. Infatti oggi nelle scuole d’arte ci sono più studentesse d’arte che maschi. Forse ora ci sono più artiste femminili ma in generale, non ancora molte. Beh, mi piace consigliare ad una donna se vuole essere veramente indipendente, in qualsiasi cosa, che essere solo intelligenti con una mente indipendente non è abbastanza; deve prima ottenere l’indipendenza economica. Parlando di artisti donne, penso che sia difficile in qualsiasi paese e in qualsiasi momento perché è una professione molto indipendente, intelligente e competitiva. Richiede molte lotte e sfide. Soprattutto nel periodo della mia generazione in Cina, quando erano ovviamente poche donne artiste. Oltre alla tradizione, ci sono alcune nature e caratteristiche essenziali che dovremmo comprendere sulle donne in generale. Ecco alcune delle mie analisi.

1° Emozione e amore. Come trasformare e convertire i sentimenti in un’idea creativa o arte? Ho osservato nella mia vita, spesso una donna artista fa una voce potente quando è in una difficile situazione emotiva; ma quando finalmente ha trovato il suo amore e felicemente sistemata, il suo lavoro ha perso d’efficacia. Capisci cosa intendo? Sembra che la sua emozione abbia avuto un altro percorso da esprimere, non più nelle opere d’arte.

Urban Fiction (Xing Danwen), ©Xing Danwen
Urban Fiction (Xing Danwen), ©Xing Danwen

2° Focus e concentrazione. Una delle nature delle donne è la cura e la nutrizione. Spesso ad una donna piace prendersi cura della famiglia e dei propri cari, allo stesso tempo distrae la sua attenzione e non è in grado di gestire il suo tempo e la sua energia. Dopo un po’ di tempo, potrebbe perdere la cognizione della sua carriera, e non essere in grado di raggiungerla, perdendo fiducia.

3° Persistenza e coraggio. Come sappiamo, essere un’artista indipendente, è una professione con molta pressione e competizione. Se non lavori duro e combatti contro le difficoltà e i tuoi limiti, non sarai in grado di approvarti. Credi nel tuo cuore, hai ambizioni, devi non rinunciare davanti alla frustrazione, non perdere mai la forza e la direzione. Rispetto agli uomini, le donne sono in qualche modo portate ad arrendersi più facilmente.

Dopotutto, non importa per un uomo o una donna artista, essere un vero bravo artista, questa professione richiede intelligenza e una mente forte, oltre alle abilità e alle tecniche. Pertanto conta la qualità dell’opera!

Installation view of Xing Dan Wen’s A Personal Diary, 1993–2003, at Red Brick Art Museum, Beijing, ©Xing Danwen
Installation view of Xing Dan Wen’s A Personal Diary, 1993–2003, at Red Brick Art Museum, Beijing, ©Xing Danwen

Sono nata durante la Rivoluzione Culturale e sono cresciuta, sotto la promozione ufficiale di “Uomini e donne sono uguali: una donna è la metà del cielo”. Tra la mia famiglia di cinque membri, ho una sorella minore, i miei genitori e mia nonna. Mia nonna nacque nella rivoluzione del 1911 da una famiglia che possedeva una vecchia scuola privata. Quindi ha studiato e si è diplomata fino alla scuola media superiore. L’unico uomo nella mia famiglia era mio padre che era tranquillo, invece, tutte le donne avevano dei caratteri forti 🙂 Mia nonna era una donna indipendente molto forte. Sposò un uomo molto simpatico che era un facoltoso ingegnere nel settore dell’abbigliamento, ma sfortunatamente è morto troppo presto per un incidente medico a quarant’anni. Quindi mia nonna rimase sola ed allevò mia madre. Ha lavorato come contabile in una fabbrica, ha supportato mia madre negli studi, completando la sua università. Sin dall’inizio, diceva sempre, una buona educazione è estremamente importante per una donna. Dovremmo prima stabilire una professione e diventare economicamente indipendenti prima di insediare una famiglia. È abbastanza insolito sentirlo durante la mia generazione, credo. Quindi sono cresciuta in una famiglia di questo tipo. Non ho mai la sensazione di essere il secondo sesso. Non ho dubbi sull’uguaglianza con un uomo. Nelle scuole, sono sempre stata la migliore. E sono sempre stata nelle migliori scuole. Ma, per favore, non pensare che io sia stata fortunata. No, la vita non è mai stata facile per me, come artista, come persona e come donna. Ma ho sempre lavorato molto duramente sia nel fare arte sia nel guadagnarmi da vivere. E mi sono piaciute l’esperienza e le lotte. Non ho davvero combattuto nel senso di essere una donna, sto più combattendo per essere una persona sicura e una brava artista.

Inoltre, potresti chiedermi, che dire dell’amore nella tua vita come donna? Sono stata molto chiara fin dall’inizio che non mi arrenderò per un uomo. Voglio essere me stessa. L’uomo che mi ama dovrebbe rispettare e amare chi sono. Mi piace essere amica di un uomo, e ho imparato molto anche da loro. Penso che la cosa più importante sia essere equi ed uguali.

Se potessi tornare indietro e dirti una cosa prima di iniziare la tua carriera quale sarebbe?

Essere un artista!

Foto cortesemente concesse da Xing Danwen

Previous

Le reazioni internazionali alla nuova legge sulla sicurezza ad Hong Kong, approvata dal parlamento cinese

Intervista con la Curatrice e Gallerista Echo He

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!