The Digital Ancient – Tech Art Salon a Berlino

Tavola dei contenuti

Per connettere talenti, condividere risorse, creare dialoghi su questioni critiche nell'arte tecnologica

il

“L’era digitale si è rapidamente spostata da tutti i periodi storici che l’hanno preceduta, nel senso che gli oggetti fisici hanno, in molti modi, perso il loro valore.

Evento pubblico

6-9pm martedì 3 settembre 2019
MotionLab.Berlin
Bouchéstraße 12, 12435 Berlino

Official site | Facebook | Meetup

Molte persone mentre leggono questo messaggio, come i presenti di persona o quelli davanti allo schermo del proprio computer, potrebbero obiettare alla mia affermazione. “No”, direbbero, “tengo molto alle opere d’arte che ho acquistato nel corso degli anni. Sono insostituibili dalle stampe digitali “.

Gli amanti della fotografia potrebbero dire:” Instagram è saturo di immagini digitali, ma preferisco sempre l’analogico “.

In effetti, più la nostra vita quotidiana è satura di immagini digitali, più la pellicola analogica risulterà importante per le persone perché c’è una certa sacralità per un’immagine che ha un peso materiale.

E, soprattutto, una tale immagine può essere posseduta. Associando il valore speciale dell’arte a un’esistenza fisica, l’esistenza fisica dell’arte è diventata antica. Proprio come la fotocamera polaroid di mio padre è antica, antica nel senso di obsoleta. “The Digital Ancient” parla di una disgiunzione, tra le epoche materiali prima, e l’era digitale ora, dove l’arte, tra le altre cose nella nostra vita, è diventata dematerializzata.

In effetti, viviamo in un tempo in cui l’esistenza materiale delle cose sta cessando d’importare.

La rappresentazione digitale delle cose sostituisce radicalmente le cose stesse. Prima che esista una cosa, avremo già una rappresentazione digitale della cosa. E per definizione, non è più la rappresentazione della cosa, ma la cosa stessa.

L’aspetto digitale della cosa è il suo aspetto originale nel mondo, in tutta la sua gloria digitale, che brilla su una superficie retroilluminata in un salotto scarsamente illuminato.

È difficile immaginare un ruolo che l’antico può svolgere in quel salottino poco illuminato. Ma immaginiamo comunque. Immaginiamo come il digitale possa parlare con l’antico, se non afferrandolo per i fianchi con la forza.” – Q. Lei

 

L’evento:

Ci saranno tre artisti o gruppi di artisti che presenteranno i loro ultimi progetti di tech-art tutti sull’argomento “The Digital Ancient”. Questi progetti sono ancora in corso di realizzazione o stanno per essere lanciati, quindi sono tutti potenzialmente in cerca di input da parte della comunità dell’arte tecnologica per aiutarli a realizzare i progetti, inclusi ma non limitati a input concettuali, supporto tecnico, connessioni, suggerimenti per opportunità di finanziamento , etc.

L’evento è aperto ad artisti o tecnici con un’interessante idea artistica, sono anche invitati a presentare personalmente il proprio progetto o idee all’ospite del salone (Q. Lei) di persona. Tech Art Berlin potrebbe essere in grado di ospitare un evento di lancio per artisti se trova altri progetti interessanti con un tema simile.

La serata è anche per tutti coloro che sono interessati alla tech-art per condividere le loro opinioni su importanti questioni sociali legate alle ultime tecnologie. Questa volta, le questioni che verranno affrontate comprendono l’IA e la creatività, la traduzione di antiche conoscenze nell’era digitale, gli algoritmi e la libertà della musica, della musica AI, ecc.

Artisti partecipanti (in ordine alfabetico): Jon-Carlos Evans (ReVerse Bullets / KVK), Christian Loclair (Waltz Binaire Studio), Adrian Pocobelli.

Tech Art Berlin:

Tech Art Berlin è una comunità creativa per connettere talenti, condividere risorse e creare dialoghi su questioni critiche nella tecnologia e nell’arte. Ci sarà un salone di arte tecnologica (provvisoriamente mensile) in cui artisti o gruppi di artisti presenteranno le loro opere in corso su un argomento designato. La missione di Tech Art Berlin è quella di collegare artisti, imprenditori nel campo della tecnologia, ingegneri e scienziati, consentendo a gruppi o individui di presentare progetti di collaborazione su importanti questioni sociali, politiche e ambientali spinte dal progresso tecnologico e scientifico degli ultimi anni. Tech Art Berlin crede nell’unire varie risorse per realizzare progetti.

Q. Lei, fondatrice di Tech Art Berlin, è la curatrice del salone. D. Lei è una curatrice e regista nata in Cina, con base tra Berlino e Shenzhen. Attualmente lavora come curatrice e cineasta indipendente, producendo progetti culturali nel campo dell’arte tecnologica nella speranza di creare un ponte tra scene culturali a Berlino e Shenzhen.

CinaOggihttps://cinaoggi.it
CinaOggi.it e China-underground.com sono due siti sulla Cina realizzati e curati da Matteo Damiani e Dominique Musorrafiti. Dal 2002 la nostra missione è quella di creare un ponte virtuale con la Cina attraverso approfondimenti, analisi, foto, video, ed altro materiale sulla cultura cinese.

Iscriviti a CinaOggi e scarica Planet China

china-suburbia-planet-china-smallInserisci la tua email per scaricare il magazine. Dopo alcuni istanti verrà generato il link da cui visualizzare il magazine. 



LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2,080FansLike
1,175FollowersFollow
305SubscribersSubscribe

Scarica Planet China

Gli ultimi articoli

il-vecchio-jia-pingwa

In uscita: Il Vecchio di Jia Pingwa

0
Al capezzale di un vecchio cantore di funerali si ricompone, tessera dopo tessera, il mosaico delle vicende legate al classico cinese Libro...
error: Il contenuto è protetto!