Divieto di viaggio emanato per i residenti a Wuhan a causa del Coronavirus

| | ,

Dalle 10 di mattina di Martedì, tutti gli autobus urbani, le metropolitane, i traghetti e i trasporti a lunga distanza sono sospesi a Wuhan.

Le autorità di Wuhan hanno annunciato di avere imposto il divieto di viaggio per i residenti della città a causa dell’epidemia del coronavirus che ha finora ucciso 17 persone e infettandone altre 550 in Cina.

La notizia è stata divulgata da CCTV nella giornata di mercoledì.

Secondo la nuova direttiva, tutti i viaggi sono sospesi, compresi i voli aerei e i treni. Non si hanno notizie per quanto riguarda la sospensione.

Il divieto a Wuhan, che ha una popolazione di 11 milioni di abitanti ed è il quarto hub ferroviario della Cina, è stato giustificato per “prevenire e controllare l’epidemia di questo nuovo tipo di coronavirus, cercando di interrompere efficacemente la trasmissione del virus, e sradicare la diffusione dell’epidemia per assicurare la sicurezza e la salute delle persone”. Il governo di Wuhan ha inoltre emanato un altro comunicato richiedendo che ogni cittadino indossi una mascherina in pubblico, compresi funzonari e dipendenti delle istituzioni pubbliche.

Alcuni residenti, subito dopo l’annuncio del bando, si sono precipitati alla stazione dei treni e all’aereoporto di Wuhan cercando di lasciare la città.

L’esplosione dell’epidemia è giunta nel momento peggiore dell’anno, durante i festeggiamenti del Nuovo Anno Cinese, quando milioni di lavoratori tornano a casa per passare le vacanze in famiglia.

Altre province, come il Jiangsu, hanno emanato direttive per impedire di viaggiare verso Wuhan, ed hanno istituito check point per controllare i viaggiatori.

Mercoledì, Beijing News ha riportato che Wuhan sta facendo molta fatica a fronteggiare la situazione, con gli ospedali sovraffollati e con numerosi pazienti febbricitanti in attesa.

La maggior parte delle infezioni e dei decessi sono avvenuti a Wuhan, da dove si suppone che abbia avuto origine il virus. Numorose persone contagiate vivono o lavorano vicino al Mercato del Pesce di Huanan, che è stato individuato come la fonte del virus.

L’Organizzazione Mondiale per la Sanità rimane in stretto contatto con le autorità locali.

Previous

A Prato, un set cinematografico tra i banchi di scuola. Al Dagomari si gira “Quest for feilong” un corto fantasy che parla d’integrazione

Prima vittima del coronavirus fuori dalla provincia dello Hubei, otto città in stato di blocco in Cina

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!