Intervista a Audrey Tang, Ministro per il Digitale di Taiwan

| | , , ,

Audrey Tang è il ministro digitale di Taiwan responsabile dell’innovazione sociale.

È pioniera sia nel software open source che in politica. Audrey ha lavorato come hacker civico all’interno del gov-zero movement per “bucare” il governo di Taiwan e da quando ricopre la sua posizione di ministro digitale dal 2016 lavora secondo i principi di trasparenza digitale radicale e governance collaborativa. È responsabile della promozione dell’innovazione sociale, della partecipazione dei giovani e del governo aperto. Prima di entrare a far parte del gabinetto, Audrey era consulente di Apple in linguistica computazionale, con Oxford University Press sulla lessicografia della folla e con Socialtext sul design delle interazioni sociali. Audrey Tang è la prima ministro di un governo, al mondo, apertamente transgender.

Può dirci perché una democrazia forte dovrebbe essere una democrazia digitale?

Una democrazia digitale è una democrazia che fa uso degli spazi digitali, in modo che le persone possano – non solo possano parlare – ma anche essere ascoltate.

Con la radio e la televisione, possiamo parlare con milioni di persone, ma usando Internet possiamo ascoltare milioni di persone. Ancora più importante, milioni di persone possono ascoltarsi a vicenda.

La trasparenza digitale radicale e la governance collaborativa sono davvero possibili?

Quando parliamo di trasparenza, intendiamo sempre che lo stato debba essere trasparente per ottenere la fiducia del pubblico.

Si tratta di ascoltare e di avere fiducia. Si tratta del governo che si fida delle persone senza richiedere alle persone di fidarsi. Tutte le tecnologie digitali sono usate solo per amplificare la fiducia che le persone possono avere in un ambiente faccia a faccia.

Prima delle tecnologie digitali, questo tipo di fiducia esisteva solo in una sala relativamente piccola, con un numero relativamente piccolo di persone.

Usando le tecnologie digitali, possiamo amplificare questa fiducia a milioni di persone, e tra milioni di persone, ed è questa la visione che abbiamo in mente.

Audrey Tang ha affermato che la sua missione non era quella di fare propaganda ma di “servire come canale” che combina “intelligenza e potere”.

Quali sono alcune delle maggiori sfide che ha dovuto affrontare dopo essere stata nominata ministro digitale il 1° ottobre 2016?

Non ho incontrato alcuna resistenza – sono la resistenza.

In effetti, Taiwan sta resistendo con successo sia al “potere acuto” dell’autoritarismo sia al capitalismo di sorveglianza.

Lo facciamo creando uno spazio in cui nuovi valori possono emergere dalle nostre diverse posizioni. A Taiwan, non direi che nessuno è contrario.

Il ministro digitale di Taiwan vuole rendere il governo più aperto.

Cosa è stato raggiunto e quali sfide significative devono ancora essere fatte? Quali sono le maggiori sfide che Taiwan dovrà affrontare nel prossimo futuro?

Il Presidential Hackathon, giunto al suo terzo anno, ha incubato oltre 40 collaborative data in tutti i settori e paesi verso i 17 SDG, che rappresentano le maggiori sfide che il mondo – Taiwan compresa – sta affrontando per questo decennio.

Come si può colmare il divario digitale tra le generazioni più anziane ed I cittadini più giovani di Taiwan?

La nostra strategia sull’inclusione digitale, ad esempio attraverso i Centri di opportunità digitali, consente alle persone di avvicinarsi di più al campo.

Ogni settimana o due, vado nelle zone più rurali, indigene, isolate e così via. Incontro queste persone nel loro municipio, con i funzionari pubblici nazionali e municipali che si uniscono attraverso le videoconferenze.

L’agenda è spesso definita dai consulenti per i giovani del gabinetto, persone di età inferiore ai 35 anni che bilanciano la leadership in oltre 12 ministeri, promuovendo ulteriormente la solidarietà intergenerazionale.

Ha introdotto una trasparenza radicale e la partecipazione dei cittadini online alla democrazia di Taiwan.

La tecnologia digitale aiuta a migliorare la partecipazione e ottenere maggiori informazioni. I cittadini del World Wide Web stanno affrontando la manipolazione dei media. Come si può aiutare le persone a non essere manipolate da notizie false o deepfake? Come prevenire la disinformazione?

Contrastare le voci con umorismo e il controllo partecipativo dei fatti sono eccellenti vaccini contro le campagne di disinformazione.

L’educazione alla competenza dei media – dal K-12 ai programmi di apprendimento permanente è anche la chiave per l’immunità della comunità.

Quando la maggioranza delle persone diventa produttrice di media con una mentalità civica, è molto più difficile manipolare la società attraverso la propaganda.

Tang si autodefinisce un “anarchica conservatrice”.

Dalla Brexit a Trump, i social media stanno trasformando la politica. Quale pensa sia il ruolo dei social media durante le elezioni e come viene percepito dai cittadini di Taiwan?

Il sistema immunitario sviluppato attraverso la costruzione transnazionale di norme ha visto un’adozione significativa, che consente alle dinamiche pro-sociali di crescere contro le campagne di interferenza anti-sociale, come raccontato in questo evento trasmesso in diretta al CSIS.

Qual è l’eredità del movimento dei girasoli ( 太陽花學運 ) nella politica taiwanese?

Il movimento Sunflower è stata una dimostrazione pubblica, ma non una dimostrazione di protesta, ma nel senso letterale del termine, per dare vita una nuova versione del sistema di governance che può effettivamente portare la voce della gente in strada in un consenso coerente.

Tang ha affermato che “utilizzerà i servizi digitali per assistere i dipendenti pubblici, accogliendo con favore i contributi della tecnologia civica, alla conoscenza aperta e alle innovazioni collaborative”.

Tag

Cala il livello di inquinamento in Cina

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!