CinaOggi > Cinema Cinese > Interviste > Intervista ai registi Zhang Chong e Zhang Bo, autori di “The Fourth Wall”

Intervista ai registi Zhang Chong e Zhang Bo, autori di “The Fourth Wall”

Zhang Chong e Zhang Bo sono entrambi laureati alla Beijing Film Academy e sono i registi di The Fourth Wall.

Zhang Chong ha iniziato la sua carriera cinematografica come sceneggiatore e produttore di famosi programmi televisivi cinesi. Ha scritto la sceneggiatura di Full Circle di Zhang Yang, (2012). Ha prodotto Tiny Times 3.0 (2014) e Tiny Times 4.0 (2015). Super Me è il suo primo film come regista. The Fourth Wall è il film di debutto come regista e sceneggiatore di Zhang Bo.

CinaOggi: Una storia sui traumi psicologici, in cui uno stato di depressione porta ad una dissociazione della realtà. Perché avete scelto di affrontare questo tema?

Zhang Chong, Zhang Bo – Abbiamo visto dei dati che mostrano come in Cina vi siano più di 100 milioni di persone che sono particolarmente vulnerabili all’infelicità. Vi sono molte ragioni per non essere felici, ma la maggior parte di queste sono causate da problemi psicologici.

Ad ogni modo, l’attenzione della Cina verso la salute mentale è solo all’inizio. Il mercato cinematografico in Cina sta crescendo rapidamente, siamo inevitabilmente immersi anche in questa realtà, l’industria del cinema sta maturando, eppure i film interessanti e psicologici sono sempre di meno.

the-fourth-wall-recensione

Qual è il problema? Capita spesso, inoltre, che noi del settore finiamo imbrigliati dalle contraddizioni e dai tormenti causati dalla domanda del mercato e dall’inizio del processo creativo cinematografico. Spesso dobbiamo pensare al presente avendo sempre a mente una prospettiva futura, come rendere significativa la propria vita frenetica, qual è la relazione tra il nostro passato, presente ed il futuro?

Il film è nato sviluppando questo genere di pensieri. Naturalmente, questo tipo di pensiero non si limita alle persone, ma include anche la città dove siamo cresciuti.

La vecchia città industriale nord-orientale della Cina era in origine il “figlio maggiore della Repubblica” (共和国 长子, il figlio maggiore della Repubblica ha generalmente due significati. Uno è la descrizione della regione: in particolare, la regione nord-orientale che ha fortemente sostenuto la costruzione della nazione dalla fondazione della Repubblica popolare cinese e la seconda viene utilizzata per descrivere le grandi imprese statali che hanno apportato importanti contributi al paese, ndr).

La gloria dell’era industriale è diventata un ricordo del passato, a spese di enormi sacrifici, ma ora che la fabbrica è stata chiusa, i lavoratori non hanno nessun posto dove andare. Sembra che abbiano avuto una bella vita. Ora non riescono a trovare una via d’uscita. Solo quando lo accetteranno veramente, ci saranno possibilità future.

the-fourth-wall

– Molte scene ruotano attorno ai due personaggi principali. Raccontare una storia a vari livelli usando solo due attori protagonisti, quali trucchi e stratagemmi richiede? Quanto tempo ci è voluto per girare tutte le scene del film?

– Questo film ha cercato di evitare la tecnologia, l’intero processo creativo è stato come piantare un seme e farlo germogliare lentamente. Usando il concetto di un mondo parallelo che il pubblico di oggi può facilmente comprendere, racconta la storia della realtà psicologica.

Se qualcuno ha letto “The Garden of Forking Paths” di Borges, potrebbe essere più facile capire com’è avere tutti i tipi di possibilità in un’unica storia.

Questo è un tipo di fantasia che hanno così tante persone: se avessimo fatto altre scelte, come sarebbe la nostra vita oggi? Abbiamo prima girato la parte del Madagascar in Africa, poi la parte nella zona nord-orientale della Cina ed il periodo delle riprese è durato 35 giorni.

– Quali sono state le maggiori sfide di The Fourth Wall? Com’è stato il processo di lavorazione del film? Avete affrontato alcuni momenti inaspettati durante le riprese?

– Era la prima volta che una squadra cinematografica cinese si recava in Madagascar. Abbiamo avuto molte esperienze uniche. Poiché abbiamo sentito parlare di una rapina ai danni di una squadra cinematografica cinese in Africa, ci siamo equipaggiati con delle guardie di sicurezza con pistole, ma in realtà le persone in Madagascar si sono dimostrate molto amichevoli con noi, persino quando siamo stati nei loro bassifondi.

Anche se hanno affrontato molti problemi, sono ancora in una situazione molto difficile.

Non siamo estranei a questo tipo di difficoltà, e la generazione dei nostri padri è uscita da tali difficoltà. L’economia cinese di oggi si sta sviluppando ad alta velocità, le generazioni più giovani non hanno visto nulla del genere, ma i nostri padri ricordano ancora tali difficoltà. Crediamo che le loro vite saranno migliorate grazie al progresso scientifico.

Nella parte nord-orientale della Cina, nulla è davvero inaspettato perché conosciamo molto bene questo ambiente. C’è una sensazione ancora fresca nella mia memoria oggi di quando stavamo girando la scena nel teatro. Perché siamo cresciuti guardando film e facendo cerimonie d’apertura in un “circolo operaio” simile.

Quando abbiamo ricreato la scena, tutti si sono sentiti molto coinvolti, specialmente quando l’eroina parlava della sua esperienza sul palcoscenico, spesso piangeva dopo aver recitato. Era stata in un ambiente simile, e si era sentita colpita dal destino del personaggio che interpretava. Ci sono anche molti film in questo film.

La sua esperienza, il suo pianto spesso ha fatto commuovere tutta la nostra troupe, questi sono i dettagli che ci fanno ancora emozionare dopo molto tempo.

the-fourth-wall-recensione
Liu Lu è sia il nome del protagonista che il vero nome dell’attrice. Ha lavorato nel film di Jia Zhangke “Mountains May Depart” e “A Touch of Sin”

– La protagonista femminile è contemporaneamente debole, per anni ha costruito una protezione che la tiene lontana dal suo trauma, ma è anche forte perché non è ovvio voler affrontare e provare a superare i traumi. La mente che inganna, quanto pensi che questo fenomeno sia diffuso in Cina?

– Sebbene non disponiamo di dati precisi, questa situazione non è rara attorno a noi. Ci sono due saggi in Cina, uno è Laozi e l’altro è Confucio.

Sebbene Confucio abbia imparato da Laozi, la loro visione del mondo e l’atteggiamento nei confronti del mondo sono completamente diversi. Laozi deve rimanere ai margini della società, mentre la dottrina di Confucio è agire e trovare un ruolo all’interno della società.

Questi due metodi possono coinvolgere tutti in modo generale. I due stadi dell’ospite femminile nel film sono esattamente l’incarnazione di questi due metodi.

– Potete condividere con noi una storia dal backstage del film?

– Ci sono alcune scene nella nostra sceneggiatura, sulla rievocazione di ciò che l’eroe e l’eroina hanno attraversato in passato.

Abbiamo anche girato questa parte e abbiamo anche trovato due giovani attori che hanno interpretato la piccola Liu ed il piccolo Ma Hai. Abbiamo mantenuto questa parte nella prima versione del film, ma alla fine è stata rimossa.

Perché crediamo che ciò che è accaduto all’inizio, quella che è la verità, non è più importante. Sebbene la suspense creata da questa verità attiri il pubblico, l’idea di questo film non è esplorare la verità, ma accettare la vita positivamente con la sua bontà e il suo dolore, nel migliore dei modi, per sbarazzarsi del dolore.

– Il film è anche un esperimento di realismo psicologico espressionista. Come pensate potrà essere la reazione del pubblico? C’è un messaggio che vorreste che il pubblico percepisse?

– Durante la fase di creazione, non abbiamo deliberatamente cercato di seguire determinati principi, tutto questo processo è avvenuto naturalmente, in modo libero, ma dopo averlo finito, ci siamo resi conto che il lavoro era strettamente in linea con il realismo psicologico.

Quando abbiamo iniziato il processo di creazione, abbiamo raggiunto un consenso sul fatto che il film avrebbe dovuto essere un’interessante espressione del mondo sensoriale. L’aspetto divertente è molto importante.

Se il film non è divertente, perderà il pubblico. I film commerciali sono alla ricerca del più grande divisore comune a cui tutti sono interessati. Ma questo lavoro non è alla ricerca del più grande divisore comune. Credo che il film sarà maggiormente apprezzato dalle persone introspettive.

zhang-chong
Zhang Chong

– Lavori come produttore e sceneggiatore. Cosa ti ha motivato a diventare un regista?

Zhang Chong – La volontà di diventare un regista è qualcosa che non è mai cambiata da quando ho frequentato la Beijing Film Academy a Pechino. Ma ottenere la possibilità di una regista è difficile e ci sono stati innumerevoli fallimenti nel mezzo. Essere uno sceneggiatore e un produttore arricchisce la tua esperienza ed abilità. Dallo studio del cinema ad oggi, sono passati 20 anni. Spero di poter continuare a fare il regista e che il mio lavoro verrà riconosciuto.

– Pensi che le tue esperienze in diversi settori cinematografici abbiano contribuito ad aggiungere qualcosa in più alla regia di The Fourth Wall?

Zhang Chong – È stato utile sia in termini di risorse che di competenze. Padroneggiare l’industria cinematografica rende il processo di ripresa molto piacevole, ma la cosa più importante è se il film stesso ha la sua qualità e unicità. Come ho detto prima, questo cresce come un seme. Il film ha il suo destino.

Zhang Bo
Zhang Bo

– The Fourth Wall è il tuo film di debutto come regista e sceneggiatore. Puoi dirci cosa ti è piaciuto di più di entrambi i ruoli?

Zhang Bo – Come sceneggiatore, voglio raccontare una storia, creare un personaggio, come regista, voglio esprimere un’idea, mostrare un’immagine e cercare di farle apprezzare ed amare a più persone.

Mi piace questo processo di ricerca ed esplorazione. È come avere un sogno, non solo vuol dirti qualcosa, ma vuole anche mostrarti qualcosa. Mi piace crescere con il mio protagonista, affrontare le difficoltà insieme e abbracciare il sentimento di speranza insieme.

– La sceneggiatura è ben strutturata e sviluppata in modo da presentare la metafora della mente e del palcoscenico. Hai pianificato in anticipo o hai seguito il flusso? Quanto tempo hai impiegato per scriverla?

Zhang Bo – Quando abbiamo deciso di intitolare il film The Fourth Wall, abbiamo fatto del nostro meglio per mostrare il rapporto tra illusione e realtà attraverso questo concetto di palcoscenico.

Durante le riprese della scena che si svolge sul palcoscenico, la scena reale ci ha portato anche alcune ispirazioni che non erano pensate all’inizio, palchi rotti, oggetti di scena abbandonati e molti elementi sono stati meravigliosamente combinati in quel momento.

Ci sono voluti un totale di due anni per completare la sceneggiatura, ribaltando molte impostazioni diverse e infine, nel momento in cui abbiamo visto il cervo, abbiamo deciso il piano finale.

Un ringraziamento a Fortissimo Films

Previous

Per la Cina sarà molto difficile sostenere una crescita ad un tasso del 6%, secondo il premier cinese Li Keqiang

Un’altra vita per le donne & Le tre lanterne di Su Tong

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.