Intervista con Lee Xin Li, illustratore e designer

| | , , ,

CinaOggi > Arte cinese > Artisti cinesi contemporanei > Intervista con Lee Xin Li, illustratore e designer

Lee Xin Li è un illustratore indipendente con sede a Singapore. Si è laureato in architettura presso l’Università Nazionale di Singapore.

Xin Li trae spesso ispirazione dall’ambiente in cui è cresciuto, come la cultura, il cibo, l’architettura e la storia che ha incontrato.

Alcune delle opere degne di nota includono la serie Kueh e Peta Singapura. Xin Li è un grande fan di Herge’s Adventures of Tin Tin e delle cronache di viaggio di Guy Delisle che lo hanno motivato a disegnare nel 2013.

Oltre all’illustrazione, è un appassionato fan dell’aeronautica, ama viaggiare, provare nuovi gusti e apprezzare l’arte e architettura.

Sito ufficiale | Behance | Instagram

cibo cinese illustrazione

CinaOggi: Come hai iniziato il tuo percorso nel design e nell’illustrazione?

Lee Xin Li: Ho iniziato a disegnare fin da piccolo, il mie attuali disegni e le illustrazioni si sono sviluppate intorno ai miei giorni universitari quando studiavo architettura alla National University di Singapore.

Ho raccolto un libro intitolato “Gerusalemme: Cronache dalla Città Santa” di Guy Delisle che mi ha motivato a iniziare a disegnare e osservare più da vicino ciò che ci circonda.

Alcuni dei lavori precedenti li ho realizzanti immaginando Tin Tin dalle “Avventure di Tin Tin” di Herge in visita a Singapore e lentamente le ho condotte a illustrazioni sul cibo, come l’onnipresente kueh, una sorta di spuntino locale.

cibo cinese illustrazione

Come nasce l’idea dell’illustrazione Makan Makan?

Makan Makan è un ulteriore sviluppo della serie Kueh. L’ho visto come un’esplorazione del cibo locale oltre ai soliti spuntini come Chilli Crab, Char Kway Teow e Chicken Rice: questi a malapena graffiano la superficie della ricca e diversificata cultura alimentare qui a Singapore.

È anche un tentativo di documentare il tipo di cibo e la cultura che si riflette a Singapore usando il mezzo illustrativo poiché alcuni di questi piatti alimentari stanno diventando più difficili da trovare localmente.

Nelle mie illustrazioni, sono sempre desideroso di esplorare e riscoprire l’ambiente che mi circonda, come i luoghi che visito o in cui cresco. Penso che gli ambienti in cui viviamo siano un palinsesto dinamico di strati immateriali e tangibili come l’architettura, la cultura ed il cibo nel tempo.

Per mettere le cose nel contesto, un’altra motivazione è nata anche all’inizio del 21 ° secolo, in contemporanea anche alla chiusura di numerosi ristoranti di lunga data di Singapore come il Katong Bakery and Confectionery (1925-2003) o Hock Hiap Leong (1940 – 2001), un coffeeshop che è stato presentato in un cortometraggio di Royston Tan che ho visto durante i miei giorni di scuola secondaria.

Quindi negli ultimi dieci anni circa a Singapore, c’è un senso di disorientamento per la perdita di questo patrimonio.

cibo cinese illustrazione

Quanto tempo ci è voluto per realizzare Makan Makan?

Il disegno di Makan Makan è iniziato verso l’inizio di ottobre 2017 e si è concluso verso la fine di novembre 2017, per un lavoro di circa 2 mesi.

Qual è il processo nel disegnare ogni elemento o piatto in questa tua illustrazione?

Per ogni piatto, passo attraverso blog di cibo, testi, post di Instagram, recensioni online, articoli di riviste per raccogliere informazioni sul piatto che sto disegnando.

Successivamente, invece di disegnare rappresentazioni generiche del cibo, disegno i piatti basati su quelli reali serviti in un vero ristorante o ristorante di Singapore.

Ho pensato che in questo modo la rappresentazione del cibo avrebbe avuto un po’ di realismo e allo stesso tempo documentare sia il cibo in una piccola parte della storia del cibo a Singapore, sia come il cibo occidentale in stile Hainanese servito a Shaslik che risale al 1986 o Lohei Yusheng , una sorta di piatto festivo inventato nel ristorante Lai Wah di Singapore nel 1964.

Hai assaggiato i cibi prima di illustrarli? Il loro gusto ha influenzato il tuo lavoro?

Sì, alcuni di questi alimenti da cui ho attinto sono stati influenzati dai miei ricordi in base alla mia esperienza come il riso glutinoso che ho avuto a colazione a Thong Kay Delights, il satay incredibilmente memorabile di Chuan Kee an Old Airport Road o l’unica e delicata crema Chendol di Candlenut Kitchen o il tartufo al cioccolato Singapurr Story con miso bianco e gula melaka mescolati al suo interno da Lim Jialiang (Demochoco) che rappresenta le continue trasformazioni della scena alimentare locale.

Mooncakes, 月餅 è una raccolta disegnata da Lee Xin Li di alcuni dei diversi tipi di mooncakes disponibili.

dolcetti della luna cinesi

La varietà delle mooncakes che illustri è enorme. Cosa ci dice il design del cibo sulla tradizione e sui moderni stili di vita? Pensi che la relazione con il cibo sia cambiata?

The Mooncakes racconta una storia sulla geografia, l’esposizione culinaria (e culturale) in varie regioni dell’Asia.

Ciò che mi ha incuriosito è stata la varietà di mooncakes che uno fa con ciò che è disponibile per il festival e come la tradizione del festival continua a influenzare lo sviluppo di nuove mooncakes.

Oggi puoi ottenere tutti i tipi di sapori di mooncake, da quello che vedo, nonostante il passo con i tempi contemporanei, c’è anche una preferenza nostalgica anche verso i classici sapori di mooncake.

Mentre il cibo è cambiato, sento che il rapporto con il cibo non è cambiato molto. Continua nella sua risolutezza, oltre che essere nutrimento per il fisico.

cibo cinese illustrazione

Qual è l’impressione che vuoi dare a chi osserva la tua illustrazione sul cibo?

Insieme ai pezzi di Makan Makan e Kueh, spero che l’illustrazione mostri la diversità del cibo a Singapore. È in gran parte modellato dal nostro ambiente multiculturale, dalla posizione geografica e da come risulta ben collegata la città con la sua infrastruttura.

Crescendo con questi elementi, penso che tendiamo a darlo per scontato.

“I piatti si concentrano principalmente sul cibo più accessibile alla maggior parte di noi. Solo una manciata proviene da ristoranti, specialmente se hanno un significato culturale o una lunga storia. ”- Lee Xin Li

cibo cinese illustrazione

Le informazioni sulla zuppa di agnello islandese al kueh tradizionale sono facilmente accessibili tramite una rete di informazioni stabile.

Gli ingredienti dal gula melaka dalla Malesia al jamon iberico de bellota dalla Spagna possono essere facilmente reperiti nei supermercati fisici o acquistati attraverso rivenditori online o da amici che potrebbero viaggiare facilmente all’estero con un hub aereo ben collegato.

cibo cinese illustrazione

Inoltre, il mix internazionale di culture a Singapore al di là del paradigma malese-cinese-euroasiatico-indiano è semplicemente mozzafiato.

Ci sono comunità di birmani, tailandesi, coreani, cinesi, giapponesi, svizzeri, tedeschi ecc.

Che vivono a Singapore. L’esposizione cosmopolita ci rende più portati ad accettare le cucine che arrivano sulle nostre coste o sui nostri incontri all’estero.

Makan Makan è un’istantanea dei piatti che si possono trovare oggi a Singapore, alcuni sono tratti dai ristoranti più vecchi della repubblica e altri delle nuove generazioni di ristoranti.

cibo cinese illustrazione

Penso che questo sia un fattore cruciale nello sviluppo della scena alimentare qui a Singapore.

Non tenendo conto dei costi e della forza lavoro (che è l’assassino al giorno d’oggi), questa mentalità incoraggia l’innovazione e l’apertura a come gli ingredienti possono essere messi insieme: nel secolo scorso questo era già evidente nel cibo dei venditori ambulanti nel sud-est asiatico, in particolare Singapore e Malesia che hanno sviluppato negli ultimi due secoli con la massiccia migrazione e movimento di popoli dall’Europa, dall’Estremo Oriente, dal subcontinente indiano e dal Medio Oriente attraverso l’arcipelago.

Oggi quell’apertura continua a suscitare un forte interesse per le cucine di Singapore, dalle nostre case a una cucina classificata Michelin.

dimsum cibo cinese illustrazione

Pensando a cosa rende appetibile il cibo. Assaggiamo anche con gli occhi?

Il cibo prende tutti i nostri sensi. Sì, lo facciamo anche con i nostri occhi.

Oltre a ciò, tutto ciò che riguarda la nostra interazione con il cibo utilizza tutti i nostri sensi (e forse di più).

Lo sfrigolio delle fette di manzo sulla piastra calda o il crepitio della pelle croccante di maiale sul siobak, fa parte dell’esperienza.

Poi ci sono i sapori e le trame che si completano a vicenda. I colori e i dettagli che prendiamo creano un desiderio per il cibo….

Il cibo è come l’arte in quel senso e i menu sono come una mostra curata.

Tuttavia, nonostante la complessità, tutto ciò è avvenuto in una frazione di secondo mentre mangiamo e oltre i sensi, l’esperienza è qualcosa che ricordiamo.

Mentre mangiamo, attingiamo a ricordi, storie ed esperienze di viaggio. Quindi, ci sono così tanti modi in cui possiamo rendere il cibo appetitoso (o terribile) oltre il semplice gusto.

cibo cinese illustrazione

Foto ed illustrazioni gentilmente concesse da Lee Xin Li
topic: food deisgn, illustrazioni di cibo, disegni di cibo, cibo cinese

Previous

La Cina introduce il riconoscimento facciale obbligatorio per gli smartphone

Le borse asiatiche soffrono a causa delle preoccupazioni per l’accordo commerciale tra USA e Cina

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!