Fighting for Two Kings" è la storia dei cittadini danesi e delle loro famiglie a Hong Kong durante l'attacco giapponese del dicembre del 1941, una storia raccontata con dettagli strazianti ottenuti da lettere e dalle interviste ai sopravvissuti

Frode Ziebell Olsen è uno scrittore danese di romanzi e libri storici.

È andato in pensione nel 2013 come sovrintendente capo detective dopo trentasette anni di servizio presso la polizia di Copenaghen e la polizia nazionale danese, con lunghi incarichi all’estero come ufficiale di collegamento con la polizia, anche nei Balcani, in Iraq e in Cina, dove ha prestato servizio dal 2008 al 2013 presso l’Ambasciata reale danese a Pechino come consigliere della polizia.

Editore: Earnshaw Books, Data di pubblicazione: February 1st 2020, in inglese

Come sei venuto a conoscenza di questa storia?

Nella primavera del 2012, la mia vecchia scuola di Copenaghen ha festeggiato i 100 anni di vita. Sono tornato a casa con un breve congedo dal mio lavoro di addetto alla polizia presso l’ambasciata reale danese a Pechino. Sono andato nella scuola e a un certo punto sono finito nel cortile ed ho guardato una targa di marmo, che si trova sopra una fontanella. È un monumento agli ex studenti che hanno dato la vita nella lotta per la libertà durante la seconda guerra mondiale. Come migliaia di altri ragazzi e ragazze, ho guardato i nomi, le date di nascita e di morte quando andavo a lezione o durante le pause tra una lezione e l’altra, mentre facevo scorrere l’acqua del rubinetto in un angolo della bocca, cercando di immaginare per qualche istante facce o immagini vaghe, prima di riscappare nuovamente nella mia vita. Ma quel giorno di molti anni dopo, mi sono fermato davanti alla targa ed ho notato per la prima volta che uno dei giovani è stato ucciso il 18 dicembre 1941 come membro dell’Hong Kong Volunteer Defense Corps. Che cosa? Perché? Chi era? Che cosa lo aveva portato così lontano da casa e perché si era offerto volontario in una guerra in un paese straniero. Che cosa accadde ad Hong Kong nel dicembre 1941 per cui un danese dovrebbe morire? Una settimana dopo sono tornato in Cina per occuparmi del mio lavoro, e queste domande mi frullavano ancora nella mente. E nel giro di poco tempo sono stato trascinato in un’indagine che doveva durare quasi quattro anni.

Fighting-for-two-kings-cover

È stato difficile trovare il materiale di ricerca? Da dove sei partito?

È stata esattamente la sfida che si può immaginare, ma stranamente, ogni volta che mi sentivo perso in quella che sembrava una strada senza uscita, un nuovo indizio mi appariva in testa. Ho iniziato cercando di capire cosa il preside della mia vecchia scuola potesse dire, da lì in poi ho visitato una lunga fila di archivi pubblici e privati in Danimarca, Hong Kong e Regno Unito. Mi resi conto che l’8 dicembre 1941, all’alba, esattamente nello stesso momento in cui la base navale statunitense di Pearl Harbor alle Hawaii fu attaccata, Hong Kong fu colpita da una grande forza giapponese. Le Filippine, la Malesia e Singapore subirono la stessa sorte. Un’offensiva giapponese travolgente, inaspettata e incomprensibile è stata lanciata con l’obiettivo di mettere sotto il controllo giapponese enormi tratti di Asia in un colpo solo. Ho anche scoperto che nel 1941 a Hong Kong esisteva una piccola comunità danese; per lo più uomini, ma anche molte donne e bambini. Nove uomini danesi presero parte attiva come volontari nella difesa di Hong Kong, altri parteciparono alla difesa in diversi modi, per esempio riservisti navali, per la distribuzione di cibo e primi soccorritori. Molti avevano lasciato lettere personali, diari, ricordi e foto. Anche le registrazioni su nastro sono state conservate, e gradualmente è emersa un’immagine che racconta una storia avvincente ma anche tragica.

Il libro si svolge durante la seconda guerra mondiale. Come si riflettono gli eventi nazionali sul destino degli individui?

Al momento dell’attacco a Hong Kong, gran parte dell’Europa, compresa la Danimarca, era occupata e controllata dalla Germania nazista. Solo la Gran Bretagna resisteva fieramente ancora agli infiniti raid aerei tedeschi. Non c’è dubbio che i danesi di Hong Kong sentissero il dovere morale di fare del loro meglio per proteggere la loro famiglia e la loro casa, dove erano stati accolti. Sebbene fossero lontani dalla loro patria, nessuno voleva “sedersi con le mani in mano”, ma voleva far parte della lotta generale alleata contro l’aggressione e la tirannia.

Come ha reagito l’opinione pubblica danese alle storie dei suoi connazionali in Estremo Oriente?

I disordini in Europa e la difficoltà per reperire notizie dettagliate e affidabili da luoghi lontani hanno lasciato la maggior parte della gente in Danimarca con poche idee confuse su cosa stesse effettivamente succedendo in Estremo Oriente. Dopo la seconda guerra mondiale abbiamo avuto la possibilità di comporre un quadro più completo e in molte scuole, luoghi di lavoro e spazi pubblici sono stati innalzati monumenti e memoriali, simboli dell’orgoglio e dell’apprezzamento che il popolo danese ha per i sacrifici fatti da uomini e donne in patria e all’estero.

Qual era l’atmosfera culturale della comunità danese a Hong Kong prima dell’invasione giapponese?

La comunità danese era composta da circa sessanta persone. Alcuni erano uomini giovani, non sposati, che erano stati mandati a Hong Kong come dipendenti di aziende commerciali danesi come The East Asiatic Company, Jebsen & Co. e The Great Northern Telegraph Company, ma c’erano anche molti uomini maturi con molti anni di esperienza di vita, che vivevano e lavoravano a Hong Kong, Shanghai e altre città della Cina, un gruppo misto di uomini d’affari, ingegneri e marinai. Alcuni di loro erano sposati, altri avevano figli piccoli. A Hong Kong, tutti i danesi si conoscevano e la maggior parte di loro godeva di una vita sociale e finanziaria piacevole e sicura. Questo cambiò completamente l’8 dicembre 1941.

Che cosa è successo a queste persone e alle loro famiglie? Qual è la loro eredità?

I membri danesi dei Corpi di Difesa Volontari di Hong Kong che non furono uccisi durante la battaglia vennero fatti prigionieri di guerra da parte dei giapponesi fino all’agosto 1945. Il duro lavoro, le condizioni di vita primitive, la malnutrizione e la povertà, le scarse cure mediche, sempre che ve ne fossero, hanno causato enormi sofferenze, uno è morto come diretta conseguenza. La maggior parte dei danesi perse la casa e la maggior parte dei loro averi durante la battaglia di Hong Kong. Durante il 1942 e il 1943 un certo numero di persone, in particolare donne e bambini, furono evacuati a Shanghai, dove le condizioni erano relativamente più sicure e la comunità danese era molto più grande e dotata di risorse. I sopravvissuti e le loro famiglie tornarono in Danimarca dopo la liberazione nell’autunno del 1945. Al loro ritorno furono onorati con medaglie britanniche e danesi, alcuni ricevettero anche compensazioni finanziarie dalla Gran Bretagna, e in Danimarca fu istituito un Fondo per la libertà danese per sostenere i membri del movimento di resistenza danese e i danesi che si unirono al servizio militare alleato, così come i loro coniugi/vedove e figli. È interessante notare che tutti i volontari sopravvissuti di Hong Kong hanno ottenuto nuovi posti di lavoro all’estero dopo la guerra, alcuni sono addirittura tornati a Hong Kong.

Ci sono stati alcuni episodi o personaggi che ti hanno colpito di più?

Due fatti:

Nel gennaio 1946 una delle vedove, Karen, ricevette la visita di Erik, il migliore amico del defunto marito Niels. Erik era stato prigioniero insieme a Niels e si occupò delle questioni personali di Niels in relazione al suo funerale nel campo di prigionia di Shamshuipo a Hong Kong. Erik portò a Karen un regalo specifico, un taccuino logoro. Era il diario di Niels. Nell’agosto del 1945, prima che Erik lasciasse il campo di Shamshuipo, una delle ultime cose che fece fu recuperare il diario da un luogo segreto, dove aveva sepolto il taccuino subito dopo la morte di Niels, più di due anni e mezzo prima. I documenti della vita di Niels nel campo di prigionia giapponese non dovevano essere confiscati dai giapponesi. Il diario era intatto. Originariamente, Karen Lisbeth aveva dato a Niels il diario come regalo. L’ultima volta che l’aveva visto era un giorno di novembre 1940, quando quasi nulla era stato ancora scritto nel quaderno. Quando lo aprì in questo giorno di gennaio 1946, ogni pagina era densamente coperta con le descrizioni Niels ‘di eventi e dei suoi pensieri durante la prigionia. Karen Lisbeth non ha mai dimenticato quel giorno. Molti anni dopo ha detto: … leggerlo era come avere Niels indietro. Ero incredibilmente grata a Erik.

L’attacco a Hong Kong e al suo milione e mezzo di cittadini è durato diciotto giorni. Quando la colonia britannica si arrese il giorno di Natale del 1941, 1.500 soldati alleati e 4.000 civili avevano perso la vita. Molti altri furono feriti e i danni materiali furono enormi. I sopravvissuti furono segnati a vita. I diciotto giorni di combattimento furono duri e sanguinosi, ma non peggio di tante altre scene di battaglia. Gli eroi di Hong Kong, sia civili che in uniforme, erano coraggiosi e tenaci, così come anche in molti altri luoghi colpiti dalla seconda guerra mondiale. La situazione a Hong Kong era comunque speciale. Fin dal primo giorno, le difese scheletriche della colonia della Corona non avevano – secondo Winston Churchill – la minima possibilità di far fronte a un esercito giapponese assurdamente superiore e abituato alla guerra. Eppure hanno combattuto e hanno resistito fino a quando tutte le loro forze sono state esaurite. Questo vale anche per i danesi coinvolti. Nove uomini danesi tra i 21 e i 55 anni, alcuni padri di famiglia, si sono offerti volontari. Lontani dal loro paese natale, hanno partecipato a una guerra per la quale non avevano alcuna responsabilità, in cui non avevano nessuna parte. Eccezionale e onorevole!

Foto per gentile concessione di Frode Z. Olsen e Mik Eskestad

CinaOggihttps://cinaoggi.it
CinaOggi.it e China-underground.com sono due siti sulla Cina realizzati e curati da Matteo Damiani e Dominique Musorrafiti. Dal 2002 la nostra missione è quella di creare un ponte virtuale con la Cina attraverso approfondimenti, analisi, foto, video, ed altro materiale sulla cultura cinese.

Related Posts

Intervista con la fotografa di cibo Cherry Li

Cherry Li è una fotografa e regista di video alimentari. Nel 2006, dopo aver conseguito il diploma...

La Cina vieta il commercio di animali selvatici: 56 morti e 1.975 persone infette a causa del nuovo coronavirus

Più di 2000 persone sono infette con un nuovo coronavirus, la maggior parte in Cina. 56 persone sono...

Prima vittima del coronavirus fuori dalla provincia dello Hubei, otto città in stato di blocco in Cina

Un uomo di 80 anni è morto nella provincia dello Hebei, dopo essersi recato a Wuhan in visita a parenti per circa...

Divieto di viaggio emanato per i residenti a Wuhan a causa del Coronavirus

Dalle 10 di mattina di Martedì, tutti gli autobus urbani, le metropolitane, i traghetti e i trasporti a lunga distanza sono sospesi...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!