CinaOggi > Attualità in Cina > 15 rappresentanti pro-democrazia arrestati ad Hong Kong

15 rappresentanti pro-democrazia arrestati ad Hong Kong

La polizia ha arrestato 15 rappresentanti pro-democrazia Sabato con l’accusa di avere organizzato, partecipato o ispirato in assemblee illegali, secondo l’ufficio di sicurezza.

Tra gli arresti vi sono rappresentanti e figure storiche come l’ottantunenne Martin Lee, soprannominato il “Padre della Democrazia”, fondatore del Partito Democratico, ex membro del Consiglio Legislativo di Hong Kong tra il 1985 e il 1997 e dal 1998 al 2008, e ricordato anche per il suo contributo nello stilare la Basic Law di Hong Kong. Nel 1989 venne espulso dalla commissione per la realizzazione della Basic Law, per avere condannato il massacro di Tiananmen del 1989.

Tra gli altri arresti vi sono il presidente della Lega dei socialdemocratici Raphael Wong, il vicepresidente Leung Kwok-hung, il segretario generale Avery Ng e il vice coordinatore del Fronte civile per i diritti umani Figo Chan, Albert Ho, ex segretario del Partito Democratico, Lee Cheuk-yan del Partito Laburista, Yeung Sum del Partito Democratico, Au Nok-hin, Richard Tsoi, il presidente del Consiglio distrettuale di Kwai Tsing Sin Chung-kai e Cyd Ho del Partito laburista, Margaret Ng del Partito Civico.

Il magnate dei media pro-democrazia Jimmy Lai è stato arrestato intorno alle 13:00 mentre tornava a casa sua.

Secondo la Lega dei Social Democratici, gli arresti sono collegati alle dimostrazioni avvenute il 18 agosto e il 1 ottobre del 2019.

Il vicepresidente della Lega dei socialdemocratici e il coordinatore del Fronte dei diritti umani civili Jimmy Sham ha dichiarato che gli arresti hanno mostrato che il governo opprime i manifestanti indiscriminatamente: “[La polizia] ha arrestato attivisti pacifici, razionali e non violenti tra cui Martin Lee e Yeung Sum del Partito Democratico … Stanno opprimendo indiscriminatamente sia i pacifici e valorosi cittadini di Hong Kong. Gli Hongkonghesi continueranno a resistere, pacificamente e valorosamente indivisi.”

Il gruppo pro-governo Defend Hong Kong si è invece riunito fuori dalla stazione di polizia di Cheung Sha Wan per celebrare gli arresti e per elogiare l’azione delle forze di polizia con bottiglie di champagne.

Nota: la notizia è stata aggiornata dalla sua originale pubblicazione

Fonte: Hong Kong Free Press

Previous

La Cina aumenta del 50% il bilancio delle vittime a Wuhan

Intervista a Badiucao: il peggioramento della situazione a Hong Kong, #nnevvy, e il giro di vite della censura cinese durante l’epidemia di coronavirus

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!