CinaOggi > Cultura cinese > Letteratura cinese > Autori cinesi > Intervista con l’autrice di fantascienza Xia Jia

Intervista con l’autrice di fantascienza Xia Jia

Xia Jia è professoressa associata di Letteratura cinese all’Università Xi’an Jiaotong, School of Humanities and Social Sciences, crea opere di fantascienza fin dal college.

Wang Yao, nota con il nome di penna Xia Jia, è uno scrittrice di fantascienza e fantasy. Si è laureata in Scienze dell’atmosfera e ha ricevuto il suo dottorato di ricerca. in letteratura comparata e letteratura mondiale presso il Dipartimento di cinese, dell’Università di Pechino, è attualmente docente di letteratura cinese all’Università di Xi’an Jiaotong. Le opere di fantascienza di Xia Jia hanno vinto sette Galaxy Awards per la fantascienza cinese, sei Nebula Awards per la fantascienza e la fantasia in cinese. Una delle sue storie ha ricevuto la menzione d’onore per i premi Science Fiction & Fantasy Translation 2013. La sua prima storia scritta in inglese, “Let’s have a talk”, è stata pubblicata su Nature nel 2015. Le sue storie sono state pubblicate anche su Clarkesworld, Year’s Best SF, SF Magazine e sull’influente rivista di fantascienza cinese Science Fiction World. Oltre a quelli scritti in cinese e inglese, i suoi libri sono stati tradotti in ceco, italiano, francese, coreano, tedesco, spagnolo, giapponese e polacco. È anche impegnata in altre opere relative alla fantascienza, tra cui ricerca accademica, traduzione, sceneggiatura e insegnamento della scrittura creativa.

Articoli correlati: La fantascienza cinese, intervista a Robert G. Price

Hai sempre avuto chiara la tua carriera? Cosa ti ha motivato a diventare un’autrice di fantascienza? Come è iniziata la tua avventura nel mondo della fantascienza?

Non ho sempre avuto un’idea chiara della mia carriera di scrittrice di fantascienza. Mi sono interessata alla fantascienza da bambina. Ma a quel tempo il mercato della fantascienza in Cina non era sviluppato. Era difficile pensare di scrivere fantascienza per vivere. Per molto tempo, la fantascienza è stata solo il mio hobby, il mio interesse durante il tempo libero. Ma le cose sono cambiate con il grande successo di “The Three-Body Problem” e anche la recente influenza internazionale della fantascienza cinese. Ciò ha spinto lo sviluppo della fantascienza in Cina e ha anche dato ai giovani fan e scrittori di fantascienza l’opportunità di trovare lavoro nelle aree correlate. Sono stata molto fortunata. Mi sono laureata e ho ottenuto il mio dottorato di ricerca. nel 2002. Fu un momento epico, la grande esplosione della fantascienza cinese. La mia tesi di laurea riguardava la “fantascienza cinese contemporanea” ed era una sorta di rischio perché quando ho iniziato a fare quel progetto, non ero del tutto sicura di poter trovare un lavoro d’insegnamento a causa di questo argomento. La verità è che sono stata molto fortunata. Sono stata accreditata e ho ottenuto un lavoro d’insegnamento. In questo momento sono un’esperta su questo argomento in Cina. Quindi in questo momento, il mio lavoro principale è la ricerca accademica sulla fantascienza e la scrittura di fantascienza è ancora il mio lavoro part-time, ma è strettamente correlato al mio lavoro principale. Potrei dire che la fantascienza è la mia carriera. La mia avventura è iniziata quando ho iniziato a raccontare storie, quando ero un bambina, anche prima che imparassi a scrivere idee. Quando avevo 8 anni, ho scritto il mio primo lavoro, che era come una favola, molto breve. Avevo collaborato con la mia migliore amica. Quindi questo è stato uno dei punti di partenza della mia carriera di scrittrice. Quando ero alle scuole superiori. Ho provato a scrivere altre storie di fantascienza. Era come un hobby segreto. Ma non ho pubblicato nulla. La mia prima storia è stata pubblicata quando ero al college nel 2004. Era una pubblicazione ufficiale nell’unica rivista cinese di fantascienza. Era come una vetrina per la comunità dei lettori di fantascienza e mi ha datto la possibilità di diventare una scrittrice di fantascienza. La mia prima storia pubblicata è stata “The Demon-Enslaving Flask”.

Xia Jia fantascienza cinese
Un’illustrazione di Xia Jia per la storia “Let’s Have a Talk”

Ha vinto il Galaxy Award 银河 奖, che è il più prestigioso premio cinese di fantascienza, iniziato nel 1986 dalla rivista Zhihui

Chi ti ha influenzato come autrice? Quali sono state le storie che ti hanno colpito di più?

Potrei darti una serie di nomi, ma mi concentro principalmente su un autore cinese deceduto nel 2003. Il suo nome è Zheng Wenguang. È considerato il padre della fantascienza cinese, perché ha pubblicato la prima storia di fantascienza dalla fondazione della Repubblica popolare cinese. Ha anche pubblicato molte storie di fantascienza influenti dagli anni ‘50 agli anni ‘80. È l’autore più influente da quando ho iniziato a leggere la fantascienza da bambina. La storia più impressionante è l’ultima della sua carriera di scrittore. Non è mai stato tradotta in inglese o in altre lingue. Il titolo cinese è 《战神 的 后裔》, che può essere tradotto come i figli di Marte. La storia parla di un gruppo di cinesi che cercano di stabilirsi su Marte, per cambiare e ricostruire Marte come seconda patria dell’umanità. Una storia di fantascienza molto matura, complicata, con più personaggi e trame. Quando ero bambina, quella storia mi ha evocato a fare dei sogni su Marte. Mi ha fatto pensare che forse un giorno avrei potuto andare su Marte. Ho parlato con molte, molte persone che il mio sogno è poter andare su Marte un giorno in futuro. Anche quando un giorno sarò vecchia, il mio sogno sarà sempre di andare su Marte e seppellire quel libro lì.

Beh, c’è una possibilità. Stanno lavorando proprio ora per andare su Marte!

Sì, penso che questa sia una cosa entusiasmante, che il tuo sogno possa diventare realtà nella tua vita.

Qual è la parte più difficile quando si tratta di scrivere fantascienza? Da dove vengono le tue idee?

Per ogni scrittore di fantascienza, potrebbe essere una cosa diversa. Per me, la cosa più importante è avere idee o personaggi abbastanza interessanti da condividere con i lettori. Penso che la fantascienza non sia l’unico elemento. Penso che la cosa più importante sia l’ispirazione, che mi ha motivato a scrivere fantascienza: condividere questa visione, domande urgenti e reali con i lettori. Non solo per raccontare belle storie. Penso a qualcosa di veramente interessante, qualcosa che mi spingerebbe a condividere questa idea. Per la maggior parte delle persone, non è sempre facile avere sempre buone domande. A volte smetti di pensare come “Perché?” o “Come?” o “Cosa sarà?”. Questo tipo di domande sono semplicemente facili da accettare dall’istruzione o dalla realtà comune, invece di porre domande su “Cos’altro?”, “Cosa possiamo fare?”. Penso che sia stata un’ottima cosa che, la fantascienza mi abbia dato più opportunità per incoraggiarmi sempre a porre domande. Non solo sulla mia area di ricerca o sul mio lavoro. Ma domande casuali o comuni sull’umanità. E questa è una cosa molto salutare da fare.

Nelle sue storie di fantascienza, cammina lungo il confine, in una costante migrazione alla frontiera dell’ignoto, alla ricerca di autocoscienza e crescita.

Come tieni attiva la tua ispirazione?

Mi mantengo ispirata dalla lettura di tutto. Cerco di fare tutto. Certo, non puoi fare tutto allo stesso tempo 🙂 Cerco solo di fare più cose. Ho letto molto, non solo pezzi specifici, ma anche rapporti, notizie, rapporti scientifici e ricerche accademiche, studi sul passato, la storia dell’umanità e tutti questi aspetti. Penso che sia molto importante provare altre cose. Altre cose a cui non pensi mai che dovresti provare. Mi piace fare un po’ d’arte, suonare musica, viaggiare, fare nuovi sport, che è anche un ottimo modo per attivarmi. Per rinnovarmi.

Quanto di te e della tua vita personale possiamo trovare nelle tue storie di fantascienza?

Penso molto! Ad esempio, alla mia prima storia pubblicata “The Demon-Enslaving Flask”. La storia parla di fisica in uno scenario di fisica. La storia parla di un demone che ha stretto un patto con un fisico. La storia è nata dalla mia esperienza di studentessa con specializzazione in fisica. Una cosa molto importante è che puoi trovare sempre più personaggi femminili. Nella mia scrittura di fantascienza i personaggi principali sono eroine femminili. Penso che sia molto importante portare il lettore dal punto di vista delle donne nella fantascienza. Quello su cui sto lavorando in questo momento è una collezione di storie di fantascienza intitolata “Enciclopedia cinese”. Sarebbe come una raccolta di storie brevi, con uno sfondo condiviso in cui il personaggio principale viaggia attraverso le storie. Il personaggio principale è femminile, una linguista che si specializza in discipline umanistiche anziché in scienza e tecnologia. Ha circa 30 anni, la mia stessa età. Quindi puoi trovare molti tasselli della mia vita personale. È la narratrice principale di tutte queste storie, puoi scoprire ciò che ha visto, ciò a cui ha assistito e anche quello che ha pensato e trovare il suo feedback su tutte queste storie. Ho fatto del mio meglio per rendere queste persone abbastanza reali, ma allo stesso tempo affascinanti. Non mi piace inventare un personaggio immaginario, che è super perfetto. Voglio farli sembrare persone vere. Proprio come me. Lei non è perfetta È semplicemente affascinante in molti modi.

Xia Jia fantascienza cinese
L’illustrazione di Xia Jia

Hai una tua storia a cui sei più affezionata? Perché? Puoi condividere con noi l’idea alla sua base?

Sì, la storia si chiama “L’estate di Tongtong”. Tong Tong è il nome del personaggio principale, ed è in realtà lo stesso personaggio principale dell ‘”Enciclopedia cinese”. Ma “Tongtong’s Summer” accade quando la protagonista era una ragazzina di 8 anni. Questa storia è basata sulla mia vera esperienza con mio nonno ed è un tributo alla sua morte. La storia è ambientata in una normale famiglia cinese, con genitori, la bambina e il nonno. Nella storia, sono successe molte cose tra la nipote ed il nonno. Questa storia è stata originariamente sottoposta ad un’antologia curata da Neil Clarke, un editore americano. A quel tempo, voleva adattare un’antologia sui cyborg e mi ha chiesto di scrivere una storia. Penso che la maggior parte delle storie dei cyborg descrivano i cyborg come un’immagine inattiva, non come un essere umano. Volevo invece scrivere questa storia in un modo diverso. Ho finito quella storia e ho reso mio nonno un cyborg. È un buon cyborg. Lo adorerebbe. L’idea principale che voglio condividere attraverso questa storia è su come mantenere un pensiero rivoluzionario, anche quando sei veramente anziano. Nella storia, il nonno è vecchio, ha molti svantaggi degli anziani, ma non è debole. Ha ancora la sua idea e i suoi pensieri rivoluzionari. È come il vero eroe in questa storia. Questa storia è pubblicata nella collezione italiana “Spring Festival” pubblicata da Future Fiction, grazie al mio editore italiano Francesco Verso.

Le sue abilità nel campio della fantascienza sono state visibili anche come regista ed attrice nel film sperimentale di fantascienza “Parapax” (2007), in cui è apparsa come tre diverse identità della protagonista attraverso universi paralleli.

Le tue storie sono disponibili in diverse lingue. Le traduzioni implicano un approfondimento del pensiero dell’autore e nuovi aspetti culturali. Cosa provi quando esponi la tua mente e il tuo pensiero al mondo? Quale messaggio speri che la gente possa capire?

Sì, in molte. Grazie a Ken Liu: il mio primo e più importante traduttore in lingua inglese. Mi ha chiesto di tradurre le mie storie in inglese. A quel tempo non avrei mai immaginato che un giorno una mia storia potesse essere tradotta in altre lingue. Ringrazio anche Neil Clarke. Ha pubblicato la maggior parte delle mie storie in inglese sulla rivista online Clarkesworld. Penso che il processo di traduzione sia una sorta di trasporto internazionale a parole. Anche questo mi ispira molto, in molti modi. Ricevo feedback dai traduttori e dai miei lettori di diverse culture, lingue e questi mi portano a pensare di più agli argomenti che sto esplorando. Penso di essere molto fortunata poiché questo è un altro modo per provare cose nuove. Ad esempio, proprio ora negli ultimi anni, ho viaggiato a livello internazionale. Sono stata invitata in diversi paesi e città per partecipare ai festival degli scrittori, per tenere discorsi sulla fantascienza ed altri argomenti che mi danno l’opportunità di incontrare nuove persone, fare nuove amicizie e conoscere meglio il mondo. Questo è un ottimo modo di vivere. Per quanto riguarda il messaggio, spero che le persone capiscano dalle mie storie. Cerchiamo sempre di attraversare i confini, di esplorare l’area sconosciuta fuori dal mondo. I confini non sono solo tra, per esempio, la conoscenza acquisita e quella sconosciuta, ma sono anche legati all’accesso a culture, lingue, generi, classi, spazi abitativi diversi. Le persone intorno a te vivono in uno spazio che per te è come uno spazio alieno se non sei mai entrato in quello spazio. Quindi, se hai il coraggio e la curiosità, per provare ad attraversare i confini, è come avere un nuovo punto di vista sul mondo che sentivi di sapere già abbastanza. La traduzione, come la scrittura di fantascienza e anche il mio lavoro di insegnante, la mia ricerca e i miei viaggi internazionali, tutte queste cose possono far parte di questo attraversamento delle attività di confine.

Ho impiegato tutti i momenti della mia vita per diventare quello che sono oggi. La vita è un dono così bello che, non importa quanto attentamente lo misurerai, sembrerà uno spreco. Quindi non farti prendere dal panico e c’è abbastanza tempo per l’amore. ” – Xia Jia, Clarkesworld Magazine

Oltre ad essere uno scrittrice, sei stata partecipe alla realizzazione di Parapax (2007). Oggi i film con effetti digitali e spettacolari hanno raggiunto livelli di alta qualità. Pensi che questo abbia abbassato il livello di contenuto delle storie e delle trame, rivolgendo il pubblico all’impatto visivo e non agli aspetti psicologici ed umani?

Questa è in realtà una domanda molto importante, che può essere difficile con una risposta semplice. Una cosa che voglio dire è che Parapax era un lavoro fatto da studente. È stato realizzato quando stavo facendo il mio master. È un film che abbiamo fatto con un budget davvero basso. Senza alcun effetto speciale, perché non potevamo permettercelo. L’idea principale di quel film è un multi-universo o multi possibilità per la vita umana. Ho scritto quella sceneggiatura e ho anche interpretato i tre personaggi principali. Fu così che evitammo di spendere molti soldi per finire un film di fantascienza, usando alcuni trucchi. A quel tempo, come studenti poveri, abbiamo messo in dubbio l’idea di dipendere da effetti visivi, tecniche o tecnologie cinematografiche e abbiamo trovato invece altri modi per raccontare una storia, senza tutti questi effetti. Cercando di dare la risposta attraverso il nostro lavoro. Questo è uno degli aspetti di questa domanda. Ma l’altro è che in questo momento sto studiando molto i film di fantascienza. Penso che non sia facile concludere la domanda in una semplice opposizione, ad esempio come la forma contro il contenuto, gli effetti visivi contro la storia. Non è come una semplice osservazione, non è come se tu dovessi sacrificare uno per trarne beneficio. Penso che nell’era del capitalismo digitale, i media, la visione e gli effetti video visivi siano diventati alcuni degli elementi più importanti della storia stessa. Quindi, se vuoi raccontare una storia, è molto difficile evitare questi effetti. Un ottimo esempio è la serie TV “Black Mirror”. Tutte queste storie parlano della visione umana nell’era della tecnologia e hanno anche adottato molti effetti 3D. Gli effetti visivi esprimono questo aspetto.

Penso che ci siano brutti film e buoni film, ma questo non dipende da quale sia l’aspetto in cui ti concentri maggiormente. Non dipende solo da quanti effetti speciali usi in un film di fantascienza. Dipende anche dalla profondità con cui i principali creatori cercano di discutere dei problemi. Ad esempio, della visione umana. Puoi raccontare una storia molto semplice su come la visione umana è fortemente influenzata e influenzata dalle nuove tecnologie. Puoi provare ad abbandonare questa tecnologia e passare alla visione umana pura originale. Ma in realtà, questa pura visione umana non è mai esistita. La visione umana è sempre stata profondamente influenzata dalla tecnologia. Per tutto il tempo.

Le opere di fantascienza esplorano l’ignoto, i diversi punti di vista, l’universo parallelo, le possibilità, ecc … Pensi che possano aiutare le persone a comprendere gli esseri umani e cercare di trovare risposte o interpretare il futuro?

Sì! Innanzitutto, potrei disapprovare l’idea che la fantascienza possa aiutare le persone ad anticipare il futuro. Non è come indicare in quale direzione dovremmo andare. Allo stesso tempo, la fantascienza può aiutarci ad avere una migliore comprensione del passato e degli esseri umani, anche della situazione presente e aiutarci a pensare a futuri alternativi. Perché penso che l’unico modo per immaginare futuri alternativi sia apprendere il passato e il presente da un punto di vista alternativo. Se avessimo solo una versione molto semplice della storia dell’umanità, potremmo credere che la storia sia sempre così e in futuro, non potremmo avere nulla di nuovo perché dovremmo sempre seguire tutti questi errori. Le tragedie avrebbero già una vittima e saremmo condannati a ripere solo tutti questi errori, anche in futuro. Quindi è un pessimo modo di pensare. Se vogliamo provare ad immaginare qualcosa di diverso, l’unico modo è conoscere meglio la storia degli esseri umani. Da diversi aspetti. Da un diverso punto di vista. Da culture di persone diverse. Comprendere che la storia umana non è solo una storia semplice. Uno dei miei accademici preferiti, in quest’area, è Frederick Jameson, un accademico americano. Ha detto che la fantascienza è generalmente compresa nel tentativo di immaginare solo un futuro immaginabile, ma il suo argomento più profondo potrebbe, in effetti, essere il nostro presente storico. Quindi penso che sia un’idea molto profonda nel rivedere il vero significato della fantascienza e credo in questa idea.

Xia Jia fantascienza cinese

Le storie Asiatiche di Science Fiction stanno lasciando un segno importante. Pensi che la fantascienza cinese abbia qualche influenza sulla società? La fantascienza cinese può essere uno strumento per comprendere la Cina contemporanea?

Sì! La ragione superficiale è che il numero di lettori di Science Fiction in Cina si è notevolmente ampliato negli ultimi anni. Ho detto che quando ero bambina le dimensioni del mercato della fantascienza e i distributori in Cina erano molto piccoli. Quindi è stato davvero difficile vedere se ci fosse qualche influenza della fantascienza nella società. Dal punto di vista dei lettori di fantascienza e per i fan, abbiamo sempre avuto la sensazione che eravamo solo gli idioti che vivevano in un mondo umano comune e ciò a cui eravamo interessati, che era completamente separato dalla realtà, dalla vita umana comune. Ma dal momento che le cose sono cambiate negli ultimi anni, in questo momento, puoi dire che è diventato sempre più comune per la gente. Ad esempio, hanno visto il film di fantascienza “Wandering Earth” o hanno ascoltato qualche discussione s proposito di “Three-body Problem”. Hanno quindi iniziato a utilizzare gli elementi di fantascienza per parlare di ciò che accade proprio ora attorno a loro, come le questioni sociali. Ad esempio, il modo in cui il Coronavirus è discusso in Cina. Le persone non parlano solo di questo problema da un punto di vista scientifico, ma anche in altri modi, coinvolgendo molteplici questioni sociali: come possono organizzare le persone per affrontare la situazione al meglio, seguire le istruzioni degli scienziati, come convincere le persone a credere in idee reali evitando di credere in false informazioni.

Tutte queste cose sono già state discusse in più storie di fantascienza ed ora la gente comune e il mainstream o i media hanno iniziato a prendere in prestito elementi dalla fantascienza per parlarne. Il pensiero di fantascienza può aiutarci a gestire molti problemi sociali reali. Quindi penso che sia un’influenza molto passiva della fantascienza sulla società. Per rispondere alla domanda “fantascienza come strumento per comprendere la Cina contemporanea”, i lettori internazionali di fantascienza cinese sono aumentati. Non voglio usare la parola porta, ma è come una finestra, un passaggio in cui il mondo può conoscere meglio la Cina. L’ultima volta che ho visitato l’Italia, la gente del posto mi ha detto che in passato gli scrittori cinesi più famosi in Italia erano Yu Hua o Mo Yan, ma penso che possano fornire solo un aspetto della società cinese. Proprio da quando si sono interessati alla fantascienza cinese, hanno iniziato a leggere le opere di Liu Cixin e quelle di altri autori. Anche il mio lavoro. Molti lettori mi hanno detto che possono trovare una Cina molto diversa anche nel mio lavoro. Questo è un buon modo per i lettori internazionali di conoscere la Cina.

Le tradizioni cambiano sempre nel tempo. Siamo noi, la generazione attuale che vive al confine tra tradizione e modernità, presente e futuro, che lottiamo per la nostra autoaffermazione, non una” tradizione “che conserva la sua essenza evidente. “- Xia Jia, Clarkesworld Magazine

La società cinese nell’era dell’informazione tecno-culturale sembra davvero molte storie di fantascienza occidentali. Pensi che questa trasformazione della Cina stia influenzando e cambiando altri paesi e, in una certa misura, le nuove storie di fantascienza occidentali?

Voglio usare ciò che il presidente Xi Jinping ha menzionato: il concetto di esseri umani come una comunità con un destino condiviso. 人类 命运 共同体. Quindi in passato avremmo potuto pensare che la Cina fosse uno Stato nazionale parzialmente separato dalla comunità internazionale. Ma negli ultimi anni ci siamo resi conto che gli stati che componevano quasta nazione, condividevano un destino. Quando parliamo di Cina, non stiamo parlando solo di una nazione: molti discorsi riguardano questo destino condiviso. Quindi cosa sta succedendo in Cina: entrambi gli aspetti negativi o positivi, tutte queste difficoltà, questi problemi, tutti gli svantaggi e vantaggi, tutti questi elementi fanno emergere la domanda dell’umanità come comunità con un destino condiviso. Quindi quando si chiede “Che ne pensi della Cina?” e “Come sarà la Cina?”, ci sono anche domande da fare come “Da dove vengono gli esseri umani?” o “Quale aspetto dell’essere umanoinfluenzerà il futuro dell’umanità?”. Quindi penso che una cosa molto importante sia esplorare di più la fantascienza cinese contemporanea, incluso il mio lavoro. Di recente le mie opere si concentrano principalmente su questo tipo di questioni. Quando parlo delle mie storie, non mi concentro sullo scrivere storie cinesi. Non voglio considerarle come una narrazione con caratteristiche cinesi, stile o sapori cinesi, perché tali caratteristiche cinesi, a volte possono essere immagini stereotipate della Cina.

Voglio far emergere la domanda “Perché tu come lettore straniero dovresti sentirti più interessato a ciò che sta accadendo in Cina in questo momento?” Non è solo un problema cinese, ma anche quello che abbiamo condiviso. Questo è il peso della fantascienza cinese contemporanea che influenza la cosiddetta fantascienza inglese o gli scritti occidentali di fantascienza. Ci sono sempre più elementi cinesi che compaiono nella fantascienza scritta da scrittori occidentali. Sempre più fantascienza cinese viene tradotta in inglese e altre lingue, non solo perché queste persone sono curiose della Cina, come un paese totalmente strano e sconosciuto, ma anche perché sono veramente interessati a queste storie, questo è ciò che interpreto come l’influenza della fantascienza cinese.

Foto e illustrazioni cortesemente concesse da Xia Jia

Previous

Shenzhen vieta il consumo di carne di gatto e cane e di tutti gli animali selvatici

Intervista a Simone Pieranni: riflessioni sulla gestione del coronavirus

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!