Intervista con Laurie Dennis, autrice di The Lacquered Talisman, un libro sul fondatore della Dinastia Ming

| | , ,

The Lacquered Talisman segue la storia di una delle più influenti della storia cinese, ovvero Zhu Yuanzhang, il fondatore della Dinastia Ming.

Laurie Dennis ha lavorato come giornalista negli Stati Uniti e a Beijing, ha viaggiato a lungo nel paese, compreso un viaggio di ricerca a Fengyang, nella provincia dello Anhui, il luogo di nascita del fondatore della dinastia Ming. Vive a Madison, nel Wisconsin, dove vive con il marito e lavora sui programmi cinesi per l’Università del Wisconsin-Madison. The Lacquered Talisman è il suo primo romanzo.

Articoli correlati: la setta del Loto Bianco, Storia delle sette e delle Società Segrete in Cina,

Da dove nasce il tuo interesse per la Dinastia Ming e la figura di Zhu Yuanzhang?

Mi sono sempre piaciute le storie tradizionali cinesi, tra cui i Briganti (i ribelli di Liang shan o Sul bordo dell’acqua), Il Romanzo dei Tre regni, la storia di Yue Fei e Racconti straordinari dello studio Liao. Ho studiato letteratura e storia cinese al college (Univ of Wisconsin-Madison). Poi, dopo un decennio di giornalismo, un trasferimento mi ha consentito di dedicarmi alla mia ambizione di scrivere narrativa storica. Mio marito, uno studioso della Dinastia Ming, mi ha suggerito di considerare questa dinastia come una buona fonte di materiali, pertanto mi sono rivolta allo studio della storia del fondatore dinastico, Zhu Yuanzhang.

Ho dunque scoperto una storia fatta di intrighi, tragedie, romanticismo, conquiste, abnegazione e molto altro – oltre a pirati e banditi! Più ho studiato la vita di Zhu Yuanzhang, e in particolare la sua ascesa al potere, più mi sono resa conto che i problemi che ha dovuto affrontare in qualche modo risuonavano con il mio mondo moderno. Il coronavirus di questo inverno ne è un esempio lampante: uno dei punti su cui mi sono soffermata tratta della distruzione causata dall’epidemia degli anni 1340 causata dalla peste, che distrusse intere famiglie e contribuì alla caduta della dinastia Mongola Yuan. Sono sorpresa che questa incredibile storia non sia molto conosciuta al di fuori della Cina. Spero che il mio libro possa avere un piccolo ruolo nel cambiare questo stato di cose.

Zhu-Yuanzhang-biografia-laurie-dennis

Il libro ci riporta e ci immerge nelle atmosfere della Cina del 1300. Come sei riuscita a dipingere e ricreare un quadro convincente ed avvincente di questo periodo storico? Quanto tempo hai impiegato per realizzare questo volume?

Ho impiegato 15 anni per scrivere questo libro, compreso un viaggio di ricerca nella parte settentrionale dello Anhui, dove Zhu Yuanzhang era cresciuto e dove erano sepolti i suoi parenti. La fonte primaria per la mia storia è stata il saggio autobiografico di Zhu, scolpito su una roccia ed è in mostra vicino alla sponda meridionale del Fiume Huai nella contea di Fengyang. Il suo saggio è ancora lì, ammonendo il mondo. Tuttavia, questo saggio, e molte altre eccellenti risorse sulla fondazione Ming, non erano disponibili in inglese, il che significava che avrei dovuto passare diversi anni a tradurre materiali chiave e decidere come usarli. (Ho pubblicato la mia traduzione annotata del saggio di Zhu, Imperial Tomb Tablet of the Great Ming as 明 皇陵 之 碑, come PDF gratuito sul mio blog.)

Ho anche partecipato a un’importante conferenza su Zhu Yuanzhang tenutasi presso Università cinese di Hong Kong nel 2006, ed ho avuto la possibilità di consultare alcuni studiosi sul significato del nome di Zhu Yuanzhang e sulla possibilità che fosse stato effettivamente ordinato monaco buddista. E, naturalmente, discuto costantemente di Ming con mio marito e i suoi colleghi.

Zhu-Yuanzhang-biografia-laurie-dennis

Come è possibile che il figlio di un venditore di tofu con un passato drammatico possa essere diventato imperatore della Cina? Quali erano i tratti che lo distinguevano dalle altre milioni di persone di umili origini?

Coloro che per primi scrissero della fondazione della dinastia ti avrebbero detto che tutti i portenti indicavano la scelta del Cielo di Zhu Yuanzhang come l’unto per ripristinare l’equilibrio in un mondo caotico. Si diceva che la sua nascita fosse accompagnata da profumi miracolosi e luci intense. Gli immortali sembravano proclamare l’importanza del bambino ai suoi genitori stupiti. Lo stesso Zhu Yuanzhang non amava abbellimenti inutili ed ebbe da lamentarsi quando sentì che i confuciani cominciavano ad esagerare coniracconti sulla sua storia. Pertanto ho rispettato i suoi desideri e non ho incluso profumi o lucine magiche nella mia rappresentazione della scena della nascita. Gli storici locali che ho incontrato a Fengyang mi hanno detto che i patimenti che il giovane Zhu Yuanzhang ha dovuto affrontare lo hanno temprato per la leadership.

Era soltanto il figlio più giovane in una famiglia numerosa, fino a quando, a 15 anni, perse tutti coloro che amava a causa della malattia e della carestia. Quel tipo di esperienza non può che distruggere o rafforzare una persona. Questi eventi hanno chiaramente rafforzato Zhu Yuanzhang, ma hanno anche favorito lo sbocciare di una profonda compassione per la difficile situazione dei contadini cinesi. Ha scritto che la sofferenza della sua famiglia lo ha lasciato con il desiderio filiale di onorare la loro memoria servendo il suo paese e che le sue preghiere per gli dei indicavano che avrebbe dovuto cercare un giusto cambiamento.

Quali sono gli eventi nella vita di Zhu che maggiormente ti hanno colpito?

La mia attenzione è rivolta all’ascesa al potere di Zhu, ovvero una storia lunga e complicata che mi porterà a realizzare almeno un altro libro su questo argomento. In questo contesto, sono rimasta davvero colpita dalla sua resilienza e dalla sua capacità di navigare in un mondo pericoloso. Sopravvisse al vaiolo, alla peste e alla carestia, e questo solo durante i primi due decenni della sua lunga vita. Dovette anche decidere quando fosse il momento giusto per unirsi alle ribellioni che avevano convulso la sua regione – e questa si rivelò una delle decisioni più difficili e pericolose della sua vita.

Zhu-Yuanzhang-biografia-laurie-dennis

Il Loto Bianco e i Turbanti Rossi hanno influenzato Zhu Yuanzhang? In che modo?

Zhu Yuanzhang trascorse la sua giovinezza come monaco buddista, e passò almeno tre anni vagabondando nella valle del fiume Huai. Giunse a credere che la dinastia Yuan avesse perso il mandato di governare. Così nella primavera del 1352, quando aveva 23 anni, Zhu si impegnò con il comandante Guo Zixing di Dingyuan, il leader locale della ribellione dei Turbanti Rossi. Zhu lo ha servito fino alla morte di Guo tre anni dopo. È interessante notare che Zhu non si è mai descritto come un ribelle. Zhu in seguito scrisse che la maggior parte dei signori della guerra mancavano di umanità. Pertanto, nel suo racconto, Zhu alla fine emerge come l’unico in grado di governare con la virtù.

Per quanto riguarda i movimenti buddisti messianici che proliferarono alla fine della dinastia Yuan, e che potrebbero aver attinto al “Loto bianco” o ad altri insegnamenti buddisti, Zhu Yuanzhang venne a contatto con le visioni più radicali di questi gruppi. Ha denigrato (e in seguito messo al bando) alcuni di loro come mercenari e violenti, per avere incitato alla violenza e incoraggiato le persone a disertare le loro famiglie. Ma dopo la morte del comandante Guo, Zhu accettò l’incarico di vice comandante in capo sotto un leader buddista messianico noto come il Piccolo Principe di Luce (小 明王). Come ha spiegato il defunto studioso Hok-lam Chan, questa è stata una mossa decisiva che ha aperto la strada alla nascita di Zhu come un leader indipendente dei turbanti rossi.

Poi c’è quel nome dinastico: Ming. È una parola brillante e luminosa sia per i confuciani che per i buddisti, e ha reso omaggio al Principe di Luce. Che coincidenza interessante!

Zhu-Yuanzhang-biografia-laurie-dennis

La fine della dinastia Yuan è stata caratterizzata da numerose guerre intestine, disastri naturali e carestie. Quali sono le caratteristiche in comune tra la caduta delle varie dinastie nel corso dei secoli?

Posso soltanto parlare della dinastia Yuan, che visse un periodo di cambiamenti drammatici nella prima metà del 1300, comprese le ripetute esondazioni del Fiume Giallo e la diffusione di malattie e pestilenze, tutti segni visti dalla gente comune come segno dello sfavore celeste.

Quello che più mi interessava era scoprire quale fosse l’impulso a sollevarsi in una ribellione perché questa era una mossa suicida ed allo stesso tempo audace. Cosa spinge una persona ad arrivare a quel punto? Qual è il carburante di cui una rivolta ha bisogno per trasformarsi in un movimento? Han Shantong, il padre del Piccolo Principe di Luce, fu ucciso pochi giorni dopo l’inizio della sua ribellione, ma la sua morte fu la scintilla che lanciò i Turbanti Rossi. Zhu Yuanzhang non sarebbe mai stato conosciuto dalla storia se la sua famiglia non fosse stata spazzata via quando aveva 15 anni e se il suo tempio non fosse bruciato quando aveva 23 anni. Era guidato dalla disperazione, ma ha dimostrato di avere le capacità e la fortuna (o come lui direbbe, il favore del Cielo) per salire sul Trono del Drago, fondando una dinastia che durò quasi 300 anni.

Ci sono ancora tracce dell’influenza culturale di Zhu Yuanzhang nella cultura cinese contemporanea?

Le mappe cinesi continuano a testimoniare la fondazione Ming. Zhu Yuanzhang ha fondato la città di Fengyang superando le obiezioni dei suoi consiglieri, perché voleva onorare il luogo in cui la sua famiglia lo ha cresciuto. Ha quindi costretto migliaia di componenti delle élite costiere a trasferirsi nella sua città natale nell’entroterra, per assicurarsi che comprendessero le sue umili radici. La “Fengyang Flower Drum Song” (凤阳花鼓) rende omaggio a questo atto, ed è ancora eseguita oggi – è una melodia orecchiabile ed è una critica al governo di Zhu. Pertanto le élite in esilio hanno avuto l’ultima parola con questa canzone.

Inoltre, le mura della capitale dinastica di Zhu sono ancora visibili nella Nanjing contemporanea, che chiamò “Rispondere al Paradiso”, nel senso di “rispondere al desiderio del Cielo affiché Zhu Yuanzhang divenisse l’imperatore”. Mi è piaciuto esaminare i mattoni incisi in una sezione di muro ricostruito durante una delle mie recenti visite in quella città. Fu uno dei figli di Zhu, l’usurpatore Zhu Di, che trasferì la capitale a Pechino.

Mao Zedong è stato inoltre ispirato dal background contadino di Zhu Yuanzhang, e la storia di Zhu ha ispirato innumerevoli spettacoli televisivi e opere che continuano ad essere proiettate e interpretate oggi. La sua eredità è complicata, ma il fondatore dei Ming può essere indiscutibilmente annoverato tra i più potenti imperatori cinesi.

Previous

Coronavirus in Cina: 15152 nuovi casi e 254 morti in un giorno solo

Planet China vol. 10

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!