Da dicembre, per ottenere un numero di telefono in Cina ci si dovrà sottoporre ad una scannerizzazione facciale

| | , , ,

Dal primo dicembre 2019, le persone che richiederanno un nuovo numero di telefono in Cina dovranno sottoporsi ad una scannerizzazione facciale da parte del fornitore del servizio, ha annunciato il 27 settembre il Ministero dell’Industria e dell’Informazione Tecnologica in una nota.

Secondo le autorità cinesi, la misura fa parte di una serie di sforzi “per tutelare i diritti e gli interessi dei cittadini nel cyberspazio” e per limitare le frodi su internet e al telefono.

Oltre al riconoscimento facciale, gli utenti non potranno prestare il loro numero di telefono ad altre persone.

In molti altri paesi è richiesto di presentare un documento di identificazione per ottenere un contratto di telefono.

Le nuove regole giungono in un momento in cui il governo sta cercando di controllare sempre più scrupolosamente le attività che avvengono sulla rete del paese.

Il presidente Xi Jinping recentemente ha promosso l’idea del “cyber-sovranismo“, richiedendo agli altri paesi di rispettare le normative vigenti in Cina, dove ricordiamo sono vietati innumerevoli siti stranieri come Facebook, Google, Youtube, e così via.

La nuova regolamentazione aggiorna la normativa del 2013 che richiedeva soltanto un documento identificativo per ottenere un numero di telefono.

Secondo alcuni netizen cinesi più critici, nonostante le nuove regolamentazioni introdotte, le truffe non sono diminuite, ma lo spazio della privacy si è eroso ancor più.

Secondo Victor Gevers, ricercatore presso la società di cyber sicurezza GDI Foundation, a marzo, un dabase cinese contenente centinaia di milioni di chat log di app di messaggistica cinesi, tra cui WeChat e QQ era stato pubblicato online, rimanendo accessibile e consultabile.

Fonte: miit.gov

Previous

Intervista a Joshua Wong: la lotta per la democrazia ad Hong Kong

Intervista a Gan Jianyu, regista di Vortex

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!