Intervista con Michael Pettis: Maybe Mars

  1. Casa
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. Musica in Cina
  6. /
  7. Intervista con Michael Pettis:...

MICHAEL PETTIS è docente di economia all’Università di Pechino e fondatore di Maybe Mars, un’etichetta musicale indipendente avviata nell’estate del 2007 per promuovere e supportare talentuosi giovani musicisti e artisti cinesi.

Si occupa di musica cinese dal 2005, quando ha iniziato e diretto il primo dei suoi due club musicali. È anche coinvolto in altre etichette e club e come fondatore del festival di musica Sally Can’t Dance, che si concentra sulla musica sperimentale e composta cinese.

Come hai iniziato Maybe Mars? Come ti è venuta l’idea?

Ho iniziato Maybe Mars nel 2007 principalmente perché la scena musicale di Pechino stava esplodendo nel periodo 2005-2010 e una delle band più importanti, Carsick Cars, aveva parlato con le etichette indie locali del rilascio del loro primo disco.

Dal momento che pensavo che le etichette locali non prendessero abbastanza sul serio i musicisti cinesi e non riuscissero a capire cosa stesse succedendo, ho contattato un amico, Yang Haisong, il leader del PK14, per discutere la creazione di una nuova etichetta. Voleva farlo da molti anni e ha immediatamente accettato.

All’inizio avevamo pensato che avremmo avuto una piccola etichetta per supportare soltanto alcune band, ma poi siamo stati contattati da così tante band cinesi, ed erano così bravi che non potevamo dire di no, così che in pochi anni siamo diventati i la più grande etichetta indipendente in Cina.

Yang-Haisong-(right)-on-stage_by-Linc
Yang-Haisong (a destra)

Che cosa ti ha attirato verso l’industria musicale?

Generalmente perché sono un amante della musica. Quando vivevo a New York, ho finanziato una piccola etichetta indipendente e gestito un club nell’East Village dove band come Sonic Youth e Swans hanno iniziato la loro carriera. Non appena mi sono trasferito a Pechino nel 2002, ho iniziato a seguire la scena musicale locale.

Quando ho iniziato questo club nel 2005, chiamato D22, sono rimasto davvero colpito dal senso di eccitazione quando un gruppo di giovani artisti estremamente talentuosi hanno fatto del club la loro casa, ed hanno dato vita a quella che potrebbe essere una delle scene musicali più emozionanti dei primi 21 Secolo.

P.K
P.K.

Come è cambiata la scena musicale alternativa cinese dai primi anni del ‘00?

All’inizio degli anni 2000, ad eccezione di un piccolo gruppo di gruppi interessanti (senza seguito), la scena musicale cinese era terribile, principalmente, penso, perché i musicisti cinesi non avevano fiducia in se stessi e non venivano mai presi sul serio da altri musicisti e giovani cinesi.

Tutto è cambiato, tuttavia, e nel 2010 Pechino aveva attraversato un’esplosione musicale ed era diventata una delle città più eccitanti al mondo per la nuova musica. Da allora Pechino e altre 4-5 città cinesi, come Chengdu, hanno sviluppato scene musicali molto interessanti con una vasta gamma di musica e ogni città ha sviluppato il proprio stile.

Qual è una giornata tipo nel mondo della scena musicale indipendente cinese?

Non esiste un giorno tipico, ma ciò che la scena musicale cinese deve affrontare e che forse altre scene alternative non devono preoccuparsi è il difficile ambiente politico che arriva con la crescente visibilità.

Qual è il più grande problema che hai dovuto affrontare?

All’inizio il primo vero problema è stato quello di avere un pubblico, specialmente un pubblico cinese, che prendesse seriamente i musicisti cinesi.

Fortunatamente siamo stati aiutati da molti musicisti e critici stranieri che sono molto rispettati qui, e che velocemente hanno intuito cosa stava accadendo, e sono diventati supporter attivi della scena cinese.

Il supporto dei musicisti e dei critici di New York nei primi anni è stato specialmente importante – i Sonic Youth per esempio si sono innamorati dei Carsick Cars e li hanno portati in tour in Europa nel 2007, e l’anno successivo il bassista dei Public Enemy, Hardgroove, venne a Beijing per produrre il primo album dei Demerit – e ancora oggi, per molti musicisti di Beijing, New York è una seconda casa.

Questo ci ha molto aiutato, specialmente all’inizio, quando non riuscivamo a coinvolgere i giovani cinesi che amavano la musica indie ma che fino a quel momento non prendevano seriamente i musicisti cinesi.

maybe-mars-logo

Se potessi cambiare qualcosa dell’industria musicale in Cina, che cosa cambieresti?

Si tratterebbe di una questione politica, ma non desidero parlare di questo argomento.

Quando una band firma per voi, siete coinvolti nel processo di scelta del produttore musicale, o è la band che si occupa di questo aspetto?

Firmiamo soltanto con band che amiamo e che siamo orgogliosi di includere nella nostra etichetta, e lavoriamo da vicino con le band per aiutarle a scegliere il miglior produttore, ovviamente sempre considerando i nostri limiti di bilancio.

In alcuni casi abbiamo coinvolto produttori molto conosciuti dall’America o dall’Europa, per esempio a Maggio, Chuiwan è andato a Lisbona con il produttore americano Rusty Santos per registrare il loro terzo album, ma naturalmente sia sempre limitati dai soldi.

Fortunatamente Yang Haisong, il presidente di Maybe Mars, è diventato nettamente il miglior produttore in Cina: se fosse americano o inglese, sarebbe tra i produttori indie più famosi e più costosi.

D-22
D-22

Quali sono alcune delle differenze nel modo in cui un disco verrebbe commercializzato per una band indie rispetto a un atto pop in Cina?

Fino ad ora c’era un mondo di differenza, ma stiamo lavorando a stretto contatto con Tai He, un’importante società di media cinese, per colmare il divario.

Una cosa che è molto importante in Cina è che a causa della mancanza di precedenti forme di media, tutto in Cina è migrato verso smartphone e gran parte del nostro marketing è orientato in quelle direzioni.

D-22

All’inizio del 2000, Wudaokou è stata demolita e completamente rinnovata. Questo evento ha avuto conseguenze sul sound della scena musicale locale? Questi cambiamenti hanno influenzato il sound di Wudaokou?

Principalmente perché la D22 ha aperto a Wudaokou nel 2005 e ha ospitato quella che in seguito divenne nota come “l’esplosione di Pechino”.

Potrebbe essere successo in qualsiasi quartiere e in effetti Wudaokou si è rivelato non conveniente, ma non importava davvero.

Ciò che contava era che ai giovani musicisti di Pechino fosse concesso uno spazio in cui erano totalmente in controllo, e loro hanno risposto con una straordinaria esplosione musicale.

Ricky Maymi, il chitarrista di Brian Jonestown Massacre che è stato un sostenitore attivo e partecipante alla scena di Pechino, ha spiegato questa sensazione quando ha detto a un giornale americano che “per la prima volta nella mia vita sono nato in tempo per catturare una scena storica “.

Previous

Sciopero generale a Hong Kong: scontri tra polizia e manifestanti

Intervista a Badiucao, vignettista satirico cinese ed attivista

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.